Home / ComeDonChisciotte / COME HITLER ARRIVO' AL POTERE
15956-thumb.jpg

COME HITLER ARRIVO' AL POTERE

DI TYLER DURDEN

zerohedge.com

Hitler giunse al potere per una serie di motivi documentati, alcuni dei quali erano razionali, altri emotivi. In ogni caso, il mondo continua a chiedersi come un pazzo furioso abbia potuto salire al potere in Germania e la maggior parte dei tedeschi, fino ad oggi, continua a fare di tutto pur di evitare un altro movimento autoritario.
Anche se credo che (questo sentimento) oggi sia ancora vivo, un grande movimento autoritario sta guadagnando terreno (il fondamentalismo dei migranti), ma il popolo tedesco sembra essere cieco, tanto da non comprendere una nuova forma del totalitarismo o è talmente terrorizzato che questo accada di nuovo in Germania, da non essere in grado di resistere.

Dopo la prima guerra mondiale, restarono irrisolti, dagli anni ’20, parecchi problemi, e qualcuno è ancora attuale:

Una Amarezza infinita

Una rabbia profonda per la Prima Guerra Mondiale e per il Trattato di Versailles che crearono nella popolazione un fondo di amaro, al quale la spietatezza e l’espansionismo di Hitler fecero appello, cosicchè quella rabbia gli fu alleata.

Oggi ci sono delle rabbie profonde per una serie di cose: governo troppo-ricco, norme e leggi infrantre, ineguaglianze, capitalismo e clientelismo, mancanza di una vera rappresentatività da parte di chi viene eletto, rapporto degenerato tra le razze… sappiamo tutti quali sono i tanti motivi che crerarono le correnti sotterranee che scorrono in questo paese.

Una Costituzione inefficace

La debolezza nella Costituzione Tedesca paralizzò il governo. In effetti erano in molti in Germania che volevano un ritorno alla dittatura. Quando arrivò la crisi nel 1929–1933 nessuno era pronto o in grado di lottare per fermare Hitler.

Qui negli U.S.A., c’è un gran numero di persone che spinge/ che vuole il socialismo, o si aspetta che il governo assuma un approccio più autoritario. La nostra Costituzione è allo sfascio dopo quello che hanno fatto gli ultimi presidenti, e molti si chiedono se ormai serva ancora a qualcosa. Quando lo stato di diritto non regge più, è un chiaro segno che ci si trova di fronte a una crisi costituzionale. Abbiamo anche avuto un Governatore (in Texas) che ha chiesto una Convenzione Costituzionale per ripristinare i diritti …. Direi che solo questo basterebbe.

Soldi

L’appoggio finanziario di ricchi businessmen diede a Hitler i soldi per gestire la propaganda e le campagne elettorali.

Banche, MIC companies, governi stranieri, miliardari nell’ombra, tutti tiravano le fila, TPTB… tutto è sempre andato così e sempre andrà così, con pochissime eccezioni in tutta la storia del mondo.

Propaganda

La propaganda nazista persuase le masse tedesche a credere che gli Ebrei andavano condannati e che Hitler fosse la loro ultima speranza.

C’è un sacco di roba come questa che si sente in giro, da entrambe le parti … i Mussulmani sono il problema, gli immigranti illegali, i neri, i bianchi. la Cina, e potremmo continuare …. Ci sono un SACCO di cose su cui puntare il dito e ricominciamo con il tribalismo e con un tizio che si alza in piedi e grida che ci penserà lui a sistemare tutto.

Promesse di sistemare tutto

Hitler promise a tutti tutto e tutti lo appoggiarono.

Nessuno sta facendolo ancora — cioè promettere tutto a tutti — ma non siamo così lontani. Trump racconta le cose che la gente vuol sentirsi dire, e sarebbe proprio questo il potere che si nasconde dietro la sua improvvisa ascesa. Racconta che porterà i neri a votare per lui, che farà votare per lui le donne… come per la maggior parter dei politici, dobbiamo stare attenti a queste parole, cerca di allargare i suoi appelli per raggiungere solo quello che vuole fare. Ma è un bene per tutti ? Riuscira a farlo davvero? In genere quando uno viene eletto poi tende a fare quello che vuole e chissenefrega di quello che ha detto in passato. Guardiamo sola al fiasco-che-è-ancora-in-carica.

