Home / ComeDonChisciotte / ASSASSINATO DALLA CIA ? (UNA NOTIZIA PASSATA SOTTO SILENZIO)
13746-thumb.jpg

ASSASSINATO DALLA CIA ? (UNA NOTIZIA PASSATA SOTTO SILENZIO)

DI WAYNE MADSEN

strategic-culture.org

Un mese fa l’aereo su cui viaggiava il candidato del Partito Socialista (Psb) Eduardo Campos, candidato alla presidenza alle prossime imminenti elezioni in Brasile si è schiantato su alcune abitazioni in una zona residenziale della città di Santos. Tutti gli elementi indicano che la CIA abbia assassinato in volo il candidato presidenziale brasiliano. Perché ?

L’incidente aereo che ha ucciso il candidato presidenziale brasiliano Eduardo Campos, candidato presidente che era dato in seconda posizione alle spalle del presidente in carica Dilma Rousseff, ha gravemente danneggiato le possibilità di rielezione della Rousseff. Il successore di Campos sulla lista, l’ex leader del Partito Verde Marina Silva, una creatura di George Soros, ora possiede ottime possibilità di scalzare la Rousseff in un prevedibile ballottaggio.

La sconfitta della Rousseff indicherebbe una vittoria delle attività segrete dell’amministrazione Obama per eliminare dalla scena presidenti progressisti in ogni parte dell’America Latina.

Un esame della storia successiva alla seconda guerra Mondiale rivela che tra tutte le numerose soluzioni che i servizi di intelligence hanno adottato per eliminare le minacce politiche ed economiche, l’omicidio a causa di un incidente aereo si piazza al secondo posto, appena davanti agli incidenti automobilistici e all’avvelenamento, e solo dietro l’uso di armi da fuoco e munizioni, come modus operandi preferito dalla CIA per l’omicidio politico.

Gli omicidi in volo del Segretario Generale delle Nazioni Unite Dag Hammarskjold, del presidente ruandese Juvenal Habyarimana, del presidente del Burundi Cyprien Ntaryamira, del primo ministro portoghese Francisco Sá Carneiro, del presidente pakistano Muhammad Zia Ul-Haq, dal futuro primo ministro indiano Sanjay Gandhi, del presidente della American United Automobile Workers’-Union (Sindacato americano degli operai automobilistici n.d.t) Walter Reuther, dell’ex senatore del Texas John Tower e del senatore del Minnesota Paul Wellstone, tutti portavano i segni del coinvolgimento di una o più agenzie di intelligence degli Stati Uniti nel mettere fine alle carriere politiche che minacciavano le fondamenta dell’America Imperiale.

L’America Latina, in particolare, è stata funestata da incidenti aerei che hanno ucciso due leader che erano determinati a tirarsi fuori dall’influenza politica americana, il presidente Jaime Roldós Aguilera dell’Ecuador e il presidente Omar Torrijos di Panama. Entrambi i leader sono morti nel 1981, Roldós è morto solo pochi mesi prima di Torrijos. John Perkins, autore di “Confessions of an Economic Hitman» (“Confessioni di un Sicario dell’economia” n.d.t) e un ex membro della comunità di intelligence degli Stati Uniti, hanno puntato il dito contro gli Stati Uniti in entrambi gli omicidi avvenuti a causa di un incidente aereo.

Questo scenario del coinvolgimento degli Stati Uniti in omicidi durante il volo, rende lo schianto del velivolo Cessna Citation 560XLS del 13 Agosto a Santos, in Brasile, che ha ucciso il candidato presidenziale del Partito Socialista brasiliano Campos, i suoi collaboratori e l’equipaggio, molto più dubbio. La tempistica dell’incidente, durante una campagna elettorale che ha favorito una facile vittoria per la Rousseff, ha sollevato questioni significative tra gli investigatori brasiliani e l’opinione pubblica.

Dalla sua introduzione nel 1996, il modello Cessna Citation 560XLS ha goduto di un record di sicurezza ottimo. La morte improvvisa di Campos ha rovesciato la campagna elettorale presidenziale brasiliana in maniera che possa trarne beneficio l’agenda a lungo termine degli Stati Uniti e della CIA per l’America Latina.

Interrogativi inquietanti vengono sollevati circa la proprietà del velivolo recante il codice di registrazione PR-AFA. I confusi registri dei proprietari dell’aereo e del codice di registrazione, insieme alla mancanza delle registrazioni in cabina dovuta a un apparente malfunzionamento nel registratore di conversazioni della cabina dell’aereo, trova un certo numero di brasiliani che si domandano se l’aereo sia stato sabotato dagli Stati Uniti. Invece di contenere la registrazione delle conversazioni dell’equipaggio del volo di Campos, il registratore conteneva solo le registrazioni vocali da un volo precedente.

