Home / ComeDonChisciotte / BARNARD (CO-FONDATORE DI REPORT): LA GABANELLI ? UNA “COSTOLA” DI PRODI CHE PIACE AL PD
11649-thumb.jpg

BARNARD (CO-FONDATORE DI REPORT): LA GABANELLI ? UNA “COSTOLA” DI PRODI CHE PIACE AL PD

A CURA DI CLAUDIO PERLINI
ilsussidiario.net

Intervista a Paolo Barnard

Milena Gabanelli è la candidata per il Colle del Movimento Cinque Stelle, selezionata al termine dei due turni di “Quirinarie” online. La giornalista e conduttrice di Report ha ottenuto il maggior numero di voti (anche se al momento non è stato diffusa alcuna cifra dal Movimento, cosa che sta tornando a far discutere riguardo l’assenza di trasparenza), superando, tra gli altri, Gino Strada, Stefano Rodotà e Gustavo Zagrebelsky. Dopo aver ironizzato su Di Pietro, la cui carriera politica è stata di fatto affossata dalle inchieste di Report, Beppe Grillo lancia una nuova proposta a Bersani: se il Partito Democratico voterà la candidata M5S al Colle “ci potremmo togliere qualche soddisfazione, potrebbe essere l’inizio chissà di una collaborazione, cominciamo da lì poi vedremo su cose come il conflitto di interessi e i rimborsi elettorali”, spiega l’ex comico genovese. In attesa di vedere se la giornalista Rai sceglierà di accettare la candidatura, Ilsussidiario.net ha chiesto un commento a Paolo Barnard, giornalista e scrittore, nonché tra i fondatori di Report dove ha lavorato per circa dieci anni.

Gabanelli al Colle per il Movimento 5 Stelle. Cosa ne pensa?

Credo sia solamente l’ultima perla di una indecente collana che è la vita e la storia del Movimento 5 Stelle, composto da giovani grillini che non si accorgono neanche di essere totalmente nelle mani di un certo Gianroberto Casaleggio, cioè di un’azienda di marketing privata nata da un precedente fallimento e che sta portando alla rovina la democrazia italiana. Tra la tante perle regalateci da questo “guru”, come dicevo, l’ultima si chiama Milena Gabanelli. Ma la cosa grave è come esso sia riuscito a creare una vera setta di fanatici intellettualmente morti che lo seguono acriticamente.

Ci dia un giudizio sulla Gabanelli.

Innanzitutto la Gabanelli ha un’esperienza politica pari a zero, oltre ad essere da sempre una “costola” di Romano Prodi, con cui faceva incontri privati insieme a Cofferati a Bologna, nella chiesa del Baraccano. E’ dunque da escludere che possa essere una figura super partes, ma credo che ormai questo lo sappiano praticamente tutti, ovviamente fatta eccezione per i giovani grillini.

Eppure viene da molti considerata la “paladina” della libera informazione…

Non è affatto vero. La Gabanelli è ormai totalmente al servizio dei dirigenti Rai, fatto dimostrato dalla vicenda relativa alla causa civile scaturita da una mia inchiesta di Report, e sto parlando del caso cosiddetto ‘Censura Legale’, facilmente rintracciabile in rete.

 

Cosa accadde?

Sia la Rai che la Gabanelli, dietro ordine dei dirigenti di viale Mazzini, abbandonarono il sottoscritto al suo destino al fine di non creare uno scomodo precedente legale. La Gabanelli, quindi, insieme ai dirigenti Rai, decise di abbandonarmi proprio nel momento in cui venivo citato in giudizio per un’inchiesta contro la pratica del comparaggio farmaceutico che, tra l’altro, la Rai trasmise per ben due volte. Facendo ciò, la Gabanelli non ha tradito solo me, co-fondatore del programma, ma anche l’intera immagine di “paladina” della libera informazione. Questo accadeva al sottoscritto, ma poi quando l’ex dirigente RAI Masi minacciò la Gabanelli di sottrarle lo stesso sostegno legale che ella aveva negato a me sotto ordine dei suoi capi, la ‘paladina’ ne fece un caso nazionale. Ipocrisia che richiede un no comment.

Tornando alla presidenza della Repubblica, crede che Bersani potrà effettivamente accettare la proposta di Grillo e votare la Gabanelli?

Credo proprio di sì, visto che, come dicevo, la Gabanelli è di fatto una “costola” di Prodi. Non è quindi da escludere che il Pd possa dare il proprio voto a lei, anche se l’intera vicenda ha ormai assunto tratti talmente paradossali e ridicoli che non è neanche più commentabile, e qui mi riferisco al signor Grillo, che dopo aver ragliato per anni contro la Casta e contro “Rigor Montis”, appena è entrato nella stanza dei bottoni ha appoggiato un’estensione di mandato a Monti e, attraverso Casaleggio, la candidatura di Prodi al Quirinale. Siamo oltre la farsa dei satiri.

