Home / ComeDonChisciotte / CHI E' MAX STIRNER ?
11846-thumb.jpg

CHI E' MAX STIRNER ?

DI GIANLUCA FREDA
Blogghete !

Che sul blog di Grillo la libertà d’espressione fosse una farsa è cosa che noi tutti già sapevamo. Personalmente non reputo la censura in un blog – anche se massiccia – una mancanza grave. Tutt’altro. Io stesso l’ho praticata spesso su questo sito. A maggior ragione essa è la benvenuta in un blog legato ad un movimento politico, che deve giustamente tutelarsi dai sabotatori ed imporre ai propri seguaci una linea il più possibile solida e coerente: come ben sanno coloro che hanno militato nei pagliacceschi movimenti “democratici” e “pluralisti” dei passati decenni, un’organizzazione in cui ognuno dica la sua e che non sia gestita con metodi fortemente autoritari non va mai molto lontano. E fin qui Grillo sarebbe perfettamente giustificabile.
Quello che è triste è che questo giusto autoritarismo debba nascondersi dietro pacchianissimi slogan “democratici” e “populisti”: triste, ma ancora tollerabile, visto che le masse ti seguono soltanto se riesci a prenderle per il culo con i metodi appropriati e che dal loro abbindolamento nessun movimento rivoluzionario può prescindere.
Quello che è triste e intollerabile è che dietro questa gigantesca – e per certi versi meritoria – presa per i fondelli del popolastro, non ci sia nemmeno l’ombra di un’idea politica di carattere nazionale/rivoluzionario degna di questo nome. Solo rifrittura di luoghi comuni e autentiche idiozie, pericolosamente simili a quelle che in passato hanno infiammato le varie “rivoluzioni colorate” di marca statunitense sparse per il globo.

Quello che è triste e che – se vero – sarebbe piuttosto sconcertante è ciò che mi racconta, nella missiva che segue, una lettrice che si firma con nome e cognome (i cui dati ho modificato per non renderla riconoscibile). E cioè che il “seguitissimo” blog di Grillo sarebbe in realtà una piattaforma creata allo scopo di mantenere i rapporti tra Casaleggio (che interviene spesso sul blog con vari pseudonimi, tra cui quelli di Max Stirner, di Prometeo e altri ancora) e i meetup, impartendo a questi ultimi direttive precise, fornendo informazioni in codice su tempi e luoghi di convocazione dei membri, su riunioni con i responsabili locali e così via; e che gli utenti del blog, apparentemente numerosissimi, sarebbero in realtà un ristretto numero di amministratori che si firmano con diversi pseudonimi, “orientando” in tal modo – nonché attraverso la massiccia censura – le discussioni sugli interventi di Grillo.

Pubblico qui di seguito la mail della lettrice e una crestomazia di suoi interventi sul blog grillesco, affinché ciascuno possa farsi un’idea.
(GF)

Fonte: http://blogghete.altervista.org/
Link: http://blogghete.altervista.org/joomla/index.php?option=com_content&view=article&id=916:chi-e-qmax-stirnerq&catid=25:politica-italiana&Itemid=44#comments
8.06.2013

Mi sono avvicinata al Blog di Beppe Grillo piena di fiducia nel movimento e nell’intento di comprenderne meglio le dinamiche e la natura. Leggendo i commenti ad un post di Grillo in cui si trattava delle mail trafugate ad una parlamentare del m5*, mi sono resa conto delle ragioni che spingono molte persone a lasciarsi abbindolare: e cioè l’abitudine di basarsi sul pregiudizio nel formulare un’opinione, anziché su dati oggettivi. Così ho inserito un commento in proposito (1). A questo commento un certo Max Stirner ha risposto insultandomi. Ho inserito allora un ulteriore commento nel quale lo invitavo sgarbatamente ad argomentare la propria opinione al riguardo (2), senza ottenere alcuna risposta. Qualche giorno dopo casualmente, mi sono imbattuta in un commento di Max Stirner (3) e notando un’incongruenza che confermava quello che avevo scritto nel mio primo commento, lo ho nuovamente sfidato a portare delle argomentazioni. Questa volta il tipo mi ha risposto e la discussione è andata avanti per un paio di giorni (qui ne riporto solo una parte). Alla fine però ha prevalso l’impressione di avere a che fare con un soggetto che, curiosamente, appariva del tutto incapace di ragionare, così ho lasciato perdere.
Ho continuato a frequentare il Blog, rendendomi conto che in realtà la maggior parte dei commenti presenti venivano inseriti da relativamente pochi nick name (Luca M che credo sia il coordinatore, Danila R, mi sento responsabile, Paolo est, Nike e altri facilmente identificabili), che di tanto in tanto si davano appuntamento in una sorta di bar virtuale (4), scambiandosi saluti demenziali che avevano tutta l’aria di parole d’ordine, e talvolta nominavano un certo “Prometeo”.
Ho pensato si trattasse dello staff del Blog. Mi sono poi resa conto che il commento (assurdo) di Max Stirner veniva inserito quotidianamente e si trovava spesso tra i commenti più votati nonostante non fosse il genere di commento che solitamente si trova in quella categoria, pur essendo spesso privo di commenti e comunque mai di commenti dello staff del Blog, che invece interveniva asserendo “E’ uno di noi!”, ogni qualvolta qualcuno domandasse chi fosse (5).
Ho pensato che dietro Max Stirner si celasse un pezzo grosso del Movimento 5 stelle o perlomeno del Blog di Beppe Grillo, così ho colto l’occasione di un post pubblicato da Beppe Grillo (“Diritti acquisiti”) per chiedere chi fosse Max Stirner (6). Lo staff del Blog è intervenuto con minacce e intimidazioni, così ho inserito un ulteriore commento (7) al quale lo staff ha reagito insultandomi. Ho inserito ancora un commento (8) al quale lo staff ha reagito insultandomi nuovamente. Nel commento che ho inserito successivamente (9) lo staff mi forniva indizi sull’identità di Max Stirner e cercava al tempo stesso di convincermi a demordere. Ho inserito poi un commento (10) nel quale è intervenuto lo stesso Max Stirner. L’ultimo commento che ho inserito era una richiesta di conferma dell’idea che mi ero fatta sulla base di tutti questi indizi:
Casaleggio? (11)…
A questa domanda nessuno ha risposto, ma in compenso sono stata bannata dal blog. Allora ho telefonato ad un amico, chiedendogli di iscriversi e inserire un nuovo commento (12), ed ho notato che il commento cominciava a ricevere un gran numero di voti. Probabilmente gli utenti del Blog, andando a ritroso, capivano cosa stava succedendo. Ben presto il commento è stato rimosso, assieme alla maggior parte dei commenti ad esso collegati , non solo miei, ma anche degli stessi membri dello staff e di utenti che commentavano o meno la situazione. Sono stati quindi cancellati praticamente tutti i commenti del pomeriggio del 23/05 nell’intervallo tra le 15.46 e le 20.22. Il giorno seguente ho creato un nuovo indirizzo di posta attraverso gmail ed ho inserito un nuovo commento (13) assumendo l’identità di Paolo Conte.
Sono stata immediatamente cancellata e bannata di nuovo, così come altre persone alle quali avevo raccontato l’accaduto e che hanno provato a chiedere spiegazioni sul Blog. In seguito a questo ultimo commento da me inviato, i commenti eliminati quel pomeriggio del 23/05/2013, sono stati rimpiazzati da una sfilza di commenti fasulli. Anche Stirner è improvvisamente rinsavito dalla sua follia. Questo per dirti insomma che si sono spaventati ed hanno mischiato le carte.

