Home / ComeDonChisciotte / CRONACHE DEL CALCIO RENZIANO/2: IL MARKETING POLITICO E I MEDIA SUGLI INCIDENTI DI ROMA
14450-thumb.jpg

CRONACHE DEL CALCIO RENZIANO/2: IL MARKETING POLITICO E I MEDIA SUGLI INCIDENTI DI ROMA


FONTE: SENZASOSTE.IT

Appena due giorni fa scrivevamo (qui) un po’ di cronache del calcio renziano , tra fallimenti di società e dichiarazioni improbabili di dirigenti e presidenti. Parlavamo di uno sport in declino, in mezzo alle dichiarazioni roboanti del presidente del consiglio sulla “ripresa”, in senso economico s’intende, del paese. Oggi vale la pena di commentare le cronache del pre-partita di Roma-Feyenoord (l’incontro come al solito ha regalato uno stadio Olimpico semideserto).

Cronache nelle quali gli incidenti che possono accadere quando in trasferta, all’estero, vanno più di 30 persone sono state rappresentate come battaglia di epocale memoria. Elevate in modo, oltre che attirare un pò di affusso sui siti e preparare il cartaceo del giorno dopo, da permettere al povero sindaco Marino di soddisfare qualche bisogno di marketing politico dopo la vicenda di Roma capitale. Già perchè oggi, come ieri quando questo concetto era sconosciuto, il marketing politico positivo lo si ottiene se si invocano misure draconiane contro i teppisti, gonfiare un pò di movimento concitato, elevando gli incidenti a battaglia epocale, e, solo allora, si riesce a fare marketing forcaiolo. Dove il sindaco convoca, a leggere le agenzie di stampa, l’ambasciatore olandese nemmeno fosse un capo di stato per una serie di incidenti tra tifosi e polizia.

Abbiamo letto di città “messa a ferro e fuoco” e poi visto una fontana scheggiata che, per quanto affare grave, non è sintomo di una guerra civile. Abbiamo sentito, sui media, parole come “devastazione” ma tra le bottiglie viste per terra e le rovine fumanti di una capitale c’è, oggettivamente differenza. Non per il sindaco Marino, convinto di capitalizzare consenso parlando come se dovesse sovraintendere la riedizione del D-Day. Ci sono state “falle nella sicurezza” ha dichiarato pubblicamente il primo cittadino di Roma come se dovesse controllare gli areoporti da Isis. E’ evidente che una qualche birra di troppo genera sempre qualcosa, in una piazza piena di poliziotti. Ma, visti anche i filmati, questo qualcosa, ed è un problema di credibilità dell’informazione, non può essere ingigantito come se fosse un corpo a corpo di dimensioni epocali. Abbiamo visto un filmato dove un tifoso olandese, evidentemente non convinto dei mezzi usati dalla polizia in tutta la vicenda, era andato a protestare contro le forze dell’ordine ed è stato fermato dai tifosi olandesi. Tutti a volto scoperto, senza oggetti contundenti nè personali nè ricavati dalla piazza. Per essere black bloc, come il sensazionalismo della stampa italiana ha detto riprendendo quello della stampa olandese, questi tifosi ci sembrano perlomeno di quelli che hanno lasciato le tattiche di guerriglia a Rotterdam. Se qualsiasi incidente deve essere trasformato in catastrofe, specie quando c’è il calcio di mezzo (sport in declino ma sempre carne pregiata quando si tratta di usarlo come strumento di consenso per le politiche di polizia), figuriamoci poi se tutti non si buttano dietro ai brandelli di marketing politico magari sfuggiti al sindaco Marino.

Un dirigente del Pd ha definito i tifosi olandesi “animali”, evidentemente si è sentito libero di cercare quel consenso pulsionale e forcaiolo che, in altre occasioni, non può essere evocato così facilmente. Il ministro Franceschini ha parlato di “pene esemplari” giusto prima di tornare alla discussione sulla depenalizzazione del falso in bilancio, un unicum europeo. Sono fioccate le richieste di dimissioni del ministro Alfano e c’è solo da stupirsi che il ministro della difesa non sia stato chiamato in causa.