L’aereo stava volando sulla rotta dall’aeroporto Santos Dumont di Rio de Janeiro a Guaruja quando si è schiantato in una zona residenziale di Santos.

Il velivolo era stato impiegato dall’impresa AF Andrade Enterprises and Holdings, che ha sede a Ribeirão Preto nello stato di Sao Paulo, ma affittato dalla Cessna Finance Export Corporation, una divisione di Textron, un grande contractor della difesa e dell’intelligence statunitense. Cessna è una divisione di Textron. Il registratore di conversazioni in cabina malfunzionante era stato fabbricato da un altro contractor della difesa e dell’intelligence USA, la L-3 Communications. Gli affari della AF Andrade sono incentrati sulla sua proprietà di una distilleria. Un portavoce della AF Andrade ha detto che il velivolo da 9 milioni di dollari non era stato recentemente ispezionato ma ha sottolineato che aveva un registro di manutenzione.perfetto.

Tuttavia, il portavoce della AF Andrade non ha potuto specificamente affermare chi possedeva l’aereo, ma ha ammesso che, probabilmente solo il contratto di locazione, era in vendita e recentemente era stato acquistato da un gruppo di «proprietari delle fabbriche e importatori» di Pernambuco. Campos era un ex governatore di Pernambuco.

Gli acquirenti si sono rivelati essere un consorzio che comprendeva la Bandeirantes Tires, Ltd. La società di pneumatici ha detto che i negoziati sul trasferimento della proprietà erano in corso quando l’aereo è precipitato e che la Cessna Finance Export Corporation non aveva ancora approvato i diritti di leasing finali. Gli osservatori brasiliani ritengono che il Cessna che si è schiantato fosse un «aereo fantasma», con una proprietà dai contorni oscuri al fine di occultare l’utilizzo dell’aereo per operazioni segrete che coinvolgono la CIA. Aerei simili di proprietà incerta e con carte di circolazione registrate saltuariamente, sono stati utilizzati dalla CIA per le operazioni di “rendition” (http://it.wikipedia.org/wiki/Extraordinary_rendition N.d.t) dei musulmani sequestrati per essere interrogati e detenuti all’interno delle “prigioni segrete” americane sparse in tutto il mondo.

Il National Transportation Safety Board (NTSB) (http://it.wikipedia.org/wiki/National_Transportation_Safety_Board n.d.t) ha inviato una squadra in Brasile per investigare sull’incidente aereo. Tuttavia, se la performance del NTSB su alcuni incidenti come quello del volo TWA 800 e dell’American Airlines 587 forniscono qualche indicazione, l’agenzia eccelle solo nei casi di copertura di azioni criminali.

Campos è stato sostituito nella lista dei candidati dalla Silva, che è una beniamina del movimento della globalizzazione e della “società civile” finanziato e diretto da Soros. La Silva, che è una sostenitrice israeliana aderente ai raduni della Chiesa Pentecostale di Dio, è molto più a favore degli affari economici e degli statunitensi rispetto alla Rousseff del Partito di sinistra dei Lavoratori brasiliani. Recentemente la Rousseff, insieme ai leader membri dei BRICS di Russia, India, Cina e Sud Africa, ha creato una nuova banca per lo sviluppo che sfida la supremazia della Banca Mondiale, di gestione statunitense. La creazione della banca ha fatto infuriare infuriare Washington e Wall Street.

La Silva, che potrebbe godere di più di un semplice voto di simpatia sfruttando questa situazione, ha di recente guadagnato nei sondaggi nel confronto con la Rousseff. Il presidente brasiliano viene visto da Washington come un avversario, soprattutto dopo i dettagli che sono trapelati grazie ad Edward Snowden, riguardo a una massiccia sorveglianza da parte della National Security Agency (Agenzia per la Sicurezza Nazionale – NSA. n.d.t) verso il presidente brasiliano.

Se Dilma Rousseff fosse costretta al ballottaggio con Marina Silva, sia che si classifichi prima o seconda al primo turno, Aécio Neves, del Partito conservatore, ha dichiarato che avrebbe sostenuto la Silva se fosse arrivato in terza posizione. L’aritmetica politica potrebbe quindi significare guai per la Rousseff, che sarebbe probabilmente andata liscia verso la vittoria se non fosse stato per l’avanzamento della Silva a capo della lista del Partito Socialista. Il candidato vice presidente che corre a fianco alla Silva è Beto Albuquerque, le cui credenziali nella tutela dei consumatori e dei diritti umani della “società civile” indicano una «educazione» sorosiana.