Ho notato che il post di Grillo ed il commento di Casaleggio pur trattando solitamente lo stesso argomento, sono le 2 facce della stessa medaglia: dicono cioè la stessa cosa, ma in modo diverso, rivolgendosi così a due tipi diversi di elettorato… il partito unico?
Penso che il Blog sia il luogo dal quale vengono impartiti gli ordini da Casaleggio e Grillo ai meetup e ai parlamentari che, viceversa, richiedono istruzioni agli stessi (vedi commento di Stirner sotto [14] e raffrontalo con la mail intercettata e diretta ai parlamentari del movimento 5 stelle http://www.finanzaonline.com/forum/arena-politica/1518786-ecco-le-linee-guida-della-fase-2-di-comunicazione-del-movimento.html).
C’è ancora molto da analizzare e verificare, cliccando sul nick name di Alex Scatamassi ad esempio, dove ti colleghi? Io non ho potuto assodarlo…

Allego un link che si riferisce alcuni commenti censurati dal Blog, dal quale ho recuperato alcuni dei miei, ma non so quanto ci sia da fidarsi, perché è stato pubblicato da quello che io ritengo un falso troll, Maurizio Cetra e anche perché mancano la maggior parte dei commenti, alcuni dei quali essenziali…. http://nocensura.eusoft.net/

Allego anche altri link che forse spiegano la situazione….. Ciao!
http://www.youtube.com/watch?v=dZX7gDRzG28
http://www.youtube.com/watch?v=L-VtltpN_RQ
http://www.youtube.com/watch?v=Fjai4PlbfCs

Continua QUI

Pubblicato da Davide

  • sm

    casaleggio mi e’ sempre sembrato un eroinomane freddo e spietato e se e’ il famoso max puzza anche di setta satanica

  • Sokratico

    Che articolo idiota…

    Tutto un “e allora ho capito…”, “da qui ho intuito…” ma di fatti ce ne sono?

    Sì, questi:
    questo signore fa l’analisi stilistica di un nickname a cui attribuisce un’identità (con quali prove?) e martella il blog da bravo troll (nick plurimi, post ripetitivi copia-incollati, etc.) e poi mostra sdegno perchè viene bannato!

    Uh, che inchiesta giornalistica inquietante! continuate così…fremo dal desiderio di sapere quando entra in scena Goku di Dragonball…

  • radisol

    Ma quale eroina e quale setta satanica ? Casaleggio si richiama all’anarchico Max Stirner sin dai primissimi anni settanta, quando bazzicava coi commontisti di Faina ( c’era anche Paolo Becchi ) … non so con certezza se il nick Max Stirner sia lui, a pensarci bene mi sembra cosa plausibile, anche per i precedenti che dicevo …. ma dove sarebbe lo “scandalo” ? Casaleggio è di tradizione anarchica e forse si firma con un nick che richiama da un anarchico …. di che minkia stiamo parlando ?

  • totalrec

    e poi mostra sdegno perchè viene bannato!

    Ma l’hai letto l’articolo?

    Non si sono limitati a bannarla, hanno anche cancellato decine e decine di commenti postati nell’arco di 5 ore da tutti gli utenti del blog (amministratori compresi) riguardanti la questione dell’identità di questo enigmatico “Max Stirner” (alias Casaleggio?).

    (GF)

  • clausneghe

    Totalrec, ma non hai argomenti più “concreti” che non siano questi banali cinguettii della trollessa frustrata al limite della paranoia,per attaccare Grillo Casaleggio e il moVimento? Non ci fai una grande figura con sto gossip blogghete,eh,eh.. E poi, io il Blog di Grillo lo frequento e ci scrivo da anni, se è per questo, ma a ste sottigliezze non c’avevo mai fatto caso. Quello che ho notato è il numero di Troll in continua,ostinata ascesa,come amebe intente a demoliro,il Blog, di quello sì me ne sono accorto.

  • Fedeledellacroce

    Mi hai fatto ridere Gianluca e blogghista bannata.
    Certo che questi 5 Stelle sono davvero pericolosi. Una setta che a quanto pare si dedica a sacrifici umani.
    Caro Freda, ma vai a lavorare che questi articoli sono inutili.

  • Terence

    Lasciate stare Gianluca, sta passando una grave crisi politico-esistenziale.
    Speriamo non sfoci nel relativismo.
    Ci sarebbe bisogno di un totale cambio di paradigma.

  • Fernesto

    Brutta mossa Gianluca Freda criticare il grillismo . Adesso ti assaliranno in massa accusandoti di ogni . Perchè sai , loro si sentono dei rivoluzionari…. loro lottano contro la Caaasstaaa… ma come ?!?!? echeccazzo , adesso arrivi tu e magari gli dirai pure che non si è mai visto CheGuevara dire a Cienfuegos “tieniti segnati tutti gli scontrini perchè un vero rivoluzionario si vede dalle pezze d’appoggio”.. no , G.F. , ascoltami , troppo rischioso… rischi l’assalto da parte di uno sciame di grilli indignati !!

  • RicardoDenner

    Ottima l’introduzione all’articolo..
    Più si scava in Grillo..e più non si rinviene niente..
    Il movimento sembra fatto apposta per scaricare nel vuoto i possibili colpi del popolo alle istituzioni..
    Cioè..se non c’era andava inventato..da chi comanda..ovviamente..

  • rebel69

    , mi sono resa conto delle ragioni che spingono molte persone a lasciarsi abbindolare: e cioè l’abitudine di basarsi sul pregiudizio nel formulare un’opinione, anziché su dati oggettivi.
    Far credere a qualcuno nella genuinità del movimento è come rubare le caramelle ad un bambino,non siamo abituati ad essere obbiettivi e non abbiamo la maturità di ammettere che quello in cui abbiamo creduto magari nella realtà non è quello che ci hanno voluto far credere
    Quello che è triste e intollerabile è che dietro questa gigantesca – e per certi versi meritoria – presa per i fondelli del popolastro, non ci sia nemmeno l’ombra di un’idea politica di carattere nazionale/rivoluzionario degna di questo nome. Solo rifrittura di luoghi comuni.
    Concordo,ma poi alla fine credo che bisogna guardare i fatti con pochi giri di parole.Poteva fare qualcosina in più il movimento come primo partito Italiano?
    È un po che seguo questo blog e mi considero uno dei più ignoranti,leggo articoli e soprattutto commenti che mi arricchiscono come persona,ma quando si tratta di Grillo leggo certi commenti ostinati e privi di logica che non sono tipici di CDC.

  • totalrec

    Peggio sarebbe se sfociasse nell’integralismo imbecille, che a quanto pare caratterizza il 99,9 dell’umanità e degli utenti web. Io mi sono solo stufato di parlare troppo spesso con gli imbecilli per via telematica, se ti piace chiamare questo “crisi politico-esistenziale”, devo dire che è una gran bella denominazione. Con lo 0,1 di persone raziocinanti preferisco ormai parlare di persona.

