Home / ComeDonChisciotte / CERTO E’ PIU’ FACILE PRENDERSELA CON I MORTI CHE CON I VIVI
14652-thumb.jpg

CERTO E’ PIU’ FACILE PRENDERSELA CON I MORTI CHE CON I VIVI

DI FABIO FALCHI

facebook.com

Il Papa condanna il nazismo, il comunismo e pure il genocidio compiuto dai turchi nei confronti del popolo armeno. Ma non ricorda altro. Insomma, a parte gli indiani sterminati dagli inglesi con le carestie, lo sterminio dei maori o quello degli amerindiani (tanto per rammentare qualche crimine occidentale) per il papa milioni di esseri umani bruciati vivi o massacrati in Corea, Vietnam, Laos, Cambogia, Indonesia non contano nulla.

Come le torture, i golpe e gli squadroni della morte in America Latina o come le centinaia di migliaia di civili iracheni “fatti fuori” dagli Usa o le torture e rapimenti eseguiti dalla Cia in mezzo mondo. Per non parlare dei gangster di Wall Street che hanno creato il terzo mondo perfino in Europa. No, non parlo della Inquisizione su cui del resto circolano molte bufale, ma di crimini “attuali” come nel Donbass o in Siria o nello Yemen.

Certo è più facile prendersela con i morti che con i vivi. Ma questo vale solo per i vili. E da un papa si vorrebbero ascoltare parole ben diverse dalle parole di un vile.

Fabio Falchi

visto su pagina facebook di clorolaclero

Link

12.04.2015

Pubblicato da Davide

  • Hamelin
    Questo Papa è un Gesuita .

    Non potrà mai veramente condannare nessun crimine a patto di partire rinnegando e condannando tutti i crimini compiuti dalla Compagnia di Gesu’ .

    Purtroppo nessuno si accorge chi sta realmente guidando la Chiesa di Roma.

  • oriundo2006

    Probabilmente  non si è capito il PERCHE’ di questa esternazione papale, alquanto improvvida ed irrilevante se riferita alle argomentazioni succitate. Il Papa ha voluto segnalare alla Turchia che non è disposto a subire il genocidio delle popolazioni cattoliche in Siria ed Irak per mano dell’Isis sponsorizzata pesantemente da Ankara: così come nel passato la Turchia aveva provocato il martirio armeno, così oggi la stessa Turchia è complice diretta di chi ( Isis ) sta realizzando analogo martirio delle popolazioni non islamiche ma cristiane orientali. Rammentare il passato ha il significato di dire: guarda noi oggi non tolleriamo più che si producano fatti come nel pasato. Di qui alcune considerazioni. La prima: è la Turchia responsabile unica della situazione odierna o è complice di ‘altri’ ugualmente correi ? La seconda: era la Turchia responsabile per il passato del genocidio armeno oppure ( anche ) allora mandanti ed esecutori erano diversi ( dunmeh, elites massoniche ecc. ) ? La terza: è possibile o lecito oggi dimenticare massacri e deportazioni e stermini perchè commessi da ‘entità’ formalmente ‘alleate’ del Vaticano nel piano di supremazia dell’elite ‘occidentale’ ? Insomma, perchè prendersela solo con la Turchia ? Serve oggi a evitare i massacri cui assistiamo giornalmente ? 

    E’ evidente che  il papato con questa mossa riafferma il primato del cattolicesimo nel giudicare ( sciogliere e legare ) i fatti del mondo, chiamando a risponderne i detentori del potere mondano: ma ahimè, solo del mondo non-cristiano… 
  • neroscuro2014

    Mi piace il tuo commento che è anche molto più interessante dell’articolo.

