Home / ComeDonChisciotte / BREAKING NEWS ESCLUSIVA: CATTURATO DAI CURDI SIRIANI, LA “MENTE” DEGLI ATTENTATI DI BRUXELLES COINVOLGE ERDOGAN
16173-thumb.jpg

BREAKING NEWS ESCLUSIVA: CATTURATO DAI CURDI SIRIANI, LA “MENTE” DEGLI ATTENTATI DI BRUXELLES COINVOLGE ERDOGAN

DI NAHED AL HUSAINI

veteranstoday.com

Ogni cento rifugiati un terrorista ed ogni tre terroristi un attentatore suicida dell’ISIS, pronto a morire dietro comando turco

Le forze popolari curde che combattono in Siria hanno oggi [24 Marzo] catturato un alto funzionario dei Servizi Segreti turchi che, “sottoposto ad interrogatorio”, ha coinvolto il Presidente Erdogan.

A Veterans Today è stato dato accesso alle confessioni registrate che hanno rivelato il ruolo del MIT [Milli Istihbarat Teskilati, Servizi Segreti turchi] nelle esplosioni di Bruxelles ed i piani per effettuare ulteriori attacchi in Europa.

Il “funzionario sospetto” ha confessato il suo ruolo nella pianificazione – a Raqqah – dell’attacco di Bruxelles, in collaborazione con l’ISIS.

L’informazione che ha portato alla sua cattura deriva da un’intercettazione effettuata dai russi. Ci è stato detto che questi ultimi non sono stati coinvolti nella cattura, ma che una squadra di Spetsnaz [corpi speciali russi] potrebbe essere stata messa a disposizione come supporto.

I Servizi Segreti turchi gestiscono un centro di pianificazione operativa posto in un complesso sotterraneo di Raqqah, secondo il nostro riluttante informatore [il funzionario catturato]. Il centro, costruito al di sotto di un impianto di atletica, contiene scorte di armi chimiche e biologiche, tra le quali il gas sarin, il virus per l’influenza suina e tonnellate di materiali per la produzione di altri tipi di gas.

Gli Stati Uniti, coordinandosi con l’unità siriana “Tigre”, colpirono quel complesso nell’Ottobre del 2014, nell’ambito di una di quella mezza dozzina di operazioni altamente segrete effettuate congiuntamente. L’operazione portò alla cattura di alcuni ufficiali del Qatar, dell’Arabia Saudita e della Turchia.

Le note dell’interrogatorio che abbiamo ricevuto fino ad ora dal Segretario Generale del DESI [Dipartimento di Sicurezza e Informazioni per l’Europa], Dott. Haissam Bou Said, indicano che dietro agli orribili attentati suicidi c’è proprio il MIT e che alcune cellule terroristiche turche erano state impiantate anni fa in Europa, in collaborazione con un’infrastruttura del crimine organizzato attiva nel traffico degli esseri umani e della droga, al lavoro con gruppi israeliani e sauditi per effettuare attacchi terroristici “false flag”.

Il Presidente Erdogan, secondo la nostra fonte, ha introdotto le cellule terroristiche addestrate dal MIT nascondendole all’interno del flusso di profughi, attentamente orchestrato, per poi indirizzarle presso le comunità della criminalità turca, con sede in Germania, Belgio ed Olanda.

Fonti dell’intelligence statunitense hanno notato che da oltre un decennio la criminalità organizzata turca è centrata a Monaco di Baviera, che è il “ground zero” per gli attacchi terroristici che dovrebbero colpire gli Stati Uniti alla vigilia delle prossime elezioni presidenziali.

Nahed Al Husaini, capo-ufficio di Veterans Today a Damasco

Fonte: www.veteranstoday.com

Link: http://www.veteranstoday.com/2016/03/24/breaking-exclusive-brussels-mastermind-captured-by-syrian-kurds-implicates-erdogan/

24.03.2016

Pubblicato da Davide

  • Servus

    Come mai nella foto postata c’è il Mossad che nell’articolo non è citato? Va bene che il Mossad è come il prezzemolo, ma qui non c’è. 