    (GF)

  • maristaurru

    Bene, vedo che l’antiberlusconismo sfegatato è stato sostituito dall’antigrillismo. Certo che senza mordere un osso alcuni non ce la fanno a campare. Ho frequentato a lungo il blog di Grillo, ho criticato alcuni suoi post, con quel Max Stirner ho avuto qualche scontro, chiunque sia, non sembra simpatico Mi hanno perseguitato per questo ? No. Probabilmente perchè me ne sono infischiata. Sembra che alcuni vivano delle vite su mondi paralleli , simili, ma non questo in cui vivo io. Anche la storia dei commenti che scompaiono, ho l’impressione che non si abbia presente un blog con migliaia di commenti quale lavoro comporti. Malati di protagonismo? temo che anche noi blogger alla fine diventiamo un po’ narcisisti, scommetto che Max Stirner o chi per lui non ricordava già allora il mio nome, e immagino sia così anche per la blogger che tanto si lamenta, e non per chi sa quale motivo, ma perchè specie in passato si era talmente in tanti.. prova a orientarti fra 2 o 3 mila commenti! ma siamo seri , che motivi per esserlo ce ne sono tanti!

  • pantos

    raramente sono riuscito a scrivere i miei post graffianti sul blog di grillo, causa censura, e se queste supposizioni sono vere sarebbero quantomeno eloquenti. anzi, devo ringraziare lo staff dei censori di grillo perchè le loro censure mi hanno risparmiato una bella denuncia penale per diffamazione di Re Giorgio Napolitano.

  • lucamartinelli

    condivido.

  • totalrec

    con quel Max Stirner ho avuto qualche scontro, chiunque sia, non sembra simpatico Mi hanno perseguitato per questo ? No.

    Hai anche provato ad ipotizzare che dietro il suo pseudonimo si nasconda Casaleggio? E a fare delle ipotesi sulla funzione dei suoi post (apparentemente senza capo né coda) all’interno delle varie “discussioni”? Perché è di questo che si sta discutendo.

    (GF)

  • totalrec

    “Trollessa frustrata” sarai tu, che ti nascondi dietro uno pseudonimo. L’autrice della mail – come ho scritto nell’articolo – si firma con nome e cognome, come pure il sottoscritto è abituato a fare.

    (GF)

  • lucamartinelli

    La repressione dipende dal momento. Quando “diffamavo” io re Giorgio non si correvano rischi perchè nessuno della casta faceva caso a Grillo. Parlo di 5-6 anni fa. Anche su CdC ho “diffamato” il grande capo e non mi è successo nulla. D’altra parte è difficile contestare gli scritti del tempo di guerra dove Napolitano si rivelava filo-nazista. Non è diffamazione segnalarlo agli italiani. Ricordare che il suo mentore politico era Giovanni Amendola, noto liberale-massone, non è diffamazione. Che fu presentato al Pci nei primi anni 50 da Renato Mieli, finto comunista e agente dell’Oss non è diffamazione: è la verità. Ciao

  • No_Fear87

    Leggendo l’articolo, e degnarsi pure di leggere i commenti della tizia e di Stirner, lo si capisce chiaramente chi è…E’ un’illuminato.

  • clausneghe

    Totalrec,mi ricordo che a un mio commento dove dicevo che la Ri-evoluzione del moVimento è un ibrido tra la Russa la Francese e la Yppje ma senza ghigliottina o garrota, tu mi rispondesti con un’ironico cinico “Peccato,proprio adesso che cominciavate ad essermi simpatici”.. Per dire il personaggio. E cmq lo sanno tutti sulla rete e ancora meglio lo sa Google che Clausneghe è Claudio Negrioli. E allora? Ciao e riguardati il fegato.

  • totalrec

    Tu riguardati la sintassi. Questa tua risposta, tra apostrofi indebiti, prestiti dall’inglese mal trascritti, punteggiatura casuale e nonsense contenutistico, è del tutto incomprensibile. Si capisce soltanto che sei un grillino punto sul vivo e dunque un po’ nervoso. Un grillino con nome e cognome, questo va riconosciuto.

    (GF)

  • gianni72

    molto molto interessante, soprattutto quando max stinner dice che c’è un piano A per prendere il potere attraverso le elezioni, e c’è Anche un piano B. A dirle il vero sono mesi che dico che dietro il m5s ci siamo Soros e le sue rivoluzioni colorate, però non credevo funzionassero così i vari blog dei sedicenti “attivisti umanitari” sparsi in quei paesi dove si vogliono cambiare i governi. Perchè è ovvio che seguono un clichè bene definito, dal momento che funziona perchè cambiarlo. Si imparano sempre nuove cose…..

  • clausneghe

    Sì,sì, Maestrino dalla penna rossa, mi riguarderò la sintassi e pure sta minchia,magari… Grillino? Guarda che i grilli, io li usavo come esca per i boccaloni, sai quel pesce che si chiama persico trota..eh,eh (punteggiatura sbagliata? ecchisenefrega, è da un bel pezzo che ho mollato le squole…signor Maestro, mi scusi..

  • totalrec

    Figurati. E’ solo per far notare che razza di fauna analfabeta segua Grillo e il suo blog. E di conseguenza, quale livello di consapevolezza politica costoro siano in grado di esprimere.

    (GF)

  • brezzarossa

    Indubbiamente Max Stirner – Casaleggio ha condizionato il 25% dei votanti ed ha sicuramente un piano B nel caso i suoi ricciolotti perdessero tono ed un piano C in grado di fargli crescere una barba degna di questo nome….

  • Georgejefferson

    Veniamo al dunque,oltre al Gossip

    Due commenti del Max Stirner (Alias)
    interessanti

    http://www.beppegrillo.it/2013/06/il_debito_pubblico_va_ristrutturato_0.html#page_2

    COSì SCRISSI NEL 2011

    L’USCITA DALL’€ DELL’ITALIA E IL SUICIDIO DI MASSA DEI LEMMING: UN MITO ADEGUATO ALLA SITUAZIONE

    È nozione comune che i lemming commettano un suicidio di massa durante le migrazioni (MIGRARE DALL’€ ALLA £.
    il suicidio dei lemming è una metafora assai usata per riferirsi a persone che seguono acriticamente l’opinione più diffusa, con conseguenze pericolose o addirittura fatali
    AL SONDAGGIO HO RISPOSTO NO ALL’USCITA DALL’€ E QUESTE SONO LE SPIEGAZIONI DEL PERCHE’ NON SI DEVE ASSOLUTAMENTE USCIRE.

    L’euro dovrebbe essere la base di una costruzione politica adeguata alla situazione mondiale, che vede il pianete suddiviso ormai in grandi gruppi: U.S.A., CINA, INDIA, RUSSIA, BRASILE, EUROPA.

    Tutto ciò che è rimasto fuori da questi grandi accorpamenti, salvo piccolissime enclave, SOFFRONO DI “NANISMO” e credo saranno costrette ad accorparsi per aree omogenee. La dimostrazione di questo principio sta anche nella necessità italiana di ELIMINARE LE PROVINCE, ovvero accorpare territori per aree omogenee.

