Home / ComeDonChisciotte / BANCHIERI, GOVERNANTI, E PARCO BUOI
15783-thumb.jpg

BANCHIERI, GOVERNANTI, E PARCO BUOI

DI FILIPPO GHIRA

ilribelle.com

Articolo 47 – La Repubblica incoraggia e tutela il risparmio in tutte le sue forme; disciplina, coordina e controlla l’esercizio del credito.

Favorisce l’accesso del risparmio popolare alla proprietà dell’abitazione, alla proprietà diretta coltivatrice e al diretto e indiretto investimento azionario nei grandi complessi produttivi del Paese.

Il suicidio di Luigino D’Angelo (nella foto), il pensionato di Civitavecchia che, a causa del decreto 183 che ha salvato quattro banche dal fallimento ma che, nel caso specifico, ha fatto volatilizzare tutti i suoi risparmi (ben 110 mila euro investiti nei cosiddetti “bond subordinati” della Banca Popolare dell’Etruria) e quelli di altre migliaia di obbligazionisti, ha innescato tutta una serie di reazioni dove la rabbia diffusa per l’episodio in sé si è mischiata all’indignazione per le iniziative di un governo che, di fatto, si trova sempre schierato a fianco dei vertici bancari e contro i cittadini.

Come dimostra la recente norma dell’Unione europea, subito trasformata in legge dalle Camere, che stabilisce come, in caso di un dissesto bancario, a coprire i buchi di bilancio debbono essere chiamati a rispondere anche i titolari di conti correnti con importi superiori a 110 mila euro. Una legge approvata nel silenzio assordante dei media e che ha visto la convergenza di interessi del Partito Democratico, di Scelta civica, di Forza Italia e del Nuovo centro destra, tutti uniti quando si tratta di legarsi ai veri padroni d’Italia.

Il suicidio del risparmiatore, e il precipitare nella povertà di tanti suoi compagni di sventura, ha spinto il governo ad annunciare, tramite la ministra delle Riforme, Maria Elena Boschi, che si interverrà per “andare incontro ai non tutelati”, ai titolari di bond subordinati e quindi di crediti che il decreto ha semplicemente cancellato. Dove l’andare incontro, si spera che non si risolverà nella classica pacca sulle spalle. Ma per ora, di più, non è dato sapere.

Le quattro banche in questione sono Banca delle Marche, appunto Banca Popolare dell’Etruria, CariFerrara e CariChieti. L’aspetto curioso, tanto per usare un eufemismo, di tutta la faccenda è che il padre della ministra è stato per otto mesi vicepresidente della Banca dell’Etruria. D’accordo che il Partito Democratico è diventato il partito delle banche e che i vertici dei tre principali istituti italiani sono passati armi e bagagli con Renzi, ma a tutto c’è un limite. Soprattutto alla decenza. Renzi, da parte sua ha messo le mani avanti sostenendo testualmente che «è impossibile per le regole Ue salvare in modo definitivo gli azionisti e gli obbligazionisti subordinati ma – ha assicurato – stiamo cercando con grande impegno e tenacia di individuare una soluzione, nei limiti delle regole europee». Tale da offrire “una forma di ristoro” a chi ha perso i propri risparmi. Forse, dei buoni pasto?

In ogni caso, ha rivendicato Renzi, con il decreto salva-banche abbiamo «salvato migliaia di posti di lavoro e tutti i conti correnti».

Che Renzi si trinceri dentro l’alibi delle norme europee, come se queste fossero sempre giuste e perfette, la dice lunga sul fatto che l’ex sindaco e i suoi trovino normale che chi ha prestato i propri soldi alla banca, come obbligazionista, debba essere considerato corresponsabile della gestione. Una pretesa fuori da ogni logica ma che in Europa come in Italia si è ritenuto normale imporre ai cittadini. Nello specifico i familiari del suicida hanno ricordato che quelle obbligazioni “subordinate” erano state garantite dalla stessa banca come ultra sicure. E qui casca l’asino. Nello specifico infatti, le obbligazioni subordinate sono caratterizzate sia da una tipologia piuttosto vasta che da una rischiosità superiore alle normali obbligazioni. Hanno una cedola periodica ma spesso la loro scadenza è molto lontana nel tempo e l’emittente, la banca, può decidere a piacimento quando rimborsarle. Essendo più rischiose delle obbligazioni normali (il principio è che i titolari in caso di dissesto verranno rimborsati dopo gli obbligazionisti normali), offrono un rendimento superiore. Adesso mettiamoci nei panni di un cittadino medio che non conosce più di tanto i meccanismi economici e finanziari, che si aspetta o si illude che la banca si preoccupi in primo luogo di tutelare i suoi risparmi. Un pensionato che crede a quanto gli viene raccontato sui guadagni che ci si possono aspettare da questo o quel titolo. A chi dovrebbe credere, se non alla sua banca? Significativo è stato il giudizio del commissario europeo ai servizi finanziari, Jonathan Hill, che ha sostenuto che le quattro banche «hanno venduto prodotti inappropriati a persone che forse non sapevano cosa compravano». Insomma le suddette banche gli avrebbero venduto titoli spazzatura. Hill ha però precisato che le misure prese dal governo sono compatibili con la legislazione Ue sui salvataggi bancari.

