Home / ComeDonChisciotte / BERLUSCONI E L'ASSIOMA DELL'INNOCENZA ASSOLUTA
11919-thumb.jpg

BERLUSCONI E L'ASSIOMA DELL'INNOCENZA ASSOLUTA

DI MASSIMO FINI
ilfattoquotidiano.it

I seguaci di Berlusconi sostengono da sempre che le accuse della magistratura al Cavaliere sono basate su “teoremi”, su un “accanimento giudiziario”. E non si rendono conto di essere assisi a loro volta su un teorema o, peggio ancora, su un assioma: l’innocenza a priori di Berlusconi. La differenza fra un teorema e un assioma è che il primo parte da una proposizione la cui verità deve essere dimostrata, l’assioma non ne ha bisogno, è, per dirla con Plotino, una “verità in sé”, talmente evidente da non aver bisogno di essere dimostrata. E infatti l’assioma che Berlusconi è a priori innocente è indistruttibile.
Contro questa logica, priva di ogni logica, è impossibile competere.Un altro antico mantra dei berluscones è che un uomo politico che ha ricevuto milioni di voti “non può essere eliminato per via giudiziaria”. Il senso di questa affermazione, ammesso che ce l’abbia, qual è? Che chi è stato eletto con un certo numero di voti è, per questo, autorizzato a commettere reati? Che Berlusconi, se li salta il ticchio, può strangolare Veronica perché ha il consenso popolare? E che livello di consenso bisogna raggiungere per godere di questa particolare immunità? Ci vogliono 9 milioni di voti o ne bastano quattro o due? (Tutti questi paralogismi, e altri, sono già stati trattati nel e Manuale del perfetto impunito di Marco Travaglio, del 2000, che ha la mia prefazione. Lo dico non solo a beneficio di quei lettori del Fat- to che mi guardano con grande sospetto, quasi fossi una canaglia destrorsa, ma per significare come dopo tre lustri nulla è cambiato).

Una new entry nella galleria dei nonsense, sostenuta soprattutto da Fabrizio Chicchitto, è che la condanna a Berlusconi per quello che impropriamente viene chiamato il “caso Ruby” (in realtà è un caso di concussione, il reato di prostituzione minorile ha un’importanza minore, un anno di car- cere rispetto ai sei per la “concussione per costrizione”) “mette a rischio la pacificazione nazionale”. Il senso è che il sostegno del Pdl al governo va barattato con una sanatoria dei reati commessi dal Cavaliere.

Per i seguaci B. è innocente a priori Contro questa logica, priva di ogni logica, è impossibile competere
in primo grado e una in appel- lo, per una colossale e scientificamente organizzata evasione fiscale, una condanna per concussione e prostituzione di minore, che ha goduto di cinque prescrizioni (alla faccia dell’avvocato Ghedini oltre che di Bruno Vespa che sostengono che i processi del Cavaliere sono insolitamente rapidi), in due delle quali però la Cassazione ha accertato in via definitiva che i reati a lui ascritti Berlusconi li aveva effettivamente commessi anche se era scaduto il tempo per poterli sanzionare, che si trova nella singolare situazione di aver pagato 600 mila dollari all’avvocato Mills perché rendesse falsa testimonianza in processi che lo riguardavano, Mills è stato condannato, ma il corruttore, cioè il Berlusca, no, mentre un altro suo avvocato, Cesare Previti (che a questo punto va considerato quasi una vittima) è stato pure condannato per aver corrotto il giudice Metta per avere una sentenza favorevole nel cosiddetto “Lodo Mondadori”, ma il mandante dell’operazione, cioè ancora il Berlusca, ha usufruito, a differenza di Previti, della prescrizione perché la Cassazione gli ha riconosciuto con una singolare motivazione, le attenuanti poiché nel frattempo era diventato presidente del Consiglio (che avrebbe dovuto essere sem- mai un’aggravante), bene, a nessuna persona con questo straordinario curriculum, sarebbe concesso di determina- re la politica nazionale. Però questa è l’Italia. Ma sì, diamogli, come vuole Cicchitto, un salvacondotto. Per le Bermude.
Possibilmente nel Triangolo delle.

Massimo Fini
Fonte: www.ilfattoquotidiano.it
29.06.2013

Pubblicato da Davide

  • vraie

    l’Immunità parlamentare fu stabilita (Berlusconi portava i pantaloni corti e Fini ancora non era certo di essere un “mente superiore”), anche per evitare prevaricazioni da parte della magistratura sul potere esecutivo e legislativo;
    purtroppo Berlusca (che ha fatto ben di peggio) è inviso ai poteri anglo-istraeloamericani (per le cattive amicizie coltivate, p.es: Putin) e gli è toccato di essere condannato per “prostituzione minorile” “concussione per costrizione” … che fa ridere al solo pensiero del luogo del delitto, delle circostanze e al “soggetto costretto” (dall’età tuttora incerta e forse pervenuto – con gioia – alla sua 3475a prestazione sessuale (?) a pagamento.