    Ritornare agli Stati nazionali determinerebbe la fine dell’Europa e quindi, a maggior ragione, degli Stati europei con le loro monete nazionali. La soluzione del problema consiste nel consolidamento dei titoli in mano agli enti,agli istituti e ai cittadini italiani per 15 anni al tasso dell’1%, conservando inalterate le condizioni per i titoli detenuti da enti e cittadini stranieri. Inoltre, se ogni Stato europeo portasse all'”AMMASSO” i propri titoli, sarebbe sufficiente che gli Stati maggiormente debitori rispetto ad altri, sottoscrivessero a favore di un fondo apposito dell’Unione Europea titoli di debito, della quantità sufficiente per andare a pareggio con gli Stati meno indebitati. Questi titoli a pareggio potrebbero avere una scadenza ventennale al tasso dell’1% e essendo detenuti dal Fondo Europeo appositamente creato, non creerebbero problemi a nessuno Stato, compensando le varie differenze d’indebitamento.

    Max Stirner 08.06.13 22:40|

    _______________________________________________________

    COSI’ SCRISSI NEL PRIMI MESI DEL 2012

    PER TUTTI E PER NESSUNO

    Chi entra ed esce da una banca mantiene intatta la sua dignità soltanto se entra per ottenere un servizio, oppure per chiedere denaro, ma travisato da una calzamaglia sul viso e un’arma in pugno. Per qualsiasi altro motivo si entri in banca, quando si esce si ha perduto una parte della propria dignità.

    TUTTO CIO’ PREMESSO

    Privatizza…, nazionalizza…, privatizza…, nazionalizza, è l’antico gioco per privatizzare il tesoretto e poi nazionalizzare il disastro, sintetizzato nel “PRIVATIZZARE I GUADAGNI e NAZIONALIZZARE LE PERDITE”

    NAZIONALIZZARE LE BANCHE; GIUSTO! PRIMA PERO’…
    Prima ognuno paghi ciò che gli spetta! Hanno ottenuto 900 miliardi all’1% e con questi hanno comperato titoli di stato al 5/6%, venendo meno alla loro funzione di banche?

    ALLORA SI PROCEDA NEL SEGUENTE MODO:

    1) VENGANO CONSOLIDATI TUTTI I TITOLI DI STATO PER 15 ANNI AL TASSO DELL’1% (lo stesso che le banche hanno ottenuto dalla BCE, quindi tasso equo)

    2) VENGANO ESAMINATI I BILANCI DELL’ULTIMO TRIENNIO DELLE BANCHE PER VALUTARE EVENTUALI “scheletri nell’armadio”

    —————- SOLO DOPO ————

    3) VENGANO NAZIONALIZZATE LE BANCHE AL VALORE DI BORSA, PER QUELLE QUOTATE E DI BILANCIO PER QUELLE NON QUOTATE.

    4) LE AZIONI E LE QUOTE SIANO PAGATE CON TITOLI DI STATO A 15 ANNI AL TASSO DELL’1%

    —————- NON DEVE ESSERE UN ESPROPRIO—–

    SOLO COSI’ SI SARA’ NAZIONALIZZATO PAGANDO IL GIUSTO, OVVERO LO STESSO INTERESSE CHE LE BANCHE HANNO PAGATO PER I MILIARDI DELLA BCE, OVVERO I NOSTRI SOLDI!

    Chi avesse altri suggerimenti in merito, è pregato di aggiungerli al commento, facendo suo.

    Max Stirner 08.06.13 22:47|

  • gianni72

    grazie georgejefferson, Anche questo molto interessante

  • clausneghe

    Grazie, ma finiamola qui altrimenti diventa frame (si scrive così,vero?) Ciao e statti bene.

  • Georgejefferson

    Mario Draghi.Conferenza stampa…… L’assenza di un crollo deflazionistico nell’Eurozona e i recenti guadagni dei mercati azionari solo la prova che la mia gestione ha funzionato… Confermo che il creare le condizioni per cui le aziende del sud Europa abbiano accesso a crediti a tassi minori è un progetto a lunga scadenza

    Fonte Barnard

  • Fedeledellacroce

    Miao…
    Ma GF starebbe per Gran Fratello?
    Guardia di Finanza?
    Giovane Fauno?
    Se invece sta per Gianluca Freda, allora approfitto….. Con le due righe che hai appena scritto qui sopra, sottolinei, anzi URLI, il tuo giudizio prevenuto e in malafede sul M5S.

    marco corsetti
    P.S. non ho votato neanche quest’anno.

  • totalrec

    “Prevenuto”?

    Ma sono rimasto solo io, in questo paese, a saper leggere e scrivere?

    (GF)

  • makkia

    E tu hai letto il commento?

  • makkia

    Mah, non li trovo così deliranti… che la trollina amica di Freda abbia il dentino avvelenato non c’era dubbio. Forse “senza capo né coda” ci potrebbe essere proprio l’articolo principale.

  • totalrec

    Sì, l’ho letto, purtroppo.

    E’ scritto da uno che, oltre a non saper scrivere (e chi non sa scrivere, per la mia esperienza, non sa nemmeno pensare) non capisce nemmeno quello che legge.

    Non ha capito che il punto della questione non è il ban comminato ad un’utente, bensì il fatto che un intero pomeriggio di commenti sul blog (con post appartenenti a tutti gli utenti intervenuti, amministratori compresi) sia stato cancellato per mettere a tacere la discussione su un argomento specifico (l’identità di Max Stirner).

    Non ha capito che i post cancellati sono stati sostituiti con altrettanti post fasulli, il che la dice abbastanza lunga su quanto sia organizzata e tempestiva la struttura di propaganda che gestisce il blog.

    Non ha capito che chi mi ha inviato la mail che ho pubblicato non è un troll, visto che si è firmato, come il sottoscritto, con nome e cognome (a differenza dell’esimio commentatore).

    Non ha nemmeno capito che l’autore della mail è una ragazza, visto che ne parla al maschile.

    In sostanza, non ha capito una minchia di nulla, perché non sa né leggere né scrivere (ergo non sa ragionare). Ma ciò non gli impedisce di gridare “viva” e “abbasso” a seconda di come lo ispirano gli intestini.

    Praticamente la quintessenza del grillino.

    C’è di buono che se tali individui sopravviveranno alla propria imbecillità (e al desiderio di sangue che coglie chi li sta a sentire anche solo per mezzo secondo) saranno una perfetta forza di sfondamento nelle mani di chi saprà manipolarli a dovere. Utilissima carne da cannone.

    Tutto si può dire di Max Stirner, ma non che non sappia il fatto suo.

    Se solo esplicitasse i propri obiettivi, credo che su certi punti potrei perfino trovarmi solidale con lui.

    (GF)

  • robotcoppola

    Ennesimo articolo SPAZZATURA concentrato ad AIUTARE, volente o nolente non importa, il risultato è il medesimo, l’unica forza che si oppone ai SERVI delle banche che da decenni ormai dominano la società con le loro politiche SCHIAVISTE.

    Intanto letta e i suoi padroni avanzano nel loro progetto …

  • totalrec

    Ribadisco, caro makkia: trollino sei tu, che insulti firmandoti con uno pseudonimo. La tipa che mi ha scritto si è firmata con nome e cognome.

    (GF)

  • robotcoppola

    errata corrige: a DANNEGGIARE -> ad AIUTARE

  • massi

    Continui a non capire. Nel gergo grillino il termine “troll” definisce chiunque non sia acriticamente, ciecamente devoto alla loro dottrina.