La Boschi aveva fatto il pesce in barile ricordando che quel tipo di obbligazionisti «sono soggetti che anche in altre esperienze straniere non hanno avuto tutele». Della serie: noi più di tanto non possiamo fare, vedremo, eccetera. Da parte sua la procura della Repubblica di Civitavecchia ha aperto un fascicolo a carico di ignoti nel quale si ipotizza il reato di istigazione al suicidio. Ancora non è chiaro se gli ignoti vadano cercati nella banca o nel governo. Ma, al di là delle battute macabre, il problema è ben più vasto. Le istituzioni europee, sulla scia dell’America, continuano a vedere le banche come il fulcro del sistema economico quando al contrario dovrebbe esserne un supporto. Tutti i miliardi regalati di fatto dalla Banca centrale europea alle banche non hanno avuto gli effetti desiderati nel sostenere una ripresa economica. Pochi prestiti alle imprese e alle famiglie ma acquisti di titoli di Stato che hanno garantito entrate costanti sotto forma di interessi e che hanno permesso di ricostruire il patrimonio, intaccato da speculazioni su titoli a rischio, ma dagli alti rendimenti. Titoli che le banche, comprese quelle italiane, non hanno mai smesso di acquistare tanto che si è tornati alla stessa situazione del 2007-2008 quando il sistema finanziario internazionale rischiò di collassare su stesso. E la politica non sa fare altro che continuare a mettere in atto meccanismi tali da fare pagare ai cittadini le colpe dei banchieri.

Filippo Ghira

Fonte: www.ilribelle.com

Link: http://www.ilribelle.com/la-voce-del-ribelle/2015/12/11/banchieri-governanti-e-parco-buoi.html

11.12.2015

Pubblicato da Davide

  • savi

    Mi spiace (ma neanche troppo)  per questi Obblicazionisti ma ricordo a tutti che sono stati vittime anche della loro avidità.
    Avrebbero potuto investire in titoli di stato sicuramente,per il momento, più sicuri ma hanno scelto le obblicazioni e bond perchè PIU’ REDDITIZZIE accettandone i rischi!!
    Se avessero vinto la loro scommessa (come è successo fino a poco tempo fa) avrebbero intescato 5 o anche 10% in più rispetto ai titoli di stato e sicuramente non avrebbero diviso i guadagni ne con la banca ne con lo stato.
    Se la gente continua a leggere le pagine sportive,o  affidarsi ai TG o a Repubblica o Il giornale la colpa non è sicuramente nè delle banche nè dello stato.
    I banchieri si sa che sono dei lupi ,ed agiscono da lupi , il problema è che noi agnelli non facciamo la nostra parte , quella di difenderci ,anche scappando. Invece cosa facciamo? gli andiamo incontro infilando il nostro collo nella loro bocca (i nostri soldi nelle loro banche x chi non avesse capito la metafora)

  • rebel69

    Che queste norme UE siano ingiuste è lapalissiano, ma lo è anche il fatto che pretendere che i propri risparmi fruttino interessi "facili" ci possa esporre a certi rischi,sopratutto in questo momento dove le banche non prestano i risparmi per dar credito a imprese a produzione nazionali ma li usino per speculazioni azzardate.Che poi il family bankers abbia informato l’ignaro investitore,questo è un altro paio di maniche.Magari il signore votava pure PD.Per usare un francesismo a certe persone certi concetti entrano prima nel culo che nella testa.

    RIP
  • IVANOE

    Ceto è un fatto triste di cronaca quando c’è da commentare una morte…
    Però chi era questo signore ?
    Come ha avuto la possibilità di risparmiare 110 mila euro ?
    Come si giadagnava da vivere ?
    Questa storia tirata fuori ad arte da mass-media ormai non più credibili a chi fa comodo ?
    Se magari questo signore oppure un’altro, questi soldi li ha guadagnati in modo disonesto ? Chi ce lo può dire ?
    Aaahhh come sarebbe bello poter sapere ad uno ad uno di ogni italiano come fanno ad avere le ricchezze  che hanno o il posto di lavoro super garantito o come fanno a mantenersi certi tenori di vita…o come fanno a ritrovarsi proprietari non di una casa ma di due o tre case…
    Io so solo che lavoro da 40 anni  e non sono riuscito ancora a mettere un centesimo da parte…
    Il discorso sarebbe lungo…
    Ma un buon giornalisno sano dovrebbe raccontare come si meritano le cose, e come si merita la ricchezza o i depositi da 110 mila euro !
    Semmai sarà prodotta in italia una fotografia seria delle rendite degli italiani che si chiami poi posto statale ipergarantito o speculazioni fatte sulle spalle degli altri anche fino a due o tre genrazioni fa, probabilmente ci accorgeremmo che l’80% degli italiani sono o sono stati dei disonesti non meritandosi l’agiatezza che hanno oggi, fioccherebbero sequestri a go go di case, auto e negozi, ci sarebbero licenziamenti di massa nelle pubbliche amministrazioni di gente che ha preso il posto solo grazie alla raccomandazione… e probabilmente sarebbe fatta giustizia…ma tutti questi devono solo ringraziare le istituzioni che sono più fasulle di loro…
    Lascio con un’aneddoto .
    mio nonno classe 1905 è stato iscritto al PCI nei tempi del fascimo, abilissimo muratore e buon padre di famiglia ma con una "pecca" troppo tignoso era un vero comunista. Ha preso botte, olio di ricino, perso il lavoro, allontanato dai posti di lavoro come se avesse la peste… ovviamente soffrendone anche la famiglia e i suoi tre figli… che hanno vissuto in piena povertà che poi si è riflettuta su noi figli anche se oggi in modo diverso comunque sempre vite precarie… ( è morto giovane con malattie cagionate dall’esaurimento nervoso).Un suo amico classe 1906 muratore come lui invece aveva fatto la tessera fascista ( oggi suo figlio e suo nipote si crogiolano di essere di SEL…)
    ed anche lui muratore ma più scarso rispetto a mio nonno…come per miracolo lavorava sempre durante il ventennio, aveva sempre da mangiare in casa…e poi nel 1942-43 gli permettevano di fare la borsa nera speculando sulla povera gente e sulla fame… poi sempre per miracolo nel 1950 con i soldi incassati con la borsa nera (  vergogna italiana…le moglie e madri offrivano i loro corpi perun quarto di olio…. ) ha aperto una rivendita di materiali edili e poi ancora miracolo  a fine anni 50 e per tutti gli anni 60 ha cominciato a costruire insieme ai figli palazzine qualcuna in regola altre abusivamente…oggi i suoi nipoti della mia età vivono in un quartiere prestigioso si roma, hanno servi da tutte le parti, ovviamente con tutti i mali dei ricchi ì ,separazioni, figli balordi , drogati ecc. ecc. però sono ricchi si sono ripulti e chi non li conosce pensa che sono famiglie altolocate…
    E di casi così in italia ce ne stanno a vagonate…
    Ecco adesso ditemi se è più vittima Luigino d’angelo che si merita le prime pagine di tutti i giornali oppure mio nonno morto in povertà ma pieno di veri ideali ( così come tantisismi come lui )…

