Home / ComeDonChisciotte / CAMBIO DI REGIME IN RUSSIA ? NO GRAZIE. PENSATECI DUE VOLTE, NEOCONS
15096-thumb.jpg

CAMBIO DI REGIME IN RUSSIA ? NO GRAZIE. PENSATECI DUE VOLTE, NEOCONS

DI NEIL CLARK

rt.com

Come gli eventi in Siria hanno dimostrato, la Russia è il mattone più pesante da spostare negli infiniti piani delle lobby volti al dominio mondiale; ecco perchè la rimozione di Putin ed il suo rimpiazzo con una marionetta che esegua a bacchetta ogni comando e volere dei neocons è l’obiettivo principe dell’intera politica attuale dei neocons suddetti.


Ad ogni modo, le loro possibilità di raggiungere questo loro ambizioso obiettivo sono parecchio scarne e le motivazioni costruite e pretestuose almeno quanto le fantomatiche armi di distruzione di massa di Saddam in Iraq. La nuova “guerra fredda” contro la Russia, di istigazione neoconservatrice, che avrebbe dovuto indebolire l’economia Russa, così portando a proteste anti-governative stile Maidan, ha in realtà fatto schizzare la popolarità del presidente Putin alle stelle, come evidenziano i sondaggi.

Le percentuali di apprezzamento per quest’uomo, per demonizzare il quale i neocons non hanno risparmiato nessuna energia, almeno negli ultimi 12 anni, sono a livelli di record assoluto, quasi il 90% dei Russi hanno una opinione positiva del loro presidente.

L’appoggio alle sue politiche estere è altrettanto solido, con un 70% che approva le scelte in materia di crisi Ucraina.

Il politico pacifista Britannico George Galloway ha twittato:

“La popolarità di Putin tocca livelli record sfiorando il 90% di gradimento delle sue capacità di gestire gli eventi da parte della popolazione. Un’altra storia di successo per la NATO!!”

Ma non è soltanto la popolarità di Putin a rappresentare un macigno che blocca i piani neoconservatori per il cambio di regime. La principale e più agguerrita opposizione a Putin ed al suo partito Russia Unita non è costituita da liberali pro-NATO e pro-Israele, bensì dal partito comunista Russo, che è il secondo maggior partito della Nazione,

Il leader comunista Gennady Zyuganov ha ottenuto il 17% dei consensi alla scorsa tornata elettorale (nel Dicembre 2011), e i comunisti nel loro complesso hanno ottenuto 92 seggi sui 450 seggi totali alla Duma.

I comunisti hanno fatto pressione su Putin nell’assumere un ruolo ancora più fermo e deciso contro coloro che essi considerano nemici della Russia. Nel Maggio 2013 presentarono una mozione per suggerire che la Russia convocasse il consiglio di sicurezza ONU in seguito a bombardamenti illegali Israeliani sulla Siria.

“La Siria non è nè la prima, nè certamente l’ultima tra le vittime dell’espansione globale degli Stati Uniti e dell’alleanza NATO. Gli eventi degli ultimi 20 anni mostrano che la Russia stessa si trova costantemente in bilico. Considerato questo, la protezione dei nostri confini passa anche dalle città Siriane, attualmente scena di duri e intensi combattimenti. La Russia non può permettersi di girarsi dall’altra parte mentre la sovversione violenta degli Americani e dei loro satelliti si scaglia contro i nostri alleati”. Così recitava la dichiarazione del comitato centrale del partito comunista.

I sovversori di regime seriali dell’Occidente si trovano di fronte a una situazione in cui l’unica opposizione credibile esistente a un leader che vorrebbero vedere eliminato sarebbe ancora più decisa nel seguire politiche che gli risulterebbero ancora più complicate da digerire.

E allora che fanno? Con evidente disprezzo delle vedute del popolo russo e totalmente ignorando il fatto che il partito comunista rappresenta il secondo partito nazionale, ci dipingono i cosiddetti “liberali”, che godono di livelli di supporto popolare del tutto esigui (attualmente intorno all’1%!) come l’ “opposizione democratica”!!!

La linea neoconservativa così recita: “in nome della democrazia i partiti più impopolari tra gli elettori dovrebbero governare la Russia”. Una interpretazione della parola democrazia che straccia 1984 di Orwell.