  • totalrec

    Ah, ora sì che si capisce tutto…

    (GF)

  • Fedeledellacroce

    E’ solo per far notare che razza di fauna analfabeta segua Grillo e il suo blog. E di conseguenza, quale livello di consapevolezza politica costoro siano in grado di esprimere.
    Questo lo hai scritto tu.
    Ma lasciamo perdere perché non si arriva a niente a discutere sui puntini delle i.

  • Simulacres

    Questo post vale tanto ridicolo quanto pesa. Un vero minestrone comico-psichiatrico.

    Anche i G.F. talvolta inciampano in gaffes gigantesche, ahimè…

  • MassimoContini

    Bentornato – sempre un piacere leggerla.

  • tania

    Questa frase ( orrenda se non ho frainteso , ma non credo visto che lo stesso autore mi ricordo sostenesse il fascista Orbàn .. ) :

    “Quello che è triste e intollerabile è che [ ..] non ci sia nemmeno l’ombra di un’idea politica di carattere nazionale/rivoluzionario degna di questo nome.”

    in realtà mi sembra molto vicina ad un certo tipo di nazionalismo espresso molte volte da Casaleggio/Grillo . Si tranquillizzi quindi l’autore dell’articolo , perchè in realtà mi sembra che abbia molte più affinità con i suoi bersagli di quel che crede .

  • robotcoppola

    Cosa vuoi capire? Non lo vedi che sei prigioniero della tua mente. Ti sei perso in uno dei tanti labirinti senza via d’uscita che caratterizzano quelli come te.

  • Simulacres

    essì… la frustrazione ormai v’ha ridotto a una esistenza divenuta insopportabile; in perenne stato… compulsivo.

  • tania

    “visto che lo stesso autore mi ricordo sostenesse il fascista Orbàn” . Forse ricordo male , in tal caso ho frainteso e mi scuso .

  • gianni72

    concordo.

  • totalrec

    Immagino che il mondo, per te, si divida in “fascisti” e “non fascisti”, come la TV ti ha insegnato. Come se fossimo ancora nel 1922 (e già allora ragionare in termini di fascismo/non fascismo, anziché di politiche a carattere nazionale/subordinato, sarebbe parsa una cosa da dementi con la bava alla bocca).

    Non credo proprio di avere alcuna affinità con Grillo/Casaleggio: la rivoluzione che desidero io è di ripristino della sovranità nazionale italiana; la “rivoluzione” che vuole il M5S (anche da ciò che si arguisce dalla tipologia di organizzazione propagandistica qui in esame, nei cui lineamenti molti riconosceranno percorsi già noti) è di liquidazione di ciò che resta della sovranità e della struttura politica nazionale, allo scopo di consegnare agli ambienti di potere statunitense un controllo più rigido sul nostro paese. Certo, si tratta di un discorso che è difficile fare a chi divide il mondo in “fascisti” e “non fascisti” come se fossimo nei fumetti di Topolino.

    (GF)

  • totalrec

    Sì, salutam’a soreta…

    (GF)

  • cardisem

    Da qualche tempo sul blog di Beppe Grillo scrivo anche io, con il mio nome e cognome, ed i miei testi sono sempre apparsi… Poiché sono sempre nell’ordine delle centinaia e migliaia non posso leggerli tutti, ma solo a campione saltando qua e là. Sono spesso interessanti, ma non immaginavano che ve ne fossero anche di Casaleggio….. Qualche volta commento testi altrui, qualche volta sono commentati i miei… Ma non cerco e non faccio polemica… In genere mi attengo al post principale e ne faccio qualche integrazione…

  • totalrec

    E’ che, facendo l’insegnante, non ho mai visto un ragazzo incapace di scrivere che sia però in grado di formulare pensieri logicamente sequenziali. La capacità di strutturare le idee è direttamente correlata alla capacità di articolare fra loro in forma corretta le parole che le esprimono. Detto in parole povere: l’imbecille lo riconosci subito dalla sintassi. Ed è una regola che non ammette eccezioni.

    (GF)

  • tania

    Ma no in realtà la filosofia politica io sono costretta a conoscerla , e Orbàn è un fascista ( di “fascismi” ce ne sono di diversi certo , ma la matrice è simile ) . Non a caso il tuo “anziché di politiche a carattere nazionale/subordinato” rientra a ben vedere nelle stesse logiche , che tu probabilmente ignori .

  • totalrec

    Sicuramente.

    E’ bello, comunque, sapere che nonostante la crisi, la vendita di dizionari delle frasi fatte & luoghi comuni ritriti sia un settore che tira ancora.

    (GF)

  • bagumako

    grillini..

  • totalrec

    di “fascismi” ce ne sono di diversi certo , ma la matrice è simile

    Certo, al mondo ci sono solo due categorie di animali: i gatti e i non gatti.

    Buone cose.

    (GF)

  • Simulacres

    Quale onore, sciur prufessur, contraccambio.

  • fiocco
  • fiocco
  • tania

    Il mondo ( questo mondo , per molti aspetti postmoderno ) è un pò più complesso della divisione in gatti e non gatti . Ma Orbàn è un fascista . E il feticcio della “Nazione” come stella polare di ogni tipo di ragionamento , mi dispiace , ma rientra nelle stesse logiche . Io non divido il mondo in gatti e non gatti ma la “rivoluzione Nazionale per rendere la Nazione independente” ha molto più a che fare con il “Nomos della Terra” di Carl Schmitt , che con la liberazione del soggetto universale della tradizione dialettica .

  • Detrollatore

    GF,
    molto concretamente, questo suo post serve per aprire gli occhi agli elettori del M5S. Realizzato l’inganno, o non sosterranno più il movimento in preda allo sconforto oppure torneranno da dove sono venuti (PD, PDL, SEL, RC, il nulla ecc).
    Io non ho votato e sono al corrente della natura del fenomeno Grillo da anni (come un po tutti qui), ma mi dispiacerebbe molto se quella ventina per cento di voti tornassero a “casa”. Poi, qualora avremo segnali inequivocabili di marciume nei parlamentari stellati, ce ne accorgeremo, almeno qui su CdC (non mi pare proprio un forum di idioti). Finora però nessuna proposta di legge, nessun atto parlamentare inequivocabilmente negativo o deprecabile.

    Riguardo all’uso dei nick anonimi, lo sai meglio di chiunque che qui non siamo né nel paese dei balocchi, né in democrazia, né in uno stato in cui vige la libertà d’espressione, né in una società che tutela l’incolumità fisica di coloro che “escono fuori dal seminato”. Giacché approfitto per ringraziare tutti voi (quei pochi…) che mettete faccia, nome e cognome (senza ironìa, è un atto quasi eroico), ma lasciate in pace chi vuole restare in pace e rispettate – alla luce di quanto scritto prima – le scelte degli anonimi.
    P.S.: ammesso e non concesso che l’anonimato sia garanzia di certe incolumità. La prudenza non è mai troppa…

  • totalrec

    Nel mio piccolo sono arrivato ad aborrire ogni discorso “universale”, particolarmente quelli sulla “liberazione del soggetto”, ritenendoli generici e dunque aria fritta. E’ attraverso di essi che si arriva a suddividere il mondo in categorie astratte e ridicole (fascisti e non fascisti, gatti e non gatti; Orwell, per chi lo ha letto, chiamava tutto questo “newspeak”, rarefazione lessicale che è anche rarefazione delle categorie di pensiero). Preferisco le considerazioni politico/scientifiche di Schmitt, di Marx, perfino dello stesso Max Stirner (quello autentico, non il suo clone hippie), che studiano i meccanismi politici sulla base dell’osservazione puntuale e scientifica dei fenomeni concreti, non poggiando i piedi nel bezzo delle nuvole.