Attacchi da tutte le parti

Le Sturmtruppen attaccavano gli Ebrei e tutti quelli che si opponevano a Hitler. Molti oppositori se ne restarono buoni, semplicemente perché avevano paura di essere ammazzati e, se li avessero ammazzati, poi i giudici avrebbero semplicemente lasciato libere le Sturmtruppen.

Non ci siamo ancora arrivati, anche se l’ Amministrazione ha provato a infilarci qualcosa. La IRS serve per colpire le opposizioni, la NSA può catturare chiunque vuole, le forze di polizia di tutta la nazione già agiscono come se la legge non ci fosse. Non ci vorrebbe troppo a un VERO tiranno per approfittare del livello a cui si è giunti. Questo è il motivo per cui è tanto importante ricordarsi di come pensavamo nel passato “è solo contro i NEGRI / solo contro i CONSERVATORI / solo contro gli IMMIGRANTI”. Ricordiamoci anche dei Boia.

Qualità Personali

Hitler era un oratore brillante ed i suoi occhi avevano un potere peculiare sulla gente. Era un buon organizzatore e politico. Era un uomo determinato e instabile che credeva di essere stato chiamato da Dio per diventare il dittatore della Germania e per governare il Mondo. Questo gli permise di arrivare dove altra gente non sarebbe riuscita ad arrivare. La fiducia in se stesso convinse la gente a credere in lui. Determinato, organizzato, con la ferma convinzione che solo lui potesse sistemare le cose, faceva dichiarazioni grandiose che facevano sentire il paese ancora “grande” … segnali che dobbiamo registrare con molta, molta attenzione.

Depressione Economica

Dopo ol crollo di Wall Street del 1929, gli USA chiesero la restituzione dei loro prestiti alla Germania e l’economia tedesca collassò. Il numero dei disoccupati crebbe; la gente moriva di fame per la strada. In un momento di crisi, la gente voleva qualcuno su cui buttare le colpe e si orientò verso le soluzioni più estreme – Hitler offrì loro entrambe e il successo del Nazismo crebbe alle elezioni.

Noi non abbia gente che letteralmente muore di fame, anche se sotto la soglia di povertà c’è più gente di quanta ne moriva di fame quando cominciò la Guerra alla povertà. Invece, abbiamo gente che sta “morendo (di fame)” per il collasso della società, delle famiglie e della camunità. La gente vuole qualcuno su cui buttare le colpe e si sta orientando verso soluzioni estreme — Trump da una parte/Hillary or Sanders dall’altra. Comunque perderemo.

“Quelli che non possono ricordare il passato sono condannati a ripeterlo.”Santayana, The Life of Reason, 1905

Fonte: http://www.zerohedge.com/

Link: http://www.zerohedge.com/news/2016-01-20/guest-post-how-hitler-came-power

20.01.2016

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario.

Pubblicato da Bosque Primario

  • Senna

    Leggetevi " Wall Street and the rise of Hitler " e " Wall Street and the bolshevik revolution " , altro che sturmtruppen, ebrei, bla, bla, bla.
    Le stesse famiglie, banche, fratellanze occulte che pianificarono, prepararono, finanziarono e allevarono da un lato la marionetta austriaca mentre dall’altro la futura Unione Svovietica.
    Le depressioni finanziarie/economiche erano artificiali allora come lo sono oggi !!

  • natascia

     L’eccezionalità e’ lo strumento con cui si affermano le dittature. L’eccezionalità e la propaganda  distruggono l’interesse del cittadino per l’amministrazione della cosa pubblica.  Questo e’ ciò a cui si assiste in buona parte dell’Europa. La propaganda elude e bisogni reali e culla il cittadino verso i desiderata. Fino a che non si  renderà fuorilegge la propaganda non sarà possibile alcun cambiamento  migliorativo.  La Repubblica Serenissima e’ un esempio di Buon Governo  valido ancora al giorno ‘d’oggi. Pochissime leggi (vedi Gran Bretagna)  fonti del diritto : prassi e tradizione.