  • Robius

    purtroppo non è sempre questione di avidità, molti anziani, hainoi, in banca si sentono a disagio e credono a tutto quello che viene detto loro.

    Quante altre banche non ancora saltate, hanno emesso obbligazioni 10 anni fa attualmente a 1/10 del valore iniziale? Poi ti offrono bleu chip a prezzo stracciato che dovrai rivendere per recuperare almeno in parte quello che ti hanno fregato inizialmente. Quanti anziani sono in grado di farlo? Le banche si fanno le leggi e le cambiano come vogliono.
    saluti stellati
  • Simec

    Lacrime di coccodrillo di un sistema mediatico asservito al capitale che fa finta di indignarsi per la morte di un poveraccio, l’ennesimo, vittima del sistema. In  realtà gli pseudogiornalisti sono i primi a nascondere le porcate degli usurai legalizzati chiamati eufemisticamente banche.  Ma basterebbe informarsi. Perchè il popolo bue non perde tempo a leggersi IL RISPARMIO TRADITO di Scienza (che 17 editori rifiutarono di pubblicare)? Perchè nessuno legge IL COLPO DI STATO DI BANKE E BANKIERI di Gallino, dove si spiega bene il casinò globale chiamato eufemisticamente sistema finanziario? Perchè vige la congiura del silenzio sul panphlet di Imperatore IO SO E HO LE PROVE, dove si spiega dall’interno che razza di criminali siano le banke e chi ci lavora (chi ci lavora, sottolineo)? Se non fosse per l’umano cordoglio di fronte alla morte, verrebbe da dire che dei poveri coglioni che danno credito alla criminalità bankaria si meritano di essere fottuti. Bisogna fare attenzione a chi si frequenta e non ci si può lamentare se intruppandosi coi criminali finanziari si viene poi fottuti. E’ normale. Forse la TV  ci ha così rammollito il cervello che non siamo + capaci a capire che 2 + 2 fa 4. Ma quando sarà chiaro al popolo bue che le banke sono dei CRIMINALI, degli usurai globali che stanno distruggendo il pianeta e rovinando popoli, degne del tribunale di Norimberga.  Nel povero babbeo che si è impiccato ieri, dovremmo almeno essere capaci di capire che ciò che è successo a lui oggi accadrà a noi domani. I veri coglioni siamo NOI, tutti noi. Quei "noi" che si informano (si fa per dire) con i quotidiani asseriti, quelli che obbedienti partecipano alle farse elettorali usum populi, quelli, soprattutto che continuano a intrattenere rapporti con le banke, ovvero i peggiori criminali del mondo, usurai, finanziatori di armi e droga per il globo, speculatori psicopatici che tengono gli stati per i coglioni e dissanguano i popoli. Sin quando non capiremo che le banke di oggi sono peggio dei nazisti, sino a quel momento non cambierà nulla e loro continueranno a vivere come nababbi succhiandoci il sangue.  In fondo il sistema totalitario odierno, inventato dalle banke, si fonda sul DEBITO, ieri nei paesi poverie oggi anche in quelli ricchi. Ma il sistema è sempre lo stesso: ci indebitano, ci truffano, ci ingannano, ci fottono e poi ci ammazzano o ci inducono a farlo. Altro che dargli i nostri risparmi a questi bastardi in doppio petto, questi mafiosi finanziari andrebbero impiccati con le loro budella. Per fortuna c’è il FN della Le Pen in Francia e questo orrore totalitario chiamato UE brucerà all’inferno quanto prima. Altrimenti continueremo a essere vittime di questi terroristi finanziari chiamati "banke" e dei governi fantoccio che li coprono.  PS: perchè dovrebbero essere tutelati i poveri idioti che danno i loro soldi alle banke? Hanno giocato, volevano vivere di rendita e hanno perso! E’ la base di quel capitalismo di merda con cui si sono intruppati. E ora che ca77o vogliono? come credevano che se li fossero fatti i soldi i loro bankieri? Fottendo i popoli di 5 continenti. Quanto tempo ci vorrà per capirlo? Quanto sangue ancora? E quante sofferenze ci vorranno ancora per capire che l’ALTRO siamo noi e che domani, se non ci ribelliamo al sistema, a quella corda ci saremo appesi noi.