  • Fedeledellacroce

    E’ la "par condicio" mio caro

  • Toussaint

    Breaking/Exclusive: Erdogan to
    Belgium, “Screw you, we will do it again!” – http://www.veteranstoday.com/2016/03/25/erdogan-to-belgium-screw-you-we-will-do-it-again/ [www.veteranstoday.com]

    Turkey boasts of "deporting" Barkouri, a known terrorist to
    Belgium … deporting, dont you mean SENDING?

    [Editor’s
    Note:  We have the confirmed story with multiple sources, Brussels
    airport bomber Bakraoui was recruited while an ISIS jihadi in Syria, because of
    his Belgian passport.  While in Raqqah, at a suicide bomber training facility, he was taken by
    Turkish intelligence across the border where he was “arrested” and “deported”
    to the Netherlands.

    There, according to airline security
    sources, Bakraoui, as with other terrorists as well, was walked around security
    by employees of Israeli ICTS, the same company that aided “crotch
    bomber” Umar Farouk Abdulmutallab board Northwest Flight 253 in Amsterdam
    on Christmas Day 2009 without a passport or ticket, placing him in First Class.

    As you will learn below, Bakraoui was
    arrested as a known terrorist by Turkey and not imprisoned or turned over to
    Belgian authorities but “allowed” to return, not to Belgium but to the
    Netherlands, on a commercial flight, despite the fact that the same records
    that led to both the arrest of Bakraoui and his “deportation” because of his
    known terror background, as Erdogan claimed in his press conference yesterday.

    Here
    we go again, another “walk through” by Israeli security

    Where Erdogan is caught lying, the
    first of many in this incident, is this;  Turkey is signatory to not only
    international conventions but NATO security agreements as well that preclude
    any threat to airline security from boarding a plane.  This is only the
    beginning.  Now to Jim W. Dean:

    We have something here that has been
    missed by everyone else, hiding in plain site. Belgium claims
    it was not correctly notified by Turkey of Bakraoui being sent back … DEPORTED
    actually. But Erdogan has made a big mistake himself.

    You
    cannot put a deported terrorist on a commercial airline, especially by himself.
    It it grossly illegal to
    do such. Anyone on the no fly list, which all terrorist suspects are supposed
    to be on, can never fly commercial for the rest of their lives.

    Many people who have said things that
    have pissed off powerful people have been put on no fly list purely as a
    punishment, to make an example of them as was down with VT board member General
    Hamid Gul.

    But even if by multiple screw ups he
    got onto a plane, once your passport has been scanned into the airline’s
    computer, while you are flying along you name is being ground through every
    database base there is to catch any mistake that the boarding people made so
    that “special people” can be waiting to escort you into the interrogation room
    when you arrive.

    But if he went to Schipol airport as
    claimed he arrived at the Mossad’s European transportation hub where all kinds
    of special treatment is available for terrorists, like the shoe bomber with a
    one way cash ticket, no luggage, and no passport, but a bomb in his shoes got
    VIP treatment in getting onto the plane. Does any of this sound just a little
    bit unbelievable?

    And
    lastly, if an arrested terrorist was just put on a plane to Amsterdam by the
    Turks as claimed, against all NATO and EU conventions, and nobody claims to
    have known at that time, how many other times do you this this “Turkish
    Express” has been used in the past?

    Could Turkey have pulled this off
    solely on its own, or would a cooperating party had to have been in place at
    the landing location, like with an Israeli security company.

    And then would assets have to be in
    place to make sure that the passenger boarding was blocked somehow from going
    through all the watch list database. We know both brothers were in the US watch
    list and would have popped right up.