    Le poche leggi riguardavano il controllo ferreo verso l’unica carica a vita: il Dux o Doge,spesso prigioniero nel palazzo ducale,  e verso i Maggiori Consigli in carica breve e poi ineleggibili. Una VERA Repubblica dove il piu’ misero  dei cittadini veniva difeso a spese pubbliche dai migliori avvocati.  "Curruptissima re pubblica plurimae leges"
  • fobia1984

    quando la gente è disperata s’aggrappa al primo "santo" disponibile a
    spolparsela.

  • giannis

    La FAME , uno dei principali motivi e’ che in Germania negli anni 20 c ‘era molta poverta’ e disoccupazione , con l ‘avvento di Hitler tutti lavoravano e potevano far figli e mantenerli . Il famoso " miracolo economico hitleriano" . In una societa’ finche’ si ha da vivere non cambiera’ mai niente

  • giannis

    Esatto ! Nel mondo niente succede per caso

  • Apollonio

    Ancora con la demonizzazione del nazionalismo non se ne può più ..! della propaganda per l’ industria dell’ olocausto   prosionista , se qualcuno si vuole documentare seriamente sul Nazionalsocialismo si legga il Shirer  è un’ opera meravigliosa. Completa, seria, scritta in maniera ottima e scorrevole, è consigliata a chi vuole avere un’ idea di tutto quello che fu il Terzo Reich. Shirer era un giornalista americano di stanza in Germany all’ epoca  non è per nulla prolisso o di parte: è serio, obiettivo e ha a cuore anche i dettagli, che spesso sono proprio gli elementi chiave per la comprensione di un fatto. Studio il Terzo Reich da molti anni e  ho trovato l’ opera molto buona. In una parola: eccellente. Consigliata a chi ha davvero interesse sul tema vista la lunghezza; agli appassionati lo raccomando senza riserve.

    Per chi volesse farsi un idea imparziale dell’argomento eviti queste spazzature e opti per autori come David Irving o Ernst Nolte.

  • PietroGE

    Quando ritornano i confronti con la Repubblica di Weimar  e l’ascesa di Hitler al potere vuol dire che la situazione economico sociale in occidente non è delle migliori. In Europa poi già si respira aria di rivolta contro i poteri forti, e a ragione, dico io.

    Che cosa diavolo vi aspettavate : un continente invaso da milioni di persone non integrabili che stanno sconvolgendo la vita sociale delle città europee, una classe media che sta affondando tra tasse e balzelli vari, una disoccupazione altissima nel Sud dell’Europa, segno di una deindustrializzazione galoppante che sta rubando il futuro di intere generazioni. Mettetevi nei panni di uno dei molti perdenti della globalizzazione e chiedetevi : ma a me che me ne frega della democrazia? Io voglio un posto di lavoro sicuro, voglio fare una passeggiata sotto casa senza sentirmi straniero a casa mia, voglio poter risparmiare in pace per dare un futuro ai miei figli. E come riscontro cosa vedo nelle "istituzioni"? La battaglia per i diritti degli omosessuali e l’utero in affitto. Non è forse questa una riedizione, riveduta e scorretta, della Repubblica di Weimar?

    Poi si lamentano se la gente sceglie i cosiddetti "populisti".

  • boemo66

    (cit.)"E come riscontro cosa vedo nelle "istituzioni"? La battaglia per i diritti degli omosessuali e l’utero in affitto."

    Questo serve. Serve distrazione, direzioni opposte al vero problema. Come credi ci sia arrivato il Vero Potere a governare gli Stati? Presentandosi gentilmente e dicendo: "Salve, adesso vi roviniamo l’esistenza. Grazie della vostra partecipazione"? Nascondersi, massmedializzando i popoli, mostrandogli l’altra faccia della medaglia, mentre nel frattempo i "coglioni" firmavano Maastricht e Lisbona. Se il demonio avesse diritto al Nobel, questi Signori del male l’avrebbero già vinto tanto tempo. Continuiamo a scendere in piazza per le auto blu, gli stipendi dei banchieri, e gli scontrini del ristorante, unioni civili. Puntuali, mi raccomando, e portate panino e coca da consumare sotto Palazzo Chigi, nell’attesa che vi prendano in considerazione. 
  • blobbb

    chissà se un giorno studieremo gli eventi correlati alla 2 guerra mondiale, con un po di obiettività, e senza la solita propaganda americana 

