Home / ComeDonChisciotte / BEPPE GRILLO E' SERVO DEGLI USA. ECCO LE PROVE !!11!1
15131-thumb.jpg

BEPPE GRILLO E' SERVO DEGLI USA. ECCO LE PROVE !!11!1

DI STEFANO ALI

ilcappellopensatore.it

In rete mi sento spesso ripetere che “Grillo è servo degli USA. Ci sono documenti inoppugnabili che lo provano”. Beh, vediamoli.

Ultimamente, infatti, una cortesissima signora con la quale spesso scambio vedute (e spesso le condivido, pure) mi ha fornito le “prove”: Grillo è servo degli USA. C’è un cablo wikileaks che lo prova, oltre al fatto che era – nel giugno del 1992 – a bordo del panfilo Britannia1.

Partiamo dal cablo. Attingo spesso a wikileaks per i miei post e non avevo trovato alcun cablo che “inchiodasse” Grillo. In effetti il cablo in wikileaks non c’è, ma avendone dato notizia “La Stampa” e, a ruota, altri giornali e blogger, lo diamo per attendibile2.

In effetti ciò che emerge è che il cablo è della categoria “Analisi diplomatica ai singoli leader stranieri”. Come dice lo stesso Spogli, il blog di Beppe Grillo era già fra i primi dieci più visitati al mondo. Aveva già organizzato il “V-Day” portando in piazza centinaia di migliaia di persone e, con lungimiranza, Spogli riteneva che ci fosse “il germe di un futuro partito politico”. È evidente che l’Ambasciata USA (che gli affari suoi in Italia non se li è fatti mai) attenzionasse il “caso Grillo”.

Leggendo il cablo2, la prima cosa che non si può non notare è la coerenza di un uomo che dice in privato ciò che ha sempre detto in pubblico. Pur sapendo che per l’interlocutore sono affermazioni scomode. Il cablo è dell’aprile 2008 e non si può non notare la differenza nell’approccio dell’Ambasciata USA con altri esponenti politici italiani. Con Prodi, Vecchi e la Mogherini nel 2006 (con una notazione sull’asservimento dell’ex Presidente della Repubblica Napolitano), oppure – proprio nel 2008 – l’ingerenza dell’Ambasciata USA nelle agende politiche di Berlusconi e Veltroni (i “contendenti” alle elezioni politiche), o la confidenza con il “campione dei rapporti inter-agenzia”, La Russa utile per il caso MUOS e per il caso Abu Omar-Col Romano, e tantissimi altri casi (ce ne sono anche alcuni davvero imbarazzanti per la Lega, ma meritano un post a parte).

Grillo esprime la sua contrarietà agli inceneritori (nonostante Spogli sostenga che la Campania ne ha “urgente bisogno”) e per questa posizione Spogli si chiede quanto Grillo sia progressista o, piuttosto, “luddista”3.

Grillo parla con Spogli di mafia, di corruzione (Spogli lo definisce “ossessionato dalla corruzione”). Beppe Grillo parla del fatto che i settori dell’energia, bancari e della sanità sono i più corrotti. Grillo sostiene che l’unica speranza per l’Italia è la rimozione integrale della classe politica per sostituirla con giovani che non abbiano legami con il sistema.

Nel riferire, Spogli – quasi a prenderne le distanze – ad ogni esternazione di Grillo precisa “lui sostiene”, “Grillo pensa”, “Grillo asserisce”…

Definisce le sue posizioni “in stridente contrasto con quelle degli interlocutori convenzionali”. Definisce Grillo “brusco, spigoloso, perfino volgare”. Dice che le sue idee sono utopiche e irrealizzabili, che la sua filosofia politica è incoerente.

Dagli articoli delle testate citate sopra, estrapolando e decontestualizzando, appare che Ronald Spogli sia rimasto “stregato” (La Stampa), “affascinato” (Il fatto Quotidiano). Insomma, per dirla alla Gianni Lannes, Beppe Grillo è un servo degli USA. Leggendo l’intero cablo2 ciò che emerge, invece, è un sostanziale disprezzo di Spogli – medaglia al merito per Beppe Grillo4 – che riferisce come le masse siano affascinate da questo strano individuo. Le masse che, vedendolo estraneo al sistema politico italiano, lo ritengono credibile.