    (GF)

  • Detrollatore

    Scusate ma inspiegabilmente non mi sono venuti i capoversi e sui post della home non so editare (o forse non si può proprio?).

  • totalrec

    non mi pare proprio un forum di idioti

    Beh… esiste un forum in cui gli idioti non rappresentino il 99,9% dell’utenza? Se sì, devo ancora trovarlo (ci metto dentro anche il mio blog, per non sembrare fazioso).

    (GF)

  • Tonguessy

    l’imbecille lo riconosci subito dalla sintassi. Ed è una regola che non ammette eccezioni.

    Questa è una delle frasi più imbecilli che mi sia capitato di leggere.
    Il Movimento dei Forconi siciliani, ad esempio, fu un uso della sintassi che un laureato in lettere può trovare orrendo. Quindi i loro sono discorsi da imbecilli?
    https://www.youtube.com/watch?v=NRbT72nK6sk

    E sai qual’è la persona che maggiormente ispirò J.Saramago? Il nonno analfabeta. Niente sintassi, tanto buon senso. Stai solo confondendo l’estetica con l’etica. E pretendi pure di dare lezioni…..

  • Detrollatore

    Non saprei, nel 2007 ho seguito il forum di Grillo e da allora non mi capita quasi mai di leggerlo e la differenza, ad esempio, tra quel forum e questo è abissale.
    Dai, GF, non servono questi post qui. Scrivici qualcosa sulla Turchia piuttosto! 😉

  • Truman

    Dice GF:
    esiste un forum in cui gli idioti non rappresentino il 99,9% dell’utenza?
    Se prendo alla lettera la sua affermazione, qui su oltre settemila iscritti, non arriveremmo a 8 (otto) persone “non idiote”. Ebbene, non ho difficoltà a trovare un decina di utenti validi, per cui l’affermazione è decisamente esagerata.

    Comunque io di solito preferisco un approccio un po’ diverso, che qualcuno esprimeva più o meno così:
    “Se sai ascoltare gli altri, solo una persona su cento dice cose totalmente prive di interesse. Ma a modo suo anche questa è interessante, perchè se ne trova solo una su cento”.

  • Detrollatore

    Comunque approfitto per chiedere un pò a tutti se c’è qualcuno che conosce un forum “migliore” (bisognerebbe spiegare più nel dettaglio, ma qui ci si intende…) di questo in circolazione in Italia. Ovviamente intendo riferirmi a forum di carattere generale (che ospitano threads che spaziano dalla storia alla scienza alla politica all’economia alla finanza alla cronaca nera al cinema all’arte ecc, non forum specializzati soltanto su determinati settori del sapere).

  • giop

    Ciò che è triste è che so continua a parlare senza cognizione di causa, andate a studiarvi un pò di democrazia diretta tutti quanti.

  • totalrec

    Se prendo alla lettera la sua affermazione, qui su oltre settemila iscritti, non arriveremmo a 8 (otto) persone “non idiote”. Ebbene, non ho difficoltà a trovare un decina di utenti validi, per cui l’affermazione è decisamente esagerata.

    OK, forse esagero. Facciamo il 99,5% e non parliamone più.

    (GF)

  • totalrec

    Questa è una delle frasi più imbecilli che mi sia capitato di leggere. Il Movimento dei Forconi siciliani, ad esempio, fu un uso della sintassi che un laureato in lettere può trovare orrendo. Quindi i loro sono discorsi da imbecilli?

    Sì.

    Certo, per rendersene conto bisogna essere meno imbecilli di loro, il che non è da tutti.

    E sai qual’è la persona che maggiormente ispirò J.Saramago? Il nonno analfabeta.

    Ma certo. Gli analfabeti, come fonte d’ispirazione, sono perfetti. Anche Verga e Zola hanno scritto opere splendide su di loro. L’importante è che non si improvvisino opinionisti e politologi. A ciascuno il suo mestiere.

    (GF)

  • Tonguessy

    Bene, adesso ti spiacerebbe spiegare quale autorità ha deciso tutto questo? Organizzazioni, persone, società, associazioni, chiese…qualsiasi riferimento va bene. Giusto per capire a chi ti stai riferendo.

  • Georgejefferson

    datti una calmata Freda

  • totalrec

    Nel senso che se voglio concepire un’idea/opinione devo per forza riferirmi ad una “auctoritas” sacralizzata in qualche consesso cultural-salottiero, altrimenti l’idea non ha diritto di cittadinanza?

    Per impostazione politico-culturale, continuo, nonostante tutto, a nutrire un certo rispetto per chi, come quei lavoratori siciliani, porta nelle piazze una lotta nella speranza di implementare il proprio livello di sopravvivenza. L’importante è che non si improvvisino commentatori politici; e magari anche che si rendano conto che senza una teorizzazione politico-strategica di base, la loro protesta non ha nessuna speranza non dico di produrre cambiamenti sociali di livello nazionale, ma neppure di migliorare di una virgola la loro situazione individuale.

    Basta dare un’occhiata al filmato che hai linkato per rendersi conto che si tratta di gente senza nessuna linea strategica, buttata allo sbaraglio dalla pura disperazione: parlano di “lotta appena iniziata” (come se a qualcuno, nel governo, importasse qualcosa di loro), addirittura si aspettano risposte dal “Ministero dell’agricoltura, dei trasporti, della pesca(!)”.

    Certo, sono imbecilli simpatici e con cui mi sento profondamente solidale, ma ciò non cambia di mezza virgola ciò che sono e ciò che (non) hanno speranza di ottenere.

    (GF)

  • tania

    “ Nel mio piccolo sono arrivato ad aborrire ogni discorso “universale” “
    Non mi pare . In realtà , tu non lo sai , ma l’idea di “Nazione” come stella polare di ogni discorso è un “universale” , che si può far certo risalire al Leviatano ( matrice di quasi tutti gli universali moderni ) , che viene poi reinventata e imposta per finalità di controllo , fino ad essere sistematizzata anche da Schmitt nel suo concetto di “politico” . E’ un universale come altri , ma a differenza di altri contiene in sé l’idea di sterminio .

    “ particolarmente quelli sulla “liberazione del soggetto”, ritenendoli generici e dunque aria fritta”
    Non ne dubitavo.. Però l’ “aria fritta” in realtà è l’irrazionalismo antilluminista che sfocia nella “nazionalizzazione delle masse” e nella logica “amico/nemico” . La “liberazione del soggetto” ha invece le sue fondamenta nel pensiero razionalista , e non a caso segue sempre la prassi normativa : il suo punto più alto fino ad ora toccato sono non a caso la “Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea” ( purtroppo per adesso totalmente disattesa , perché tende a sostituire la globalizzazione della merce con la globalizzazione dei diritti , dei “beni comuni” non mercificabili ) e le Costituzioni dell’America Latina fondata sui beni comuni . E’ “norma” ( anche se per adesso disattesa ) ma è “norma” , non aria fritta .
    “Aria fritta” sono le balle , a fini di potenza , del pensiero irrazionalista e della logica “amico/nemico” . Non a caso il Nomos della Terra viene fatto studiare nell’Accademia militare di Annapolis , negli Stati Uniti (oltre che a tutti i fanatici nazionalisti del mondo ) . L’obbiettivo è la politica di potenza . E’ la politica di potenza non potrà mai essere giustificare con la “norma” , ma appunto con l’ “aria fritta” del “nemico esterno” .