  • Fedeledellacroce

    Hitler e il nazismo sono stati demonizzati dai vincitori USA-UK.
    I vincitori…..con le mani grondanti di sangue del loro passato (indiani d’America, indiani d’India solo per citare i piú conosciuti) ma anche del loro presente e purtroppo futuro.
    Di fatto le decine di guerre dichiarate e non che questi campioni di democrazia hanno condotto e stanno conducendo sommano decine di milioni di morti (se non centianaia di milioni), altro che Hitler, il quale a confronto appare uno scolaretto.
    A volte mi domando come sarebbe il mondo se la Germania avesse vinto la seconda guerra mondiale. E puntualmente penso che sarebbe stato un mondo migliore.

  • castagna

    E’ iniziata la campagna pubblicitaria
    per la Giornata della Menzogna 2016? Giustamente Cdc ce ne
    ragguaglia.

    Ci si può tranquillamente fermare a
    leggere il messaggio pubblicitario alla seconda riga: ….“pazzo
    furioso”, il resto credo siano le solite reclame. Ma se qualcuno
    che legge le pubblicità come questa vede qualche slogan nuovo per
    favore me lo faccia presente: a me piacciano quelli splatter come “
    il sapone fatto con le ossa degli ebrei e i paralumi con la pelle”
    oppure quelli di ispezione psicologica tipo “le perversioni di
    Hitler che è stato violentato da una capra da piccolo ed è per
    questo che odiava gli ebrei”, insomma quelli più fantasiosi.

    Hitler comunque è la matrice
    massmediatica sul cui stampo hanno poi ricalcato ogni altro
    personaggio politico che volessero massacrare insieme con la
    popolazione. L’Hitler dei Balcani, Hussein nuovo Hitler
    mediorientale, Putin nuovo Hitler, Gheddafi nuovo Hitler….

    In somma la “reductio ad Hitlerum”
    che per il volgo televisivo, come questo di sopra, va sempre bene:
    comando ipnotico e rifissazione, ogni volta che lo si rifissa, oltre
    ad ottenere i riflessi condizionati desiderati, diventa più forte
    (vorrebbero farlo diventare archetipico,magari ce la fanno dato il
    materiale umano cinico su cui lavorano).

    Dopo le prime righe leggo le ultime:
    Quelli che non possono ricordare il passato sono condannati a
    ripeterlo

    E non può non venirmi in mente la
    solita risposta ”E quelli che lo conoscono sono invece condannati a
    stare a vedere gli idioti che ripetono gli stessi errori e dicono le
    stesse sciocchezze senza poterci fare niente”

    Che ognuno scelga la propria
    dannazione: idiozia o noia.

  • Apollonio

        " A volte mi domando come sarebbe il mondo se la Germania avesse vinto la seconda guerra mondiale."

    Sicuramente per noi Europei ma anche per il resto del pianeta meglio di adesso.

    A parte la propaganda " di aver vinto " verso l’ opinione pubblica mondiale, in realtà le cose sono andate diversamente " i vinti " lo hanno fatto credere di aver perso, pena la distruzione del Mondo…!

    Non si capisce " si fa per dire " come mai le forze dell’ asse li aspettassero 200 Km. a sud dallo sbarco in Normandia quando una decina dei micidiali U Boat avrebbe fatto un massacro degli alleati, due di questi gioielli tecnologici furono consegnati due anni dopo la fine della guerra continuando indisturbati a fare la spola tra le Falkland ed il mare del Nord.

    Di Hitler a tutt’oggi nessuna traccia certa…! 

  • totalrec

    Noto con immenso piacere e stupore che, dinanzi ad articoli-fregnaccia come questo, la ribellione e il controcanto degli utenti si avvicinano ormai a percentuali del 100%, almeno su questo sito. Un tempo, ogni volta che si nominava il nazismo, era tutto un coro di nonnette col santino che salmodiavano in coro "Ah, sì, sì", "Ah, beh, beh". Forse l’avvento di internet è stato meno inutile di quel che io sia ordinariamente portato a credere (stasera mi sento ottimista).