Ovviamente, parlando di “Beppe Grillo è servo degli USA” non può mancare la “vicenda del Britannia”1:

Lo rivela Enrico Mentana, in quei giorni al porto di Civitavecchia con la troupe del TG5. Il giornalista intervistò Beppe Grillo sbarcato dal tender del panfilo. Alle domande di Mentana il futuro leader pentastellato rispose che a bordo erano state discusse cose molto interessanti. Poi si dileguò, rapido come una stella cadente.

Ora, a parte che Mentana non solo ha smentito, ma pare essersi pure arrabbiato un filino:

Britannia: Enrico Mentana smentisce l'intervista

C’è poi il “grande accusatore”, certo Giovanni Sandi. Il quale, però, pare abbia il dono della bilocazione

ricci

L’opinione “mestatori imbecilli” la condivido in pieno. E ciò per una semplice domanda: perché mai, insieme alla Regina Elisabetta, a Draghi e al resto del gotha mondiale della finanza, Beppe Grillo avrebbe dovuto trovarsi sul Britannia? Con quale ruolo? Il mozzo?

Mi si risponde: “era stato assunto per fare lo spettacolo a bordo”. Bene, a parte che, in tal caso non vedo di cosa si sarebbe dovuto nascondere, ma … uno spettacolo sul Britannia? Beppe Grillo? Nel 1992?

Beppe Grillo, nel 1986 a “Fantastico” aveva già messo la sua carriera in gioco e venne cacciato dalla RAI:

Dopo un altro “smarronamento” del 1989 a Sanremo, tornerà in RAI nel 1993, per essere immediatamente escluso, subito dopo, da tutte le TV pubbliche e private

Qui uno spezzone:

Qui l’intero spettacolo:

Qualcuno mi spiega per quale motivo avrebbero dovuto invitare proprio Beppe Grillo per uno spettacolo sul Britannia mentre si svolgeva la compravendita dell’Italia? Proprio da masochisti.

Stefano Ali

Fonte: http://ilcappellopensatore.it

Link: http://ilcappellopensatore.it/2015/08/beppe-grillo-e-servo-degli-usa-ecco-le-prove111/

12.08.2015

NOTE

1 Nel Giugno del 1992, sul panfilo della Corona Inglese “Britannia” ci fu un incontro fra finanzieri anglo-americani e banchieri pubblici e privati, manager dell’Iri e dell’Efim, rappresentanti di Confindustria e Mario Draghi, allora direttore generale del Tesoro nel governo di Giuliano Amato. In quell’occasione (e questa è storia, ormai) si concordò la “svendita” dell’Italia.
2 L’intero cablo originale dell’incontro fra Spogli e Grillo (da cui si evincerebbe che Beppe Grillo è servo degli USA) e relativa traduzione integrale.
3 Luddismo: Movimento operaio che in Inghilterra, all’inizio del sec. 19°, reagì violentemente contro l’introduzione delle macchine, ricorrendo, come metodo di lotta, alla distruzione delle macchine stesse, considerate la causa principale della crescente disoccupazione; il movimento luddista fu represso con numerose impiccagioni e deportazioni. (fonte: vocabolario Treccani)
4 Medaglia al merito per Beppe Grillo. Spogli era stato nominato Ambasciatore da George W. Bush, di cui era stato collega universitario. Il Segretario di Stato USA era Condoleezza Rice, anche lei nominata da George W. Bush del quale era stata anche principale consigliera del Presidente George H. W. Bush per gli affari sovietici nel 2000. Fino al 2004, prima di essere nominata Segretario di Stato

Pubblicato da Davide

  • Affus
  • Rugge

    E’ proprio il fatto che si parli di Grillo in questi termini il loro gioco. Grillo conta nulla, è il giullare di corte o poco più. Dai suoi comizi sembra che sia il gladiatore che combatte l’alta finanza e le multinazionali, ma il suo ruolo si ferma li. Non andrà mai oltre. Dove invece andranno Casaleggio e quelli che gli stanno dietro.

  • Dagon

    ancora  a trattare sta panzana ? ma basta !

  • spadaccinonero

    anche la sua vicinanza a s a s s o n è una fantasia complottista, vero?

