Home / ComeDonChisciotte / DE-ORIENTALIZZARE IL NOSTRO SGUARDO SULLA SIRIA E SULLA TURCHIA
11893-thumb.jpg

DE-ORIENTALIZZARE IL NOSTRO SGUARDO SULLA SIRIA E SULLA TURCHIA

DI PAOLO MOSSETTI
libernazione.it

Orientalismo. Titolo del celeberrimo saggio di Edward Said pubblicato nel 1978. Da Wikipedia: “Utilizzando e rielaborando il pensiero di Gramsci e Foucault tra gli altri, Said mette in luce il carattere di parzialità, quando non mistificatorio o privo di fondamenti oggettivi, contenuti nella nozione di “Oriente”, le sue determinazioni storiche e i suoi presupposti ideologici. L’”Oriente” […], non sarebbe il nome di una qualche entità geografica o culturale concretamente determinabile, ma uno strumento utilizzato dalle culture di matrice europea innanzi tutto per poter costruire la propria identità di “Occidente” e, in parallelo, per ingabbiare le cosiddette culture orientali in formule stereotipe e generalizzanti, quando non disumanizzanti.”

Due modeste riflessioni sul nostro ruolo di “spettatori” rispetto a quanto succedendo in Siria e in Turchia.1.

Partiamo dai nostri vicini più prossimi, i giovani turchi. Non e’ questo lo spazio adeguato per analizzare nel dettaglio le ragioni della loro protesta. Ma ci basti immaginare se quanto accade oggi a Istanbul fosse successo in una città italiana. Il primo passo sarebbe stato – ne sono sicuro – , far scrivere a Sofri, a Saviano o a Calabresi un papello lungo così sulla necessità di distinguere i manifestanti pacifici dalle  “poche centinaia di idioti” che egemonizzerebbero le proteste:

“I passamontagna, i sampietrini, le vetrine che vanno in frantumi, sono le solite, vecchie reazioni insopportabili… Poliziotti isolati sbattuti a terra e pestati da manipoli di violenti: è una scena che non deve più accadere.” (Fra’ Roberto da Santachiara, La Repubblica, dicembre 2010)

Pretendendo di stabilire una divisione fra buoni e cattivi, salvo poi usare toni ben diversi – ma ugualmente banali – quando si tratta di osservare ciò che avviene in contesti Altri da noi, al di fuori dell’Italia e dell’Unione Europea: “Ogni post, ogni tweet, ogni foto e ogni telecamera difende i manifestanti turchi dalla repressione della polizia autoritaria di Erdoğan. Ogni luce è una resistenza, ogni ombra è un arresto, una tortura, un disperso.”

Ma lasciamo  pure stare la mediocrità’ di certi santoni mediatici. In generale si potrebbe ben tracciare una sorta di Teoria dell’Accettazione Democratica, per cui la distanza dai luoghi di rivolta e’ direttamente proporzionale alla “democraticita’ ” dei rivoltosi.

Come ha spiegato brillantemente lo scrittore Federico Campagna su Facebook, paragonando le critiche ricevute dai NOTAV e la diversa percezione degli scontri per Gezi Park:
“Al di la’ del simile casus belli parco/montagna, la somiglianza principale sta nello scontro tra l’autismo di un governo centrale, che si esprime soprattutto attraverso la sua polizia, e quella che una decade fa si sarebbe chiamata la ‘moltitudine’: ovvero una sezione del corpo sociale che si presenta e rappresenta come il popolo insorgente. Sia in Val di Susa che a Istanbul, l’autorita’ centrale si rapporta militarmente con una ‘moltitudine’ la cui insorgenza non e’ militare (non vogliono fare la rivoluzione), ma essenzialmente riformista (vogliono espandere gli spazi esistenti di democrazia). La cosa buffa e triste, e’ che sono proprio i cosiddetti ‘riformisti’ centro-sinistri italiani (che in realtà non hanno voglia di riformare proprio un bel niente) a dare man forte alla repressione poliziesca dei veri riformisti insorgenti. In Turchia, certo, dietro Erdogan c’e’ anche la palude religiosa che in Egitto si esprime tramite i fratelli musulmani e affini – ma e’ davvero cosi’ diversa dalla palude democristiana che tuttora appesta l’Italia? Le vacche nere restano nere anche di notte.”
Mentre sono gli Altri, in Oriente, a meritarsi una rivolta diffusa e spesso violenta (e la nostra solidarietà virtuale), da questo lato del Mediterraneo il nostro sviluppo economico, la nostra cultura retrospettiva, il nostro essere “Occidente democratico” indurrebbero maggiore diversificazione, riflessione, un’accurata suddivisione delle ragioni della protesta.