“Per quanto cambio di regime sia diventata una espressione sporca, la cosa migliore che potrebbe accadere alla Russia, ai suoi vicini, ed al mondo intero, sarebbe un cambiamento, dall’autoritarismo dal pugno duro firmato Vladimir Putin a una qualche forma di democrazia”, ha sostenuto Alexander Motyl su Newsweek a gennaio, articolo che Newsweek riprese da una prima pubblicazione sul blog del Consiglio Atlantico…

Dunque, in altre parole, l’uomo con il gradimento record dovrebbe essere eliminato, così che qualcuno molto meno popolare possa governare la Russia. Tutto, certo, come sempre nel nome di “diffondere la democrazia”!

In ogni caso, semmai non bastasse quanto è stato detto, i piani neoconservatori per la promozione della loro democrazia non democratica in Russia sono sbarrati da un ulteriore macigno, la legislazione russa sugli agenti stranieri. La legge prevede che tutte le organizzazioni non governative che ricevono finanziamenti esteri e che svolgono attività politiche debbano registrarsi come “agenti esteri”. Inoltre, per i partiti politici russi è vietato farsi sponsorizzare o svolgere qualsiasi tipo di affari, o forme di partnership con organizzazioni non governative distinte dallo status di “agente estero”.

Questo rende la possibilità di “rivoluzioni colorate” alimentate da finanziamenti esteri parecchio più difficile a materializzarsi. E mi sembra scontato dirlo, ai neoconservatori qeusta legge non piace affatto:

“ La legge di Putin sugli “agenti esteri sta distruggendo alcune delle migliori organizzazioni civili in Russia “http://t.co/fyAeyqUSa2

— Anne Applebaum (@anneapplebaum) Febbraio 16, 2015

I piani neoconservatori per un cambio di regime in Russia cercano di fare leva sulla crisi Ucraina e sul conflitto Siriano. Possiamo ricondurli indietro fino al 2003 quando iniziò a essere chiaro che Putin non aveva intenzione di fare compromessi sugli interessi nazionali legittimi della Russia, a differenza del più malleabile Boris Yeltsin. Il primo presidente post- perestrojka infatti se ne stette a guardare con una bottiglia di vodka in mano (e bustarelle nelle tasche..) mentre fuori casa la NATO bombardava illegalmente la Jugoslavia e dentro casa oligarchi appoggiati dalle potenze militari Occidentali saccheggiavano la Russia, con l’impoverimento rapido e drastico di milioni di persone come risultato del processo.

Come ho sostenuto in un editoriale precedente, il punto di svolta furono le azioni decise contro gli oligarchi corrotti con fortissimi legami con l’occidente.

Ricostruire l’economia ed innalzare gli standard di vita dei normali cittadini Russi richiedeva necessariamente una azione forte contro determinati oligarchi, che avevano saccheggiato le loro vastissime fortune durante gli anni di Yeltsin. Tali oligarchi, come Boris Berezovsky o Michail Khodorkovsky godevano di sostenitori potentissimi in Occidente. Come ho esposto in un articolo per il New Statesman nel Novembre 2003, neoconservatori molto influenti in USA, collegati agli oligarchi Russi, coglierono l’occasione dell’arresto di Khodorkovsky per frode ed evasione fiscale per spingere verso un inasprimento delle politiche USA verso Mosca.

All’arresto seguirono domande neoconservatrici di sanzioni contro la Russia, richieste poi ripetute all’infinito durante gli anni successivi. Tale crociata anti-Putin si è poi gonfiata a dismisura, raggiungendo un ulteriore livello di gravità, a partire dalla temerarietà di Putin nell’intervenire a bloccare le macchinazioni per un “cambio di regime” in Siria.

Nel suo articolo “come la guerra alla Siria si perse per strada”, l’ex ufficiale CIA Ray McGovern riferisce di come si trovò nello stesso studio della CNN con i due ultrafalchi militaristi Paul Wolfowitz e Joe Lieberman, poco dopo che i piani USA del 2013 per bombardare la Siria furono abbandonati.

McGovern descrisse l’atmosfera come “da funerale”.

“Mi sentivo a una veglia funebre con gente sobriamente vestita, senza cravatte color pastello, che si commiserava per il recente decesso della tanto amata guerra”.

Non apppena dopo che Damasco riuscì così a risparmiarsi i bombardamenti aerei, una megaondata di attacchi anti-Russi iniziò ad inondare i mass media dell’elite. Il neoconservatore della “sinistra” Britannica, che nel 2012 scrisse un articolo intitolato “la Russia stra prendendo i democratici europei per il culo”, si lamentò che Putin aveva fatto passare Obama per “un imbroglione al soldo dei conservatori”.