I sondaggi attuali per il primo turno del 5 ottobre danno Rousseff con il 36% d
ei voti, Silva con il 21%, e Neves con il 20%. Tuttavia, con Neves fuori gara al secondo turno in programma il 26 ottobre, alcuni sondaggi mostrano la Silva in testa sulla Rousseff con il 47% contro il 43%, mentre altri mostrano che la Silva sconfiggerebbe la Rousseff con uno sbalorditivo 9%. Naturalmente, i sondaggi di opinone non sono più effettuati da agenzie indipendenti, ma sono espedienti delle agenzie di intelligence occidentali e delle aziende utilizzati per influenzare l’opinione pubblica e dedicarsi alla «programmazione predittiva» di intere popolazioni.

L’esito favorevole per la Silva, a seguito del probabile assassinio in volo di Campos e dei suoi collaboratori, lascia molti sospetti sul ruolo della CIA nel disastro aereo, soprattutto dopo che le tracce della CIA furono scoperte negli assassinii sugli aerei presidenziali di Torrijos e Roldós nel 1981. Proprio lo scorso mese di febbraio, l’elicottero presidenziale normalmente utilizzato dal presidente ecuadoriano Rafael Correa, un grande nemico delle politiche di Washington e un alleato della Rousseff, si è schiantato sulle montagne durante un volo da Guayaquil a Quito. Il pilota personale di Correa è rimasto ucciso nello schianto. Correa, che stava partecipando a un comizio elettorale, al momento dell’incidente ha sottolineato che non era stato programmato che avrebbe dovuto salire a bordo dell’elicottero Dhruv di fabbricazione indiana. Tuttavia, il sospetto di un sabotaggio da parte della CIA non poteva essere sedato tra la popolazione ecuadoriana.

Marina Silva viene propagandata come il candidato del “Third Way” per il Brasile. Il Third Way è un movimento internazionale che è stato utilizzato dai politici all’interno delle aziende, molte delle quali finanziate da Soros, per infiltrarsi e prendere il posto dei partiti storicamente a favore del lavoro, il partito socialista e i partiti progressisti. I politici più importanti del “Third Way” sono Bill Clinton, Tony Blair, il tedesco Gerhard Schroeder, il canadese Justin Trudeau, il Presidente francese Francois Hollande, il primo ministro francese Manuel Valls, il Primo Ministro italiano Matteo Renzi e l’ex primo ministro Romano Prodi, il portoghese Jose Socrates, l’israeliano Ehud Barak, e i funzionari del partito socialista brasiliano, dei verdi, e dei socialdemocratici, compresa la Silva, Neves, il compianto Eduardo Campos, e l’ex presidente Fernando Henrique Cardoso. Tuttavia, quando diventa vantaggioso assassinare un appartenente al movimento “Third Way” con lo scopo di promuoverne un altro, non vi è alcun problema a eliminare qualcuno come Campos, al fine di far posto a una più popolare (e controllata) politica come la Silva, soprattutto quando sono in gioco gli interessi di Israele e Wall Street.

Il Cessna che trasportava il primo ministro portoghese Sá Carneiro, che si è schiantato mentre il primo ministro stava volando a un comizio per la rielezione ad Oporto, ha distrutto le prospettive future dell’Alleanza democratica della sinistra, perché ai due fedelissimi di Sá Carneiro che gli succedettero mancava il suo carisma. Alla fine, Mario Soares, un sostenitore del Third Way e della NATO «socialista solo di nome», un «SINO» (“Socialist in name only” n.d.t), divenne primo ministro e accompagnò il Portogallo lungo il cammino di sottomissione al movimento Third Way verso un’Europa unita e la globalizzazione. L’ambasciatore in Portogallo al momento della morte di Sá Carneiro, era l’ufficiale della CIA Frank Carlucci, le cui tracce erano state rinvenute nell’assassinio dell’ex primo ministro Patrice Lumumba in Congo. Carlucci divenne vice direttore della CIA, Consigliere della Sicurezza Nazionale e Segretario alla Difesa durante la presidenza di Ronald Reagan. Carlucci è anche il presidente emerito del Gruppo Carlyle, collegato alla CIA. La sospetta morte di Campos in Brasile sembra essere una fotocopia della rapida eliminazione da parte della CIA di Sá Carneiro, con la Rousseff come obiettivo finale della vicenda e la Silva e i suoi sostenitori globalisti come beneficiari.