    “ Preferisco le considerazioni politico/scientifiche di Schmitt, di Marx ….”
    Però potresti anche dargli una letta ..

  • totalrec

    datti una calmata Freda

    99,4?

    (GF)

  • totalrec

    “Aria fritta” sono le balle , a fini di potenza , del pensiero irrazionalista e della logica “amico/nemico” . Non a caso il Nomos della Terra viene fatto studiare nell’Accademia militare di Annapolis , negli Stati Uniti (oltre che a tutti i fanatici nazionalisti del mondo ) . L’obbiettivo è la politica di potenza . E’ la politica di potenza non potrà mai essere giustificare con la “norma” , ma appunto con l’ “aria fritta” del “nemico esterno” .

    Sarà. Intanto gli Stati Uniti, con la loro “aria fritta”, sono diventati e restati la prima potenza economico/militare al mondo. Noi, con le nostre belle merendine quotidiane di “liberazione del soggetto”, siamo nella merda più nera.

    (GF)

  • tania

    Ma “Noi” chi ? Ho l’impressione che il tuo “Noi” non coincida con il mio . Ed ora ho anche la sensazione che non ricordavo male circa il tuo sostegno a Orbàn . In ogni caso si parlava di “aria fritta” : l’ “aria fritta” è quella che avete in testa tu , i militari di Annapolis , Orbàn e tutti i guerrafondai di ogni risma ( compreso il capitale europeo , in particolare tedesco e Nord Europeo , per colpa del quale l’applicazione della Carta dei diritti dell’Unione Europea è stata fino ad ora disattesa ) .

  • Terence

    Le capacità politiche e strategiche, la previsione e soluzione dei problemi, non hanno nulla a che fare con l’alfabetizzazione.

    Carlo Magno, che ha plasmato l’Europa come noi la conosciamo, sapeva a malapena leggere e scrivere. Amava molto i libri ma se li faceva leggere e non scriveva di suo pugno, ma dettava ad un suo assistente.

    Anche Ser Davos Seaworth, il Cavaliere delle Cipolle, poi diventato Lord, non sapeva leggere e scrivere, ciò non gli impedì di diventare Primo Cavaliere del re Stannis Baratheon.

    Minchia, non ne ricordavo altri, ma sono sicuro che la storia è piena di analfabeti intelligenti e di successo.

  • totalrec

    Sì, vabbè. Siamo abbondantemente off-topic, in ogni caso.

    (GF)

  • clausneghe

    Allora, siccome mi sento chiamato in causa con il simpatico epiteto di imbecille, vorrei far notare al Signor Maestro che imbecille nulla ha a che fare con cultura o intelligenza. Infatti significa imbelle, “senza barba” letteralmente. Poi per via dell’età vorrei far notare che io ho ben 57 anni, forse più del Signor Maestro,ammesso e non concesso che ello c’arrivi. Altra chicca che vorrei togliermi dalla minkia è la seguente: Che ne sai tu di quello che io ho visto e conosciuto? Di quali letture mi sono nutrito (al di fuori della cerchia ufficiale dei professori scolastici,che del resto mi avevano ESPULSO subito per catttiva condotta,i gesuiti pederasti..) Tu, (sei più giovane di me) hai fatto una vita comoda con i piedi dietro la cattedra,io invece ho girato il mondo per lavoro e non solo ho visto cose che voi “professori” neanche immaginate… Devo continuare? Alla fine caro Freda senza Ventura, vale più la pratica dellla grammatica. Fattene una ragione. E comunque se vuoi trovare altri errori di sintassi senza pelo, abbi la pazienza di leggerti i 70 e passa articoli pubblicati da me medesimo sul mio Blog nell’arco di otto anni. Ciao e stammi bene, avevo stima di te come scrittore, fai in modo che la mantenga..In fin dei cazzi siamo “colleghi” anche se io sono quello povero,di sintassi, s’intende.

  • Detrollatore

    Sì, ma cominciate da qui:
    http://www.assembleesovrane.it/

  • totalrec

    Carlo Magno, che ha plasmato l’Europa come noi la conosciamo, sapeva a malapena leggere e scrivere.

    Vero. Ma appunto per questo evitava di leggere e scrivere, dimostrando di conoscere i propri limiti. La sua intelligenza strategica stava anche nell’essere consapevole del proprio analfabetismo e nel considerarlo un grosso limite da superare (non a caso fondò la Schola Palatina, di cui facevano parte i maggiori intellettuali dell’impero), non un piccolo neo formativo verso cui ostentare indulgenza.

    ciò non gli impedì di diventare Primo Cavaliere del re Stannis Baratheon

    Non saprei, io sono ancora alla seconda stagione… 😀

    (GF)

  • Tonguessy

    se voglio concepire un’idea/opinione devo per forza riferirmi ad una “auctoritas” sacralizzata in qualche consesso cultural-salottiero, altrimenti l’idea non ha diritto di cittadinanza?

    Se dici “l’imbecille lo riconosci subito dalla sintassi” e lo vendi come tua paranoia personale mi sta bene.
    La mia paranoia invece potrebbe essere sintetizzata nella frase: l’imbecille lo riconosci dalla distanza che vuole mantenere per distinguersi dai suoi simili.
    Alla fine il mio imbecille finirà sepolto vicino a centinaia di quei simili che tanto disprezzava in vita.

  • totalrec

    Alla fine il mio imbecille finirà sepolto vicino a centinaia di quei simili che tanto disprezzava in vita.

    Niente di grave. Si spera che, almeno da morti, facciano silenzio.

    (GF)

  • totalrec

    hai fatto una vita comoda con i piedi dietro la cattedra

    Sì, e a quei tempi qui era tutta campagna.

    vale più la pratica dellla grammatica

    E come non citare le mezze stagioni, che, ormai da tempo, non sono più tra noi?

    (GF)

  • tania

    Certo, vabbbbbè vabbbbbè.. Si parte sempre con un “tu la storia la impari dalla TV e da Topolino.. e l’aria fritta” e si conclude sempre con un “si vabbbbé.” 😀 . Ciao

  • guru2012

    Tranquilli, freda era solo in cerca di visibilità, dopo aver abbandonato il suo blog alla deriva, senza che nessuno si stracciasse le vesti per questo. Per il resto la spocchia che traborda dalle sue affermazioni sulle qualità intellettive altrui ne descrive compiutamente la personalità. Il post, dunque, è solo un’operazione di sciacallaggio e fa pendant con la canea aizzata contro M5S. Gli argomenti? Roba grossa, una che è andata a trollare e l’hanno presa a calci sul sedere. Peccato per Freda, sembrava un ragazzino sveglio.

