Home / ComeDonChisciotte / CHERCHEZ L'HOMME…A LA DGSE
15666-thumb.jpg

CHERCHEZ L'HOMME…A LA DGSE

DI FEDERICO DEZZANI

federicodezzani.altervista.org

A distanza di 72 ore dagli attentati di Parigi è possibile ricostruire la dinamica degli attentati con sufficiente precisione ed evidenziare le prime incongruenze. Tutti gli indizi conducono ai vertici dei servizi segreti francesi, rinnovati sotto Nicolas Sarkozy e confermati sotto la presidenza di François Hollande: con il subentrare allo spionaggio transalpino di personaggi vicini agli angloamericani è avviata nel 2012 la strategia della tensione. Dopo una pausa coincidente con i primi due anni della presidenza di Hollande, il terrorismo islamico riesplode in concomitanza alla caduta verticale del capo dello Stato nei sondaggi. Il ruolo della Direction générale de la sécurité extérieure (DGSE) diretta da Bernard Bajolet.

I terroristi, la dinamica e “les coneries”

Sono disponibili parecchi video che ricostruiscono la notte di sangue del 13/11/2015: quello forse più chiaro e dettagliato è pubblicato la sera di domenica 15 sul sito Le Monde.fr1, cui deve però essere apportata qualche correzione: il numero di terroristi entrati in azione al teatro Bataclan è quattro e non tre, come sostiene il filmato, e l’esplosione della seconda bomba allo Stade de France è alle 21h23, non alle non 21h30.

Riportiamo sinteticamente prima le dramatis personae e poi la scaletta degli avvenimenti: i dati sono aggiornati alle notizie del 16/11.

pariscommando

L’ordine cronologico degli eventi è il seguente:

  • 21h20, Stade de France, partita amichevole tra Francia e Germania (annunciata dalla Fédération Française de Football il primo luglio 2015 (2), presenti il presidente François Hollande ed il ministro degli Esteri tedesco Frank-Walter Steinmeier. Un kamikaze, , Ahmad al Mohammad, dotato di una cintura esplosiva composta da perossido di acetone concentrato e bulloni si fa esplodere all’ingresso D: è il solo a morire;
  • 21h25 terroristi a bordo di una Seat Leon Nera aprono il fuoco in rue Bichat e rue Alibert, contro i ristoranti Petit Cambodge e Carrillon, 15 morti;
  • 21h23 Stade de France, ingresso H, entra in azione un secondo kamikaze (Bilal Hafdi?): muore sul colpo senza causare vittime;
  • 21h32 la Seat Leon nera arriva in rue de la fontaine au roi, i terroristi aprono il fuoco contro i i locali Casa Nostra e Bonne Bière, 5 morti;
  • 21h36 la Seat Leon nera si ferma in rue de la Charonne, davanti al bistrot Belle Equipe, è aperto il fuoco e muoiono 19 persone;
  • alle 21h40, presso la place de la Nation, un terrorista sceso probabilmente dalla Seat nera, Brahim Abdeslam, si fa esplodere al locale Compte Voltaire: muore sul colpo e ferisce alcune persone. La Seat Leon nera, guidata presumibilmente dal fratello del kamikaze, Saleh Abdeslam, sarà ritrovata nel comune di Montreuil, ovest di Parigi, con tre AK-47 a bordo.
  • Alle 21h40, scendono da una Volkswagen Polo nera quattro terroristi, armati di fucili automatici e a pompa. Fanno irruzione nella sala da concerto Bataclan, durante un’esibizione degli Eagle of Death Metal: inneggiando ad Allah, alla Siria ed all’Iraq compiono una carneficina;
  • 21h53, rue de la cokerie, nei pressi dello Stade de France, si fa esplodere un terzo kamikaze: nessuna vittima eccetto lui. Solo a questo punto, Hollande è trasportato al ministero degli Interni, mentre la partita continua fino al termine. Gli spettatori sono trattenuti ancora per qualche tempo per motivi di sicurezza;
  • 00h20, le teste di cuoio fanno irruzione nel Bataclan: tutti terroristi si fanno esplodere, tranne Samy Animour che è colpito a morte prima di azionare la cintura. Si contano 90 morti in totale e le foto pubblicate l’indomani sull’interno del locale mostrano una scena da mattatoio.

