Home / ComeDonChisciotte / CLAP AND JUMP PER RENZI
12938-thumb.jpg

CLAP AND JUMP PER RENZI

DI PIETRANGELO BUTTAFUOCO
ilfoglio.it

Oggi Matteo Renzi a Siracusa è andato in visita alla scuola elementare Raiti. Accolto al grido di “Matteo! Matteo!”, è stato poi omaggiato dalle voci bianche. Manco al Palasharp una cosa così.

Pubblichiamo il testo della canzone che è stato distribuito alle scolaresche, ai bidelli e agli insegnanti (e ai piritolli).

Qui parte la cantata “Clap and Jump” (al culmine dei battimani)

Pietrangelo Buttafuoco

Fonte: www.ilfoglio.it

Link: http://www.ilfoglio.it/soloqui/22164

6.03.2014

Titolo originale: “Orsù piritolli cantate tutti in coro (non lasciate da soli i bambini)”

Pubblicato da Davide

  • brumbrum

    brrrrrrrrrrrrrrrr!!!!!!!!!

    Spero solo che sia un fake
  • Penta

    Non c’è nulla di strano: nell’inno nazionale non c’è forse la frase "I bimbi d’Italia si chiaman Balilla"?

  • Tao

    Beppe Grillo sul blog: “Matteo Renzi sembra Mussolini con i Figli della Lupa. Le elezioni? A Novembre

    “La scena del Venditore di Pentole che incontra i bambini delle elementari Raiti di Siracusa che lo ricevono allineati e addestrati con un coretto di benvenuto per concludere con ‘Matteo! Matteo! Matteo!’ ricorda, in peggio e in grottesco, gli incontri di Mussolini con i figli della Lupa”. Cosi’ Beppe Grillo sul blog commenta la visita di oggi del premier nella scuola di Siracusa. [www.huffingtonpost.it]

    Attacchi e premonizioni, il leader M5s vede vicine le elezioni: “Dato lo stato di questo governo – scrive sempre sul blog – in cui un conduttore televisivo ha sostituito Letta, le elezioni potrebbero essere più vicine di quanto si pensi. Forse già a novembre, l’economia sta andando a rotoli e la crisi non aspetta”. Futuro che secondo Grillo è a tinte fosche: “Che – dice – sia a novembre o a primavera 2015, andremo alle elezioni con una legge elettorale per la camera, il pregiudicatellum, e una per il senato, il consultellum, la versione modificata del porcellum dopo le osservazioni della corte costituzionale”.

    Leggi il post sul blog di Beppe Grillo [www.beppegrillo.it]

    Il pregiudicato e il condannato in primo grado, Berlusca&Renzie, devono portare a casa il risultato della legge elettorale a qualunque costo. E la politica del dire senza fare o far finta di fare o non fare un cazzo. I due sono specialisti nell’arte di contar frottole. Renzie :”Ce la facciamo, la portiamo a casa. E sarà una vera rivoluzione”. La legge elettorale sarà fatta solo per la Camera, il Senato è escluso perché, a detta loro, comunque sarà eliminato. Se, quando e come non lo sa nessuno. Per eliminarlo bisogna cambiare la Costituzione, quindi alle calende greche. Dato lo stato di questo governo, in cui un Conduttore Televisivo ha sostituito Letta, le elezioni potrebbero essere più vicine di quanto si pensi. Forse già a novembre, l’economia sta andando a rotoli e la crisi non aspetta. Che sia a novembre o a primavera 2015, andremo alle elezioni con una legge elettorale per la Camera, il Pregiudicatellum, e una per il Senato, il Consultellum, la versione modificata del Porcellum dopo le osservazioni della Corte Costituzionale. Il Pregiudicatellum di Berlusca&Renzie non tiene conto delle osservazioni della Corte sul Porcellum, la mancanza di preferenze e l’abnorme premio di maggioranza. Berlusca&Renzie non vogliono le preferenze, così possono nominare i servi che vogliono e vogliono mantenere il premio di maggioranza. Visto così il Pregidicatellum è incostituzionale così come lo era il Porcellum. La Corte, con i suoi tempi, lo casserà certamente, magari tra sette anni e due elezioni. Di fronte a questo scempio istituzionale in cui la legge elettorale è diventata solo marketing per gonzi non si ode alto e forte il monito del Colle che ha sempre osteggiato il premio di maggioranza del Porcellum, ma quello del Pregiudicatellum invece è ottimo e abbondante. Renzie è stato messo lì per fare campagna elettorale permanente per le europee. Dice cose, vede gente e rompe i coglioni alle scolaresche in mondovisione. La scena del Venditore di Pentole che incontra i bambini delle elementari Raiti di Siracusa che lo ricevono allineati e addestrati con un coretto di benvenuto per concludere con “Matteo! Matteo! Matteo!” ricorda, in peggio e in grottesco, gli incontri di Mussolini con i figli della Lupa.

    Fonte: http://www.huffingtonpost.it [www.huffingtonpost.it]

    Link: http://www.huffingtonpost.it/2014/03/05/beppe-grillo-matteo-renzi-benito-mussolini_n_4903955.html?utm_hp_ref=italy [www.huffingtonpost.it]

    5.03.2014

  • Gariznator

    I bimbi d’italia si chiaman Balilla…. FASCISMOOOOO!!11!! Cosa dovremmo capire dal tuo commento? Cerca su wikipedia balilla (c’è sicuramente e ricorda che l’inno italiano è stato scritto quando il dooce non era nemmeno nato, nè tantomeno pensato, ok?)
    A me queste accoglienze rendono antipatica la popolazione, come quando era andato grillo in sicilia. È risaputo che quello è lo stile dei siciliani (e anche un po’ dei sardi, almeno in alcune zone): grandi feste, grandi "leccate" e poi continuano a farsi i catzi propri… Quindi è questo ciò che vedo, il solito comportamento del tipo di folla più odiosa che ci sia, i falsi entusiasti e smodati leccaculo. Chiaramente non parlo dei bambini, mi riferisco a tutti gli adulti coinvolti.