Wayne Madsen

Fonte: www.strategic-culture.org

Link: http://www.strategic-culture.org/news/2014/08/30/all-factors-point-cia-aerially-assassinating-brazilian-presidential-candidate.html

3.09.2014

Traduzione per www.comedonchisciotte.org a cura di MATTEO SANTINI

Pubblicato da Davide

  • radisol

    Ci sono i veterocomunisti di Contropiano, tuttaltro che sospetti di "sorosimo", che la pensano in forma diametralmente opposta, vedi :

    Il Brasile può andare più a sinistra :
    Del resto, non mi pare che Dilma avesse praticato tutto questo "sinistrismo" all’interno del paese …. e. in verità nemmeno Campos dava questa idea di "rivoluzionario" ….
  • Survival

    In realtà non c’è nessun "pensiero" nel link che hai postato. Era semplicemente un lancio dell’ansa del giorno precedente di cui i "veterocomunisti" hanno ricopiato il testo senza nemmeno citare la fonte. E a dirla tutta, mi sembra una pratica abbastanza patetica.

    http://www.ansa.it/sito/notizie/mondo/2014/09/11/brasile-sondaggio-dilma-e-marina-pari_82e777f9-c505-4714-8a3a-66727aa161d4.html

  • cardisem

    Per me è troppo complicato seguire i dettagli, ma mi sembra che anche questo articolo conferma un mio giudizio ormai consolidatosi:
    – questi uomini uccidono quando e come vogliono, ma a noi ci inculcano il mito dello “stato di diritto” e dei “diritti umani” per farci credere che viviamo sotto la protezione della “legge” e che niente di illegale ci può accadere: si schianterebbe l’intero firmamento se una cosa del genere accadessi… Possiamo dormire tranquilli fra due guanciali…
    – In realtà per restare indisturbati occorre essere irrilevanti per il Sistema
    – Dal libro di Imposimato, ricordo le preoccupazioni di Moro tornato dall’America, dove gli era stata prospettata una fine come quella qui narrata e come poi in effetti si è vericato…

    Non si imparerà mai abbastanza a diffidare di questo Potere sorto dagli equilibri politici usciti dagli esiti bellici del 1945… La lotta per il dominio globale non si arrestò allora, ma fu proseguita dai vincitori di allora e noi siamo gli eredi di quella situazione geopolitica.

  • radisol

    Ma nemmeno in Brasile, nemmeno nel partito del dirigente morto nell’incidente aereo, che peraltro è lo stesso partito della tizia definita "sorosista", che non è "verde" bensì appunto socialista, c’è stato qualcuno che ha parlato di "omicidio della Cia" …

    E’ vero che Contropiano ha ripreso pari pari il comunicato Ansa, ma il giudizio politico – molto netto – sta nel titolo che non era certo quello dell’Ansa …
  • radisol

    E Moro e Imposimato qui non c’entrano una minchia …

    Oltretutto, le minacce di Kissinger a Moro, di cui peraltro si ha notizia solo da Galloni e solo 30 anni dopo i fatti, sono del 1974 … e 4 anni dopo Kissinger non era più al governo degli Usa …
    Sono profondamente antiamericano … ma ho qualche discrasia pure per le cazzate gratuite …. e per le connessioni inventate un pò per forza ….
    Il morto nell’incidente era un pallidissimo socialdemocratico ….. e persino più pallido in questo senso del già pallidissimo governo attuale brasiliano …. per quale diavolo di motivo avrebbero mai dovuto ammazzarlo ?
    E oltretutto, chi l’ha detto che se il candidato concorrente era lui, Dilma vinceva più facilmente ?
  • Gil_Grissom

    Hai perfettamente ragione, non che la CIA non sia capace di questo, ma vedere lo zampino della CIA dietro ogni evento mondiale dal tempo alla politica alle catastrofi naturali e’ davvero paranoico.

  • Laertino

    Un altro contributo per chiarire ulteriormente. Agente della CIA candidata presidenziale in Brasile [aurorasito.wordpress.com]