  • Eshin

    Consiglio la visione del film

    CERCASI GESU’ di Luigi Comencini con Beppe Grillo (1982) – film completo
  • FBF

    Prima di tutto nessuno è servo degli USA. Gli USA sono costituiti da un bellissimo popolo – in senso estensivo – munto dai politici e dal potere all’interno e all’esterno del paese per modificare il mondo e gli stessi Stati Uniti.

    In Italia invece si è solo servi di Dio. Lo si è per coscienza o per morale indotta per cui secondo libero arbitrio o servo arbitrio. Anche chi è ateo è sevo di Dio.
    Terza cosa. Se Grillo fosse stato un vero populista sarebbe già uscito di scena.
    Grillo è utile a qualcosa, non si sa con precisione ma sicuramente a traghettare il paese verso un nuovo ordine come tutti gli altri partiti, nessuno escluso.
    Per cui la nostra vita dipende sicuramente da Dio e da un po di fortuna se ancora esiste. 
     
  • Neriana

    E’ strano il nome 5 stelle. In genere si dà solo agli alberghi delle multinazionali, tipo Holiday inn, Four Roses, Grand Mercure ecc…proprio diverso dall’alberghetto umano che di stelle ne ha al massimo 3-

    Quindi il nome deve indicare qualche cosa d’altro. Da wiki
    M 5  è un ammasso globulare visibile nella costellazione del Serpente (Testa); è piuttosto brillante.
  • cardisem

    Ho dato sopra un’occhiata… Altra occhiata ai commenti. Quello che sto per dire dovrebbe essere interessante per i lettori di questo articolo. Sono disponibile ad un contraddittorio…

    Sono un attivivista del movimento. Mi dichiaro e sono: antiamericano (ossia la politica del governo americano, non la gente…), antisionista, anti-israeliano. Non mi sono accorto di essere eterodiretta dalla CIA o da altri. Un Movimento non è un partito… Un partito ha una sua struttura piramidale per cui comandono e decidono la linea quelli che stanno in alto… Nel Movimento non funziona così… Il Movimento non è statico…. All’interno ci sono diverse culture politiche di provenienza…

    Come fanno con tutti i partiti (riuscendoci), i sionisti hanno tentato e tentano di infiltrarsi, facendo accettare i suoi dogni (il diritto di Israele ad esistere, no all’antisemitismo, legge Mancino, religione dell’Olocausto e simili), del resto se ne fottono altamente e lasciano libertà di manovra… sono davvero liberali e democratici!

    Se il Movimento avesse bisogno di denaro per la sua attività politica, allora incomincerebbe subito il processo di corruzione e il Movimento dipenderebbe da chi mette i soldi…

    Il Movimento si riunisce all’aperto, nella piazze, nelle strade, a costo zero o in luoghi di fortuna messi gratuitamente a disposizione… o se si deve pagare si fa colletta…

    Io non so se questa esperienza politica durerà… come si evolverà… Per adesso ci sto… I Sopra Citati hanno tentato di farmi espellere da Grillo…. che neppure mi conosce e sa che esisto…. Non ci sono riusciti, almeno fino ad oggi….  Se dovessero riuscirci, non sarà questo a farmi perdere il pane….

  • gix

    Quando uno con la forza comunicativa che ha Grillo comincia a raggiungere e convincere milioni di persone, è normale che venga attenzionato  da tutti i poteri possibili e immaginabili, specie se ciò che dice va contro gli interessi di cui costoro dispongono, in questo come in altri paesi. Anche Andreotti e Craxi erano "servi" impeccabili degli americani, eppure sono stati fatti fuori da questi, dopo decenni di onorato servizio, con una operazione complessa e impegnativa come mani pulite. Perciò uno con un seguito del genere non potrà che essere oggetto di manovre di avvicinamento subdole e striscianti, ma anche di operazioni di disinformazione grossolane come quella del britannia. Se poi uno come Grillo avesse intenzione di impostare una politica di cambiamento in Italia, non sarebbe il caso di andare a sentire cosa dicono questi benedetti americani, con i quali volenti o nolenti bisogna fare i conti, visto che condizionano le politiche di gran parte degli stati del mondo? Quello che conta alla fine sono i fatti, la verità che viene da questi e l’uso che le persone ne fanno. In fondo anche Salvini da un po’ di tempo dice la verità, magari un po’ scassata, ma in poco tempo ripetendola tutti i giorni in televisione ha resuscitato un partito morto e sepolto. Ma se si guardano i fatti ci si dovrebbe chiedere, come mai solo adesso Salvini dice la verità, dopo che per anni ha fatto parte di coloro che l’hanno occultata, chi glielo ha permesso, visto l’accesso pressochè illimitato a tutti i media di regime, diciamo così? I fatti quindi ci dicono che l’unico modo per indebolire Grilllo era quello di inventare (in questo caso riciclare) dal nulla uno che dicesse più o meno delle verità simili e togliesse quindi il monopolio dell’opposizione allo stesso Grillo e ai 5 stelle. Altra cosa che si sente spesso dire è che l’opposizione improduttiva di Grillo (naturalmente gestita dagli americani) è servita per compattare la vecchia politica di questo paese e creare un mostro come quello attuale al potere. Per rispondere a questa affermazione bisognerà avere un po’ di pazienza e verificare almeno due cose:1) La situazione di potere attuale, fa effettivamente gli interessi degli americani?;2)Alle prossime elezioni (sempre se ci saranno ancora e se l’Europa non avrà divorato tutto)la politica dei 5 stelle avrà avuto successo? Se qualcuno ha già le risposte sicure a queste due domande allora può dire fin da ora che in effetti Grillo è un servo degli americani

