Home / ComeDonChisciotte / CHARLIE HEBDO: IL MISTERIOSO SUICIDIO DI HELRIC FREDOU
14310-thumb.jpg

CHARLIE HEBDO: IL MISTERIOSO SUICIDIO DI HELRIC FREDOU

FATTI SCIOCCANTI SUL MISTERIOSO SUICIDIO DI HELRIC FREDOU: INTERVISTA CON LA SORELLA

DI VANESSA BEELEY

medhajnews.com

I primi collegamenti intorno al suicidio di Helric Fredou sono stati messi in relazione dal giornale locale della regione di Limoges, dove io vivo…. Le populaire.

Comunque, sia i media nazionali che i mainstram non ne hanno parlato per parecchi giorni dopo l’attacco a Charlie Hebdo, nonostante il forte collegamento che – da quanto abbiamo appreso – avesse Helric Fredou con il più grande attacco terroristico nel cuore di Parigi, di tutta la sua storia. Visto che Fredou era appena stato incaricato di redigere una relazione sui fatti.

Parigi

Dopo l’uscita di questo articolo su le Populaire, che entrava nei dettagli del suo apparente “suicidio” dovuto alla sua depressione, ho deciso di iniziare a scavare più a fondo su come era arrivato a Limoges. Attraverso vari contatti con i media e con i blog locali, parlando con diverse fonti, ho messo insieme questi fatti.

1. Helric Fredou stava lavorando sul caso Charlie Hebdo e si è suicidato all’UNA del mattino tra Mercoledì e Giovedi dopo aver appena finito di scrivere la sua relazione.

2. Il suicidio è stato riportato dal giornale locale Le Populaire, vedi collegamento sopra, ed è stato annunciato alla radio locale France Bleu e da France 3 Limousin. Stranamente è stato ripreso dal canale televisivo indiano Zee News. Il video di questa notizia è stato cancellato 2 giorni dopo !! Come lo sono stati molti altri video sull’attacco a Charlie Hebdo. Tuttavia esiste ancora un link al video tramite questo serviziodi Panamza ( http://www.panamza.com/160115-suicide-charlie-bougrab.) Questo servizio raccoglie molti dei punti che andremo ad esaminare nel corso di questo mio post. L’opinione pubblica francese è stata tenuta quasi completamente all’oscuro su questa morte….il mondo dei media non ne ha deliberatamente parlato o lo ha deliberamente nascosto.

3. Verso l’una del mattino dell’8, secondo i rapporti locali (vedi fonti sopra) il Vice Commissario di Polizia Giudiziaria di Limoges, Helric Fredou è stato trovato morto nel suo ufficio. Aveva solo 44 anni e, a quanto pare, si è sparato alla testa con la sua pistola di servizio.

4. Un messaggio di condoglianze, inviato dal Sindacato di Polizia, è stato pubblicato su Le Populaire

5. Il giorno dopo il Parisian ha ripreso la storia ma ha dato molta enfasi al punto in cui si parlava della depressione come causa del suicidio.

6. A questo punto nessun giornale mainstream ha più parlato di questa storia.

7. Il 14 gennaio, il giorno dopo i funerali di Helric Fredou, Panamza ha raccolto una intervista con sua sorella. Ecco la trascrizione degli elementi più importanti (trandotti dal francese in inglese – e poi in italiano)

“Appena ho sentito la notizia, ho pensato che fosse impossibile, qualcuno doveva averlo ucciso, ma non eravamo in un film!” – la sorella di Fredou ha detto chiaramente a Panamza che riteneva molto strano che suo fratello si fosse ammazzato, tanto che si stava chiedendo perché, stava cercando di trovare un motivo che potesse essergli passato per la mente.

“Non ha lasciato nessun biglietto e non si era nemmeno tolto il distintivo della polizia! Molti dei poliziotti che si suicidano, vengono trovati senza il loro distintivo, che tolgono prima di togliersi la vita.

“Era una persona estremamente calma, una persona molto circospetta secondo i suoi colleghipiù volte, la sorella ha sottolineato la sua calma e la lucidità del fratello. Aveva grande perspicacia, non era violento, né impulsivo. Era sempre stato ammirato per queste qualità nel suo reparto.