  • Neriana

    Concordo con oriundo2006sul fatto che Papa Francesco voglia mettere in rilievo il ruolo della Turchia nel finanziamento/appoggio  al’ IS in chiave anticurda, e anti cristiana. Deve fare pero’ attenzione in quanto Erdogan lo ha preso come assit in chiave anti-cristiana ma sopratutto anti-laica, visto che tutta la presidenza di Erdogan, è per ridare forza all’Islam in Turchia, o meglio in quell’"incesto" che vuole alleati Israele e Turchia attraverso la sponsorizzazione bipartisan dell’IS , e sotto la tutela dell’Arabia Saudia ( leggasi USA ).

    Ma solo attizzare i laici turchi, attraverso il genocidio armeno, per dare ancora piu forza ad Edogan…al quale non deve essere piaciuta la visita dei Greci, e dell’Hub in grecia, offerto prima alla Turchia.

  • cardisem

    Neppure il Papa si sottrae alle esigenze mediatiche ed alle Vulgate organizzate dai governi che contano…

    Mi chiedo, considerata ormai la pratica dei tribunali dei vincitori sui vinti, quanti “crimini” e “genocidi” potrebbero essere imputati agli Stati Uniti, se un giorno capitasse loro di essere vinti come lo sono stati la Germania, l’Italia, il Giappone…

    In fondo, a pensarci bene, la storia degli Stati Uniti altro non è che una successione di genocidi, tratta degli schiavi, massacri, colpi di stato, rapimenti e crimini di cui solo una parte è noto, mentre per l’altra maggiore si può solo intuire e sospettare…

    Neppure quella del Papa riesce ad essere una voce "libera”…
    Già, e quando mai, la Chiesa nella sua lunga storia ha innalzato il vessillo della libertà di pensiero, di fede, di coscienza?…

  • PietroGE

    Basta con questa storia della Turchia candidato ad entrare nella UE. Il Papa e prima di lui le forze politiche devono mettere il veto, subito. Un Paese che appoggia i terroristi, che non sta nemmeno in Europa, che nega i crimini commessi non ha nessun diritto a entrare in Europa.

  • Giovanni_D

    Già, come se entrare in Europa fosse un privilegio.

  • Fedeledellacroce

    Giusto, forza papa e ue!!
    fora i mori dall’europa……
    abbasso i terroristi!
    viva i cristiani!

    PietroGE ha scritto:
    "Un Paese che appoggia i terroristi, che non sta
    nemmeno in Europa, che nega i crimini commessi non ha nessun diritto a
    entrare in Europa."

    Stai parlando dell’Inghilterra?

  • roberto4321

    complimenti, volevo scrivere una risposta simile, ma l’hai fatto di più prima e certamente molto meglio.

  • Ercole

    Ottima riflessione ,purtroppo anche la religione  è funzionale alla conservazione del sistema capitalista e non possiamo aspettarci una critica a 360 gradi da chi viene chiamato a rappresentarla  (PENA LA PROPRIA ESISTENZA )

    Resto   "  fiducioso  " su Francesco in attesa del Papa del fare anzichè  del dire ……
    P.S. Operazione marketing in vista del giubileo   in   edizione straordinaria.
  • Teopratico

    Mi sa che ormai non vogliano neanche loro entrare nell’UE, a che pro? Esportano così bene oggi…

  • Tetris1917

    Il papa ha lanciato un macigno nel puzzolente stagno della geopolitica e della guerra di posizionamento che le potenze stanno compiendo. La Turchia sta giocando doppio con L’ISIS e questo è certo soprattutto per il fatto che i Curdi sono una questione irrisolta che prima o poi scoppierà. Alla Turchia conviene che l’SIS schiacci i Curdi. Quindi il papa che non è un coglione qualsiasi, come il venditore di gelati di rignano, interviene sul nervo scoperto in mediooriente. Se l’ISIS vince contro i Curdi, l’occidente avrà la guerra in casa in doppia mandata: Isis + immigrati che scappano per mare e per terra. Se vincono i Curdi, esploderà la questione della "nazione Curda", e sarà guerra certa con la Turchia. Ma dietro la Turchia ci sta la NATO—> USA. Insomma il kaos che più Kaos non si può. Chi in questa vicenda subirà un colpo mortale è l’Europa, l’europeina vigliacca e calcolatrice ma che in realtà è schiaccita tra la NATO e l’ISIS, un bel piattino del "pacifista" Obama e della neocandidata Hilary Clinton….questo è il secolo della fine dell’occidente. Il papa Aragentino a cospetto è uno stratega di primissimo ordine.