  • Vocenellanotte

    Che differenza c’è tra servì e schiavi? Grillo sarà pure servo degli USA e non lo credo. Quel che è certo che molti italiani sono schiavi degli USA, consapevolmente e inconsapevolmente. Cosa è meglio?

  • IVANOE

    Domandina semplice semplice :
    ma grillo in 10 anni che protesta che cxxxxzo ha combinato ?
    Ecco la risposta sulle chiacchere se è o meno etero diretto…
    rispondono i fatti e di fatti ne ha fatti pochi lui e tutti i fricchettoni che compongono la sua corte…
    E’ riuscito nemmeno a scalfire il potere,  si fanno grandi quelli del M5S su concessioni fatte sull’ambiente su qualche spicciolo che recuperano per le piccole imprese… ma la vera ciccia col cxxxzo che la toccano e gle la fanno toccare….
    Perchè non si battono a petto pieno sui bassi salari ,sulle basse pensioni, sull’informazione vergognosa fatta di gossip e basta ?
    Perchè non escono dal parlamento e vanno nelle fabbriche costituendo un nuovo sindacato che indottrini le persone nelle fabbriche e fanno si che se il potere non concede bloccano per giorni la produzione e bloccano la ricchezza che nutre soltanto la casta e il malaffare ?
    Perchè ancora fanno i giggioni in parlamento ?
    Perchè sono diventati come i radicali di pannella e bonino ?
    Perchè ?
    Perchè sono eterodiretti dagli USA…

  • iVi

    Tutto molto bello ma il famoso programma informatico, stile pirati scandinavi e tedeschi, che dovrebbe garantire le votazioni on line dov’è finito?

    Il movimento ha tante sfaccettature? Si ma grillo in campagna elettorale ha promesso rimpatri immediati…….poi però la base, attraverso votazioni on line facilmente taroccabili, ha deciso di eliminare la bossi fini (che comunque i delinquenti in divisa applicavano raramente)…..esattamente il contrario di quanto promesso.

  • iVi

    Mentana potrebbe mettere a disposizione le videocassette dei tg5 di quei giorni……….

  • Fedeledellacroce

    Hai dimenticato di dire che Beppe Grillo é un rettiliano.

  • Fedeledellacroce

    Anche a me a leggere alcuni commenti tipo quello di "spadaccinonero e di neriana" mi cascano le braccia.
    Nessuno che pensi col proprio cervello, ossia che se gli attacchi a Grillo vengono dal mainstream, allora vuol prorio dire che da fastidio a chi comanda.
    Ma si sa, gli italiani sono un popolo bue, fatto di gente che va allo stadiio e crede nell’oroscopo.

  • Fedeledellacroce

    Funghetti allucinogeni?
    Alcohol?
    LSD?
    O semplice trasgressione di fantasia?
    Normanlmente commenti in modo brillante e coerente.
    Che ti ha preso?

  • Denisio

    non si riesce a capire se sei favorevole o meno alle votazioni on-line, prima ti chiedi dov’è finito il tal progetto e poi chiosi dicendo che è facilmente tarrocabile….
    italiani…

  • iVi

    Senza quel programma le votazioni on line possono essere taroccate. Con quel programma no. I 5***** l’ hanno promesso ma non si vede ancora.

