Home / ComeDonChisciotte / CON I TUOI RISPARMI RIEMPIREMO I BUCHI DELLA FINANZA

CON I TUOI RISPARMI RIEMPIREMO I BUCHI DELLA FINANZA

Free Image Hosting at www.ImageShack.usDI HUW JONES

(Reuters) I risparmi dei 500 milioni di cittadini dell’Unione europea potrebbero servire per finanziare gli investimenti a lungo termine, per rilanciare l’economia e per aiutare a riempire il vuoto lasciato dalle banche dopo la crisi finanziaria. Questo è quanto si legge da un documento della UE.

L’Unione europea sta cercando un modo per svezzare i 28 paesi membri del blocco dalla loro forte dipendenza dai finanziamenti bancari e sta cercando come trovare altri mezzi per finanziare le piccole imprese, con progetti infrastrutturali e con altri tipi di investimento.

“La crisi economica e finanziaria ha compromesso la capacità che aveva il settore finanziario nel convogliare fondi verso l’economia reale, in particolare per gli investimenti a lungo termine” si legge nel documento che ha visto la Reuters.

Nella seconda metà di quest’anno la Commissione chiederà garanzie e metterà i suoi cani da guardia a controllare i paesi del blocco per studiare un eventuale progetto di legge “per mobilitare una maggior quantità di fondi pensionistici individuali da spostare nei finanziamenti a lungo termine” sempre secondo il documento.

Le banche si sono lamentate per gli ostacoli, che devono superare prima di poter prestare soldi all’economia, a causa delle regole post-crisi che le costringe a mantenere dei cuscinetti di sicurezza su capitali e liquidità, molto superiori a quello che vorrebbero.

Il documento rivela che la “congruità” dei capitali e delle norme sulla liquidità dei paesi della UE per i finanziamenti a lungo termine saranno riesaminate entro i prossimi due anni, un processo che potrebbe essere portato avanti negli Stati Uniti o altrove, per scongiurare qualsiasi rischio che le banche della UE possano approfittare di situazioni vantaggiose per trarne guadagni sleali.

Entro la fine di quest’anno l’esecutivo della UE completerà uno studio sulla possibilità di introdurre un conto di risparmio europeo, che potranno sottoscrivere le persone, i cui fondi potrebbero essere messi in comune e poi investiti nelle piccole imprese.

La Commissione intende inoltre studiare, nel corso di quest’anno, se saranno necessarie modifiche per contribuire a finanziare le piccole imprese attraverso la creazione di un mercato secondario liquido e trasparente con cui poter negoziare le obbligazioni delle società europee.

Si sta anche cercando di rilanciare il mercato delle cartolarizzazioni, per raccogliere fondi per i prestiti, come i mutui in obbligazioni, che le banche potranno vendere per raccogliere fondi per sé o per le imprese. Il mercato è rimasto sotto la nebbia della crisi finanziaria da quando le obbligazioni legate ai mutui USA per la casa, nel 2007, hanno cominciato a non essere rimborsati, scatenando il tracollo in tutti i mercati globali per i due anni successivi.

Il documento dice che la Commissione “dovrà tener conto di possibili futuri aumenti della liquidità di un certo numero di prodotti di capitalizzazione” nel momento in cui si tratterà di mettere in atto nuove regole su quello che le banche potranno includere come “nuove riserve di liquidità”. Questo dà un segnale di un possibile allentamento su quanto potrà essere incluso tra le attività che saranno giudicate “idonee” dal settore bancario, che controlla i paesi del blocco UE.

Entro la fine di quest’anno, la Commissione intende inoltre ” rivedere” quali saranno le norme comunitarie che trattano le obbligazioni garantite – dice il documento – un passo che sarà ben accolto dalla Danimarca per il suo grande mercato di obbligazioni utilizzate dalle banche per finanziare i mutui per la casa.

Altre misure per aumentare i finanziamenti della UE sono i prossimi passi che serviranno a raccogliere fondi, nei quali molte persone potranno contribuire con somme di denaro relativamente piccole che serviranno però a creare un consistente bacino di finanziamento.

Il documento rivela anche che gli investitori e i gestori patrimoniali avranno un ruolo che potrà proporre una revisione delle norme comunitarie in materia di diritti degli azionisti per “garantire una migliore diffusione delle politiche di coinvolgimento e di voto degli investitori istituzionali”.

Con maggiori difficoltà, la Commissione valuterà se l’uso di un “fair value” – di “un prezzo dei beni equo” – potrà tenere il ritmo con le nuove regole contabili, che saranno concordate a livello mondiale “sarebbe giusto, in particolare per quel che riguarda i modelli del business degli investimenti a lungo termine” .

Fonte : http://www.reuters.com

Link : http://www.reuters.com/article/2014/02/12/us-eu-banks-savings-idUSBREA1B1ZI20140212

12.02.2014

Il testo italiano di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte ComeDonChisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario

Pubblicato da Bosque Primario

  • lucamartinelli

    Il tempo è galantuomo, come dicevano i nostri vecchi. Ora sappiamo che l’incoraggiamento a portare la liquidazione nei fondi pensione era un inganno e una truffa. Chi è caduto nella trappola non può fare nulla, perchè la scelta è irreversibile. Per il resto invece siamo ancora in tempo: non ci vuole molto a ritirare i nostri risparmi dalle "loro" banche.

  • despair

    Non basta alle banche di acquistare il debito pubblico dei paesi come l’Italia per tenerli in pugno? No, perché ci sono cittadini che hanno messo da parte risparmi per i figli in vista di una crisi futura. Per ridurci alla sottomissione e alla disperazione, devono saccheggiare i risparmi privati che fungono da ammortizzatore sociale per le nuove generazioni.

    C’e’ poi chi ha investito nel mattone; ma la crisi del mercato immobiliare dovuta alla scarsità di liquidità impedisce di vendere a prezzi convenienti. Perciò conviene tassare le case, finché è impossibile convertirle in denaro. Tasse che allontanano ancora di più i risparmiatori dal mattone, anche perché gli sfratti per morosità sono in vertiginoso aumento.
    Meglio il salvadanaio delle banche.