  • Senna

    Leggo che molti utenti sostengono che la Turchia appoggerebbe/finanzierebbe l’ISIS, ma queste informazioni da dove arriverebbero ?
    La Turchia che appoggia il terrorismo ?
    Ma siete fuori di testa ?!
    Nel 2013, le solite lobby anglo-usrael avevano provato con quella buffonata di finta rivoluzione a far traballare Erdogan, ma il suo consenso popolare era ed è altissimo e quindi la situazione fu sempre sotto controllo ; è l’unico personaggio politico che ha osato accusare pubblicamente Israele, al forum di Davos, per le loro porcate a Gaza e si è anche opposto al piano anglo-usrael, di fornire il sarin ai mercenari veri terroristi all’opera in Siria, per poi accusare Assad, come in seguito hanno fatto.
    Meglio per loro non entrare in questa Europa serva e schiava delle lobby anglo-usrael !!

  • oriundo2006

    Grazie a te e al commentatore precedente: è bene però che tutti scrivano, senza modestia e senza paura di critiche. Il fatto che non ho detto è che Erdogan ha una spina nel fianco, data da Energekon ( simile a Gladio ) e dall’establishment militare. Accettare l’esternazione del Papa, che probabilmente condivide date le timide aperture assai recenti sugli armeni, lo espone ad essere eliminato ( e neppure solo politicamente ) dai ‘custodi’ dell’ortodossia laico-kemalista, ovvero massonica. Dunque, deve ‘coprire’ le antiche malefatte col silenzio e il diniego, ben sapendo che è anche ‘custode’ dell’unità del Paese, oggi messa a dura prova dai curdi e dai loro sponsor, che contraddittoriamente ( come sempre in Medio-Oriente ) sono anche loro pesantemente implicati in Daesh-Isis-Al Nusra ecc. Un ginepraio nel quale l’intervento papale appare voler dire: o di qui o di là, ma è reso inefficace dalla critica che si può muovere al papato stesso per le innumerevoli stragi del nostro recente passato su cui il Vaticano ‘prudentemente’ è sempre stato silente se non occulto complice.

  • vendicatorerosso

    desidero tu sia sarcastico mr pietroge..

    ma ne dubito…
  • Neriana
  • makkia

    Tutto quello che dici è realistico, ma non dimenticare che in funzione pro-sunnita e anti-sciita e (collateralmente) anti-kurda la Turchia è disposta a tutto. Non per niente l’IS ce l’ha più con gli "apostati" che con gli infedeli.
    Fra l’altro l’IS è anche intrinsecamente anti-wahabita, il che non guasta: la Turchia, a differenza di USA e Israele, ne ha piene le tasche di Al Qaeda e ha visto di buon occhio la nascita e differenziazione di ISIS.

    In realtà non ci sono prove che ISIS sia direttamente finanziato dalla Turchia: una mozione siriano-russa all’ONU, con la quale si cercava di introdurre IS come elemento autonomo da Al Qaeda, è stata appena bocciata da USA, UK, Francia e Giordania. Loro insistono che è solo una costola di Al Qaeda. E’ evidente che hanno interesse a non rendere "troppo" efficace il contrasto a ISIS. E non volgiono che si scopra chi veramente finanzia.