    bvpoi0diqaajbxb1Marina Silva è la candidata presidenziale del Partito socialista. La sua personalità attirò l’attenzione della CIA a metà degli anni ’80, quando frequentava l’Università Federale di San Giovanni d’Acri. Allora aveva grande interesse per il marxismo e divenne membro del clandestino Partito Comunista Rivoluzionario. Ben presto la sua infatuazione a sinistra finì passando alla lotta per la protezione dell’ambiente della regione amazzonica. I servizi speciali degli Stati Uniti sono sempre interessati a tale parte del continente, nella speranza di controllarlo in caso d’emergenza geopolitica. La CIA l’ha contattata, e non fu un caso che nel 1985 entrò nel Partito dei Lavoratori (PT – Partido dos Trabalhadores), aprendole nuove prospettive di carriera politica. Nel 1994 Marina Silva fu eletta al Senato federale per la fama di fervente ambientalista, ed allora le notizie sui suoi legami con la CIA comparvero. Nel 1996 ebbe il Goldman Environmental Prize ed altri premi prestigiosi per la protezione dell’ambiente. I curatori della CIA fecero del loro meglio per aumentarne il prestigio. Per cinque anni fu membro del governo di Luiz Inácio Lula da Silva per poi cambiare partito. Nel 2009 Silva annunciò il suo passaggio dal Partito dei Lavoratori al Partito dei verdi, principalmente per protesta contro le politiche ambientali approvate dal PT. Silva scosse seriamente la politica brasiliana annunciando la sua candidatura, dopo quasi trent’anni. Ebbe quasi 20 milioni di voti nelle elezioni del 2010 come candidata del Partito Verde ed ha accettato la candidatura a vicepresidente di Campos quando i tentativi di creare il Partito della rete della sostenibilità fallirono. Dilma Rousseff, la candidata del PT che vuole continuare le politica indipendente del suo predecessore Lula da Silva, non piace a Washington.
    10487406Il rapporto degli Stati Uniti con il Brasile è peggiorato per lo scandalo sulle intercettazioni. L’US National Security Agency (NSA) spiava Dilma Rousseff e il suo governo. La presidentessa brasiliana sospese anche la visita ufficiale negli Stati Uniti, in segno di protesta. Non ha mai ricevuto scuse o la promessa di fermare le attività di spionaggio. Così ha cominciato ad agire. La presidentessa ha condannato le attività di NSA e CIA in America Latina e preso misure per migliorare la sicurezza delle comunicazioni e controllare i rappresentanti statunitensi nel Paese, esasperando Barack Obama. Nelle elezioni presidenziali in Brasile previste per il 5 ottobre, Washington vuole far decadere Dilma Rousseff. I servizi speciali degli Stati Uniti hanno lanciato una campagna per sbarazzarsi dell’attuale leader brasiliana. In un primo momento provocando proteste di piazza presunte spontanee per modificare e abbandonare le “vecchie politiche”. C’erano gruppi di giovani che protestavano contro propaganda e simboli dei politici politici, soprattutto del Partito dei lavoratori. Marina Silva ha formato il Partito della rete sostenibile. E’ ancora un mistero da dove abbia preso i fondi. La nuova organizzazione deve sostituire i vecchi partiti che presumibilmente sarebbero delle reliquie, ed ascendere. Le elezioni presidenziali del 2014 dovrebbero fare di Marina e del suo partito il cambio del panorama politico del Brasile, rimuovendo le forze politiche “arcaiche”. Terza con 19 milioni di voti, alle ultime elezioni, inizialmente non ebbe l’opportunità di concorrere alle presidenziali non avendo ottenuto le firme necessarie per farvi partecipare il suo Partito della rete sostenibile. Ma la tragedia che ha ucciso Campos e altre sei persone preso São Paulo, il mese scorso, ha dato a Silva l’inattesa seconda possibilità di soddisfare le proprie ambizioni presidenziali. Per divenire il primo presidente nero del Paese, dovrà sconfiggere la prima donna presidente, Rousseff del Partito dei Lavoratori (PT), così come il liberista Aécio Neves del Partito della socialdemocrazia brasiliana (PSDB), che ora è al terzo posto. La Casa Bianca era frustrata, Campos non aveva nessuna possibilità, ma era irremovibile nel concorrere, ignorando i media brasiliani che l’accusavano di corruzione. Anche Dilma Rousseff e il suo team furono pesantemente attaccati. Il 13 agosto la campagna elettorale presidenziale del Brasile finì nello sconcerto quando il jet privato del candidato del Partito socialista Eduardo Campos si schiantò in una zona