  • tania

    Ma anche tu ti “improvvisi opinionista e politilogo” nonostante ignori platealmente i concetti che balbetti ( come ho avuto modo di constatare qui sotto ) . Se ti improvvisi tu “politologo” , lo può fare tranquillamente e meglio anche un analfabeta … Perchè , dal punto di vista politico , l’unica differenza che c’è tra un tronfio insegnante con le tue idee politiche ed un analfabeta , è che l’analfabeta può anche avere la fortuna di non avere le tue idee politiche .

  • totalrec

    Giusto. Abbiamo raggiunto quota 87 commenti e 4670 letture. Saluti a tutti.

    (GF)

  • totalrec

    Tania, ciccina… se off topic, oltre che nervosetta e poco intelligibile. Fattene una ragione.

    (GF)

  • totalrec

    E’ che dopo aver tanto blaterato contro l’aria fritta, mi vieni a parlare della carta dei diritti europea. Cioè della quintessenza dell’aria fritta, vero e proprio richiamo per allocchi, modulato al solo scopo di attirare i fessi nella trappola dell’Unione. Dire che hai le idee un po’ confuse è ancora essere cavalieri verso una gentildonna.

    (GF)

  • tania

    Ma la Carta non è aria fritta , è Norma . Norma tra l’altro perfettamente integrabile con la Carta della Repubblica Italiana del ’48 . Norma con un elevatissimo grado di demercificazione e di garanzie di libertà soggettive , forse il più alto livello di anticapitalismo messo nero su bianco . E perché è stata fino ad ora disattesa ? Per colpa dei venditori di “aria fritta” di cui si serve il Capitale . E chi sono ? Sono quelli che credono che l’idea di Nazione sia un dato di natura , invece che un artificio culturale imposto ; sono quelli che giustificano l’irrazionalismo dei militari di Annapolis o degli Orbàn , perché per loro il “politico” è l’antitesi amico/nemico e l’Apologo di Menenio Agrippa un testo rispettabile ; sono quelli che pensano che l’impossibilità degli “Stati” di essere autonomi dipenda dal Protocollo dei Saggi Anziani di Sion , invece che dal fatto che le materie prime per fare un iPhone , una tecnologia medico-scientifica avanzata eccetera eccetera sono tutte originarie fuori degli “Satati moderni” del trattato di Westfalia ; sono quelli che continuando ad alimentare le logiche dei rapporti di forza offrono sempre un salvagente al Capitale . Sono questi gli utili birilli che propagandano l’aria fritta reazionaria , e sono spesso , inevitabilmente , inutilmente e tristemente pieni di sé .

  • totalrec

    Tania, te lo dico senza cattiveria e senza alcun desiderio di offenderti: le carte costituzionali sono semplicemente lo strumento attraverso il quale un potere che ha già acquisito il controllo di un dato nodo d’interessi politico-territoriali, regolamenta i rapporti tra le proprie correnti interne e giustifica se stesso agli occhi di coloro sui quali esercita le proprie prerogative. Le carte costituzionali non servono a tutelare te, servono a comporre il conflitto tra gli attori del potere stesso, i quali, senza schemi procedurali di riferimento, si scatenerebbero l’uno contro l’altro. Il fatto che di riflesso anche tu ottenga da tali documenti qualche occasionale tutela è senz’altro positivo, ma è appunto un riflesso, non la loro principale ragion d’essere. Ergo, non c’entrano niente il Capitale cattivo (scritto con lettera maiuscola, come se si trattasse di un’entità tangibile e univocamente determinabile), né i Saggi di Sion (che fanno sempre brodo), né il trattato di Westfalia, né tutto il rimanente nebuloso minestrone di roba che sei andata a concottare da chissà dove. Esistevano “carte dei diritti” atte agli scopi sopra definiti molto prima che esistessero il colonialismo e la rivoluzione industriale.

    Quindi non ci sono i “diritti” buoni contro il “Capitale” cattivo e sfruttatore: ci sono molteplici correnti di potere che confliggono e compongono i propri conflitti con strumenti e forme adeguati volta per volta al contesto politico e alla situazione storica. Questa è una delle infinite cose che i grillini, abituati a ripetere favole della buonanotte anziché a cibarsi di testi di analisi politica, non arrivano a capire.

    Un’altra cosa che non capiscono è che l’idea di Nazione, qualunque cosa essa sia, è strettamente legata agli specifici rapporti di forza sopra descritti (i quali, semplicemente, esistono, non siamo noi che li creiamo o distruggiamo, al massimo contribuiamo a modellarli, ammesso che ci troviamo nelle stanze giuste). Quando più nazioni vengono inglobate in un’unità sovranazionale, ciò non vuol dire che il concetto di Nazione si indebolisca: vuol dire semplicemente che un gruppo di potere, in posizione dominante, ha assunto il controllo di quella rete relazionale che prima faceva capo a più entità nazionali differenti. L’esercizio di questo dominio può essere intrinseco (se il gruppo dominante è interno alle nazioni “associate”) o estrinseco (se invece è esterno). L’UE è un classico caso di conglomerato di ex-entità nazionali eterodiretto da centri di potere esterni (statunitensi).

    Questo significa che “nazionalismo” non ha, nel mio modo di vedere le cose, nessuna accezione esoterica, astratta o sentimentale: significa semplicemente appoggiare quelle correnti di potere che mirano a riprendersi la potestà di coniare moneta locale, di promulgare leggi nell’interesse delle comunità, di definire politiche industriali e del lavoro autonome, di stabilire normative commerciali operanti nell’interesse di centri di potere “vicini” (in senso spaziale) anziché situati a continenti di distanza, di riportare gli enti di credito sotto il controllo di poteri legati al territorio, eccetera eccetera. Se questo è ciò che sta tentando di fare Orban in Ungheria (è un grosso “se”), francamente non me ne potrebbe fregare di meno se anche domattina si mettesse a girare per la strada in camicia nera e stivaloni: ciò che egli fa è sicuramente ciò che vorrei veder posto in atto in Italia e nel resto d’Europa. E se davvero ci fossero movimenti in grado di portare avanti una politica di questo tipo (cioè di ripristino progressivo delle prerogative sovrane che una Nazione dominante ci ha tolto; ma non basta volerlo e avere gli uomini adatti, occorre che ne sussistano le condizioni storico-politiche) li appoggerei senza pensarci un attimo. E se per imporre questa nuova configurazione di potere, si dovesse passare sui cadaveri di qualche milione di individui che fungono da controllori dell’ordine imposto dai dominanti (anche attraverso la somministrazione occulta di inconfondibili categorie di pensiero), non nego certo che troverei tutta l’operazione perfino più divertente.

    (GF)

  • neutrino

    Che occasione sprecata!
    Per una volta che il valoroso popolo italiano: pensionati, studenti, disoccupati, casalinghe, era vicino alla rivoluzione…
    ..proprio quando la storia stava per girare dalla parte degli oppressi.. e liberare l’Italia da Berlusconi, dalle banche, e dai politici..
    ..arrivano questi guastafeste di Grillo e Casaleggio, manovrati abilmente dalla massoneria e dalle banche… e riescono a mettersi a capo dei rivoluzionari!
    Per farli fallire, ovviamente!!
    Certo quello italiano è proprio un popolo sfortunato..

  • tersite

    Lasciatelo fare, Freda è un provocatore d’oro. Cmq Silviuzzo è politicamente morto oggi. E gli altri presto o tardi faranno la stessa fine.