Pensieri simili a quelli di Michael Weiss, che, scrivendo per la ultra-neoconservatrice Henry Jackson society nel 2012 “rimproverò” l’amministrazione Obama per “inisistere ancora a ingraziarsi il Cremlino” dopo due veto consecutivi della Russia al tentativo di fare passare una risoluzione presso il consiglio di sicurezza ONU di “condanna del regime Assad”.

Allora l’Ucraina è stato il terreno dove i neocons hanno cercato vendetta per il blocco delle loro intenzioni bellicose in Siria. Come ho sostenuto in un altro precedente editoriale su RT: “Il cambio di regime a Kiev sotto sponsorizzazione USA, in presa in cui Victoria Nuland, del dipartimento di Stato, moglie del cofondatore del think’thank “progetto per il nuovo secolo Americano”, ha giocato un ruolo chiave, ha finalmente consentito ai falchi di mettere le grinfie su quello a cui da un decennio aspiravano: il sanzionamento della Russia. La politica del pugno duro contro la Russia per cui facevano pressione da un decennio è finalmente la linea ufficiale degli USA e dei maggiori stati Europei. La demonizzazione del presidente Putin in Occidente è ormai mainstream”.

I neocons contavano sulle sanzioni per scatenare proteste di massa conrto il governo Putin. Ma , come possiamo osservare dai sondaggi, è successo semmai il contrario e Putin è più popolare che mai. Fare i bulli contro la Russia non ha sortito altro effetto che rendere la popolazione Russa più determinata che mai a opporsi a quello che i falchi occidentali vorrebbero.

La domanda adesso è, che cosa faranno i neoconservatori a questo punto? Ci sono pressioni per sanzioni ancora pià aspre alla Russia, fino al punto di una esplusione dal sistema bancario SWIFT, un esempio:

@b_judah Bandire le banche Russe dal sistema SWIFT. Rispediamo la Russia al medioevo, lasciamoli a minacciare l’Occidente con arco e frecce!

— shay culligan (@shaymultimedia) March 24, 2015

In Febbaio, un editoriale intitolato “Niente pià concessioni” sul Times, proprietà di Rupert Murdoch, il più estremo tra i quotidiani neoconservatori linea’dura Britannici, dichiara il suo supporto per “sanzioni più dure di quelle già in essere”. Nel frattempo Victoria Nuland ha avvertito pochi giorni fa che “il costo per la Russia salirà” se aumenta la violenza a Donetsk e Lugansk, anche se chiaramente la violenza su iniziativa di Kiev, o tra Kiev stessa e “il settore destro”, quella non conta.

In ogni caso il problema della Nuland e del London Times è che gli stati Europei invece sono al contrario ansiosi di alleggerire le sanzioni, siccome le loro già compromesse economie stanno soffrendo a causa delle controsanzioni del Cremlino.

Quanto a lungo ancora le maggiori compagnie dell’Europa occidentale consentiranno che i loro profitti siano danneggiati da un pugno di estremisti politici con una ossessione per eliminare Putin dal governo? E quanto a lungo ancora i governi europei accetteranno di sottoscrivere una politica di sanzioni palesemente contraria agli interessi nazionali?

C’è che sostiene che i neocons non si farebbero scrupoli a scatenare la guerra pur di averla vinta loro sulla questione.

“La pià risoluta spinta guerrafondaia nel 2015 arriva da neoconservatori e vari interventisti che vogliono uno scontro diretto anti-Putin e un cambio di regime in Russia ad ogni costo”, avvisa il commentatore paleoconservatore Americano Patrick J. Buchanan qualche mese fa.

Sicuramente durante i periodi di conflitto a fuoco più accesi in Ucraina è sembrato proprio che tutto quello che alcuni, in Occidente, desideravano fosse una escalation definitiva: “Bisogna fermare Putin, e a volte per fermare qualcuno armato di pistola occorre avere una pistola!” era il titolo di un articolo sulla linea guerrafondaia firmato Timothy Garton-Ash, articolo in cui incensava di lodi il guerrafondaio seriale Sen. USA John McCain, meritevole di aver operato decise pressioni sul Congresso per il passaggio dell’ “atto di sostegno alla libertà Ucraina”, che consistette in pratica nell’autorizzazione a rifornire il governo Ucraino di armamenti.