Primo elemento da notare: le cinture esplosive non hanno (fortunatamente) prodotto nessun vittima tranne i kamikaze stessi. C’è da chiedersi perché i tre terroristi allo Stade de France si siano immolati senza causare nessuna vittima: il Wall Street Journal riporta la notizia3 che il primo attentatore è fermato dalla sicurezza per una perquisizione e, divincolantisi, si fa esplodere prima di raggiungere le tribune dove siedono 80.000 persone. Secondo il testimone ascoltato dal WSJ, Hollande lascia lo stadio alla prima e non alla terza esplosione, ma le foto ritraggono il presidente nella sala stampa dello stadio alle 21h36, quindi è corretta la versione de le Monde: Hollande è trasportato all’esterno solo dopo l’esplosione dei tre attentatori, quando il rischio è ormai cessato.

Gli attentatori avrebbero dovuto entrare allo stadio? Quasi sicuramente sì, ma, nonostante non fossero in posizione per qualche imprevisto, hanno ricevuto comunque l’ordine di farsi saltare in aria, così da attrarre tutte le forze di polizia verso il quartiere Saint-Denis e consentire ai secondi due commando di agire indisturbati. Tra l’esplosione del primo ed del terzo kamikaze intercorrono 33 minuti: è il tempo dell’azione terroristica nel suo complesso, anche se gli ultimi strascichi si protraggono al Bataclan fino alle 00h20. La terza deflagrazione nei pressi dello Stadio, in rue de la cokerie vicino al McDonald’s, era il segnale che Hollande aspettava per lasciare lo stadio?

Le Figaro riporta lunedì 16 una preziosa testimonianza oculare4: la sera del 13 novembre un avventore del ristorante Cellar, a tre minuti dal Bataclan, siede all’esterno per bere un bicchiere. Alle 19h35 (due ore prima dell’inizio della strage al concerto) vede una Volkswagen Polo Nera, parcheggiare davanti al bistrot. Il parcheggio è pessimo, come se il conducente non sapesse guidare (o fosse in stato d’alterazione), quindi l’avventore si alza per consigliargli di fare manovra:

“Je suis allé les voir pour leur dire qu’ils étaient mal garés. Ils n’ont pas ouvert la fenêtre et m’ont regardé méchamment. On aurait cru des morts-vivants, comme s’ils étaient drogués.”

I quattro occupanti dell’auto, che all’avventore sembrano europei mussulmani (“Il était de type européen, portait une barbichette et un cheich. Il était vêtu d’un blouson noir et avait aussi un bandana sur la tête. Le conducteur, lui, était également de type européen, genre reconverti à l’islam”) sono in evidente stato di alterazione, sotto l’effetto di stupefacenti: il dato è interessante perché è risaputo che i tagliagole dell’ISIS in Siria ed Iraq facciano uso di anfetamine5, sia per commettere atrocità a cuor leggero sia per sconfiggere la paura. Il 26 ottobre le autorità portuali di Beirut hanno bloccato un carico di due tonnellate di anfetamine Captagon prima che fossero imbarcate su un aereo privato di un principe saudita6: i consumatori finali erano quasi sicuramente gli uomini del Califfato in Siria ed Iraq. Il Captagon fa parte dell’equipaggiamento che gli angloamericani danno in dotazione alle truppe dell’ISIS?

Torniamo all’avventore: dopo una discussione senza esiti, torna al suo tavolo ed osserva la macchina che rimane ferma, fari spenti e motore accesso. Il viso degli occupanti è illuminato solo dallo schermo dei telefonini su cui digitano. Verso le 20h15 passa un’auto della polizia, qui ne semble pas remarquer la Polo noire mal garée (parcheggiata male) ed alle 21h30 l’uomo lascia il ristorante davanti cui stazionano ancora i quattro islamici. Pochi minuti più tardi, è informato delle bombe allo Stade de France e tenta immediatamente di contattare la polizia senza ottenere la risposta (“il tente à plusieurs reprises de joindre la police par téléphone «80 fois au minimum» mais sans réponse”): i kamikaze allo Stade de France hanno assolto alla loro funzione, ossia catalizzare l’attenzione di tutte le forze dell’ordine ed intasare i centralini.