  • Veron

    Spesso ci lamentiamo dello strapotere della finanza ma dimentichiamo che questo strapotere viene da noi, quando concediamo i nostri risparmi alle istituzioni (banche, fondi di investimento, assicurazioni) che fanno denaro dal denaro a discapito dell’economia reale, e quindi di chi cerca un lavoro o gestisce un’impresa. 4 brevi consigli:

    Primo, vorrei esortare i risparmiatori a investire in oggetti reali: comprate case, terreni, oro, monete, ovvero beni solidi il cui valore potrà fluttuare nel tempo ma che nessuno vi toglierà.

    Secondo, vorrei esortare i risparmiatori a diffidare sempre della ricchezza cartacea (titoli, derivati ecc.). Tutta la finanza è un gigantesco SCHEMA DI PONZI, inventato per beneficiare i suoi inventori.

    Terzo, vorrei esortare i risparmiatori a leggere che cos’è uno SCHEMA DI PONZI. Non è difficile, ognuno può capirlo, su internet ci sono ottime spiegazioni. Dopodiché vi passerà la voglia di investire nella carta. 

    Quarto, se qualcuno vi dice che è un "buon affare per voi", allora è in arrivo la fregatura. Girate le spalle e scappate via. I peggiori truffatori vestono in giacca e cravatta.

  • lopinot

    Delundenti e preoccupanti le reazioni a questi fatti anche in questi post. Emerge infatti una specie di riflesso pavloviano il cui sunto è: hai voluto la bicicletta… quindi pedala, rafforzato da facezie, ironie e cinismo.
    Esattamente quello su cui contava e conta l’orrido Renzi e la sua damigella aretina.
    Questi lugubri individui sanno che basta reggere per ancora pochi giorni e anche questo caso, come Cirio, Parrmalat e Monte dei paschi diverrà un dramma personale e la massimo familiare.
    Il fatto che queste banche fossero diventate il bancomat per amici degli amici e avessero trasparenza nulla pare un surplus di informazione. Meglio concentrarsi contro l’utente avido e con gli occhi a fessura che andare a vedere come mai uno come il padre della madonnina al governo entri in una banca chiacchierata, ci resti otto mesi a fare cosa? Prendendo quali decisioni? E poi prima della bancarotta se ne va, perchè? Perchè non si è rivolto ai carabinieri, alla Consob, a uno stregone?
    E il fatto che si è dimesso viene presentata come prova di correttezza, mentre a tutti gli effetti se uno viene visto sul luogo di un incendio pochi attimi prima che divampi è un chiaro sospetto, mentre in questo caso lo si mitizza pompiere preveggente.
    Tutto l’intrico Renzi, Verdini, Berlusconi Vaticano puzza di soldi. Lo puzzava al tempo di Sindona, si è registrato e perfezionato negli anni di "Abbiamo una Banca" ed è esploso con i casi di questi anni.
    In questa Europa che è semplicemnete un nastro trasportatore che veicola i beni e i risparmi di molti nelle tasche di pochissimi, le banche sono ingranaggi fondamentali per ottimizzare il processo e per questo sono coccolate e blandite. Le lamentele sui soldi pubblici usati per salvarle e rafforzarle in queste condizioni sono piccine piccine.
    In realtà il Potere sa che i soldi in realtà sono TUTTI suoi e l’illusione che siano privati è destinata a venire traumaticamente smentita.
    E le tecniche e le leggi per deviare tutti i capitali nelle solite tasche sono via via sempre più affinate ed efficaci.
    Ma per il volgo spaurito è meglio consolarsi nella tesi consolatoria del: "Male non fare paura non avere".
    In parole povere se ti comporti bene, non protesti, non parli a sproposito, sei duttile, flessibile, ti adatti, rispetti le scadenze, lavori sodo etc etc verrai ricompensato e se non premiato almeno non punito.
    Beh,  sarà un po’ più dura ma ti ruberanno i soldi modificando un’aliquota, una tassa, una multa assurda, un’accise, alzando un imponibile, ti sottrarranno quote con un trucco, e se davvero ti resterà qualcosa te la leveranno con qualche "MODERNA" privatizzazione.
    -Mani in lato, questa è una manovra correttiva- 
     

  • natascia

    Storicamente i depositi bancari sono stati utilizzati dai grandi speculatori, e dai  lavoratori dipendenti statali e in minima parte privati. Le ragioni nel caso di investimenti in tal senso da parte di lavoratori dipendenti, si possono rintracciare nell’alta redditività, vedi epoca BOT CCT, associata a mancanza di  capacità imprenditoriale. Diversamente per i grandi speculatori, i  quali sono responsabili del ratto ai piccoli. Ci attendono arene sanguinanti associate a sirene mediatiche che capovolgono titoli e contenuti. Conviviamo infatti con  una massa monetaria mondiale, materiale e virtuale, pari 3 volte il PIL mondiale, se questo può essere significativo. Chiaro che qualcuno resterà senza coperta, di certo non i grandi speculatori per i quali l’entrata, l’uscita e il viaggio  delle valute, dei titoli, delle obbligazioni  di ogni tipo,  non costano , hanno  il lasciapassare e il modem spaziale…  

  • Hamelin

    La gente preferisce comode bugie rispetto a dure ed amare verità .
    Preferiscono dormire e sognare di vivere in un mondo bello e buono ( non a caso credono a tutta ad una massa di stronzate buoniste e giustizialiste da fiction televisiva ) .

    Poi il passo del destino arriva a prenderli si svegliano e si accorgono di essere sempre stati  morti anche se nessuno gliela aveva mai detto .

    La gente vuole il sistema , le persone non vogliono realizzare la realtà perché vivere nel sistema fa comodo mentre una volta che ti svegli non fai piu’ parte di esso ( almeno mentalmente ) con tutto cio’ che comporta .

    La gente vuole vivere in Matrix nonostante prima o poi il mondo reale verrà a bussare alla loro porta per fare i conti .