    Al caro Penta suggerisco di studiare e pensare più a fondo. E occhio al fascismo che è sempre in agguato! Ah no, c’è già, ma meglio pensare alle minchiatine… Non mettere mai una camicia nera, non dire mai "me ne frego", non riconoscere mai ciò che di buono ha fatto il fascismo perchè poi potresti diventare fascista, è un virus virulento e stronzo, quasi quanto quello che ci sta rendendo tutti culattoni…

    Buona giornata

  • antsr

    Non so da quale parte lei scrivi, ma leggo che cade come tanti nella critica sterotipata, becera e ignorante di tanti, che non conoscono i cambiamenti avvenuti al sud e a Siracusa. Intanto, per quel giorno ci sono state delle proteste nella città cosa che non hanno fatto ne vedere, ne sentire solo qualche giornale locale e su fb è stato riportato con tanto di foto. Inoltre è da anni che qui i renziani, in minoranza, attaccano la segretaria e fanno intervenire il Pd regionale e nazionale (forse anche x questo Renzi giungeva). E qui con una grande zona industriale, agricoltura il giro di interessi è grande e anche internazionale (le raffinerie sono state comprate dalla Lukoil russa). Tutto quello che scrivo è solo x amore della verità, perchè alla fine non sono di siracusa e neppure del Pd.

  • Simec

    peggio del fascismo…

  • Gariznator

    Stereotipata una cippa, mi permetta, ma quelli che hanno scritto la canzonetta cosa sono se non esponenti di quel tipo di popolo che ho indicato. Non mi chiamo certo fuori, ma è prassi in molti posti leccare il culo a tutti i candidati e poi fare il comodo proprio. Con renzi è lo stesso, canti e balli e poi ognuno fa ciò che vuole. Se per lei questo è una critica becera e stereotipata faccia come crede. Dico solo che la venuta di renzi non è assimilabile a mussolini, al limite ricorda berlusconi. E cmq è vero, il popolo fa così e in particolare al sud, questi son fatti e non stereotipi. Se poi c’erano manifestazioni è un altro fatto, ma io parlavo della stronzata della canzone vomitevole fatta cantare ai bambini… Legga bene ciò che ho scritto

  • Gariznator

    Ma che dici? Se avessimo qualcuno con le istanze (buone) del fascismo ti sembrerebbe lo zucchero. Questi non hanno palle e non hanno amore per la patria, pensano solo a se stessi. Se per te il fascismo è tanto terribile vai a farti saltare a bruxelles è là che si annida il nuovo fascismo che è molto, ma molto più brutto del vecchio…

  • boemo66

    A parte il testo (mi auguro scritto da innocenti pargoli) é il "casualissimo" titolo in inglese (applaudi e salta per Renzi), che dovrebbe far riflettere. Fosse stato applaudi e salta CON Renzi avrei accettato un pò meglio questa buffonata degna di un Bush jr cerebroleso. Peccato che è quel "PER Renzi" che mi mette agitazione. Attenzione che quando si salta e si applaude PER e non CON qualcuno siamo sulla strada di non ritorno. Il plagio del futuro suddito inizia dal grembiule e il fiocco. Occhio gente! Chi ha votato questa piccola serpe secondo me ne vedrà delle belle.

  • dana74

    la scuola è solo un centro di addestramento e plagio al soldo del politically correct, vedi le favole gay che si devono subire i BAMBINI

    E la chiamano educazione.
  • dana74

    @ Penta, tranquillo, siamo tutti piccoli YANKEE, quindi "dalla parte giusta della storia"

  • boemo66

    La scuola è quel posto che ti tiene lontano e al sicuro da parole come capacità di critica, pensare con la propria testa, autodeterminazione. Un posto dove l’inutile diventa obbligatoriamente utile. Dove TUTTI devono pensarla allo stesso modo e guai a te se hai idee e opinioni. ‘Guai a te se sgarri, povero sciocco alunno. La vita è questa qua dentro, non quella fuori’. Te lo ricorda bene il Preside quando osi uscire dall’orto. Che si fotta la scuola con i suoi metodi e le sue imposizioni dittatoriali. Che si fottano quegli insegnanti che si spacciano per mentori indicandoti cosa è giusto e cosa non lo è. Sia invece lode a quei pochi, pochissimi che dell’insegnamento hanno fatto tesoro: ascoltando cosa avevano da dire i propri alunni.

  • ottavino

    Dovevano accoglierlo tutti vestiti con il chiodo e i capelli impomatati.

    E poi dovevano cantare la sigla di "Happy days"
  • uomospeciale

    Che carini! Mi fanno venire in mente un’altra canzoncina:
    "meno male che Silvio c’è"
    di berlusconiana memoria.
    Inutile!…….. La dignità personale prima ancora che sociale o collettiva un popolo o ce l’ha,
    ( e in quel caso è veramente un popolo e una nazione ) oppure non ce l’ha
    ed  in quel caso non è neppure un popolo  o una nazione come appunto si è ridotta ad essere l’Italia.

  • Maxim

    Roba da Corea del Nord

  • Jor-el

    yes, we are. 😉