Infine ecco lui, “il bomba” in persona, Matteo Renzi. Ovviamente ha detto che, per le partite in trasferta, gli italiani “queste cose non le fanno”. Giusto per solleticare l’immaginario degli “italiani brava gente” che solletica l’orgoglio nazionale. Beh, poco più di un anno fa sono stati arrestati 149 laziali a Varsavia. Teppisti che hanno messo a ferro e fuoco la capitale della Polonia? No, secondo buona parte della stampa italiana, specie quella geograficamente più vicina alla squadra, si è trattato di forzature della polizia polacca e di violazione dei diritti civili dei tifosi laziali in trasferta. Con un partito “Fratelli d’Italia”, che sa tanto di nazionale che scende in campo, che si è schierato in prima linea in difesa dei tifosi laziali. Con toni e accenti simili, se non identici, a quelli che la stampa olandese, quella più vicina al Feyenoord che non può usare toni sensazionalistici, sta utilizzando in queste ore parlando dei propri tifosi. Scherzi del marketing politico: a seconda di dove siano spazialmente collocati i tifosi, e in quale tipo di trasferta, gli stessi soggetti e gli stessi atti passa da essere affare di “animali” a questione di “diritti civili violati”. Se oggi il ds del Feyenoord dicesse, come ha fatto quello della Lazio a Varsavia poco pià di un anno fa, “la polizia ha preso tanta gente che non c’entrava niente”, come sarebbe accolto dal sindaco Marino? Ci sarebbe da aspettarsi la severa interrogazione all’ambasciatore olandese, minimo, per una frase del genere.

Il marketing securitario, che si basa sulla richiesta pubblica di “’più polizia efficiente” qualsiasi cosa accada poi, come si vede, non ha bisogno che gli episodi accadano. Ha bisogno invece di accanirsi su dettagli, ingrandire gli effetti, creare un eco mediale di panico. Eco reso possibile dagli innumerevoli argomenti in cui i media trasmettono contenuti a reti unificate (militare, finanza, Papa Francesco e, appunto, calcio). Accaduto questo al marketing securitario non resta poi che precipitarsi a dichiarare la miglior misura forcaiola del momento, per le agenzie di stampa, e vinca il più creativo. Così funziona il governo del tifo nel calcio renziano. A cosa sia accaduto veramente ci si penserà un’altra volta, se tornerà comodo. A seconda di chi va in trasferta e dove, naturalmente. Nell’epoca del calcio del “bomba” tutto questo altro non è che normalità spicciola. Intanto non un atto del governo, Del Rio ha la delega allo sport, sul caso Parma. Perchè la regolarità del campionato non è minacciata dalle bottigliate dei tifosi olandesi. Ma dal rischio, per dirne solo una, che il Tardini non apra per lo sciopero degli steward che non riscuotono da mesi. Per adesso gli addetti allo stadio di Parma sembra abbiano promesso pazienza. Il calcio di Renzi è questo.

Redazione

Fonte: www.senzasoste.it

Link: http://www.senzasoste.it/media-e-potere/cronache-del-calcio-renziano2-il-marketing-politico-e-i-media-sugli-incidenti-di-roma-feyenoord
20,02.2015

Pubblicato da Davide

  • cardisem

    Abbiamo
    letto di città “messa a ferro e fuoco” e poi visto una fontana
    scheggiata che, per quanto affare grave, non è sintomo di una guerra
    civile.
    —-

    beh, essendo io un feticista di ogni bene culturale, non importa di quale paese, mi arrabbio proprio assai assai ma assai assai quando succedono sacrilegi come quelli contro la barcaccia di Piazza di Spagna… Ci fosse scappato il morto, ma senza sacrilegi culturali, mi sarai arrabbiato di meno…

  • radisol

    Rimane il fatto che è successo ben poco …

    Scontri veri e propri … zero ….
    E la bottiglia che ha scheggiato la fontana poteva partire un qualsiasi sabato sera di raduni di ubriachi nella piazza di Spagna … così come non era successo niente la sera prima a Campo de Fiori … quanto al tappeto di bottiglie per terra, è appunto la stessa scena di ogni sabato sera in quelle due piazze … con l’unica differenza che stavolta era in un caso mercoledì ( Campo de Fiori) ed in uno giovedì ( Piazza di Spagna) … tutto qua …
    Poi, innegabilmente, quegli ultras olandesi là mi stanno anche parecchio sulle scatole … molti sono anche nazisti dichiarati … basta guardare certe bandiere e certe magliette …
    Però che non è successo praticamente niente quanto a scontri … lo si capisce guardando gli stessi filmati su Repubblica o sul Corsera … due sassi e una bomba carte da parte dei tifosi, molta scena e qualche fermo "all’americana" da parte dei poliziotti … nemmeno i lacrimogeni, o meglio solo uno sparato, fore pure per sbaglio, da un carabiniere subito bloccato dai superiori … ma evidentemente ci si ferma ai titoli di scatola …
    A dimostrazine di quanto ormai siamo manipolabili e manipolati …
  • makkia

    Al marketing politico che esagera si risponde col marketing "controinformativo" che minimizza?