    Ma la Turchia ha convenienza: ISIS non ce l’ha con gli USA, Israele e la stessa Turchia ma con Siria, Irak, Egitto, kurdi e Iran, tutti concorrenti militari dei turchi, e odia i sauditi (concorrenti petroliferi).
    Ecco perché le notizie di supporto turco ai miliziani dell’ISIS sono del tutto credibili.

  • PietroGE

    No non sono sarcastico. Questa della candidatura della Turchia è una brutta storia di vigliaccheria e di idiozia. Non appena la Turchia sbraita tutti si mettono sugli attenti.  Il governo italiano non prende posizione sul genocidio degli armeni? Ma come! Hanno da poco introdotto il reato di negazionismo per il cosiddetto olocausto e ora Gentiloni dice che deve essere la storia a giudicare quello che è successo?

    Quale Paese europeo! Lo sa anche un bambino di 10 anni che la Turchia non sta in Europa, basta guardare la carta geografica. La Turchia serve a distruggere quel che è rimasto del cristianesimo in Europa (non molto a giudicare dai commenti su CDC) e a islamizzare il continente. Per questo i poteri forti e i loro servi la vogliono in Europa.

  • Senna

    Tutte balle ; l’ISIS è stata progettata e pianificata dalle lobby anglo-usrael, con i soldi di quelli che tu definisci nemici.
    La Turchia non acceterà mai, maggiore autonomia e potere per i curdi, ma questo non significa lontanamente che approvi e ancora peggio appoggi questa produzione totalmente occidentale che è l’ISIS.
    Nel 2013 hanno provato a destabilizzarla, come poi è successo in Ucraina, solo che non ha funzionato ; Erdogan ha l’80/85% del popolo turco dalla sua parte.

  • Senna

    Guarda che la fonte della tua notizia è il canale tedesco ARD, spudoratamente schierato, schiavo e servo delle lobby anglo-usrael ; tutta l’informazione tedesca ha come fonte un’organizzazione che fa capo alla NATO.
    https://www.youtube.com/watch?v=zfqVzJ-dCYw
    Dal minuto 38 è spiegato molto chiaramente chi e quale ente decide la diffusione delle notizie in Germania.
    Dal minuto 39,25 puoi vedere quali organizzazioni controllano i maggiori giornali tedeschi.

  • jake

    Ah beh…. Se lo hai visto sulla pagina Facebook di Cloro al Clero allora deve essere proprio tutto vero! 🙂

    Caro  Fabio Falchi leggi cose più interessanti, usa lil tuo cervello e non criticare le cose giuste che questo Papa sta facendo!

    Tu, nella vita per combattere gli olocausti (a parte scrivere sui blog) che hai fatto?

    Sei un altro eroe da “tastiera” anche tu?

  • Zret

    Sì.

  • idea3online

    Potrebbe essere così. Oppure no. Sicuramente non è facile capire l’obiettivo che vuole raggiungere. Il Vaticano non si è capito se guarda ad Oriente o ad Occidente. Certo è che nel passato recente guardava ad Occidente…..la stessa potremmo dire dell’Islam, i sunniti guardano ad Occidente o blocco a guida USA, mentre gli Sciiti guardano ad Oriente al blocco emergente a guida Russa, prova è che la Russia fornirà gli S-300 all’Iran. La Chiesa Ortodossa è alleata alla Russia, quella Ucraina all’Occidente, quella ebraica agli USA, anche se ci sono gruppi di ebrei legati un pò a tutte le religioni ed a tutti i popoli. Le religioni protestanti alleate dell’Occidente. Le religioni sono divise tra i due blocchi principali. La varietà delle religioni è molto diffusa in Occidente, è una terra che consente la libertà di espressione, chi può negarlo, purtroppo ultimamente la varietà dei costumi non incontra confini, limiti ideologici, ed questo mette in dubbio il significato della parola libertà ed rispetto per il diverso. Questo estremismo ha annullato il confine tra il bene ed il male. Al contrario in Oriente soprattutto tra gli arabi il confine tra il bene ed il male è così netto da inglobare nel male il bene, e nel bene il male. Regole rigide in contrapposizione al mondo senza regole morali dell’Occidente.