  • Holodoc

    Davvero per te è così assurdo mettere da parte 110.000 euro nell’arco di una vita?

    Io vivo in Toscana, dove un bilocale può costare anche 200.000 euro e se non ne hai 100.000 a garanzia le banche nemmeno ti accendono un mutuo.
    Pensi davvero che tutti quelli che si sono comprati una casa in Toscana siano dei delinquenti?

    Supponiamo che il povero pensionato abbia lavorato ONESTAMENTE per 40 anni e che abbia messo da parte 2000 euro l’anno (neanche 170 euro al mese), alla fine si sarebbe ritrovato 80.000 euro. Aggiungici 30.000 di TFR ed ecco fatti i 110.000

    Non credi sia possibile risparmiare queste cifre?

    Ovviamente c’è chi preferisce pensare al presente e spendere tutto lo stipendio in sigarette,  alcolici, videopoker, prostitute, abbonamenti allo stadio e a Sky, auto sportive, cerchi in lega e pneumatici da 18 pollici, TV OLED curvi, Smartphone da 800 euro, abiti firmati, etc

    Oppure c’è chi ha subito delle disgrazie ed ha perso tutto il suo denaro (terremoti, malattie, etc)

    Oppure chi non ha saputo tenersi un lavoro.

    Oppure chi avrà avuto 3 figli da campare (ma chi ti obbliga a farli?)

    Nessuno di questi mi sembra un buon motivo per sparare fango su chi invece è riuscito a risparmiare qualcosa.

  • IVANOE

    Holodoc io ho quasi 60 anni e lavoro da 40 anni e non vado a prostitute perhe felicemente sposato , non vesto firmato ho due figli che lavoricchiano così mia moglie, insomma vivo normalmente e credo onestamente, ma il mio conto e’ sempre in rosso ! E vivo normalmente vacanze pochi giorni in estate, qualche pizza , l’immancabile mutuo da pagare  e finanziamenti per comprare qualcosa per casa , perche senno’ che campi a fare ? Se poi vedi che i peggio farabutti e stronzi che ti girano attorno senza ne arte e parte con macchinoni e altri lussi….se per te il mil vivere  e’ vivere alla grande…be’ allora non c’ho capito niente io…

    Pero’ sono sicuro delle tasse che a me prelevano tutti i mesi , della tasi, della tarsi dell’ IVA al 22% eccc. ecc. E sono a reddito fisso !!
    E sai perche’palestrati il mio conto e’ sempre in rosso e dopo 60 anni sto ancora con una scarpa e una ciavatta ?
    Perché in Italia molti non hanno pagato le tasse e ancora non le pagano, rubano pensioni, sono sempre stati protetti e gli hanno concesso scorciatoie… Insomma questa merda di sistema ha fatto arricchire chi cazzo dicevano e dicono loro…
    Capito?
    Si sono sempre quelli che hanno rubato prima e i figli si godono i furti dei nonni ed dei padri…
    E’ questa l’Italia…
    Con il lavoro non si e’ mai arricchito nessuno…poi quelli che dici tu che hanno risparmiato pure l’aria per mettere i soldi da parte…be’ non sono umani…. Hanno risparmiato su tutto pure sulla carta igienica…ma hanno cresciuto i figli con milioni di complessi…che poi pagano in tutti i sensi dopo…
  • Holodoc

    Anche io, come mio padre, ho sempre lavorato come dipendente quindi ho
    pagato tutte le tasse dovute,  e ho comprato la mia casetta assieme alla
    mia compagna (anche lei dipendente) senza voler chiedere aiuto ai genitori. Non ho vissuto il ’68 e sono entrato nel mondo del lavoro alla fine degli anni ’90 quando ormai il precariato introdotto da Berlusconi, D’Alema e C. avevano già a iniziato ad intaccare i diritti dei lavoratori, rendendo anche quelli a tempo indeterminato ricattabili.

    Se sei così orgoglioso della tua scelta di essere onesto, sei orgoglioso del modo con cui hai cresciuto ed educato i tuoi figli senza viziarli e sei orgoglioso di averlo fatto senza negarti i piaceri della vita, perché covi tutto questo odio per chi ha accumulato più di te in quanto disonesto o avaro???

  • idea3online
    Tutto è tragico, tutto è irreale, il tenore di vita occidentale è basato sul debito, nel Pianeta ci sono 750.000 miliardi di dollari di derivati a fronte di soli 50.000 miliardi di dollari di PIL Globale. In parte tutti siamo con le mani nella marmellata del Debito. Quei 750.000 miliardi sono il riflesso del tenore di vita di milioni di uomini oltre il loro reddito, tutto corrisponde, Debito Globale oltre il PIL Globale, Debito delle Famiglie oltre il Reddito Familiare. Perciò tutti hanno fatto la bella vita soprattutto dopo il 1971 quando il Sistema si basò su quello che non esiste sull’immaginario del reddito futuro. Adesso la bella vita è finita, i paesi emergenti, paesi militarmente di valore iniziano a non volere più finanziare il nostro tenore di vita, nuovi poli nel mondo vogliono investire nelle loro economie interne, perciò vogliono finanziare la loro classe media in formazione, tutto questo metterà fine al sogno dei popoli occidentali di vivere oltre le loro possibilità. Se il Sistema Occidentale, che si riflette in Derivati sparsi in tutto il globo, non determinerà più la politica estera in quanto il mondo è diretto nel multipolarismo, economico, politico, finanziario, militare, questo metterà sotto pressione la solvibilità dei Derivati. Dobbiamo pure ammettere che l’Elite ha permesso a tutti noi di vivere con redditi superiori di altri popoli, e possedere tutto, ma oggi l’Elite occidentale non riesce più a garantire tutte le promesse. Perciò non dimentichiamo che il tenore di vita di milioni di cittadini è cresciuto perchè hanno inventato i Derivati, hanno derivato, hanno fatto derivare tutto da tutto, esistono derivati dei derivati, alla fine stiamo andando alla deriva. 
    La festa è finita ma ricordiamoci che abbiamo fatto la bella vita grazie alla stessa Elite che adesso non riesce più a garantire la nostra euforia, ma rilassiamoci, quelli pur di non garantire la copertura di buona parte dei 750.000 miliardi dei derivati tra qualche anno premeranno il Tasto Riavvia il Sistema, ed una Guerra Globale pulirà con il sangue tutti i debiti e le banche ritorneranno in attivo, la GUERRA ci farà dimenticare il denaro, la bella vita…..perciò godiamoci la vita con tutti i dolori presenti prima che Riavviino il Sistema.
  • lanzo