Il commando del 13 novembre, compresi i tredici elementi sopra citati, consterebbe nel suo complesso di 20-25 persone7: una dozzina impiegata sul campo e le altre usate per l’organizzazione e logistica. Che un complotto riguardante un tale numero di persone, molte delle quali note ai servizi e per di più “calde”, a dieci mesi di distanza da Charlie Hebdo e a tre mesi dall’attacco terroristico sul treno Amsterdam-Parigi, sia sfuggito ai radar della sicurezza francese è una falla simile all’11 Settembre: impossibile, a meno che i servizi non siano complici.

Dove si sono poi procurati le armi i terroristi? A 48 dalla strage, e solo allora, emerge la notizia che il 5 novembre la polizia tedesca ha fermato in Baviera un 51enne del Montenegro, slavo ortodosso, a bordo di una Volkswagen carica di armi e kalashinkov diretta a Parigi (com’era desumibile dal navigatore): per il presidente bavarese Horst Seehofer è ragionevole ipotizzare una connessione con le stragi di Parigi8. Come ai tempi della strategia della tensione italiana, i trafficanti d’armi della ex-Jugoslavia alimentano lo stragismo di Stato, solo che anziché armare Ordine Nuovo e Avanguardia Nazionale, equipaggiano il Califfato.

Quanto alle auto, sia le targhe che i biglietti dei parcheggi custoditi all’interno9, sembrano essere studiati apposta per indirizzare le indagini in Belgio, dove anche agli attentatori di Charlie Hebdo avrebbero acquistato le armi: lo scopo è probabilmente alleggerire la posizione delle autorità francesi, rendendo più giustificabili all’opinione pubblica i continui smacchi subiti dalle forze di sicurezza. Le dichiarazioni di Hollande e Valls puntano infatti a scolpare la Francia ed evidenziare le responsabilità esterne.

La parte più assurda della vicenda è in ogni caso la pretesa che l’operazione sia stata pianificata ed organizzata in Siria.

Dice il premier francese Manuel Valls: “Quello che è successo ieri a Parigi e a Sant Denis vicino allo Stade de France è un atto di guerra commesso da un’armata terrorista,(…). È un atto di guerra preparato, organizzato pianificato all’esterno e con complicità interne che l’inchiesta stabilirà.10.

Gli fa eco il presidente Hollande: “gli attacchi sono stati stati decisi, pianificati in Siria, organizzati in Belgio e condotti sul nostro territorio con complici francesi11 (prima la Siria, poi il Belgio ed infine, vittima, la Francia).

Intervengono anche i fantomatici servizi iracheni che confermano: l’ordine è partito dal Califfo Al Baghdadi ed i Paesi occidentali, Francia in particolare, hanno ricevuto un avvertimento il giorno prima dell’attentato.

Ora, il Califfo Al Baghdadi, posto che sia mai esistito, è ufficialmente morto almeno due volte (2007, 2014) e le possibilità che sia ancora vivo sono le stesse di quelle che Osama Bin Laden (morto secondo la DGSE francese nel 200612) fosse in Pakistan davanti la tv durante il celebre blitz del 2011. Se anche Al Baghdadi fosse ancora vivo, proprio come lo Sceicco Bin Laden, non sarebbe comunque nient’altro che che un prodotto dei servizi americani, sfornato dal famigerato carcere di Bucca gestito dalle truppe statunitensi in Iraq, crogiolo di quasi tutti i capi dell’ISIS.

In ogni caso, considerate l’attuale situazione strategica del Califfato, in rotta in Siria come in Iraq, è pura fantasia che un fantomatico “quartiere generale” dei terroristi sunniti abbia organizzato gli attentati in Francia. Infatti, se così fosse, come avrebbe potuto comunicare con il commando di 20-25 uomini operante tra Parigi e Molenbeek, senza farsi scoprire da NSA, CIA, Mossad, DGSE, etc etc.?

Qui viene il bello: l’ISIS, nella sua roccaforte a Raqqa, in Siria, è un passo avanti rispetto agli occidentali in fatto di tecnologia: a luglio la CNN riporta la notizia che, usando messaggi criptati, il Califfato riesce ad evadere la sorveglianza dell’FBI13, ora si scopre che gli attacchi di Parigi sono stati organizzati attraverso la messaggeria della PlayStation 4.

È l’equivalente dei taglierini per dirottare i Boeing sulle Torri Gemelle.