    Sono favorevole alle votazioni on line. Con regole e tempi appropriati.

  • cardisem

    Risposta: di cosa parliamo? Del fatto che Grillo e con lui 10 milioni di italiano sono “servi degli USa”? Io – almeno per quanto mi riguarda e per quanto posso constatare guardandomi in giro – escludo questo fatto… Per quanto invece riguarda la linea politica del Movimento, o il suo processo interno di autorganizzazione, la cosa è in fieri… Non capisco i “critici” della supposta linea politica del Movimento… Vogliono che abbiano un segno e una direzione diversa e opposta? Se fanno parte del Movimento, possono partecipare al dibattito interno… Se non ne fanno parte, la loro critica è incomprensibile…. Le questioni indicate mi paiono marginali… sugli immigrati a suoi tempo io partecipai alla votazione online e fui perdente… Sul problema generale immigrazione ho miei personali e precise idee da tempo, ma non vi è stata fino adesso per me occasione di poterele presentare ad un Assise nazionale del Movimento…

  • cardisem

    RISPOSTA:
    Niente deve essere taroccato, a prescindere… Che sia “taroccabile”o che qualcosa sia stato finora effettivamente “taroccato” non è differenza da poco…
    Avendo io fiducia nel Movimento e nei suoi aderenti, non capisco quale interesse possa esservi a taroccare qualcosa… Sarebbe darsi la zappa sui piedi…

    Piuttosto, importante mi sembre da un punto di vista teorico la questione del votare o non votare….
    Essendo il voto, o almeno nella misura in cui lo è, dico il voto, connesso e legato all’istituto della rappresentanza politica… io ritengo che non si dovrebbe MAI votare e che le decisioni dovrebbere scaturire da decisioni oggettive e tecniche scaturite da istituti di democrazia diretta…

    Se abbondono i vecchi partiti, perché basati sul voto, non passo al Movimento, per trovarmi un altro sistema basato sul voto…

    L’argomento è però delicato ed io qui con questo caldo non riesco a trattarlo adeguatamente e temo che possa essere facilmente equivocato e manipolato… Pazienza!

  • ProjectCivilization

    Peppo Grillo e’ solo un attore scadente e maleducato , che pensa ai soldi e non  a dare una mano . Anche l’altro "comico" genovese , crozza , che invece talento ne ha , ha lo stesso malanimo  cinico . Incassano milioni insultando chi lavora per l’Italia e non ha i loro milioni .

  • Denisio

    Io per esempio sono molto legato alla visione comunitaria della società e penso che una società potrebbe reggersi tranquillamente con l’applicazione dei principi common-law e con dei server che gestiscano una banca del tempo che dia un plus di credito a chi sappia portare qualcosa di innovativo e utile per l’umanità o più semplicemente per la comunità e degli aggravi o degli obblighi di debito a chi infrange i principi.
    Un software del genere non farebbe mancare nulla a nessuno che si vuole impegnare e premierebbe sopratutto chi sa dare un contributo aggiuntivo e non chi vuole speculare su qualche tipo di business perchè prevederebbe un limite di 3-4max 5 ore di lavoro giornaliro per 5 giorni.
    Le decisioni politiche sarebbero superflue e tutto il carozzone politico anche.
    Sarebbe una Tecno-Anarchia. Mi piacerebbe molto sviluppare bene un’idea del genere.

  • Neriana

    L’ispirazione della testa del serpente  M5 : )

  • Neriana

    Ma no.. è solo—quello che è…un attore : )

  • Arcadia

    quoto

  • adriano_53

    Questo Stefano Ali deve essere un seguace della setta dei pisciatori controvento.
    Setta, che a giudicare dai commenti, ha, negli ultimi tempi, molti adepti in CDC, e, strano a dirsi, anche femmine.

