Home / ComeDonChisciotte / COME CANCELLARE NOVE MILIONI DI VOTI
11786-thumb.jpg

COME CANCELLARE NOVE MILIONI DI VOTI

DI MASSIMO FINI
ilfattoquotidiano.it

La proposta di legge del Pd (Zanda-Finocchiaro) di impedire la candidatura alle elezioni e l’accesso ai rimborsi elettorali ai movimenti e a tutte le associazioni senza personalità giuridica e senza uno statuto democratico pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, prima che demenziale è incostituzionale.

Ferisce a morte un fondamentale diritto di libertà del cittadino, il diritto cioè di presentarsi alle elezioni (elettorato passivo) senz’altra condizione che quella di averne l’età richiesta. Per fare un esempio limite, io, Massimo Fini, potrei candidarmi alle elezioni senza avere alle spalle né partiti, né movimenti, né associazioni, ma nient’altro che me stesso.I rappresentanti del Pd affermano di aver avanzato la proposta “per dare piena attuazione all’articolo 49 della Costituzione”. È vero il contrario. L’art. 49 recita: “Tutti i cittadini hanno diritto di associarsi liberamente in partiti per concorrere con metodo democratico a determinare la politica nazionale”. Il costituirsi in partito è una possibilità, un diritto, non un obbligo. Io posso “concorrere a determinare la politica nazionale” in mille altri modi.

Potrebbe anzi essere messo in dubbio che i partiti siano autorizzati, in quanto tali, a candidarsi alle elezioni e non invece i singoli individui. Su questo punto l’articolo 49, che è l’unico in cui la Costituzione si occupa dei partiti, non dice assolutamente nulla. Anzi l’articolo 67 farebbe pensare il contrario quando dice: “Ogni membro del Parlamento rappresenta la nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato”. Il cittadino-parlamentare esercita le sue funzioni in quanto singolo e non dipende, nelle sue decisioni, da nessun partito o qualsivoglia altra organizzazione.

Anche se poi sappiamo benissimo che, di fatto, i partiti si sono appropriati del Parlamento (oltre che di tutte le altre Istituzioni, delle Regioni, delle Province, dei Comuni e anche dell’industria pubblica, del para- stato, della Rai Tv, delle Asl, degli ospedali, delle Spa comunali, dei porti, degli enti culturali, delle Mostre, delle Terme, dei Teatri, delle Aziende di soggiorno, dei conservatori, degli acquedotti) realizzando negli anni un “golpe bianco” che va contro i principi fondanti della democrazia liberale.

Non è un caso che i grandi teorici di questo sistema, da Locke a Mill, non parlino mai dei partiti, che fino al 1920 nessuna Costituzione liberal-democratica li prendesse in considerazione e che, come s’è detto, la nostra stessa Carta, pur nascendo dal Cln, cioè da una spartizione, ne faccia cenno in un solo articolo. Perché il pensiero liberale voleva valorizzare capacità, meriti, potenzialità del singolo e non metterlo alla mercé di gruppi organizzati, inevitabilmente clientelari e spesso mafiosi. In questo senso è decisivo quanto ha detto la cosiddetta ‘scuola elitista italiana’ dei primi del Novecento (Gaetano Mosca, Vilfredo Pareto, Roberto Michels). Scrive Mosca ne La classe politica: “Cento che agiscano sempre di concerto e di intesa gli uni con gli altri trionferanno sempre su mille presi uno a uno che non avranno alcun accordo fra loro”.

Non è nemmeno vero che, come sostengono Zanda e Finocchiaro, i partiti debbano darsi uno statuto democratico. Sono delle associazioni private, non diverse, in questo, da una bocciofila o da un circolo di giocatori di bridge, che al proprio interno si danno l’organizzazione che preferiscono, che può essere anche autoritaria o carismatica o di qualsiasi altro genere non necessariamente democratico. È all’“esterno” che devono agire “con metodo democratico” cioè rispettando le leggi e le procedure della democrazia.

Grottesca è poi la motivazione che Anna Finocchiaro dà alla sua proposta: servirebbe a regolamentare il finanziamento pubblico ai partiti. I partiti, in quanto associazioni private, non hanno diritto ad alcun finanziamento pubblico, si auto-finanzino da soli. Ma pur di non vedersi privare di questo indebito e cospicuo, flusso di denaro: Finocchiaro and company sono disposti a varare una legge che metterebbe fuori gioco nove milioni di elettori (ma il discorso varrebbe anche se fosse privato del suo diritto all’elettorato passivo anche un solo cittadino).

Questo sarebbe si un vero colpo di Stato. A cui avremmo diritto di reagire con ogni mezzo. Chi ha orecchie per intendere intenda.

Massimo Fini
Fonte: www.ilfattoquotidiano.it
23.05.2013

Pubblicato da Davide

  • Ercole

    Il M5S si cancellerà da solo come tutte le formazioni conservatrici è interclassiste non cè bisogno della proposta di legge della Finocchiaro :è accaduto al partito Radicale, a RIFONDAZIONE ,alla Lega nord , e accadrà anche a Grillo tutte formazioni che hanno cavalcato il malcontento sociale ,ma per la loro natura reazionaria è riformista si sono sciolte ,separate è divise e spaccate in mille rivoli ,come neve al sole, sono solo dei fuochi di paglia ,è nostro compito da INTERNAZIONALISTI denunciarli ,e smascherarli .

  • albsorio

    Dobbiamo solo aspettare che i servi facciano cio che devono poi alle prossime elezioni saranno spazzati via e spero incarcerati.