Beh si dirà, se la rete è troppo sfuggente, almeno i terroristi in carne ed ossa sono braccati a vita: invece si scopre che “la mente” della strage di Parigi del 13/11, il marocchino Abdelhamid Abaaoud, si vanta sulla propaganda web del Califfato, di viaggiare indisturbato tra Siria e Belgio pur essendo ricercato dalle polizie di mezzo mondo14. Ricorda un po’ i brigatisti che, negli anni di piombo, riuscivano sempre ad evadere dal carcere in un modo o nell’altro.

Se il Califfo Al-Baghdadi è morto, se l’ISIS è sotto scacco in Siria ed Iraq e se il commando del 13/11 è composto da piccoli criminali della banlieu parigina e qualche reduce siriano in botta da anfetamine, chi ha coordinato e supervisionato gli attacchi?

Cherchez à la DGSE…

Il ruolo della Direction générale de la sécurité “americaine”

La DGSE è il servizio informazioni della Francia all’estero, l’equivalente transalpino della CIA e del MI6. Il rapporto con gli omologhi angloamericani non è sempre stato idilliaco anzi, ai tempi della “Vecchia Europa” di Jacques Chirac, di tanto in tanto i servizi francesi rifilavano qualche colpo basso, come la sullodata morte di Bin Laden, per ridicolizzare la “Guerra al terrore” di George W. Bush e Tony Blair.

La situazione cambia radicalmente con l’avvento al’Eliseo di Nicolas Sarkozy, espressione della “Nuova Europa”, quella filo-atlantica: tra i primi provvedimenti presi dal neo-presidente, oltre a riportare la Francia nel comando integrato della NATO, c’è, non a caso, il pensionamento dei vertici dei servizi fedeli a Chirac e la cooptazione di nuovi elementi, di provata fede atlantica. È una rivoluzione copernicana per i servizi d’informazione francesi, storicamente gelosi della propria autonomia: le Monde riporta che dal 2007 l’accesso del Government Communications Headquarters britannico, l’equivalente inglese dell’NSA, ai dati francesi, diventa pressoché illimitato15.

Sarkozy crea poi una nuovo organismo, il Conseil national du renseignement, il cui scopo è coordinare le sei agenzie di spionaggio militare ed economico della Francia: a ricoprire il nuovo ruolo di “coordonnateur national du renseignement” è chiamato nel luglio 2008 Bernard Bajolet, ex-ambasciatore francese in Iraq (2004-2006) ed Algeria (2006-2008).

L’ex-diplomatico è un esperto di mondo mussulmano, conoscitore del Corano e fluente in arabo. Nel 2011, ancora sotto la presidenza di Sarkozy, Bajolet è richiamato al ruolo di ambasciatore, questa volta in Afghanistan dove resta sin al 2013: a quel punto torna in Francia e, testimoniando la continuità politica di fondo tra François Hollande e Nicolas Sarkozy, è nominato dal nuovo presidente socialista direttore della DGSE.

Si noti che il periodo in esame coincide con i tentativi di Parigi, Washington, Londra, Tel Aviv e monarchie sunnite, di rovesciare Bashar Assad: Hollande arriva fino ad ipotizzare un intervento franco-americano contro Damasco nell’estate del 2013, prima che Obama si tiri indietro lasciandolo con il cerino in mano.

Un salto indietro ora: le elezioni presidenziali francesi della primavera 2012 vedono il primo assaggio di strategia della tensione.

Nicolas Sarkozy è ai minimi storici di popolarità tra i francesi (solo il 30% esprime un giudizio favorevole) e la sua rielezione è sempre più incerta. Entrano in campo i fedeli servizi de la République: sono gli attentati che insanguinano il sud-est della Francia tra l’11 ed il 22 marzo 2012, con una serie di omicidi che prendono di mira militari ed elementi della comunità ebraica, per un totale di otto vittime. A compiere gli assassini a bordo di un Yamaha TMAX è il franco-algerino Mohammed Merah, che si scoprirà in seguito essere un informatore della DGSE: quante cose avrebbe potuto raccontare il giovane magrebino se non fosse stato ucciso nel blitz delle teste di cuoio per “catturarlo”.