    So why has not anyone shown any
    interests in how these jihadis have been flying around all this time, which VT
    has constantly railed about, yours truly as the “Ali Babba’s Magic Carpet
    Express”, when VT has had up to a half dozen people on the no fly lists who
    were not terrorists? …  Jim W. Dean  [www.veteranstoday.com]]

    PER L’ARTICOLO COMPLETO, IN INGLESE, SI
    PUO’ CLICCARE SUL LINK PROPOSTO AD INIZIO PAGINA

  • Servus

    Ah, ora abbiamo il legame con il Mossad.

  • kefos93

    Forse perché l’esercito israeliano è pappa e ciccia  con ISIS…non credi ?

  • makkia

    Continuo a trovare piuttosto labili i collegamenti che fa Veterans Today nei suoi articoli. E le informazioni clamorose meriterebbero riscontri più approfonditi.

    Di sicuro ci sono però c’è qualcosa che non funziona all’aereoporto di Amsterdam.
    La sicurezza dell’aereoporto Shiphol non è gestita dalle forze di sicurezza olandesi ma da una compagnia privata, la ICTS.
    Ancorché basata in Olanda la ICTS fu fondata da ex-ufficiali dello Shin Bet israeliano e fa vanto di avere un know-how approfondito sulle "stringenti" misure di sicurezza che usano lo stato di Israele e la sua compagnia di bandiera.

    Chiamarla "compagnia israeliana" è un po’ una forzatura, ma comprensibile, visto il "retroterra aziendale".

    Di fatto la ICTS di Shiphol ha gestito malissimo il controllo del terrorista Abdul Mutallab ("mutanda esplosiva"). Ha tracciato invece Richard Reid ("scarpe esplosive"), lasciandolo partire da Shiphol per Israele e segnalandolo al Mossad, che lo avrebbe controllato tutto il tempo. Tuttavia Reid fu lasciato libero di tornare da Israele e nessuna agenzia di sicurezza americana o europea fu informata della sua pericolosità. Fu pizzicato dalle forze di sicurezza francesi senza alcun aiuto da parte della ICTS o del governo israeliano.

    Altresì la ICTS (o meglio una sua consociata) era la compagnia di sicurezza dell’aereoporto Logan (e di numerosi altri aereoporti e compagnie USA) dal quale "filtrarono" due degli attentatori dell’11/9. Quando, a seguito dell’11/9, il governo USA ha rilevato tutte le agenzie di sicurezza private la ICTS ha persino fatto causa per interruzione di contratto al governo USA (perdendola).

    Non ostante il suo non eccelso record anti-terroristico, la ICTS e le sue consociate continuano a fornire lucrativi "prodotti" di sicurezza in tutto il mondo.

    La ICTS e l’aereoporto di Shiphol vengono fuori anche su un vecchio incidente degli anni ’90 in cui un aereo dell’israeliana El Al, in affitto a UPS e che trasportava residuati bellici contaminanti dagli USA, si schiantò nei dintorni di Amsterdam. Tutta l’inchiesta fu inficiata da depistaggi e pagamenti sottobanco a vittime e soccorritori contaminati, il tutto messo in atto dalla ICTS e da una serie di agenti di sicurezza "non olandesi".

    Infine la ICTS venne fuori anche per l’abbattimento del MH17 in Ucraina, partito anche questo da Shiphol. Sia la torre di controllo di Kiev che quella di Shiphol avrebbero dovuto rispondere del come mai il jet della Malaysian sia stato deviato dalla rotta prevista e fatto passare sopra una zona di guerra.
    Spiegazioni mai arrivate, se si eccettua la ridicola affermazione (non ufficiale ma riportata dalla stampa occidentale) che lo avrebbe fatto per risparmiare carburante. Chi avrebbe preso questa assurda decisione non è invece "trapelato" alla stampa e nessun occidentale si è sognato di chiederlo (tanto era stato Putin in persona ad abbattere l’aereo e sapeva in anticipo che avrebbe deviato dalla rotta e sorvolato il Donbass).
    Notare che sia Kiev che Shiphol sono responsabili di controcheckare le informazioni del trasponder di bordo dell’aereo, senza le quali il 777 può sembrare un Antonov (di fabbricazione sia russa che ucraina).