  • affossala

    i partiti sono una pars , una parte dei cittadini e generalmente diventano nei vertici una mafia e casta se riescono ad impossessarsi di una parte del potere o di un settore dello stato . vanno eliminati e perseguitati in quanto costituiscono vere massonerie segrete o non segrete ; fratellanze di interessi a discapito della maggiornaza che va pure tutelata . Il bene comune oggi si tutela non facendo politiche di lavoro giovanile e ma eliminando,rendendo innoqua la casta sanguisuga che divora tutte le entrate di uno stato .

  • jorge

    Radicali, Lega Nord, RC, erano “partiti”. Bisogna ripartire dal concetto di “comunità” abbandonando strumenti ormai obsoleti.

    Costanzo Preve scrisse:

    “Comunismo” significa, infatti, in primo luogo “mettere in comune”, ossia mettere in comunità, il sapere, il potere e quindi anche il reddito e il consumo. Il semplice livellamento coatto dei consumi, attuato con metodi politici e polizieschi, in permanenza ed anzi in allargamento dei differenziali di sapere e di potere sociale dovuti alla divisione sociale e tecnica del lavoro, è qualcosa di temporaneo e che non può riprodursi a lungo se non con forme di dittatura sociale e minoritaria.

    Caro Ercole, non autoescluderti.

  • simonlester

    Ma insomma, VOI chi siete?
    Chi vi ha mai visto?
    Che avete mai proposto?
    Chi vi ha votato?
    Avrei altre domande ma mi accontenterei di avere risposte a queste

  • nigel

    I Piddini sono soltanto delle demi vierges ( Reverso: “.. une jeune fille de mœurs libres mais toujours vierge..”). La cosa che li rende più odiosi è l’ipocrisia ben superiore a quella dei vecchi democristiani, ben coniugata ad una sfacciataggine che gli consente di sostenere con vigore l’esatto contrario di ciò che fanno. Hanno la fortuna di avere un apparato che alimenta interessi economici (che portano voti) e di contare sul consenso di una massa anencefalica che li vota “a prescindere”.

  • Roma

    Te lo dico io chi sono: dei KOMUNISTI! E l’ho scritto appositamente con la k per indicare la parte peggiore dell’ideologia komunista, appunto l’internazionalismo. Gente al soldo delle più potenti lobby giudaico-massoniche che hanno un unico obiettivo: ridurre tutto il mondo ad un indistinto (senza più razze, nè tradizioni, nè culture locali), campo di schiavi a disposizione dei potenti. Un mondo di schiavi tutti uguali e sottoposti al dominio delle elites e della burokrazia, un mondo di schiavi dove l’uomo è macchina, dove l’uomo non è altro che un fattore di produzione. Bleahhh…. GENTAGLIA!

  • jesskarton

    ercole: tutto muscoli e NIENTE CERVELLO

  • Petrus

    Sui muscoli avrei dei dubbi.

  • Ercole

    Caro Simonlester ,Il nostro programma non è elettorale….digita la parola INTERNAZIONALISTA e capirai chi siamo ,come agiamo , da quanto esistiamo :non posso raccontarti 70 anni di storia, e finalmente capirai la differenza tra IDEALISMO (alla quale quasi tutti voi appartenete )è MATERIALISMO STORICO e DIALETTICO.

  • Ercole

    Caro CEST la festa delle zucche vuote (halloween)ha preso piede anche in Italia :ma perchè la festeggi tutto l’anno?

  • Rumble_Fish

    Ma a nessuno passa per la testa che forse quel disegno di legge serve a prevenire derive autoritarie in seno alle forze politiche?

    Il M5S non potrebbe semplicemente adeguarsi agli standard previsti? Guardate che non mi sembra mica roba dell’altro mondo, al contrario, è ciò che ci si aspetterebbe dall’organigramma di un movimento che nelle proprie intenzione ha al primo posto quella di prendere la guida di una repubblica democratica, ovvero certificazione dei bilanci, istituzione di collegi sindacali, dichiarazione nello statuto delle norme per eleggere i dirigenti e la segreteria di partito etc. etc…

  • Georgejefferson

    Democrazia assoluta (attenta a rendicontare anche le caramelle) agli straccioni movimenti e oligarchia totale del “faccio quel che voglio” per i padroni non eletti (Troika).Giusto..e’equo,a nessuno viene in mente la giustizia (ferrea) oligarchica?

  • patrocloo

    Mi spiace ma, per quanto mi sforzi, non mi passa proprio per la testa.

  • Reginald_DeC

    Saranno pure certificati i bilanci dei partiti (sicuramente da Enti di certificazione operanti al di sopra di ogni sospetto, con etica irreprensibile e limpidissima), ma chi l’ha mai visto sui giornali uno di questi bilanci?

    E chi ha mai visto un bilancio dei sindacati?

    E chi ha mai visto un bilancio delle fondazioni, che non si sa perché ogni pirla di politico ha la sua ca**o di fondazione ma a che ca**o servirà mai ‘sta fondazione, mica a nascondere i bilanci?

    LADRI! Fuori la refurtiva!

  • Arazzi

    E’ da qualche tempo che sta gente parla di internazionalismo, cooperazione e altre minchiate. Sembra quasi che si sono dati il segnale tra loro per spammare il web con ste puttanate…

  • Rumble_Fish
  • Rumble_Fish
  • Rumble_Fish

    Cioè? Democrazia assoluta? faccio quello che voglio? Sai cosa significa “Trojka” e a chi è riferito quel temine in seno alla politica UE?