residenziale nei pressi di San Paolo. Campos e gli altri sei membri dell’equipaggio e passeggeri rimasero uccisi nell’incidente, avvenuto durante il maltempo, mentre il Cessna si apprestava ad atterrare. La morte ha messo in lutto in tutto il Paese, rischiando di essere seguito da speculazioni sull’effetto sul voto presidenziale del 5 ottobre. La Presidentessa Dilma Rousseff dichiarava tre giorni di lutto ufficiale per Campos, che sostenne il governo Lula. L’aereo aveva prestato servizio tecnico regolare e senza difetti. Il registratore di cabina del Cessna era spento, sollevando interrogativi. In precedenza aveva funzionato senza intoppi, ma non registrò le conversazioni nel giorno della tragedia. L’aereo ebbe diversi proprietari (uomini d’affari brasiliani e statunitensi che rappresentavano aziende dalla dubbia reputazione). Alcuni commentatori brasiliani ritengono che si tratti di un assassinio. Prima della tragedia il velivolo fu utilizzato dall’US Drug Enforcement Administration (DEA). Persone inviate dagli ex-proprietari potrebbero aver avuto accesso all’aereo con diversi pretesti. Viene da chiedersi, gli Stati Uniti sono responsabili della tragedia? Chi esattamente? L’aereo decollò da Rio de Janeiro dove una stazione CIA opera nel consolato degli Stati Uniti. Non c’è dubbio che l’ufficio sia utilizzato dall’agenzia. Forse i servizi speciali brasiliani dovrebbero prestare attenzione a coloro che lasciarono il Paese subito dopo l’incidente aereo. La morte di Eduardo Campos ha innalzato le quote di Silva come candidata elettorale del Partito socialista. Se Campos non raccolse mai più del 9-10%, lei avrebbe il 34-35% al primo turno. Le previsioni indicano che il voto aumenterebbe al ballottaggio.
    Marina Silva viene dipinta come strenua combattente contro la corruzione che potrebbe placare gli scontri interni, promettendo di lavorare con tutti i gruppi, i partiti e le coalizioni senza distinzioni. E’ difficile dire quale siano le sue reali intenzioni, è sempre difficile dire qualcosa di preciso quando si parla di personaggi sostenuti dagli Stati Uniti, troppo spesso Silva ha cambiato bandiera. Ad esempio, unendosi a Campos ha sostenuto l’idea di tenere alla larga le idee di Chavez (Hugo Chavez, defunto presidente del Venezuela noto per le sue convinzioni socialiste e la politica di sinistra)
    lontane dal Brasile. Oggi dice che la squadra del Presidente Lula era troppo chavista (pro-Chavez). Quindi, sulla sua proclamata disponibilità a lavorare con tutti? Non c’è dubbio che il Partito dei Lavoratori del Brasile gode di ampio sostegno, ma difficilmente può essere paragonato al partito al potere in Venezuela. Forse la CIA vuole utilizzare Silva per attuare il suo vecchio piano di creare una “cintura della sinistra alternativa” in America Latina per opporsi ai regimi autoritari, populisti e arcaici di Venezuela e Cuba. Silva è sempre più neo-liberale nella campagna elettorale dicendo che non c’è bisogno di un altro “centro di potere”, i BRICS, e di attuare la decisione del blocco d’istituire una banca di sviluppo, un fondo di riserva, ecc. Silva ha dubbi sul Consiglio di difesa sudamericano. Sottovoce chiede di prestare meno attenzione al MERCOSUR (Mercado Común del Sur, blocco sub-regionale che comprende Argentina, Brasile, Paraguay, Uruguay e Venezuela) e UNASUR (Unione delle Nazioni Sudamericane: Unión de Naciones Suramericanas, unione intergovernativa che integra le due unioni doganali esistenti, Mercosur e Comunità delle nazioni andina, nell’ambito del processo d’integrazione sudamericano). Secondo lei, lo sviluppo delle relazioni bilaterali dovrebbe avere la priorità. Tali punti di vista sono in contrasto con il processo d’integrazione dell’America Latina. Come reagiranno i brasiliani alla svolta neoliberista del Paese nel caso vincesse? C’è la grande possibilità che si arrivi a disordini sociali, essendo abituati al progresso sociale del Paese. Le persone sono ascoltate, le riforme avviate e il Paese è stabile ed avanza. Se Silva diventasse presidentessa (George Soros, magnate, investitore e filantropo statunitense finanzia la sua campagna con notevoli fondi) ci sarà la seria possibilità di chiudere molti programmi sociali ed economici suscitando ampio malcontento. C’è l’idea che gli uffici degli Stati Uniti in Brasile siano pieni di agenti dei servizi speciali incaricati della missione di stimolare le proteste.