    Il Vaticano essendo dentro a questo brodo religioso, vorrebbe ridiventare il Centro, ma deve gestire con abilità l’Oriente e l’Occidente per restare in equilibrio.
  • idea3online

     Il Vaticano non si è capito se guarda ad Oriente o ad Occidente. Certo è che nel passato recente guardava ad Occidente…..lo stesso potremmo dire dell’Islam, i sunniti guardano ad Occidente o blocco a guida USA, mentre gli Sciiti guardano ad Oriente al blocco emergente a guida Russa, prova è che la Russia fornirà gli S-300 all’Iran. La Chiesa Ortodossa è alleata alla Russia, quella Ucraina all’Occidente, quella ebraica agli USA, anche se ci sono gruppi di ebrei legati un pò a tutte le religioni ed a tutti i popoli. Le religioni protestanti alleate dell’Occidente. Le religioni sono divise tra i due blocchi principali. La varietà delle religioni è molto diffusa in Occidente, è una terra che consente la libertà di espressione, chi può negarlo, purtroppo ultimamente la varietà dei costumi non incontra confini, limiti ideologici, ed questo mette in dubbio il significato della parola libertà ed rispetto per il diverso. Questo estremismo ha annullato il confine tra il bene ed il male. Al contrario in Oriente soprattutto tra gli arabi il confine tra il bene ed il male è così netto da inglobare nel male il bene, e nel bene il male. Regole rigide in contrapposizione al mondo senza regole morali dell’Occidente.

    Il Vaticano essendo dentro a questo brodo religioso, vorrebbe ridiventare il Centro, ma deve gestire con abilità l’Oriente e l’Occidente per restare in equilibrio.
  • lucamartinelli

    caro Jake, questo papa ha la sua età e la memoria ogni tanto gli fa difetto. Ricordi quando poco tempo fa fece un voletto sul canale di Sicilia versando qualche lacrimuccia per i migranti morti in mare? Peccato che non abbia mai fatto lo stesso gesto sull’estuario del Rio Plata, dove sono stati gettati, anche vivi, migliaia di desaparacidos argentini…..o no?

  • Teopratico

    Ai bambini delle elementari dovrebbero ancora insegnare in geografia che esiste una Turchia asiatica ed un pezzetto di Turchia europea. O no? E perchè i poteri forti vorrebbero l’islamizzazione dell’Europa? Comunque non so che ne sarebbe oggi del cristianesimo in Europa senza la chiesa cattolica. Lo stato vaticano è sopravvissuto alla Storia, e non mi sembra che sia ancor oggi troppo minacciato, realmente, fisicamente. Secondo me non hai granchè da lamentarti.

  • MarioG

    Peccato che la Turchia da 4 stia cercando di demolire la Siria con tutti i mezzi, armando, addestrando e inviando tutte le bande di estremisti, ISIS inclusa, ovviamente.

    Chissa’ come lo spiega secondo il suo assioma: "come??? la Turchia finanzia  il terrorismo?".
  • Vimeno2

    Interessante analisi! Complimenti nn ci avrei mai pensato!

  • Senna

    Sei informato malissimo, perchè è l’occidente anglo-usrael che pianifica, addestra e arma tutta la fogna del medio oriente da anni con i soldi di Qatar e Aurabia Saudita.
    La Siria deve cadere perchè transiti il gasdotto dal Qatar all’Europa e metta definitivamente in ginocchio la Russia ; difatti la Siria non è caduta, grazie all’appoggio Russo.

  • MarioG

    Quello che lei dice non toglie il fatto che la Turchia appoggi pienamente tale strategia in Siria (come a suo tempo si schiero’ pure contro la Libia). Questo e’ un dato di fatto. Dunque qual e’ il punto?