Le Figaro titola emblematico dopo gli attentati di Merah (e le stesse parole si potrebbero utilizzare oggi per Hollande): “Sarkozy s’est repositionné au cœur du système”. All’interno si legge16:

Avec Toulouse et Montauban, l’agenda a connu une très forte inflexion. Le thème des attentats donne à Nicolas Sarkozy une très forte crédibilité. Cette affaire fait apparaître que la France est dans un environnement troublé. Il y avait déjà la crise de la dette et la crise économique. Un nouveau trouble a émergé depuis quelques jours: la sécurité.”

Le presidenziali si chiudono, purtroppo per Sarkò, con la sua sconfitta e la salita all’Eliseo di François Hollande: la strategia della tensione è momentaneamente archiviata, finché i sondaggi di gradimento del presidente socialista raggiungono, nel breve volgere di tre anni, un record negativo storico.

Il giornale Le Parisien titola nell’autunno del 201417: Sondages: la descente aux enfers continue pour Hollande, Valls plonge lui aussi”.

Ecco allora ripartire la strategia della tensione: Charlie Hebdo, Saint-Quentin-Favallier, il treno ad alta velocità Amsterdam-Parigi e, infine, la strage del 13/11.

Rispetto agli attentati di Tolosa e Montauban del 2012, la stragismo di Stato ha però compiuto sotto Hollande un salto di qualità: sia per l’efferatezza e spettacolarità crescente degli attacchi, sia per la loro internazionalizzazione. Come abbiamo infatti sottolineato nelle nostre analisi, la strategia della tensione in Francia si salda col tentativo, da parte del Likud israeliano e dei falchi americani, di trascinare il presidente Barack Obama in guerra, prima in Yemen (Charlie Hebdo) e poi in Siria, con l’ultima carneficina parigina.

Ecco perché è quasi sicuro il coinvolgimento del direttore della DGSE, Bernard Bajolet, ben inserito nei servizi segreti angloamericani ed israeliani.

Martedì 27 ottobre 2015, quando mancano circa due settimane agli attentati allo Stade de France ed al Bataclan, il capo della DGSE è a Washington, per la conferenza tenuta dalla George Washington University e dalla Central Intelligence Agency, dal titolo “The Ethos and Profession of Intelligence18 (già il titolo suona strano, dal momento che etica e spionaggio vivono sue due pianeti differenti, ma forse è sarcasmo). Chi interviene alla conferenza? I papaveri dei servizi americani, inglesi ed israeliani: John Brennan, capo della CIA, Mike Rogers, direttore della NSA, John Sawers, ex-capo del Secret Intelligence Service e Yaakov Amidror, ex-consigliere nazionale della Difesa israeliana.

Chissà di cosa avranno discusso a margine della conferenza Bernard Bajolet e colleghi? Noi sappiamo solo che a distanza di due settimane si è consumata la mattanza di Parigi.

La corresponsabilità dei servizi francesi nelle stragi dell’ultimo anno è certificata dalla sconcertante indulgenza di cui godono nonostante le incessanti e drammatiche debacle: nonostante da inizio anno siano morte quasi 150 persone in atti terroristici, né il direttore della DGSE, né quello della DGSI, né il ministro degli interni si sono dimessi. Anzi, l’ultimo, ennesimo, “11 Settembre” europeo, è stato colto al balzo da Hollande per avanzare la proroga dello stato d’emergenza fino a tre mesi: la misura eccezionale consente di perquisire i cittadini senza la autorizzazione della magistratura ed attuare controlli della stampa (un blog come il nostro dovrebbe probabilmente migrare su server tedeschi o scandinavi)19.

Per il resto, come avevamo anticipato nella nostra analisi, la strage del 13/11 è impiegata per altri due scopi: il tentativo di coinvolgere militarmente gli USA nella guerra siriana e quello di rianimare l’agonizzante Unione Europea.

Il primo è stato prontamente neutralizzato da Barack Obama che, a latere del G20, ha incontrato Vladimir Putin ed ha bocciato qualsiasi ipotesi di “stivali americani” sul suolo siriano. Il secondo si è finora concretizzato nei consueti articoli sui media d’establishment (vedi l’articolo “O si fa l’Europa o si muore20 comparso su Il Sole 24 ore) e nello sterile appello che François Hollande ha lanciato all’Europa, rivendicando la clausola di solidarietà21 tra membri dell’Unione.