Non vede quindi nessuno che possa essere adatto al Quirinale?

No, nel modo più assoluto. Al momento in Italia non c’è alcuna figura, né politica né tecnocratica, capace di cogliere la tragedia nazionale che sta coinvolgendo tutti noi che velocemente sprofondiamo insieme all’economia e alla democrazia. Nessuno sembra attualmente in grado di cogliere questo particolare momento e, quindi, di essere il nuovo presidente della Repubblica.

Claudio Perlini
Fonte: www.ilsussidiario.net
Link: http://www.ilsussidiario.net/News/Politica/2013/4/17/QUIRINALE-Barnard-co-fondatore-Report-la-Gabanelli-Una-costola-di-Prodi-che-piace-al-Pd/2/383991/
17.04.2013

Pubblicato da Davide

  • marcopa

    Barnard ha dei sassolini da togliersi dalla scarpa e coglie l’ occasione per farlo. La Gabanelli è stata indicata “quasi esplicitamente” da Grillo come una candidatura di bandiera da votare nelle prime votazioni.Ad oggi, il tentativo serio di creare confusione nelle file dell’ elettorato del Pd appare proporre dalla quarta votazione, quando sarà sufficiente il 50% dei voti, Rodotà contro un candidato votato da Pd-PDL. ……….Domani questo scenario potrà anche essere già superato, ma mi sembra chiaramente lo scenario del giorno 17 aprile. Questa volta Grillo è stato furbo e sono due giorni che ha messo in difficoltà il Partito Democratico. ….Domani è un altro giorno, si vedrà……Ma si può navigare a vista con i problemi che ci sono ?

  • nigel

    Sono mooooolto perplesso. Barnard dovrà anche toglierei qualche sassolino dalla scarpa, sarà anche un personaggio scomodo e difficile da manovrare, ma e’ lapalissiano che in quest’intervista non tutto sia criticabile. Fino a pochi giorni fa la parola d’ordine del M5S era ” mai con Gargamella”. Si asseriva che presto il PD sarebbe crollato, travolto dallo scandalo imminente del MPS. È adesso? Adesso con vocina suadente Grillo lascia intravedere una possibilità: ” chissà”… Lui che era alternativo ai partiti e in particolare al partito liberista per eccellenza, il PD. Tutto questo mi fa pensare a possibili pressioni di poteri forti sul M5S..

  • nigel

    È poi basta con i rimborsi elettorali il conflitto di interessi e la TAV, parliamo del problema dei problemi: che progetti ha il M5S riguardo a quanto promesso agli elettori e di fatto negato nel momento in cui ci si avvicina a personaggi come Prodi, PD e Gabanelli? Tra poco andremo alle urne, per il M5S prevedo un bel tracollo

  • kenoby

    Pressione dai poteri forti??? dalle elezioni e dal conseguente successo del M5S anche secondo me è successo qualcosa. Le follie insensate (perchè di questo si tratta) di Grillo hanno danneggiato tantissimo il movimento stesso, la sua immagine e reputazione, tanto da presagire un tracollo totale alle prossime urne. Molte mosse piu astute che potevano essere messe in essere grazie ai risultati ottenuti, sono state impedite ed osteggiate, e, al contrario le decisioni prese sembrano dirette al fallimento del progetto stesso. A capo e causa di tutto questo? la stessa persona che aveva guitado con tanta fatica e passione il movimento al successo. Non so perchè, ma ho come l impressione che Beppe Grillo sia stato richiamato all’ordine dai poteri forti e al fine di non perdere quanto di bello ha nella vita ( in primis la vita stessa) sia stato costretto a procedere con un comportamento che non desti sospetto (per esempio con la coerenza portata all eccesso e al fanatismo) ma sia oggettivamente fallimentare per l m5s stesso. D’altronde lui è una persona che ha tanto da perdere, infatti… un miliardario è sempre e facilmante ricattabile e i poteri forti, si sa, possono veramente TUTTO.

  • andyconti

    Non so se Barnard abbia autorizzato la pubblicazione, pero’ ricordo che l’ultima volta si ritiro’ sdegnosamente da Comedonchisciotte promettendo di non tornarci piu’.
    In quanto alla Gabanelli, non credo sia all’altezza del ruolo che le hanno proposto (dal punto di vista tecnico) e ovviamente chiunque in Italia e’ costola di qualcuno, se ha occupato qualche posto di rilevanza pubblica, anche giornalistica. Quindi, direi una candidatura innocua lanciata dai 5 Stelle per rompere gli schemi. Peraltro, se Grillo non propone nessuno e’ un inutile, se propone qualcuno significa che si allea con il Pd, mi chiedo cosa dovrebbe fare secondo voi.
    Ma alla fine il problema e’ vedere questo totonomi come se davvero fosse il problema del Paese e della gente, se crollo elettorale del 5 Stelle ci sara’ , avverra’ per dilettantismo, non per inciucio con il Pd.