  • cardisem

    Nulla da obiettare. Non credo, come ha detto Cacciari in un talk show, che la "democrazia diretta” sia una "idiozia”. Credo invece che insistere sulla via della delega, della “rappresentanza politica” sia un suicidio, anzi un procedire verso l’estinzione della vita sul pianeta (vedi riscaldamento climatico). Penso che siano possibili forme alternative e più avanzate della “rappresentanza politica”, ma quali esse siano e possono essere può dirlo solo la prassi concreta, la concreta sperimentazione sociale e politica, in un succedersi di fallimenti e successi…

  • cardisem

    Nulla da obiettare. Non credo, come ha detto Cacciari in un talk show, che la "democrazia diretta” sia una "idiozia”. Credo invece che insistere sulla via della delega, della “rappresentanza politica” sia un suicidio, anzi un procedire verso l’estinzione della vita sul pianeta (vedi riscaldamento climatico). Penso che siano possibili forme alternative e più avanzate della “rappresentanza politica”, ma quali esse siano e possono essere può dirlo solo la prassi concreta, la concreta sperimentazione sociale e politica, in un succedersi di fallimenti e successi…

  • cardisem

    Vedo insulti, ma non vedo un ragionamento al quale si possa replicare…

  • cardisem

    Non ti capisco.

  • francescosantoianni

    Ho letto il famoso cablo che supporterebbe le farneticazioni riportate nell’articolo. Potrebbe essere scritto da un giornalista che ha scambiato una opinione con Grillo. Che poi il giornalista lavorasse per il Dipartimento di Stato USA non vedo come Grillo potesse saperlo. In quanto poi alle "prove" della presenza di Grillo a bordo del Britannia, l’articolo è corredato da documenti che dimostrano esattamente il contrario, a meno che non si voglia dar credito al tizio che asserisce di aver visto sul suo televisore la scena di Grillo che esce dal Panfilo (ma l’ha vista solo lui?)

    Lo so che d’estate è difficile fare informazione e al Mostro di Loch Ness non ci crede più nessuno. Ma, in nome di Dio, perchè il pur ottimo Comedonchisciotte si abbassa a pubblicare queste buffonate?
  • alvise

    … eliminare la bossi-fini…Bene, sono stufo di dover sempre precisare che, il 5 stelle è all’opposizione, quindi che potere politico ha per cambiare o eliminare una qualsaisi legge anche con votazioni taroccate? Nessuno.

  • alvise

    Beh, anche io sono iscritto al movimento, e non è che concordo con te solo per questo motivo, sarebbe troppo facile, concordo perchè se fosse il contrario non sarei un elettore del movimento, questa è la ragione per cui condivido quello che dici. Dopo essere passato da tre partiti (il terzo è il 5 stelle), di cui nel primo fui elettore per moltissimi anni, se il 5 stelle diventerà una copia della lega, non voterò mai più. Il 5 stelle è l’ultimo partito-movimento a cui ripongo fiducia. Sono genovese però la frase "cca nisciun è fesso", la farei mia. Di giovanni sandi conosco la sua figura da anni, da quando contestava le teorie di Auriti. E’ un contestatore seriale

  • makkia

    OK, mettiti lì per verificare minuto e secondo in cui qualcuno NON ha detto qualcosa.
    Geniale.
     

  • makkia

    Rispostina semplice semplice:
    Grillo sono QUARANTA anni che pianta grane.

    Tutto il resto sono opinioni tue, senza un singolo fatto. E date le esagerazioni dialettiche e beffarde è piuttosto chiaro che sono anche pregiudiziali, come opinioni. Quanto di più lontano possibile dai fatti.
    Quindi il tuo "ecco la risposta" è nullo quanto un editoriale di Fede o Liguori.

    (en passant, com’è fatto il battersi "a petto pieno"?)

  • makkia

    I pirati l’hanno abbandonato quel software.
    Non perché craccabile, ma perché non garantiva molta democraticità. Uno dei difetti era la inevitabile formazione di centri (gruppi e personalità) di indebita influenza, che diventavano inamovibili proprio grazie ai meccanismi di "reputazione" che avrebbero dovuto sostituire la delega.
    Senza entrare troppo nei dettagli, il software tendeva a sotituire la democrazia con una qualche forma di aristocrazia.

    Non è perché uno si affida al "dio computer" che diventa facile risolvere il problema della democrazia diretta. Problema su cui si sono scornati fior di pensatori, dai filosofi ai matematici.

  • iVi

    Le cassette di quelle edizioni del tg5 (nei giorni del brittannia) le può benissimo fornire ai giornalisti. Se non è vero che in quei giorni grillo fu intervistato in quel porto non ci troveremmo nulla…..