Chiudendo, si può dire che i vertici del sistema euro-atlantico considerano ormai lo stragismo di Stato un arnese della politica simile alle mance elettorali sotto elezioni: l’avvicinarsi di tornate elettorali decisive tra il 2016 ed il 2017, rende sicuro il crescendo di violenza.

bajoletwashington

Federico Dezzani

Fonte: http://federicodezzani.altervista.org

Link: http://federicodezzani.altervista.org/cherchez-lhomme-a-la-dgse/

17.11.2015

1http://www.lemonde.fr/attaques-a-paris/video/2015/11/15/le-deroule-minute-par-minute-des-attaques-du-13-novembre_4810487_4809495.html

2http://www.fff.fr/actualites/160984-567441-face-aux-champions-du-monde-en-novembre

3http://www.wsj.com/articles/attacker-tried-to-enter-paris-stadium-but-was-turned-away-1447520571

4http://www.lefigaro.fr/actualite-france/2015/11/15/01016-20151115ARTFIG00170-attentats-de-paris-les-terroristes-on-aurait-cru-des-morts-vivants.php

5http://www.mirror.co.uk/news/world-news/inside-kobane-drug-crazed-isis-savages-4423619

6http://www.cbsnews.com/news/saudi-prince-held-massive-amphetamine-bust-lebanon/

7http://www.iltempo.it/esteri/2015/11/16/abdelhamid-abaaoud-ecco-la-mente-degli-attacchi-di-parigi-1.1479759

8http://english.alarabiya.net/en/News/middle-east/2015/11/15/Suspect-held-in-Germany-over-weapons-find-says-wanted-to-visit-Paris-.html

9http://www.rtl.fr/actu/societe-faits-divers/attentats-a-paris-les-voitures-retrouvees-ont-laisse-plusieurs-indices-7780519591

10http://www.agi.it/estero/notizie/parigi_valls_l_intervento_francese_in_siria_continuera-201511142119-est-rt10111

11http://www.repubblica.it/esteri/2015/11/16/news/hollande_la_francia_e_in_guerra_-127496429/

12http://www.lefigaro.fr/debats/2007/07/16/01005-20070716ARTWWW90519-afghanistan_bin_ladin_probably_dead_.php

13http://edition.cnn.com/2015/07/08/politics/fbi-comey-isis-encryption-recruitment/

14http://www.huffingtonpost.it/2015/11/16/abu-omar-mente-parigi_n_8574578.html?1447691140&utm_hp_ref=italy

15http://www.lemonde.fr/international/article/2014/03/20/les-services-secrets-britanniques-ont-acces-aux-donnees-des-clients-francais-d-orange_4386266_3210.html

16http://www.lefigaro.fr/politique/2012/03/21/01002-20120321ARTFIG00713-sarkozy-s-est-repositionne-au-c339ur-du-systeme.php

17http://www.leparisien.fr/politique/sondage-la-descente-aux-enfers-continue-pour-hollande-valls-plonge-lui-aussi-15-09-2014-4137135.php

18https://www.cia.gov/news-information/press-releases-statements/2015-press-releases-statements/cia-and-gw-to-co-host-conference.html

19http://www.askanews.it/top-10/perche-hollande-vuole-lo-stato-d-emergenza-per-ben-3-mesi-in-francia_711661656.htm

20http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2015-11-16/o-si-fa-l-europa-o-si-muore-071947.shtml?uuid=ACmrwyaB

21http://www.ilsole24ore.com/art/commenti-e-idee/2015-11-16/o-si-fa-l-europa-o-si-muore-071947.shtml?uuid=ACmrwyaB

Pubblicato da Davide

  • Senna

    Ottimo articolo, logico e coerente !!

  • bstrnt

    Una spiegazione più credibile delle cialtronerie che i media ci hanno propinato in questi giorni!

  • IVANOE

    Ormai è tutto alla luce del sole ed è entrato così come se niente fosse nella memoria collettiva: ieri nei TG è stato detto che putin ha affermato che chi arma la mano dell’ isis sono circa 40 stati tra cui diversi all’interno del G20… più chiaro di così ?

  • AlbertoConti

    Chi si pone la domanda se dietro un atto terroristico ci siano i servizi segreti viene bollato come "complottista".

    La storia contemporanea ci insegna invece che dovremmo porci tutti un altro tipo di domanda: c’è mai stato un atto terroristico organizzato senza il coivolgimento (nell’organizzazione) dei servizi segreti? Che io sappia no.