Vale la pena di notare, però, che hai conservatori piace attaccare i paesi deboli, non certo quelli forti. Iraq si è beccata l’operazione “Shock and awe” (“sciocca e sorprendi”) non perchè aveva armi di distruzioni di massa, ma casomai perchè non ne aveva! La Libia era vulnerabile perchè le sue difese erano deboli e Muhammar Ghedddafi aveva tempo prima decommissionato le sue armi ad alto impatto. Russia, tutt’al contrario ha un arsenale nucleare enorme, armi convenzionali allo stato dell’arte, e 771.000 soldati in servizio permanente attivo.

Un attacco diretto alla Russia su istigazione neocon è un evento improbabile, ma non possiamo sentirci di escluderlo al 100%, visto il cieco fanatismo del genere di gente di cui stiamo parlando. Lo scorso Dicembre, Robert Parry ha scritto proprio delle caratteristiche di patologia mentale del progetto di cambio regime forzato istigato dai neocon per fare cadere Vladimir Putin:

“Assistiamo ad un tipico processo passo dopo passo verso un sovvertimento di regime per mano neocon, in quanto il demonio straniero bersagliatocontinua a rifiutarsi di compiere i ragionevoli passi indietro dettati da Washington e quindi va affrontato, non importa il livello di escalation necessario, nel modo più severo possibile a forzare il demone a farsi da parte, possibilmente facendo soffrire il suo popolo finchè queste sofferenze non aprano gli spazi per il cambio di regime desiderato”

Perry ha messo in guardia che addirittura il futuro del pianeta era a rischio, se questi “sforzi occidentali” per il cambio di regime in Russia fossero proseguiti ad oltranza.

L’anziano giornalista pluripremiato John Pilger ha ammonito di un “nuovo Olocausto” se non si riuscirà a fermare il fanatisco dei guerrafondai seriali. “Quando l’uomo a Mosca era Boris Yeltsin, uno che mentre si ubriacava regalava pezzi della sua nazione agli Occidentali, tutto andava benissimo. Poi è arrivato Vladimir Putin a ristabilire la Russia come Nazione sovrana, e questo è il suo crimine”.

Pochi giorni fa il New York Times ha pubblicato uno scritto dell’ex ministro degli esteri nel governo Yeltsin, Andrei Kozyrev, intitolato “cambio di regime in vista in Russia”, dove ha sostenuto che tale cambio di regime fosse “inevitabile, probabilmente imminente”. Ma sondaggi che mostrano un apprezzamento del leader al 90% non credo proprio che consentano di prendere questa visione per realistica.

Nonostante tutti gli sforzi titanici ed ossessivi, forzare un cambio di regime a Mosca è una questione troppo grossa per essere alla portata persino dei neocons. I Russi sicuramente possono desiderare tutto meno che essere rispediti al 1990 e ovviamente non accetterebbero mai un pupazzo verificato e certificato dai neocon come presidente. Inoltre la Russia è preparata tecnicamente e psicologicamente a difendere se stessa semmai l’incubo della guerra dovesse per forza materializzarsi. E se avete qualche dubbio al riguardo, andate a rivedere i filmati della parata per il giorno della vittoria nella grande guerra patriottica.

Infine, come possiamo mettere termine a questa “nuova guerra fredda? Non sta alla Russia cambiare atteggiamento, dal momento che non ha fatto niente di sbagliato o avventato, ma certamente a questi cosiddetti neoconservatori Occidentali…. Ma quale parte della parola NYET! Non riescono a capire?

Neil Clark

Fonte: www.rt.com

Link: http://www.rt.com/op-edge/310744-neocons-regime-change-russia/

25.07.2015

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di CONZI

Pubblicato da Davide

  • marcoferro

    non ci provate con putin che quello vi fa vedere i sorci verdi.

  • adriano_53

    "La legge prevede che tutte le organizzazioni non
    governative che ricevono finanziamenti esteri e che svolgono attività
    politiche debbano registrarsi come “agenti esteri”. Inoltre, per i
    partiti politici Russi è vietato farsi sponsorizzare o svolgere
    qualsiasi tipo di affari, o forme di partnership con organizzazioni non
    governative distinte dallo status di “agente estero”.
    Per uno stato sovrano dovrebbe essere la norma.
    La storia dell’Italia sarebbe molto diversa se gli estensori della Costituzione avessero inserito  un articolo simile.

  • fengtofu

    Traduzione Google alquanto scandalosetta….

  • zara

    Dallìarticolo:" L’anziano giornalista pluripremiato John Pilger ha ammonito di un “nuovo Olocausto” se non si riuscirà a fermare il fanatisco dei guerrafondai seriali". 

    Nuovo "Olocausto" ? e ti pareva…