  • Senna

    Articolo spazzatura, pura disinformazione per creare confusione !!!
    Non pubblicate nemmeno merda di questo livello !!!

  • Earth

    Qui non si parla piu’ di terrorismo, qua si parla di uno stato che ha dichiarato guerra in maniera non ufficiale.

    Se la Turchia non viene spazzata via, vuol dire che c’e’ di mezzo anche l’ Europa.
  • pierodeola

    Re: BREAKING NEWS ESCLUSIVA: CATTURATO –
    Non è una novità che i turchi fanno il terrorismo a 90 gradi. La novità sarebbe che non fossero più sostenuti da Usraele e dalla NATO e che la bella donna tedesca smettesse di foraggiarli e promettere l’entrata in europa. Ci porteremmo a casa 70 mln.di musulmani e qualche miliaia di terroristi al soldo di Erdogan. Facile da capire ma difficile per i politici europei coinvolti nel caos a tutti i costi.
    p { margin-bottom: 0.25cm; direction: ltr; color: rgb(0, 0, 0); line-height: 120%; }p.western { font-family: "Calibri",sans-serif; font-size: 11pt; }p.cjk { font-family: "Calibri",sans-serif; font-size: 11pt; }p.ctl { font-family: "Times New Roman",serif; font-size: 11pt; }a:visited { color: rgb(128, 0, 128); }a.western:visited { }a.cjk:visited { }a.ctl:visited { }a:link { color: rgb(0, 0, 255); }

  • Toussaint

    TRADUZIONE DEL COMMENTO IN INGLESE DI CUI SOPRA [la
    sola nota del redattore]


    BREAKING
    NEWS IN ESCLUSIVA – ERDOGAN AL BELGIO: “FOTTETEVI, LO FAREMO DI NUOVO”.

    La Turchia si è vantata di aver
    “deportato” in Belgio Barkouri, un noto terrorista. Deportato … non intendeva forse
    dire INVIATO?


    Nota
    del Redattore:
    La storia è confermata
    da più fonti. Il bomber dell’aeroporto di Bruxelles, Bakraoui, fu reclutato
    come jihadista dell’ISIS in Siria, per il suo passaporto belga. A Raqqah, nella
    struttura per la formazione degli attentatori suicidi, è stato preso in
    consegna dai servizi segreti turchi e portato oltre il confine, dove è stato
    “arrestato” e “deportato” in Olanda.

    Un a volta arrivato – secondo fonti della
    sicurezza aerea – Bakraoui, assieme ad altri terroristi, ha bypassato la
    sicurezza grazie ai dipendenti della ICTS israeliana, la stessa società che ha
    aiutato il “bomber cazzaro” Umar Farouk Abdulmutallab a salire sul volo
    Northwest 253 ad Amsterdam, a Natale del 2009, senza biglietto e passaporto, mettendolo
    in prima classe.

    Come si vedrà in seguito, Bakraoui fu
    arrestato come terrorista dalla Turchia e non imprigionato o consegnato alle
    autorità belghe, ma “autorizzato” a tornare … non in Belgio, ma nei Paesi
    Bassi, su un volo commerciale, nonostante le accuse che avevano portato sia al
    suo arresto che alla sua “espulsione” – “visto il suo noto background da
    terrorista”, come ha sostenuto Erdogan nella conferenza stampa di ieri.

    Ci risiamo, un’altra “passeggiata” della
    sicurezza israeliana.

    Erdogan é stato preso a mentire – il
    primo di tanti analoghi incidenti – perché la Turchia è firmataria non solo delle
    convenzioni internazionali, ma anche degli accordi di sicurezza della NATO, che
    impediscono a chiunque minacci la sicurezza aerea di salire a bordo di un
    aereo. Ma questo è solo l’inizio.