  • Tonguessy

    La differenza fra un teorema e un assioma è che il primo parte da una proposizione la cui verità deve essere dimostrata, l’assioma non ne ha bisogno, è, per dirla con Plotino, una “verità in sé”

    Capziose distinzioni. Dogmi, assiomi e teoremi sono solo degli assunti teorici che richiedono/non richiedono ulteriori spiegazioni. Ovvero, come dichiarava Protagora il Sofista alcuni millenni or sono, “l’Uomo è la misura di tutte le cose”. Anche quando definisce criteri logici, fisici o metafisici.

  • Nauseato

    Personalmente B lo detesto e ancora di più detesto i suoi elettori peraltro in degna compagnia dei piddini. Ma se l’omicidio non fosse penalmente perseguibile, in realtà chi sterminerei senza pietà è tutta la sua oscena corte di gentaglia. Riesce a essere di gran lunga “peggio” di B stesso.

  • Sokratico

    Sta facendo un’orribile confusione: la “concussione per costrizione” non riguarda certo Ruby, che invece è parte in causa del procedimento di prostituzione minorile (la minore età all’epoca dei rapporti è stata accertata).

    “concussi” cioè forzati dal ruolo politico dell’imputato sono stati gli ufficiali e i funzionari della questura dove era trattenuta Ruby, da lui chiamati, affinchè la affidassero alla Minetti nonostante il parere contrario del Giudice minorile.

    quanto ai “poteri etc, etc..”, può darsi…mi sembra stupidamente semplicistico però affermare ricostruzioni che sono ipotetiche e puramente deduttive con la spocchia di chi possiede la verità…soprattutto se la sua comprensione degli eventi rispecchia quella del processo in questione.

  • gnorans

    Visto che anche i giudici non sono al di sopra di ogni sospetto, ci può anche stare che i politici siano immuni dalla magistratura.
    Però dovrebbero sottostare al giudizio degli elettori, i quali devono avere la possibilità, oltre che di esprimere il proprio giudizio, anche di emettere una adeguata condanna penale.
    Non sarebbe male che si istituisse una tale “verifica” alla fine di ogni mandato, ad esclusivo giudizio popolare.

  • Aironeblu

    Vedi, ecco perchè mi chiedevo se ti occupassi di filosofia… ^^

  • Aironeblu

    Le considerazioni di Fini sono talmente ovvie da essere inattaccabili, ma la questione maggiore a cui non accenna, è che avrebbero dovuto essere gli italiani a sbarazzarsi di Berlusconi, magari molti anni fa, invece di una giustizia ad orologeria che scatta proprio adesso che il cavaliere si mostra un intralcio per il Grande Disegno del governo unico mondiale.

  • RicardoDenner

    Berlusconi è innocente perché le prove che portano per i suoi efferati delitti sono inesistenti..ci vuole così tanto a capirlo..?

  • Servus

    Mi sono sempre chiesto perché milioni di italiani continuano a votare PD nonostante quel che è successo dall’una parte e dall’altra. La risposta potrebbe essere che milioni di italiani considerano l’ alternativa di destra tanto peggiore da turarsi il naso come avvenne ai tempi della DC e del PCI.

  • vraie

    B. non può essere accusato di Concussione verso un Potere (il Giudiziario) che NON è lui sottoposto … per Costituzione (sarebbe sottoposto alla Legge …. ma sappiamo che così non è)
    B. non può aver indotto a prostituirsi R. in quanto tale reato (che per me non sussiste) era stato perpetrato dai “selezionatori” dei “meeting” di Arcore e da migliaia di cittadino di due o tre continenti verso la “minorenne” … a proposito: cosa ne pensano i familiari di R.???.
    Non conoscoto un capo del governo al mondo condannato in tale maniera mentre conosco tanti capi del governo che, per generale – non solo mia – convinzione (lo dico con la spocchia di chi possiede la verità..) ne fanno giornalmente di tutti i colori nel settore “sesso perverso”,,,

  • vraie

    bravo! abbiamo capito che hai ragione!

  • vraie

    condanna penale non direi (spetta ai Giudici)
    condanna elettorale si!
    qualche volta anche omicidio

  • vraie

    secondo me è così! .. e non del tutto sbagliato

  • Primadellesabbie

    In questo blog ci sono utenti che sembrano impegnati a cambiare il mondo, esperti di lungo corso di economia, conoscitori di tutte le pieghe degli studi sociopsicologici, attenti analisti della comunicazione; ma ogni volta che si parla di una vicenda umana, di lettura relativamente semplice, che tutti conoscono in quanto ci é stata imposta dai protagonisti casca il palco.

    Sembra di essere al Bar Sport a parlare di Ballotelli.

  • siletti86

    Ad un lobbista filoanglosassone come D’Alema (per non parlare di Renzi) non affiderei neanche un leccalecca!!!!

  • siletti86

    Peccato che sceglieresti il momento storicamente più sbagliato!!!!! Ti ricordi la bella storiella dei “bolscevichi” e dei “menscevichi”?