Guardando più a fondo nelle nostre piaghe, quello che sta succedendo ad Istanbul è a mio avviso una buona lezione anche per chi di noi e’ nato in Meridione. Quante volte ci siamo sentiti dire: “Sì al Sud abbiamo tanti problemi, ma il clima, il cibo e bellezza ci impigriscono, ci rammolliscono?” E in fondo, la povertà endemica è limitata ad alcune zone dimenticate da Dio…

Eppure oggi la città ad essere esplosa e’ Istanbul, un megalopoli di strepitosa bellezza che nulla ha da invidiare a Napoli o Palermo, con una cucina fantastica, un clima splendido. E un’economia invidiabile. Le ingiustizie e le disuguaglianze non mancano, ma di certo a Catanzaro, Palermo e Foggia non ci sono meno motivi per scendere in strada e spaccare tutto. Altro che Gezi Park. Il contesto ambientale influenza sicuramente la nostra psicologia e la nostra socialita’, ma non puo’ tirato in ballo per de-responsabilizzare l’individuo dalle sue scelte, dal suo coraggio o dalla sua vigliaccheria.

Insomma un buon esercizio per il futuro potrebbe essere quello di non orientalizzarci da soli – per usare il termine reso celebre da Said -, di non giustificare la nostra rinuncia, la nostra depressione politica e la nostra mentalità pezzente tirando nel mezzo il romanticismo e la dolcezza del paesaggio.

2.

A proposito della Siria, sembra invece in funzione l’eterno giocattolo a molla dell’Emergenza Umanitaria: dalla parte dei “ribelli” o del Dittatore? Chissà quando si romperà’ questo giocattolino. Si ruppe per qualche tempo durante nel 2003, quando in decine di milioni scesero in piazza contro l’intervento in Iraq – e ugualmente vinsero i falchi, e questo pure dovrebbe far riflettere sull’utilità delle sfilate colorate e pacifiche.

Anche nella scelta semantica si percepisce la rozzezza dello sguardo orientalista: se i ribelli insorgono contro Assad o contro Erdogan sono sintomo di qualche “primavera”. In Occidente, invece, a Londra come a Roma, essi vengono suddivisi in minuziosi compartimenti: ci sono i pacifici e ci sono le minoranze violente, i girotondini e la marcia di Assisi da un lato, gli anarchici e i blac bloc dall’altro etc.

Oggi la Siria e’ diventata insieme al Messico il primo fornitore mondiale di orrori immortalati in video. Ogni giorno emergono impietosi filmati in cui i presunti ‘Ribelli’ scaraventano dai tetti degli ospedali donne e bambini, fucilano adolescenti davanti agli occhi dei genitori, praticano cannibalismo alla luce del sole. Cosa a che fare tutto questo Vi potrei allegare qualche link ma le piattaforme in cui scrivo mi bannerebbero per l’eternità’.