“La polizia ha prelevato da casa nostra il suo computer portatile e il cellulare. Siamo rimasti scioccati, ma ci hanno detto che quella era la proceduraNel pomeriggio dell’8 infatti la polizia è andata a casa di Helric e, di fronte a sua madre e alla sorella, ha prelevato il computer portatile personale e lo smartphone.

“Mia madre, che era molto vicina a Helric, vuole delle risposte alle sue domande: C’era una benda sulla fronte, un lato della testa è stato trapanato, ma non c’è nulla sulla parte posteriore della testa.” La famiglia è stata informata alle 5 del mattino e si è dovuto insistere fortemente per poter vedere il corpo. Finalmente solo verso sera la famiglia è stata autorizzata a vederlo.

“Mio fratello aveva scoperto, personalmente, due corpi di suicidi a Melun e aveva sempre detto a mia madre ” Non potrei mai lasciarti in quel modo. Non te lo farei mai”. Mio fratello non era in uno stato di depressione” A novembre del 2013 Helric Fredou aveva trovato il corpo di un suo collega, Christophe Rivieccio, nello stesso Commissariato di Limoges. https://www.youtube.com/watch?v=t6UTm7PAAQI

“Quella notte mio fratello, che era sempre di guardia, è stato convocato ed è andato in ufficio intorno alle 23.30. La serata è stata molto tesa secondo i suoi colleghi, c’era anche la Polizia di Parigi. Mio fratello doveva aver scritto un rapporto, poi c’erano state tensioni, non so perché. Ha detto che doveva fare una telefonata urgente e, quando dopo un pò non era ancora tornato … hanno madato un collega a cercarlo …. e lo hanno trovato morto!

Quel mercoledì sera una squadra della polizia doveva andare a interrogare la famiglia di una delle vittime dell’attentato a Charlie Hebdo e Fredou aveva semplicemente interrogato queste persone. La testimonianza di sua sorella solleva alcuni punti preoccupanti. La stesura del rapporto aveva creato degli attriti” tra gli agenti di polizia presenti, frizioni di cui non si sono date spiegazioni e di cui non si è fatta nessuna menzione. Proprio nel bel mezzo di questo stato di tensione, Fredou ha detto che aveva bisogno di fare una telefonata urgente e non è tornato vivo.

A chi doveva telefonare?

Di cosa doveva parlare?

Perché, a questo punto, c’era stato attrito tra gli agenti di polizia?

“Quelli di Parigi erano venuti apposta a Limoges per raccontarci quello che era successo” la sorella enfatizza il fatto che degli ufficiali delle forze di Polizia Nazionale Francese sono andate il mattino dopo dalla famiglia per confermare che Fredou si era suicidato.

C’è una domanda che bisogna fare … dove si trova adesso il rapporto sul quale stava lavorando Fredou quella sera? Perché è stato ritenuto necessario che i vertici della Polizia di Parigi andassrero a convincere la famiglia del suo suicidio.

A chi stava telefonando e perché?

Se lui si è sparato alla testa, dov’è il foro di uscita del proiettile?

Perché non è stato dato alla famiglia il permesso di vedere il corpo fino a più di 12 ore dopo la sua morte?

Perché un uomo, che sta lavorando sull’attacco terroristico del secolo, un caso che gli avrebbe garantito una carriera di successo, un uomo che la sua famiglia ha detto che non era “depresso”, un uomo che ha detto a sua madre che non si sarebbe mai tolto la vita .... perché quest’uomo avrebbe dovuto suicidarsi?

Vanessa Beeley, International Correspondent, Medhaj News
Fonte: http://www.medhajnews.com

Link: http://www.medhajnews.com/article.php?id=NTgyNg==

15.01.2015

Il testo di questo articolo è liberamente utilizzabile a scopi non commerciali, citando la fonte comedonchisciotte.org e l’autore della traduzione Bosque Primario.