  • yago

    Hanno votato in 48000 e la Galbanelli non li ha presi tutti. Tutti quindi parlano di questa ipotesi come se fosse una cosa seria.
    Oltre tutto qualsiasi persona , alla notizia , l’ avrebbe presa con ironia. La Galbanelli invece ha abboccato in pieno ed è stata addirittura possibilista.

  • Truman

    @andyconti: l’articolo proviene da ilsussidiario.net e non è di Barnard, ma è un’intervista a Barnard.

  • siletti86

    Gabanelli o non Gabanelli, a me preoccupa il neonato(?) feeling tra Casaleggio e Artom. Che ne pansate?

  • anacrona

    Lo dico spesso che è meglio dire GATTO quando l’abbiamo nel sacco … Milena Gabanelli e Gino Strada hanno declinato l’invito a candidarsi come Presidenti della Reppubblica eleggibili dal M5S Stefano Rodotà ha accettato l’invito e sarà il candidato votato dal movimento. Quindi lo scritto sopra è pura perdita di tempo, beato colui che ne ha da buttar via. Bye bye 😉

  • Tetris1917

    PB, la tua ex-collega ha rifiutato. Mentre tu rosichi, lei produce.

  • makkia

    Esatto. Mai viste tante previsioni “gombloddisde” andare a pallino in così poco tempo. Rileggere gli articoli e i post di CDC delle ultime settimane è veramente divertente.

    Combinazione i peggiori della lista (Prodi e Bonino) sono affondati miserevolmente. Il mortadella ha fatto scannare il PD al suo interno e aveva disinnescato la Bonino (che invece rischiava di accontentare tutti).
    Inoltre, a sentire il nome di Prodi, il Cavaliere perde il suo sornione aplomb e ridiventa stronzo.
    Bersani si affretta a calmarlo con D’Alema/Amato/Marini e si ritrova la patata bollente di un 5stelle che “finalmente” gli fa un nome…

    Ma come!
    Gargamella voleva rivendersi che “era stato costretto” (poverino) a guardare a destra per “l’irresponsabilità” dei grillini, e quelli gli scodellano un nome del tutto presentabile, onesto e per giunta competente.
    Sembra un gabbiano e fa apparire le cariatidi 1a repubblica che aveva presentato come i gallinacci, quaglie zoppe e avvoltoi che sono.
    E adesso come si mette, l’ex montiano di ferro? (coi “turchi” che si smarcano e Renzi che arrota coltelli)

    Grillo l’ha fottuto: non solo ha fatto “l’apertura” alla luce del sole, col movimento che “si dimostra indipendente” (Grillo aveva suggerito Prodi e quelli votano Gabanelli-Strada-Rodotà) ma l’ha fatto proprio mentre Gargamella andava a parlare di nascosto con Berlu e annullava l’incontro coi 5* senza spiegazioni.
    E gli porta ‘sta polpetta avvelenata: un ex-PCI, che però è nemico giurato del Fiscal Compact (ma non si può contestarlo per questo, perché in questo momento Euro ed Europa non sono davvero nella top ten degli italiani).

    Come ca**o farà a rifiutarlo, saranno risate.

  • andyconti

    Si, lo avevo notato, ma comunque mi pare che Barnard avesse proibito qualsiasi pubblicazione sul sito. Comunque, grazie per averlo pubblicato e per avermi risposto.

  • andyconti

    Infatti ormai ci si divide fra chi ha tempo da perdere e chi no, alla fine l’eletto sara’ D’Alema.

  • andyconti

    20 anni fa avevamo D’Alema e Berlusconi, oggi indovinate un po’ chi saranno presidente e premier?

  • siletti86

    Produce solo la crisi italiana se continua ad interessarsi ai presunti malaffari riguardanti i nostri gioielli di famiglia (Finmeccanica, Eni) a scapito dell’Italia tutta e spianando la strada alle multinazionali estere!!! Chissà perchè non parla mai dei begli “affarucci” che fa la Total in Basilicata, ma pensa soltanto a criticare i contratti per le forniture di gas fatti dall’Italia con la Russia!? Ma fammi il piacere!!!!! 10, 100, 1000 Barnard!!!! Gabanelli solo infame mercenaria al soldo della Cia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  • Tetris1917

    Total Basilicata? Mi sai dire qualcosa in piu’ TU….?