Triste pensare che un connazionale sia andato fino in Siria per immolarsi in nome di Maometto anziché di qualche sacrosanto principio socialista o terzinternazionalista. Qui non c’e’ spazio per approfondite analisi geopolitiche ma la verità e’ che in questa guerra civile – tra le più’ schifose che si siano mai viste  – dovremmo rivalutare il nostro ruolo di “osservatori passivi”, con le nostre ansie da “presa di posizione” ‘- quando non sono annegate nel disinteresse e nella manipolazione totale. L’unica posizione che potremmo prendere, a ben pensarci, e’ quella di non prendere posizione.

Chiunque vinca, tra Assad e i “ribelli”, a perdere saranno i siriani e qualunque causa di giustizia per gli oppressi. Toccherebbe a noi privilegiati, nei limiti dei nostri mezzi, auspicare la loro fuga, e per quanto ci riguarda respingere la propaganda strisciante che ci troviamo in casa.

Ancora una volta, acuminare lo sguardo, de-orientalizzarlo, rifiutare il discorso sull’ “eccezionalismo” di quanto accade all’Altro e conviverci, piuttosto, che l’Altro potremmo essere noi.

Paolo Mossetti
Fonte: http://libernazione.it
Link: http://libernazione.it/de-orientalizzare-il-nostro-sguardo-sulla-siria-e-la-turchia/
21.07.2013

Pubblicato da Davide

  • oriundo2006

    Ho avuto la fortuna di avere un amico libanese ed ho potuto recarmi sia in Libano che in Egitto e parlare sul posto con giovani di tutte le confessioni religiose, stili di vita, portafogli ecc., uscire a pranzo, cena, entrare in case, vedere come si vive li: meraviglioso per come abbiano conservato aspetti della vita come da noi sono totalmente scomparsi, ospitalità, riserbo, senso profondo dell’amicizia. L’oriente esiste ma ( e qui mi dissocio dall’articolo ) in tante sue espressioni è una dimensione positiva della nostra cultura ‘occidentale’. E’ una parte dimenticata di noi ‘europei’. Staccarcene o peggio distruggerla è abolire il confine che esiste tra civiltà ( vera ) e la sua orrenda imago ‘moderna’: occhio che entrambi possiamo venirne sopraffatti senza piu’ poter tornare indietro. Con le conseguenze che si vedono in Siria e prima in Libia: se qui in Italia ad esempio la gente mostra di disinteressarsene è solo perchè crede e spera che ‘noi’ ( ‘occidentali’ attraverso i ‘ribelli’ ) si vince e si stermina tutti. Follia. Il nostro mondo è interdipendente perchè gli ‘opposti’ ( occidente vs oriente e così via ) sono complementari e non contraddittori, come recitava la vulgata materialista, e quindi la lotta e l’abolizione di uno non porta alla ‘sintesi’ superiore. Il ‘cattivo’ ‘materialismo’ oggi all’opera sfrenatamente nel mondo, attraverso il grumo lercio e sanguinoso degli ‘interessi’ presunti di noi ‘europei’, i soli esseri che si autodefiniscono ‘civili’ a detrimento delle altrui vite, fa capire la mano criminale che si muove dietro queste aberrazioni. E’ una firma non piu’ solo teorica ma ‘pratica’ inconstestabile: unilaterale ‘monoteismo’ assassino.

  • geopardy

    La penso come l’articolista in merito, al di là delle ragioni dei contestatori e del governo.

    Quando i “nostri governi” europei e statunitensi prendono posizione per l’una o per l’altra parte, ho un rigurgito, che va ben oltre le ragioni dei contendenti.

    A Londra ci sono stati dei morti durante le proteste nel recente passato, ma nessuno si è sognato di prendere posizione in merito.

    Queta logica dei due pesi e due misure sta generando mostri ovunque, sarebbe ora di pretendere di più dai media, che non siano dei semplici messaggi ad effetto, ci vorrebbero delle analisi degne di essere chiamate tali, ma, visto cosa combinano internamente all’Italia i nostri media dominanti, dubito raggiungeranno a breve questo risultato qualitativo.

    Geo