     
  • Senna

    La Turchia si è tirata fuori da quel letamaio, se mai lo avesse appoggiato, almeno dal 2013, quando ha capito le reali intenzioni delle lobby anglo-usrael ; per questo fatto e per aver beccato ai propri confini i cosidetti ribelli antiregime (letamaio mercenario nemmeno siriano, totalmente pianificato dall’occidente con soldi arabi) con il sarin (l’uso del sarin sul popolo siriano doveva essere la mossa decisiva, per dare il pretesto alle lobby anglo-usrael di bombardare l’esercito siriano), la Turchia ha subito un tentativo di destabilizzazione con una buffonata di finta primavera orchestrata dalle lobby anglo-usrael per constringere Erdogan a rigare dritto.
    Poi se in passato, la Turchia ha lasciato che in alcune zone di confine con la Siria gli anglo-usrael addestrassero e armassero mercenari e futuri terroristi, è possibilissimo ; ma dal 2013 la Turchia ha preso un’altra strada.

  • makkia

    stai rispondendo a qualcun altro?

    No, perché altrimenti rileggi. Ho detto che NON è certo che la Turchia finanzi l’ISIS ma di sicuro hanno vita facile a transitare avanti e indietro dalla Turchia, uomini e mezzi.
    Io di "nemici" dell’ISIS vedo solo altri arabi, quei 4 disgraziati occidentali che hanno decapitato sono solo marketing: sono il volantino di reclutamento. Quelli che massacrano a pacchi sono arabi (e cristiani e kurdi, ma sempre "marroncini").

    Mai dubitato che ISIS sia finanziato dall’occidente, infatto ho citati la new sul consiglio di sicurezza dell’ONU.

    Ma non per questo la Turchia è innocente. Le cose sono complicate, in quello scacchiere. Una cosa è certa, sicura e garantita: Erdogan non ama gli sciiti, né i wahabiti, né i sunniti laici (Siria, Egitto, la fazione militare ex-geddafi della Libia).
    I laici sunniti in particolare ce li ha in casa, sono il nerbo ataturkiano del suo potentissimo esercito. La cui influenza gli dà fastidio: la Turchia subisce tradizionalmente qualche anno di golpe militare "normalizzatore" ogni volta che la politica si discosta troppo dai desiderata dei militari.
    Erdogan è troppo popolare per accontentarsi di stare sotto tutela. Finché combatte kurdi e rivoluzioni colorate ha i militari dalla sua, Ma lui vuole delaicizzare la Turchia e consolidarsi come leader *religioso*, quindi sfrutta l’ISIS in funzione destabilizzatrice di tutti i suoi vicini, nella speranza di essere circondato da sunniti e possibilmente radicalizzati.

    Se gli va bene, potrebbe trovarsi con una pace precaria ma funzionante coi vicini sunniti, lanciare una lotta senza quartiere a sciiti (Iran, Irak, Hezbollah) e wahabiti (Al Qaeda e altri proxy sauditi), in modo da tenere tranquilli i militari e infiltrarli religiosamente, e infine portare avanti la svolta settaria interna che lo consoliderebbe anche contro i suoi vertici militari.

    Gli occidentali adesso stanno facendo il suo gioco, perché non ci capiscono una cippa-lippa e stanno disperatamente cercando di limitare i danni di aver reso troppo potenti sciiti e wahabiti in funzione (in ordine) anti-Al Fatah, anti-libica, anti-egiziana e anti-siriana. Gli sono sfuggiti di mano ed ecco che "nasce" l’ISIS sunnita radicale. Ma lo controllano malamente, come hanno SEMPRE perso il controllo di TUTTI i loro "remote marshall", ma stavolta è successo da subito.

  • stonehenge

    Dobbiamo ringraziare quei "cattivoni" dei Serbi se ora in Europa non siamo sotto il dominio musulmano…ricordiamocelo.