    Togliersi la vita e’ il peggio del peggio della disperazione.

    Ma qui si vuole politicizzare il caso (non sono un renziano) non e’ che magari questo signore con la testa non ci stava piu’ tanto ?
    100 mila di "risparmi" – ho sentito parlare che era la liquidazione…  Mi sembra strano, personalmente da statale dopo 40 anni di lavoro mi hanno dato 25mila euro di liquidazione !  Sicuramente essendo un dipendente Enel sara’ stato pagato molto di piu’ e avrebbe dovuto avere una pensione piu’ che decente.  Il consulente finanziario che lo chiama per investire "ad alto rischio" e allora cazzo vuoi.  Forse dovevano  interdirlo, facile a dirsi… ma quasi impossibile  per famiglie normali. 
    Diverse cose non quadrano.
  • IVANOE

    Holodoc, ecco hai risposto tu… Non hai fatto il 68 e sei un figlio degli anni 80… Io no !!! Io ho vissuto gli ideali veri quelli della protesta di massa verso il sistema capitalistico…

  • adestil

    ho notato una cosa..
    molti qui dentro se la prendono parecchio pe sta cosa delle banche..
    scusate n’attimo so 10anni che su questo sito si legge che le banche falliranno
    e l’UE l’ha scritto pure nero su bianco che dal 2016 pagheranno azionisti,obbligazionisti e correntisti(sopra i 100mila?A giudicare da Cipro,no,molo meno!)e qui tutti a prendersela perchè sono parzialmente falliti 4 piccole banche..

    ma come..
    lo leggete da 10 anni,lo scrivete da 10anni che devono fallire  però non ci credete
    come in Matrix…appunto…
    quando poi arriva ci rimanete male?
    Ma per 10anni mentre scrivevate che non bisogna fidarsi delle banche,che sono usurai,che sono i padroni del mondo che organizzano ogni genere di truffe
    speravate che toccasse sempre gli altri?Sempre lontano
    Eh no ,ora è toccato a noi…perchè poteva essere anche la nostra banca popolare o di credito artigiano ad avere lo stesso problema..
    e le grandi banche no?La capitalizzazione in borsa delle banche italiane in qualche anno è scesa di oltre 100miliardi…
    Dicono che il sistema è sicuro solo perchè le nostra banche pare avessero meno derivati,diamolo per buono,ma hanno le posizioni più difficili da far rientrare..
    ossia crediti inesigibili di circa 294miliardi(in mano alle grandi banche italiane) ,la cifra più alta d’europa..
    Quindi le grandi banche crediti inesigibili le piccole sperpero di denaro dietro ai furbetti degli amici dei politici specie sinistrorsi..

    e chi le salva?
    Lo stato di sicuro no visto che ha il primo debito pubblico UE in percentuale..
    e poi l’UE l’impedisce..

    allora chi rimane che ha i soldi per salvare le banche( che l’hanno bruciati o prestati ai politici a imprenditori improbrabili ma ammanicati o per far fare bella vita ai membri dei consigli di amministrazioni e suoi sodali dal volto coperto)?
    Rimangono solo loro i risparmiatori..
    quelli che hanno tirato la cinghia o cmq non li hanno spesi…
    abbiamo ancora il primo risparmio al mondo 4trilioni di liquidi…
    anche se togliamo i depositi degli ultraricchi che fanno sempre in tempo a spostare i denari il giorno prima,rimane sempre una cifra enorme..
    che non fa gola solo agli usurai spendaccioni italici ma anche europei..
    (altrimenti a che servirebbe il MES  se non a spostare la ricchezza del risparmio italiano dall’Italia al fondo di investimento nei paesi del nord europa visto che solo loro si danno da soli la tripla A ,solo li il MES può investire!)
    che vuoi che siano 294miliardi di crediti inesigibili ..

    quindi ha poco senso piangere..soprattutto per chi ste cose come noi e come bankitalia o consob le sapeva(questi ultimi due l’hanno pure caldeggiate!)

    ridicolo poi chiedere a bankitalia perchè non è intervenuta vista che è banc aprivata proprietò in primis di Intesa ed Unicredit…
    che se arrivava il 2016 col Bail In,dovevano salvare col fondo interbancario tutti i correntisti sotto ai 100mila euro che devono essere tutelati..
    quindi altro grande regalo alle banche..
    figuriamoci se bankitalia dice nulla..