    Marina Silva é como uma nota de 3 reaisLa ripubblicazione è gradita in riferimento al giornale on-line della  Strategic Culture Foundation [www.strategic-culture.org]

  • rebel69

    Secondo me lo scopo dell’articolo alla fine è quello di far riflettere.Personalmente non ho bisogno di altre prove per sapere che ci possa essere la CIA dietro questo incidente.Noi tutti sappiamo il modus operandi che usano i servizi di intelligence e di quanto siano importanti,quindi da controllare, le decisioni che prendono i leader dei paesi dell’America latina, sopratutto in questo periodo.Alla fine per me poco  importa se il punto di domanda nel titolo dell’articolo ci vada oppure no.

  • Gil_Grissom

    Dunque secondo te te a Chavez e’ stao inoculato il cancro dalla cia?

  • rebel69

    Le prove per portare gli agenti che lo hanno fatto di certo non c’è l’ho , come non finiranno mai davanti ad un giudice chi  ha organizzato ed effettuato l’attentato alle torri gemelle.Magari è stato un caso pure che oltre  a Chavez anche la Kirchner e proprio la Russef (qualche altro leader mi sfugge?) si siano ammalati di cancro?Che ti devo dire, per sbattere in galera qualcuno magari ci vuole di più , ma per avere un opinione è più che sufficiente.

  • rebel69

    La lista delle autorità politiche giornalisti magistrati sindacalisti e semplici persone della società civile che rompevano i coglioni e in un modo o nell’altro la morte se li è presi prematuramente è infinita, quindi se io sono un complottista, gli "Imperialisti" hanno un culo della madonna.

  • Gil_Grissom

    Un’opinione, pur degna del massimo rispetto, resta pur sempre un’opinione e non un fatto assodato come molti di questi articolisti tendono invece a dimenticare.

  • Gil_Grissom

    Certo qualche assassinio di stato si e’ sicuramente verificato, a tal proposito ti ricordo ad esempio quello del presidente Kennedy, quello che io contesto e’ il dare per assodato, senza la benche’ minima prova a volte, che dietro ogni malefatta dell’umanita’ ci siano la CIA o il Mossad. Anche Putin, ad esempio, ha qualche scheletro nell’armadio, eppure su questo sito e’ vietato ricordarlo.

  • eresiarca

    Non conta un fico secco se il candidato era un "pallidissimo socialdemocratico" o un "comunista" eccetera. Conta – per gli Usa – se era disposto a svendere i settori strategici e ad applicare le medesime "ricette" che qui abbiamo visto applicate.

  • radisol

    Per carità, il nazi-stalinista di Aurora, già ultradestra di quella delle peggiori ed ora presunto "controinformatore" solitario con grande sfoggio di iconografia tardo-sovietica …

    Per lui, tranne se stesso, sono tutti della Cia o pagati da Soros … per lui persino il movimento del 1977 ( che lui contrastò allora da semplicissimo fascistone d’area rautiana) era una cosa del genere …. francamente, non fa il minimo testo …
    Comunque, è proprio l’articolo iniziale a non stare nè in terra … nel titolo pone un punto interrogativo … che però dal secondo paragrafo è già una certezza assoluta e dimostrata …. un modo di fare decisamente poco serio …
    La tesi poi è veramente bislacca … il tizio che si sostiene essere stato ammazzato dalla Cia … sarebbe stato eliminato non perchè personalmente pericoloso per gli interessi americani … ma solo in quanto candidato "debole" e sicuramente perdente nei confronti di Dilma … mentre invece la tizia che l’ha sostituito nella candidatura sarebbe più "forte" e competitiva …
    Ora, a parte che nessuno dei tre, nè Dilma, nè il morto nè la tizia che l’ha sostituito nella candidatura, appaiono come chissà quali particolari "rivoluzionari" … tutti e tre configurabili come genericissimi "socialdemocratici" …. non c’è dubbio comunque che i secondi due, sia il morto sia chi l’ha sostituito nella candidatura, contestavano e criticavano Dilma "da sinistra" … appoggiandone certe scelte di politica estera ma dicendo pure che invece, all’interno del paese, non c’è stata alcuna seria "redistribuzione" in favore delle classi sociali più povere ….
    Il che, pur non essendo  una impostazione coerentemente "anticapitalista" ma solo più nettamente keinesiana rispetto a quella genericissima su questo terreno di Dilma e Lula, non mi sembra una linea nè da Cia nè "sorosiana" ….
  • cdcuser

    Radisol, non é questione di piú "sinistrismo" o meno, non so se "questi maiali" (CIA) c’entrano anche stavolta con questo incidente aereo, ma non mi stupirebbe il contrario, peró sulla questione dei sodaggi elettorali alla presidenza é andata esattamente come riporta questo articolo, prima della morte di Campos, non c’era quasi storia.

    La Marina Silva é un personaggio molto molto "strano", pensa che tra il 2011 e 2013 ha fatto conferenze per un compenso pari a 1,6 milioni di reais (circa 700.000,00$) presso grandi banche e grandi gruppi corporativi e non ha voluto rivelare molti dettagli su tutto questo, oltretutto uno dei piú grossi finanziatori della sua campagna é il Banco Itau e poi per non parlare del fatto che é una fervente sostenitrice di Israele e usa la stessa, identica terminologia (nei suoi discorsi) della Open Society e roba del genere …..
    Tornando al piú o meno "sinistrismo", se ne é parlato anche altre volte sul forum, é una battaglia tra una elite piú sovranista e di interessi geopolitici "differenti" (vedi BRICS, ecc …), rappresentata dal PT e dalla Rousseff e l’altra elite, diciamo cosí, "esterofila" anglo-sionita ….. e la Silva é il classico "cavallo di Troia".
     
