Home / ComeDonChisciotte / COLPACCIO DI JUNCKER: FINE DELLA SOVRANITA' ALIMENTARE, OGM PER TUTTI
14705-thumb.jpg

COLPACCIO DI JUNCKER: FINE DELLA SOVRANITA' ALIMENTARE, OGM PER TUTTI

DI ULRICH ANDERS

scenarieconomici.it

Il grosso vantaggio dell’UE per le lobby finanziarie e industriali è che è molto più facile influenzare un potere centrale che i singoli governi dei 28 paesi membri.

Le istituzioni europee soffrono di una cattiva immagine presso i cittadini europei (vedi Eurobarometer: fiducia nell’Unione Europea al 37% in UE, sfiducia maggioritaria in 14 paesi tra cui l’Italia). I centri di potere di Bruxelles e Francoforte sono visti come lontani dal popolo; controllati dalle lobby; indifferenti agli interessi e alle opinioni dei cittadini comuni; proni a quelli delle élite finanziarie; sbilanciati a favore dei grandi gruppi a scapito di piccoli produttori e aziende familiari o individuali.

Questi cliché sono stati ancora una volta confermati questa settimana in maniera ‘eclatante’ (cit. Renzi).

Il colpaccio di Juncker

Ieri infatti la Commissione guidata dall’ineffabile Juncker, noto amico dei piccoli contribuenti e feroce avversario delle grandi multinazionali che tentano di eludere il fisco, ha autorizzato l’introduzione in tutta l’UE di 19 OGM, senza attendere il parere di Parlamento e Consiglio europeo. L’autorizzazione vale 10 anni su tutto il territorio europeo e include gli Stati che si erano opposti.

Ovviamente sui giornaloni nazionali non troverete grandi titoli. Sopire, troncare.

Fonti riportate dal Figaro spiegano che il presidente Juncker era “ossessionato dalla quantità di richieste di autorizzazione di OGM bloccate” (dagli Stati membri, NdR). Bravo Juncker, è noto che i cittadini europei si torturano ogni giorno sul problema degli OGM bloccati.

UE batte Natura 2 a 0

Andiamo a vedere la lista degli OGM autorizzati da Juncker: sui 19 approvati, 17 sono per l’alimentazione umana e animale e 2 riguardano specie di garofani.

Ben 11 sono brevetti dell’americana Monsanto (soia, mais, colza e cotone), gli altri 8 sono prodotti della statunitense Dupont e dei gruppi tedeschi Bayer e BASF.

Tutto indica un’attenzione speciale delle istituzioni europee per gli interessi delle multinazionali a danno della biodiversità e della libera scelta. Ricordiamo infatti che sementi non incluse in una lista della UE sono vietate. Lista i cui criteri privilegiano le sementi industriali ed escludono varietà antiche e tradizionali. A riprova, associazioni senza fini di lucro che come Kokopelli promuovevano la biodiversità sono state punite con multe astronomiche e la cessazione dell’attività per aver diffuso semenze tradizionali secondo una sentenza della Corte Europea del 2012 (scusate il link estero ma non sono riuscito a trovare questa notizia da fonti ufficiali italiane). Una sentenza che rovesciava la posizione dell’Avvocatura Generale della stessa Corte Europea, la quale stimava che «il divieto di commercializzazione di sementi (…) è non valido in quanto viola i principi di proporzionalità e di libera impresa secondo l’articolo 16 della carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea, la libera circolazione delle merci secondo l’articolo 34 TFUE così come il principio di uguaglianza di trattamento secondo l’articolo 20 della detta carta».

Dunque la Corte ribalta il parere dell’Avvocatura e vieta le sementi tradizionali. Il terreno è pronto per la mossa successiva. E qui interviene Juncker, che motu proprio autorizza gli OGM su tutto il territorio europeo. Per salvare le apparenze i singoli stati potrebbero in teoria vietare gli OGM sul proprio territorio – ma solo se accettano la riforma proposta tre giorni fa (guarda caso) dalla stessa Commissione Juncker, che rende più facile l’importazione di OGM in Europa e allo stesso tempo permette ai singoli Stati di vietarle.