    Peccato che questa domanda non sia condivisa e non abbia risposta certa, perchè indurrebbe subito alla domanda successiva: i servizi segreti occidentali sono coordinati tra loro, e in tal caso chi è al vertice della catena di comando?

    Ma, chi può dirlo? (domandina finale del tutto sarcastica)

  • Cataldo

    Nella ricostruzione dei fatti francesi manca un tassello a mio avviso importante, il suicidio di un alto funzionario di polizia regionale, sembra subito dopo aver prodotto la sua relazione sui fatti di Limoges, in un clima di "attrito" con gli altri funzionari venuti da Parigi in seguito all’attentato.
    Un suicidio estremamente anomalo che è sparito subito dall’informazione mainstream, per fortuna la rete riesce a serbare memoria di tanti elementi che possono sfuggire alle varie regie interpretative messe in opera, non è molto, ma è riuscito ad emergere e fa pensare sullo stato degli apparati di sicurezza della Francia
    Sul ruolo di Sarko come distruttore dell’autonomia poltica della Francia si è molto scritto, basti pensare che ha mandato in fumo 50 anni di sacrifici dei francesi per avere una loro deterrenza strategica autonoma, niente male per un mafiosetto corso.
    Sul ruolo dei servizi il punto critico è la superfetazione di centri di "coordinamento" tra le agenzie e di uffici speciali, che sono un modo diretto per scavalcare ogni controllo di legittimità sulle operazioni, su questo ha gran gioco il ruolo dei media che pilotano l’accettazione da parte dell’opinione pubblica di queste politiche emergenziali. Il ruolo di questi centri è estremamente importante e dovrebbe essere il fulcro dell’azione di controllo parlamentare, purtroppo la qualità umana e morale delle classi dirigenti europee è ad un punto di non ritorno.

  • SilvioAtir

    Eccellente
    articolo, che ridicolizza le corbellerie pubblicate dai media nostrani nonché dai
    “quaquaraquà” che sermoneggiano – senza timore del ridicolo –  da non pochi siti web alternativi.

     

    L’analisi di
    Federico Dezzani è stata lodevole ed accurata ma – non me ne voglia – spaziante
    soltanto a 180 gradi, invece dei canonici 360.

    Comunque,
    complimenti!

    Lei è bravo davvero
    ed onesto intellettualmente.

     

  • Hamelin

    Complimenti all’autore  !
    Una ricostruzione dell’accaduto logica coerente e sconcertante !

  • Holodoc

    Solo il fatto che non siano saltate teste al Ministero degli Interni e ai vertici dei Sevizi Segreti la dice lunga.

    Ricordo che la Francia è uno dei vincitori della 2a guerra mondiale che per decenni ha avuto la forza di stare fuori dalla nato avendo perfino rapporti economici e politici rilevanti con l’URSS.

    Adesso è ridotta ad un fantoccio degli americani, grazie all’Euro e Sarkozy.

  • lanzo

    @ Holodoc

    La Francia entro’ per il rotto della cuffia tra i "vincitori" della II guerra mondiale. In realta’ perse la guerra in un batter d’occhio e si instauro’ un regime filo nazista (Petain) che collaboro’  entusiasticamente con la Germania.
    Questi sono i fatti.
  • helios

    La Francia ha collaborata entusisticamente con la Germania anche con l’euro diventando poi subalterna ai tedeschi con tanto di deficit che ora sotto l’influsso della strage di Parigi, Bruxelles accetta di ‘lasciar correre’

    http://www.lefigaro.fr/conjoncture/2015/11/17/20002-20151117ARTFIG00116-budget-valls-admet-que-la-france-ne-tiendra-pas-ses-engagements.php

    Ad ogni strage Hollandesi riconsolida e ottiene dei risultati in UE.

  • SilvioAtir

    CONSUNTIVO DOPO
    IL 13 NOVEMBRE ‘15

    a) Lista dei
    vincitori

    – Putin, Obama
    & Kerry, NATO, Hollande, Merkel, Ucraina, Unione europea, BCE, FMI, Cina, City,
    WS, Rockefeller, Rothschild e (…omissis:per non farla troppo lunga) …Stato
    islamico (=IS).

     

    b) Lista dei perdenti

      – Noi.

    Nulla è
    cambiato.