  • adestil

    Per Veron

    tu che dai consigli su come
    giocare in campo del nemico(le banche) con le regole del nemico e cercare di
    sfuggirgli o cmq batterlo

    ti  chiedo
    ma hai visto che fine che ha fatto la Le Pen?
     quando pensi di battere il nemico mondialista e finanziario con le sue
    regole,sul suo campo?
    La stessa fine che farà il m5s…secondo te perchè hanno introdotto il ballottaggio?
    Perchè insiste a non portare bandiere PD alla Leopolda?
    E’ fin troppo chiaro
    che PD e PD(L),soprattutto dopo berlusconi,perciò andava eliminato perchè
    era un ostacolo contro alleanze antipopulista,essendolo a tratti lui
    stesso, è lo stesso partito che ci prendeva per il culo…come in
    Francia…ed i francesi idioti si sono fatti cucinare per bene il che ha
    dell’incredibile visto quanto sono stati formidabili nella storia..
    ma tv e media li hanno cotti a puntino

    non vi è modo di sfuggirgli davvero..
    ti ricordo che anche per l’oro fisico negli USA introdussero il pignoramento dell’oro e  fissarono il cambio a 35dollari l’oncia
    e chi non lo portava alle casse dello stato veniva arrestato..
    quindi era invendibile e rischiavi la galera..
    Quindi quando avranno drenato i denari toccherà pure all’oro  quello da investimento si intende..
    Tu dirai,ma non hanno mai pignorato quello da gioielleria ,vero..
    ma hanno escogitato un trucco ben più sottile(non grezzo come quello di Mussolini che chiese l’oro per la guerra)dare di fatto l’impunità ai ladri da appartamento..
    per legge,per propaganda buonista,basta sentire quelli del PD..o lasciando libera interpretrazione ai magistrati che anche loro parte del gioco li rilasciano praticamente subito…
    e che rubano principalmente costoro visto  che i soldi sono tutti nelle banche?
    I gioielli e si sa che gli italiani sono i primi al mondo per l’oro da gioielleria..
    se ne stimano centinaia di tonnellate..
    Quest’oro dove credi finisca se non fuso e quindi nel giro delle banche?

    dici
    poi di investire in case…avere una seconda casa è un lusso in quanto la
    tassazione sulla casa(l’IMU rispetto all’ICI è quintuplicata da 4 a 21miliardi di euro)da sopportare è talmente alta che di fatto ti distrugge il
    capitale immobiliare svalutandolo(nessuno lo compra e vale sempre meno)e
    soprattutto per mantenerlo si mangia anche una buona fetta di risparmi o stipendio..
    E poi basta un nonnulla per pignorarla…ammesso che uno non la debba prima vendere per evitare di finire sull lastrico…

    Qualcuno ha fatto osservare che tutta una serie di persone del ceto medio in Italia era quello pubblico   che è la prima azienda italiana,non mi riferisco ai superdirigenti,quelli sono il ceto alto,ma ai  circa quasi 6milioni di impiegati,stima per difetto ovviamente
    se in casa ci sono due dipendenti pubblici ovvio che soprattutto negli anni passati
    mettere da parte 100-200-300mila euro soprattutto se non si buttavano via soldi,se si poteva magari fare un secondo lavoro nel pomeriggio(quasi la totalità dei dipendenti pubblici lavora mezza giornata) quasi sempre in nero (e non si parla solo delle ripetizioni dei professori) se si avevano due succose liquidazioni ,se si avavano magari buoni pasto o la mensa a lavoro ecco che si arrivava facilmente a queste cifre soprattutto se si vincolavano a raddoppiare in 10anni..
    ora che non si usa più ci sono però le liquidazioni..
    e non è vero che questi risparmiatori non chiedono ai bancari ”mi faccia guadagnare qualcosa senza rischiare”
    ecco che il bancario che anche lui vuole mantenere il posto a mezza giornata e buono stipendio e buoni pasto ,non si fa troppi problemi a nascondere qualche particolare..o a non enfatizzarlo..

    ma dire che il cliente non chiede di avere un buon rendimento è mentire!

    ovviamente ci sono predatori piccoli,il bancario, che mangia sul  risparmiatore piccolo poi c’è il predatore grande che mangia tutto risparmiatore,bancario,banchetta etc..
    poi in questo divorare  c’è però il ministro che salva il dirigente di banca,suo padre..

    quindi caro Veron,non c’è soluzione a questi..

    la soluzione è uscire fuori dal sistema delle banche..
    uno direbbe,tenersi i soldi sotto al cuscino?
    No,perchè i banchieri hanno pensato anche a questo e terrorizzano i poveri risparmiatori mandandogli a casa orde di zingari e e slavi senza pietà..
    magari pure eragastolano come successo ultimamente..
    se però ti difendi e gli spari,finisci dentro tu e i tuoi beni e la casa all’asta(ossia sempre in mano alle banche)per pagare i danniai ladri..
    ecco che questo fa si che la gente dia i proprii soldi( o meglio l’oro dei gioielli soprattutto) ai ladri senza difendersi
    perchè cosi’ vogliono i banchieri..

    ed allora?
    uscire dal sistema delle banche caro Veron,significa uscire dal sistema dell’accumulo di capitale e di ricchezza..
    tu come altri non essendone uscito ed avendo denari in più rispetto a quello che ti serve,ti si crea il problema..
    ma è un problema che ti sei creato da solo..
    basterebbe lavorare meno (e far lavorare altri che non lavorano)o concederti più svaghi o aiutare economicamente chi è in difficoltà,giorno per giorno
    e vedresti che sparirebbe il problema di come battere le banche al loro gioco,nel loro campo(cosa impossibile!)

    ti(vi)piace come consiglio?
    No?
    Se non vi piace,sappiate che non vi è luogo al mondo dove potete sfuggire..
    Ovviamente non parlo di 10-20mila euro che servono sempre anche per la cassa da morto o per problemi tipo dentistici(perchè gli altri li paga lo stato e se sono gravi ,tipo tumore,ben poco si può fare)
    Quindi meglio aiutare gli altri che sicuramente uno si fa una rete di protezione reciproca e sicuramente si allontanano le malattie.. invece che pensare notte e giorno come sfuggire a banchieri come se un antilope contro un leone..