    (GF)  
  • mda1

    tyler rilassati stai tranquillo che ti viene un infarto con tutti quei panini e quel cibo di merda che ti mangi negli states: in usa un hitler non può arrivare. Infatti gli ebrei controllano ogni aspetto della società e la gente è talmente rincoglionita che neppure se ne accorge ed è anche felice di ciò.

  • Eshin
  • GioCo

    Smontare la retorica del "pazzo" Hitler, uno che di sicuro aveva manie di grandenzza, ma non certo inferiori a un blogger medio che cerca di "sfondare in rete", uno che forse aveva già qualche problemino alla nascita, dato che non è mai stato una cima, ma questo non lo rendeva meno vicino all’uomo comune, è un impresa quasi disperata.

    Hitler era un piccolo uomo comune e di folle aveva più che altro la sete di riscatto individuale. Questo non significa che non arrivò allo squilibrio successivamente drogato di potere, dal momento che studiando accuratamente e a tavolino come poteva diventare guida assoluta della germania, si accorse che poteva superare i suoi maestri (come Mussolini) annullanto totalmente la sua personalità individuale. L’annullamento della identità, quella che faticosamente ci siamo costruiti dalla nascita, non è un operazione difficile nel ruolo di un capo politico, ma nemmeno consigliabile.

    Il problema in altre sedi, dove ho dovuto litigare a lungo per spiegare perché Hitler era un uomo come tanti che la Storia ha reso speciale e deve rimanere senza la comoda etichetta sociale di "malato psicopatico", riguarda proprio la dinamica del successo. Chiunque la sperimenta prima o poi ed è una dinamica legata a doppio filo alla nostra identità costruita nel tempo. Una identità che è dinamica per sua natura ed in cerca (in ogni momento della nostra vita) di un equilibrio tra ciò che noi consideriamo per descriverci e ciò che gli altri considerano. Se la nostra più intima volontà è che gli altri possano "apprezzarci per come siamo", cioè per l’identità che pensiamo ci appartenga, la verità è che agli altri di come siamo fatti non importa molto, apprezzano più che altro l’identità condivisibile, in quanto incarnazione di un ideale condivisibile. Per esempio "è divertente, fa un sacco di battue".
    A volte l’identità che ci porta al successo entra in collisione con quella intima. Se vince quella intima, questo si manifesta in una certa "misantropia". Facilmente quindi chi può permettersi questo lusso, tende a richiudersi sulle relazioni vicine, premiandole rispetto quelle più distanti con la retorica della "necessaria difesa". Un esempio è DeAndré.
    Se vince invece l’identità pubblica, quella che ci concede visibilità e successo ma che praticamente non scegliamo volontariamente (per lo più "è imposta" dall’accadere degli eventi) accade che incarniamo una certa "filantropia selettiva" che scade facilmente poi in una qualche forma di xenofobia (anche se per diventare razzismo ha bisogno di rinforzi). La "filantropia selettiva" viaggia sulla retorica pronomiale del "noi" e "loro", che spartice i territori dell’immaginazione e costruisce l’identità condivisa. Ad esempio "noi preferiamo i Beatles, loro i Rolling Stones", oppure "noi siamo comunisti e loro fascisti", oppure ancora "noi siamo militari, loro soltanto civili".

    Ovviamente questi processi non sono rigidi, lavorano in noi contemporaneamente, modellando le identità che sono immagini sociali in perpetuo divenire. L’idea che avevano i tedeschi all’epoca del nazismo di Hitler non è quella che abbiamo noi oggi e nemmeno quella che avevano i suoi famigliari o i commilitoni quando prestò servizio militare. Dire che Hitler era pazzo equivale a dire che "non era uno di noi" per ciò "noi non corriamo il rischio di essere come lui". Per paradosso quindi, sapere Hitler pazzo, equivale a preparare il terreno per un nuovo nazismo, un idea cioè che divida "noi" da "loro" abbastanza rigidamente da determinare sani e pazzi. Questa retorica è pericolosissima, in quando a decretare ciò che è sano e ciò che non lo è ci pensa il potere costituito dell’uomo di successo. Un altro Hitler selezionato da facebook ad esempio, uno che abbia abbastanza voglia di riscatto, da annullare la sua identità in favore di una pubblica.

  • whugo

    Bravo Senna, mi sa però che in Italiano non l ha mai tradotto nessuno, ….ssa’ come mai!