    Anzi – a pensarci
    bene- il quadro d’insieme   rischia di peggiorare per la possibile
    sospensione dei nostri diritti di base.

  • SilvioAtir

    Che c’entrano
    FMI e Cina con la strage di Parigi?

    C’entrano,
    eccome! 

    Perché la strage di Parigi mutò il corso degli umori nel tempio della
    finanza  che conta.

    Difatti, in
    data 13 novembre 2015 (ma guarda un po’ che coincidenza!) la francese Christine
    Lagarde – direttore esecutivo del Fondo Monetario Internazionale – annunciò che
    i tempi erano maturi per l’inclusione della valuta cinese “remimbi” (RMB) nel
    paniere di valute relative ai DSP del FMI e che il suo staff aveva già
    preparato una relazione in merito.

    Relazione che verrà sottoposta -il 30 novembre p.v. – al vaglio del Comitato
    esecutivo per la decisione finale:

    http://www.imf.org/external/np/sec/pr/2015/pr15513.htm [www.imf.org]

     

    In altre parole, Lagarde riconobbe ufficialmente che la valuta cinese  merita ormai di far parte del “Gotha” delle
    valute mondiali (assieme al dollaro USA, sterlina inglese, euro, yen giapponese).

     

    Contestualmente, con tale mossa Lagarde potrebbe sventare il
    consolidamento di un “FMI” antagonista, già messo in cantiere dai Paesi  BRICS.

     

    Dopo tale annuncio, grande fu soddisfazione della Cina

    http://www.chinadaily.com.cn/business/2015-11/14/content_22458141.htm [www.chinadaily.com.cn]

     

    e della “City of London Corporation” (= Rothschild) :

    http://www.cityoflondon.gov.uk/business/support-promotion-and-advice/promoting-the-city-internationally/china/Pages/Priority-areas-of-focus.aspx [www.cityoflondon.gov.uk]

     

    Leggere per credere!

  • SilvioAtir

    A riprova di come il clima geo-politico sia radicalmente mutato (nel
    frattempo, la terra sia lieve e materna sulle vittime innocenti di Parigi!)
    sta
    il recentissimo ordine di Putin:

    “I comandanti delle nostre unità navali cooperino attivamente con la portaerei
    francese Charles de Gaulle, che è da considerare nostra alleata”

    http://deutsche-wirtschafts-nachrichten.de/2015/11/17/putin-weist-russische-marine-an-frankreich-als-verbuendeten-zu-behandeln/ [deutsche-wirtschafts-nachrichten.de]

     

    Sicuramente Putin sa quel che deve fare.

    Tuttavia, mi chiedo :

    “Chi comanda negli USA, Obama o quei generali e politici neocon che
    vorrebbero far la pelle a Putin e/o dichiarare guerra alla Russia?”   

     

  • Truman

    In un impero vicino al crollo si creano guerre per bande. Non comanda più nessuno e comandano tutti. E si fanno la pelle tra di loro ma ancor di più uccidono innocenti. E ciò che vediamo solitamente è lo scontro tra le bande espresso tramite sacrifici umani di persone innocenti.

    Nihil sub sole novi.

  • SilvioAtir

    Concordo con lei.

    Come avvenne
    per l’antico impero romano, anche l’impero anglo-sassone cadrà, dopo quasi 4
    secoli di egemonia (“Pax britannica” prima, “Pax americana” dopo) contrassegnati
    da interminabili scie di sangue innocente.

     Chi subentrerà? 

    L’Est  (in primis,Cina) che sta invadendo di capitali l’Ovest per colonizzarlo?

    Mi auguro di no. Cadremmo dalla padella nella brace.

  • morris
    BASTA! Ha ragione Barnard. Queste ricostruzioni sono un insulto
    all’intelligenza. Ridateci i plastici di Bruno Vespa, per carità! Ridateci Vanna
    Marchi! Questi blogger, lungi dal giornalismo investigativo di cui ci sarebbe
    bisogno, mettono in fila una serie di informazioni pescate qua e là, ci
    aggiungono 2 o tre fervide supposizioni, MAI verificate sul campo, MAI
    dimostrate con prove concrete, et voilà: il complotto è servito. Un consiglio a
    Donchisciotte: aggiungi una sezione spam e ficcaci dentro gli articoli false
    flag “un tanto al chilo” come questo, così non perdiamo tempo con ’ste
    cazzate.