    "abbiamo visto solo una fontana scheggiata"…
    TU avrai visto "solo una fontana".
    Quella è la Barcaccia del Bernini. Per tua norma e regola è un capolavoro del barocco, è la PRIMA fontana-scultura (prima erano "fontare con sculture a decorare") e ci vengono dall’altro lato dei due oceani per vederla.
    Dire "è solo una fontana scheggiata" è come dire che la pietà è stata "solo un pochino smartellata": a parte il naso e un occhio, il resto del viso della vergine è intatto, no? E quanto al braccio in frantumi… dopotutto ce ne ha un altro, sotto il corpo del Cristo, e che esagerazioni!

    Allora esagero pure io:
    Fanculo il Fejenord, la Roma e tutto il calcio.

    Due settimane fa son Calati gli Irlandesi per Italia-Irlanda di rugby. Hanno riempito l’Olimpico, si calcola 40.000. Hanno bevuto come spugne prima e dopo la partita, non c’era un posto a sedere in nessun pub o birreria dentro le Mura… e non è successo niente. Neanche uno sganassone fra ubriachi.

    Fanculo il calcio e tutti mentecatti che ne fanno una ragione di vita.

  • cardisem

    Insomma, la “Barcaccia” è stata o no danneggiata?
    Devo andare di persona a controllare?

    Ricordo di non pochi anni fa, quando fu piazzata una bomba sull’ingresso principale di piazza del campidoglio… Ho visto con i miei occhi il danneggiamento e mi sono sentito assai male..

    Evidentemente, è stato possibile restaurare il danno, se oggi non mi accorgo di nulla… Ma ricordo come era la porta e mi chiedevo per quale barbarie si era potuto fare così… Inoltre, credo che una cosa danneggiata e poi restaurata, non è mai la stessa cosa… È come una falsificazione…

    La mia paura è ora che sia successo qualcosa di simile per la "barcaccia"… Devo andare a vedere con i miei occhi…

  • dancingjulien

    Sono d’accordo con te, questo articolo è l’esagerazione all’opposto.
    Se i racconti sono veri c’è chi dice che questi caverncoli si mettevano a pisciare anche dentro ai negozidel centro e non in bagno ovviamente.
    Ora veder scandalizzate le donne impelliciate della bella Roma mi fa picere tuttavia una lezione di civilta a quesi Ariani incivili è ora di dargliela, anche a livello diplomatico dobbiamo farci rispettare.
    Commento off-topic: Com’è che L’olanda che è un piccolo ed inutile paesello dove non si produce niente a parte i Tulipani che poi sono originari del medio oriente non viene toccata dalla crisi, qual’è il suo segreto?

  • radisol

    La bomba al Campidoglio del 1979 faceva parte di una precisa strategia di terrorismo fascista ( il gruppo Costruiamo l’Azione, direttamente collegato a Licio Gelli) che sarebbe dovuta culminare due settimane dopo con una strage di ex alpini durante il loro raduno nazionale in Piazza Indipendenza … per fortuna il congegno dell’autobomba di questa mancata strage non funzionò …

    Quindi non vedo proprio il paragone con la Barcaccia di ieri … del resto se sono stati restaurati benissimo anche i monumenti romani oggetto delle bombe mafiose del 1993 … perchè non dovrebbe potersi restaurare anche la Barcaccia ?
    Che comunque è stata danneggiata dal lancio da lontano di una bottiglia vuota di birra, diretta ai celerini che ci stavano dietro, e non volutamente e  da una bomba … e da ubriachi, ancorchè pure loro fascistoidi, e non invece da un gruppo di terroristi neri diretti dalla massoneria … un pò di equilibrio, quindi, in quello che si dice …
    Poi, se parliamo di scontri, veramente robetta … un solo petardo, lanciato peraltro in una via laterale e non in Piazza di Spagna … ed un solo lacrimogeno lanciato dalle forze dell’ordine … due soli feriti lievi, un olandese ed un poliziotto … pressochè nessun contatto fisico tra poliziotti ed ultras … solo a Roma, nei pressi dell’Olimpico, quasi ogni domenica succede di più … per non parlare di quello che succede ogni sabato sera a Campo dei Fiori senza tifoserie straniere … orinamenti sui muri e sui monumenti compresi …
    Qui non è questione di simpatie per gli ultras olandesi … sinceramente gli darei fuoco con la torcia … è questione di allucinante manipolazione mediatica …. già in atto quando ancora non si sapeva dei danni alla Barcaccia … il Jobs Act e la Grecia scomparsi dalle prime pagine dei siti per dare la "diretta degli scontri" …. manipolazione mediatica che credo sia cosa ben più grave  e preoccupante …
  • radisol