Divieti che però devono essere motivati in base a pericolo per salute e ambiente (rovesciando l’onere della prova sugli Stati!), sono sempre impugnabili (cfr. TTIP e le prerogative del suo Regulatory Council) e difficilmente applicabili in pratica, vista la libera circolazione delle merci e le ambiguità europee sull’etichettatura degli alimenti. Nulla impedirebbe di trovarci in tavola carne di maiale nutrito con soia transgenica in Germania o Polonia.

Poiché le multinazionali hanno tempi lunghi e costi elevati per dimostrare che gli OGM sono innocui (quando ci riescono), saranno gli Stati a dover dimostrare che sono nocivi, in barba al principio di cautela che dovrebbe regolare le questioni attinenti la salute e l’ambiente.

In sintesi, la nostra stessa sovranità alimentare è messa in pericolo dalla UE.

L’opinione dei cittadini UE

Ma vediamo cosa pensano i cittadini europei degli OGM. L’Eurobarometer n. 341 del 2010 (stranamente Eurobarometer non ha condotto nessun sondaggio sugli OGM dopo il 2010) vede una schiacciante maggioranza di cittadini europei CONTRARIA agli alimenti geneticamente modificati. A pagina 18:

“Un’elevata percentuale, 70%, ritiene che il cibo GM (geneticamente modificati) sia innaturale. Il 61% degli europei conviene che i cibi GM li mettono a disagio. Inoltre, il 61% degli europei è contrario allo sviluppo di alimenti GM, il 59% non è d’accordo che i cibi GM siano sicuri per la salute loro e della loro famiglia, e il 58% non è nemmeno d’accordo che gli alimenti GM siano sicuri per le generazioni future”.

Come al solito quindi:

  • Le istituzioni europee capitanate dall’ineffabile Juncker si fanno un baffo dell’opinione dei cittadini.
  • La Commissione si dimostra sempre molto attenta agli interessi delle lobby di grandi industrie e banche.
  • La Commissione può agire in maniera autoritaria e antidemocratica, se occorre.
  • L’informazione “ufficiale” oscura queste gravi vicende.
  • Il nostro governo è totalmente supino ai diktat europei, se non promotore attivo delle strategie delle lobby (Renzi: “Il Ttip ha l’appoggio totale e incondizionato del governo Italiano”).

Morale: dopo la sovranità monetaria l’UE ci farà perdere la sovranità alimentare.

Ulrich Anders

Fonte: http://scenarieconomici.it

Link: http://scenarieconomici.it/colpaccio-di-juncker-fine-della-sovranita-alimentare-ogm-per-tutti/

25.04.2015

Pubblicato da Davide

  • RenatoT

    fanculo gli OGM

  • albsorio

    Eh si quel dittatore di Putin ha detto no agli OGM… noi invece non sappiamo nemmeno ciò che mangiamo visto che non sono obbligati a dichiarare in etichetta se mangi OGM o no.

  • AlbertoConti

    Juncker, l’uomo-simbolo di questa UE, che
    non si può cambiare, si può solo autodistruggere "con infiniti lutti addotti
    agli europei". A meno che il popolo non si desti e abbatta questo osceno
    teatrino del finto bipolarismo, di ovvia matrice USA.

  • lucamartinelli

    Juncker, noto massone, ha solo sistemato un mattone utile alla costruzione del NWO, tanto caro al massone-agente Cia Napolitano. Intanto il popolo dorme o scrive su FB. I politici sono solo l’espressione del grado di civiltà e cultura dei popoli. E i popolo europei non sono tanto meglio degli Italidioti. Abbiamo solo quello che ci meritiamo.Buona domenica

  • Onilut

    Da Wikipedia: "(…) Va notato comunque che, anche se attualmente non ci sono colture OGM in Italia (se non a livello sperimentale), non significa che sia un Paese “OGM free”. Infatti la gran parte dei mangimi utilizzati negli allevamenti italiani (esclusi gli allevamenti biologici) è prodotta a partire da soia e mais geneticamente modificati importati da Stati Uniti, Canada e America Latina. L’Italia infatti produce solo l’8% della soia di cui necessita."

  • 1Al

    Ormai se si vuole evitare OGM non resta che prodursi da se tutto il cibo necessario. Chi non ne ha la possibilità, si deve rassegnare a mangiare questa merda americana.

  • brumbrum

    fino a quando lo permetteranno