  • geopardy

    Da quando l’uomo si è costituito società sempre più complessa, la lotta secolare tra elites e moltitudini ha guidato la storia.
    Oggi c’è un’elite sempre più ristretta che utilizza l’ideologia capitalista per affermarsi su tutti gli altri e, momentaneamente, non ha validi avversari, dal momento che si è appropriata del linguaggio.
    Il nazismo ha rappresentato una delle fasi per giungere a ciò ed, in qualche maniera, anche il "socialismo reale" è servito allo scopo.
    Si passava da secoli di infausto dominio religioso-aristocratico ad una riscossa culminata con la Rivoluzione Francese e, poi, quella russa, con lo spostamento quasi intergrale nel modo materialistico di concepire il mondo (dovuto anche all’avvento dell’era scientifica).
    Tutti quelli eliminati dal nazismo, tra i quali gli ebrei, al di là di quale fosse il numero reale, appartenevano per la quasi totalità al ceto basso o medio-basso della popolazione e nessun pezzo grosso dell’economia o della finanza, che io sappia, è stato colpito anzi, molto probabilmente, erano conniventi nella quasi sua interezza (ebrei compresi).
    Hitler ha senz’altro contribuito a risollevare l’economia tedesca, ma poi ha sentito la "necessità" di invadere altri paesi europei (perdendo), per sottometterli e bisognerebbe capire il perchè abbia sentito questa necessità, altrimenti, sarebbe rimasto al potere molto più a lungo sicuramente.
    Lo vediamo oggi cosa significhi stare in un’ Europa a "guida tedesca", non oso neanche immaginare se avesse vinto Hitler cosa avrebbero combinato, visti i metodi utilizzati dal nazismo.
    Aggiungo, tanto per non farsi mancare niente, che la Nato, secondo me, è diventata una sorta di variante moderna del concetto di strurmtruppen del nuovo asse: Berlino-Londra-Washington, anche se non manca una certa ricerca di autonomia da parte della Germania e solo per i propri calcoli in benefici futuri, non certo per quelli degli altri paesi europei, almeno a me sembra.

  • Apollonio

     ….. almeno a me sembra.

    Ecco il finale dell’ ultimo post è l’ esempio limpido di quanto pressapochismo e superficialità ci si lanci in analisi risibili sul Terzo Reich, 70 anni di propaganda martellante  AngloUsa accompagnate e  insegnate dall’ asilo fino al Cinematografo ha trasformato nell’ immaginario collettivo quello che in verità è un’ apparenza una realtà,  facendo deliberatamente passare in sott’ ordine quello che era il vero obbiettivo e scopo del Terzo Reich .

     Gli ultimi due Post  sono la dimostrazione di quanto confusi e fuori strada siano ancora molte persone.

  • Senna

    In tedesco è stato tradotto.
    Comunque anche per gli ignoranti, nel libro ci sono nomi di banche, importi e società USA, tutto sotto la regia degli anglo-ebrei

  • AlbaKan
    • la maggior parte dei tedeschi, fino ad oggi, continua a fare di tutto pur di evitare un altro movimento autoritario.
    …E perché vanno a fare gli "autoritari" in Grecia? (domanda retorica…)
  • mda1

    buongustaio qui troverai pane per i tuoi denti !

    shalom !
  • Apollonio

      a (domanda retorica…)

    risposta retorica…! perché i Greci non ritornano alla Dracma…?

  • geopardy

    ….."sono la dimostrazione di quanto fuori strada siano ancora molte persone".

    Dalla strada a senso unico, che un certo numero di persone usualmente percorrono, sicuramente.

    Ho omesso il termine "confusi" nell’estrapolazione della frase, perchè la confusione è parte integrante di tutta l’epoca in cui stiamo vivendo, nessuno di noi escluso, onestamente parlando.

  • castagna

    Grazie Ma’ per il link! una chicca per
    il materiale fotografico che raccoglie e propone tutto
    insieme!
    Shalom! (ma perchè io non ho mai sti colpi d’ironia?
    Ora della fine sarà sempre una risata che li seppellirà… devo
    imparare ad essere meno serio)

    Come ha scritto totalrec:”forse
    l’avvento di internet è stato meno inutile di quel che io sia
    ordinariamente portato a credere”