    Se parliamo invece della gestione dell’ordine pubblico a Roma in quei due giorni è stata a dir poco demenziale … 

    Ordinanza anti-alcool emessa dal Prefetto solo nella tarda serata di mercoledì quando gli ultras avevano già fatto incetta di birre nei supermercati … cariche del tutto inutili a Campo dei Fiori per reprimere le pisciate sotto Giordano Bruno …. cioè due pisciavano e ne hanno caricati 500 per questo … nessuna prevenzione il giorno dopo su luoghi, come Piazza di Spagna, che è vietata da 20 anni invece ad ogni tipo di manifestazione politica o sociale … prima si sono fatti tranquillamente concentrare lì, senza ovviamente alcuna preventiva autorizzazione, gli ubriaconi e poi li si è caricati solo perchè erano diventati troppi e non c’era più altro modo per farli sloggiare …. ed è da quelle cariche che si potevano evitare con un minimo di prevenzione, piaccia o non piaccia, che sono scaturiti i danneggiamenti alla Barcaccia … prima di allora qualcuno ci aveva pisciato dentro o lasciato i vuoti della birra ma non è la stessa cosa … 

    Quindi, se parliamo di gestione dell’ordine pubblico, ha fatto veramente pena … 

    Ciò non toglie, però, che sul piano degli scontri non è successo quasi niente … mentre tutti i giornali del mondo parlano di "centro di Roma messo a ferro e fuoco" … io ero per lavoro in una via adiacente e non mi sono francamente accorto di nulla … solo l’elicottero della polizia in cielo ma quello c’era già da ore prima …

  • makkia

    Non è questione di "ariani", né di signore impellicciate.
    Gli ariani girano continuamente il centro di Roma e lo adorano. E le impellicciate sono una frazione della "fauna", la maggior parte è gente normalissima che si gode una bella città.

    E’ questione di CALCIO. Ripeto: due settimane fa c’erano in giro 40.000 tifosi di rugby, ariani D.O.C.G. e sbronzi marci, e non è successo niente.

    E, fra parentesi, hanno fatto il tiro al bersaglio sulla barcaccia, staccando vari pezzi di marmo tra i 2 e i 20 cm (ci sono le foto dell’intendente col pezzo di marmo in mano) e provocando oltre 100 scalfitture sui marmi (dichiarazione dell’intendenza, non di Marino, a seguito di sopralluogo).

    Se c’è qualcuno che ha interesse a dire che "non è successo niente" e che fare il tiro al bersaglio con le bottiglie su dei marmi del ‘600 "non è poi ‘sto granché", sia così gentile da spiegare qual’è l’interesse in questione, perché francamente io ho difficoltà serie a immaginare qualcosa che giustifichi il vandalizzare i monumenti (sarà un mio limite…)

  • Ossimoro

    Boh… Sarà… Ma se a voi sembra normale anche solo quello che si vede nella foto di questo articolo, alzo le mani e mi arrendo.

    Vedo la strada come fosse una dependance di Malagrotta (discarica a cielo aperto, per chi non la conoscesse)
    Vedo un tizio con un fumogeno che non sembra un poliziotto
    Vedo gente ammassata alla quale è impedita una passeggiata nel centro di una città in tempi di pace
    Vedo un sacco di blindati sullo sfondo e poliziotti in basso con caschi e scudi… 
    Tutto questo perché alcune "persone" sono venute dall’Olanda per vedere una partita?
    Vabbè hanno scheggiato un pezzo di marmo…  Che sarà mai… (Sic!) :-/
    Hanno lasciato un porcilaio dietro di sé… Vabbè so’ ragazzi :-/ (se fossi un addetto alla nettezza urbana avrei un fegato più gonfio di quello di un’oca…)
    Se a voi sembra normale tutto ciò… Che dire…
    Per carità saranno anche successe cose più gravi nel mondo…
    Ma non si può giustificare nulla di quanto accaduto. Nulla. È una vergogna.
    Prendere a bottigliate la storia è opera di barbari… Ma forse è stata colpa dei poliziotti che hanno fallito come balie (nota ironica)? :-/
    A me sembra assurdo che esistano precondizioni che abbiano imposto la presenza dei poliziotti!
    Pazzesco… Per una partita.. Per 22 tizi cresciuti che "giocano" a palla (e per questo guadagnano milioni!)