    Ci siamo accorti di un qualcosa che è
    stato perso da tutti gli altri, che è stato semplicemente nascosto. Il Belgio
    sostiene che la Turchia non gli ha notificato in modo corretto che Bakraoui sarebbe
    stato deportato nel paese … reinviato, nella realtà. Ma Erdogan ha fatto un grosso
    errore.

    Non si può deportare un terrorista con
    una compagnia aerea commerciale. Farlo è grossolanamente illegale. Chiunque si
    trovi sulla lista “no fly”, che dovrebbe comprendere tutti i sospettati di
    terrorismo, non potrà mai salire su un volo commerciale per il resto della sua
    vita.

    Molte persone che hanno detto di essere
    semplicemente incazzate nei riguardi di personaggi potenti sono state messe
    nella lista “no fly” per punizione. Così è stato fatto, ad esempio, nei
    riguardi del membro del CdA di Veterns Today, Gen. Hamid Gul.

    Ma, se anche per una serie di puttanate
    [un iscritto alla lista “no fly”] dovesse riuscire a salire a bordo, una volta
    che il passaporto è stato digitalizzato nel computer della compagnia aerea il
    suo nome, mentre sta volando, viene confrontato a terra con tutti i data-base
    per compensare qualsivoglia errore il personale all’imbarco possa aver compiuto.
    In questo modo delle “persone molto speciali” l’aspetterebbero all’arrivo per accompagnarlo
    nella stanza degli interrogatori.

    Ma se, come rivendicato, Bakraoui atterrò
    all’aeroporto di Schipol, egli arrivò in quello che è lo hub per il trasporto
    europeo del Mossad, dove sono disponibili tutti i tipi di trattamento speciale
    per i terroristi. Come quello ricevuto dall’”attentatore della scarpa” [sopra
    citato], con un biglietto di sola andata, senza bagaglio e passaporto, ma con
    una bomba nella scarpa, che aveva ricevuto un trattamento da VIP prima di
    salire sull’aereo. Tutto questo non vi sembra, magari solo un po’, incredibile?

    Ed infine, se un terrorista arrestato è
    stato appena imbarcato su un aereo per Amsterdam, come reclamato dai turchi – contro
    tutte le convenzioni della NATO e dell’UE – ed al contempo nessuno sostiene di
    averlo saputo, quante altre volte in passato questa specie di “Espresso Turco”
    è stato utilizzato?

    Ma la Turchia lo ha fatto completamente
    da sola, o c’è qualcun altro che ha collaborato – e che doveva stare necessariamente
    da qualche parte vicino al luogo di sbarco, come ad esempio una “società di
    sicurezza” israeliana.

    E poi deve esserci stato per forza qualcosa
    d’altro per permettere che l’imbarco dei passeggeri fosse bloccato, per
    permettere di passare indenne attraverso tutto il database della “lista di
    controllo”. Sappiamo che i nomi dei due fratelli erano nella “watch list” degli
    Stati Uniti …  e quindi sarebbero dovuti
    spuntar fuori.

    Allora, perché non nessuno ha mostrato
    alcun interesse per il modo con cui questi jihadisti hanno volato – argomento
    sul quale Veterans Today ha molto insistito. Il sottoscritto lo ha definito “il
    tappeto magico di Ali Babà” –  quando VT
    ha avuto una mezza dozzina di persone sulle liste “no fly”, anche se non erano
    terroristi?

     

  • Senna

    Erdogan, Erdogan, Erdogan : ma che minchiate state dicendo e postando ?
    Vi pare che la Turchia possa controllare quello che entra ed esce dalla Turchia ?
    Ma
    perchè l’Italia, la Francia, la Germania etc. etc., sarebbero in grado
    di controllare quello che vola tra le varie basi Nato nei loro paesi ed
    il resto del mondo ?
    Tutta sta gente addestrata da e al soldo degli anglosionisti (finti terroristi o cattivi mussulmani) che trasportano avanti e indietro dal medioriente, ma cosa cazzo pensate che possano fare i vari Merkel, Renzi, Erdogan etc. ?