Pubblicato da Bosque Primario

  • Aironeblu

    Il diavolo con la stella esagonale fa le pentole ma non i coperchi… 

  • Selene

    Sulle ipocrisie del sistema, in analogia al tema,  segnalo anche questo articolo tradotto da 21stcenturywire.com: JE SUI HYPOCRITE:

    rilevante nell’articolo non tanto la dinamica  dell’attacco- a cui non si dedica- ma la carrellata dei VIP presentati al solito come solidali per la pace, quando hanno più’ che un cadavere nel proprio armadio.
    La NON complicità alle varie narrative holliwwod sembra essere il punto… giusto
  • Hamelin

    Probabilmente sapeva qualcosa che non doveva emergere e l’hanno suicidato…
    Che ci siano cose non chiare sui fatti di Parigi è palese .

  • GioCo

    Ehm, ma no dai. Adesso si insinua persino che qualche collega nel suo ufficio l’abbia suicidato per impedirgli di diffondere un rapporto interno alla polizia?
    Forse c’era chi temeva che ci fossero ancora poliziotti con le palle e incorruttibili pronti a diffonderlo a giornali dove lavorano giornalisti con le palle e incorruttibili?
    Magari mentre telefonava stava pulendo la pistola e si è distratto, ma per non infangarne la memoria hanno messo in piedi sta storia del suicidio. I poliziotti sono solidali tra loro, no?
    Come? Non regge?
    Ma accidenti, c’è qualcosa che regge in questa vicenda? Facciamo così, arriviamo subito al dunque: gli alieni sono sbarcati e hanno posseduto alcuni francesi, ma hanno fatto confusione con i programmi di induzione ipnotica (perchè sono alieni e delle confuse faccende umane ci capiscono meno di noi) e li hanno programmati come combattenti arabi piuttosto che come agenti kgb.
    Zio Sam (alias Pentagon) se incazzato e ha incaricato direttamente Fredou dell’ufficio di polizia locale di occuparsi della videnda. Il povero funzionario è entrato in panico, riceveva  ordini contradditori dai vertici Francesi e No e quindi è entrato in depressione per suicidarsi dopo aver tentato di scrivere un rapporto che i suoi colleghi hanno definito "allucinante". Ma siccome non era pratico di suicidio, si è suicidato male, cioè battendo insistentemente la testa contro il muro del suo ufficio. Dato lo stato del cadavere e l’impossibilità di spiegarne le vicende, i colleghi hanno tenuto a lungo lontano la famiglia dal cadavere.

    Ecco, vedere? Ora tutto è logico! :))

  • RenatoT

    sembra un po il caso di Ivan Heyn, il futuro ministro dell’economia trovato impiccato in albergo dopo la riunione con il FMI.

  • sotis

    ci sono cose che nemmeno un topo di fogna farebbe …. ma alcuni di quelli che tirano i fili, si!

  • SanPap

    Mooolto più credibile la tua versione !

    Oppure potrebbe essersi suicidato con un proiettile di ghiaccio, che si squagliato prima di attraversare il cranio.

    Chi sa se hanno presa in considerazione questa eventualità ?

  • Valdez

    Si n’giorno poi te dicheno
    Che ‘n morto s’è ammazzato
    Allora è segno certo
    Che l’hanno suicidato

    Vojo cantà così, fior de limone….

  • Truman

    Articolo correlato: segnalo il precedente lancio che avevamo pubblicato il 9 gennaio

    FRANCIA: SI SUICIDA AGENTE DI POLIZIA RESPONSABILE DELL’INDAGINE SULL’ATTACCO A CHARLIE HEBDO

  • rebel69

    Povero Cristo.A chi si domanda come poter cambiare cose la risposta è semplice, basta comportarsi onestamente con senso di onestà e giustizia, con tutto quello che ne consegue.Meglio farsi suicidare da persone rette piuttosto che vivere da bifolco.Una delle poche persone appartenente alle forze di polizia che mi sta simpatico,condoglianze alla sua famiglia.

  • geopardy

    Ricorda molto la vicenda di Michele Landi, il super tecnico informatico trovato morto in un presunto e rocambolesco "suicidio".

    Il Landi stava indagando su misteriosi omicidi eccellenti in Italia, che vennero imputati a "terroristi".
  • geopardy

    Non ho specificato la data: 2002.