    Quindi oggi che le previsioni fatte qui per anni su quanto erano canaglie le banche
    su quanto la guerra mondiale stesse per arrivare,oggi sta arrivando
    e non ci saranno persone che andranno a difenderci..
    le basi di aviano e ghedi,come altre luoghi di basi militare attive in Italia, in caso di guerra saranno coinvolte e saranno target di ritorsione nucleare…e poterebbe saltare mezzo nord italia…

    ma nessuno scenderà in piazza per manifestarlo ,per noi…
    cosi’ come nessuno ha potuto fare  niente quando sono stati cancellati i risparmi di italiani che a prescindere se erano stati fatti grazie ad una vita che ha vissuto di aiuti politici(fateci caso,le banche erano in zone di persone quasi tutte di sinistra,appunto lavoratori pubblici o cmq legati a favori politici,anche la rabbia è molto contenuta..quasi se quei soldi non erano veramente sudati..anche perchè sono poche le persone che si ammazzano di lavoro per accumulare denaro e chi lo fa va da se che qualcuno ne approfitti,come una antilope che si mette a brucare vicino ad un leone!)
    sotto sotto sono convinto che costoro in fondo preferiscono perdere i soldi che il partito politico,la fede,continueranno a votare PD,magari la minoranza..ma non si schiodano…se la prenderanno con le banckitalia e consob salvando renzi ed il pd
    ed in fondo renzi lo sa..altrimenti mai avrebbe permesso di attaccare 500mila persone(ossia 150mila risparmiatori) e perdere 500mila voti..
    già ne ho sentito uno dire ”il governo sta facendo molto,non è colpa loro ma di quelli che sono venuti prima di loro che non hanno fatto niente,poi di banchitalia ”
    quindi già si sta sistemando tutto..

    meglio cosi’..

    ripeto,prendiamo esempio dagli animali,non accumuliamo più di quello che ci serve..facendolo diventiamo come loro..
    loro accumulano trilioni poi magari li bruciano o li tengono fermi in fondi
    noi accumuliamo migliaia di euro poi magari li bruciamo per lo stress che abbiamo accumulato oppure ci ammaliamo nell’accumularli nei conti correnti o obbligazioni…

    siamo come loro,non lamentiamoci troppo…

    PS
    se qualcuno mi dovese chiedere e tu che fai?
    cerco di usare al minimo le banche,una carta postepay è sufficiente..
    e vi garantisco che è meglio lavorare meno e farvi dare 999euro e non obbligarvi al conto corrente..(anche se alla prossima sarà 2999euro il limite)
    o cmq togliere sempre tutti i soldi dal conto..
    avere un minima dose di risparmi..che non superino 10-20mila euro
    magari spenderli gradualmente e poi ricostituirli
    meglio comprare una chitarra in più al figlio che lasciarli in banca..
    se proprio se ne guadagnano troppi..
    meglio non fare straordinari,quando possibile,mai..
    meglio comprare,se proprio si hanno soldi,un oggetto di design che lasciare i soldi in banca per poi doverli investire al 3% o pure tenerli sul conto..
    meglio aiutare qualcuno in difficoltà se proprio si ha un eccesso di denaro..

  • adestil

    ah,non voleva essere una lezione..
    ma per uscire dall’ipocrisia,visto che soffriamo di processi di imitazioni
    o ci hanno plagiati..e siamo molto simili a quelli che critichiamo
    cmq la mia soluzione è pratica,io la applico con buon successo..
    ma non guadagno cosi’ tanto e soprattutto riesco a decidere io quando lavorare..
    non essendo io un pubblico per scelta..
    mentre altri per scelta sono voluti diventare dipendenti pubblici
    anzi si sono raccomandati per diventarlo come dire ”si è sistemato”
    ed anche diventava più appetibile per le donn o meglio per le mamme delle donne..
    ve lo ricordate?
    Io ,si.
    ma quanti compromessi,troppi..
    poi le cose si pagano anche dopo 50anni e con gli interessi..

    e se imprenditori ed artigiani (ed operai veri non quelli assunti da aziende legate ai partiti o da municipalizzate)che rischiano di loro…che non hanno mutua,ferie,disoccupazione,mobilità sono stati fregati,ovvio che non può dispiacere più di tanto se mantenuti dallo stato e raccomandati avendo eccesso di denaro non sanno dove metterlo di certo non si aprono una attività nè la fanno aprire ai loro figli(cercano pure per loro la raccomandazione o di farli subentrare nel loro lavoro sempre con l’aiuto dall’alto dei partiti)e qualcuno più furbo di lui e delle sua stessa schiera politica di frega o gli fa un prelievo forzoso
    hanno sacrificato le prime file..che vuoi farci..
    se ne stanno facendo una ragioen pure loro..
    d’altronde gli hanno dato un lavoro leggero e ben remunerato per una vita..
    ed una ottima pensione..
    magari vi hanno anche sistemato i figli..
    tutto sommato non è la fine del mondo..
    anche perchè se uno ha 100 o 200 o 300mila euro fermi in banca vuol dire che quei soldi non gli servono sono un surplus..campa già benissimo con la lauta pensione..

    non è una tragedia..
    questi voteranno ancora coloro che li hanno sacrificati per salvare la loro banca andata in malora..
    un do ut des continuo e reciproco nel tempo..
    ora i soldi servivano ai banchieri e li hanno presi..