  • cdcuser
    (vedi il commento che ho fatto al tuo primo commento)

    Radisol, una informazione, la Marina Sliva é stata "costretta" ad allearsi al PSB di Campos per "correre" alla presidenza come vice, xché il suo partito "Rede Sustentabilidade"(Rete della sostenibilitá) non era stato ammesso alla "corsa" per irregolaritá varie che non ricordo (ed in Brasile le elezioni politiche non sono gestite dal ministero degli interni ma da un ente terzo (un potere separato), il tribunale di giustizia elettorale).

     
  • radisol

    E questo significa automaticamente che sia della Cia ?

  • cdcuser

    certo che no Radisol. 

    Riporto qui il mio precedente commento:
    Radisol, non é questione di piú "sinistrismo" o meno, non so se "questi maiali" (CIA) c’entrano anche stavolta con questo incidente aereo, ma non mi stupirebbe il contrario, peró sulla questione dei sodaggi elettorali alla presidenza é andata esattamente come riporta questo articolo, prima della morte di Campos, non c’era quasi storia.

    La Marina Silva é un personaggio molto molto "strano", pensa che tra il 2011 e 2013 ha fatto conferenze per un compenso pari a 1,6 milioni di reais (circa 700.000,00$) presso grandi banche e grandi gruppi corporativi e non ha voluto rivelare molti dettagli su tutto questo, oltretutto uno dei piú grossi finanziatori della sua campagna é il Banco Itau e poi per non parlare del fatto che é una fervente sostenitrice di Israele e usa la stessa, identica terminologia (nei suoi discorsi) della Open Society e roba del genere …..

    Tornando al piú o meno "sinistrismo", se ne é parlato anche altre volte sul forum, é una battaglia tra una elite piú sovranista e di interessi geopolitici "differenti" (vedi BRICS, ecc …), rappresentata dal PT e dalla Rousseff e l’altra elite, diciamo cosí, "esterofila" anglo-sionita ….. e la Silva é il classico "cavallo di Troia".

  • radisol

    Pressochè tutta la "sinistra" latino-americana, unica eccezione seria in questo senso è stato Chavez forse più per motivi economico/"petroliferi" ( i rapporti forti con l’Iran) che direttamente politici, è assai ambigua rispetto alla questione israelo/palestinese … la cosa probabilmente deriva, oltre che dalla oggettiva lontananza geografica del Medio Oriente che rende questa questione meno "centrale" di quanto lo sia per noi, anche dalla sostanziale estraneità, dovuta a serissimi motivi storici, della sinistra latino/americana rispetto alla "tradizione comunista" appunto più tradizionale … per dirla tutta, quasi l’intera sinistra latino/americana ha una logica, si  internazionalista, ma soltanto all’interno del proprio continente … il mito della "patria grande" ecc. ecc. … e se ne frega abbastanza di quanto succeda nel resto del mondo …

    E a questa tendenza, non sfugge minimamente nemmeno il PT di Lula e Dilma … che del resto ha una linea genericissima e indeterminata un pò su tutto lo scibile …
    Quindi, sta cosa della presunta "filo-israelianità" della tizia, da sola lascia francamente il tempo che trova …
    Mi preoccupano di più casomai i rapporti con le banche di cui parli e dei quali sinceramente non sapevo nulla … anche se è pure vero che il mondo bancario brasiliano è a sua volta molto "nazionalista" ed anti-americano …
    Ma comunque, da questo a dire con certezza assoluta … come dicevo il punto interrogativo appare solo nel titolo dell’articolo, poi diventa tutto una certezza assoluta e scontata … che il candidato socialista è stato sicuramente ammazzato dalla Cia … e questo non perchè lo si ritenesse particolarmente pericoloso ma solo per dare spazio alla sua vice, più competitiva elettoralmente nei confronti di Dilma  … mi sembra cosa molto molto bislacca …
    Sul tizio di Aurora ho già detto … può "fregare" chi non lo conosce … ha pure tentato di imperversare, in passato, sul forum di CdC con l’incredibile nick "Trotzky" … quando l’ho sputtanato per il fascista che è, però è scomparso ….
  • cardisem

    PROBLEMI TECNICI:
    Non riesco a leggere i commenti al mio commento e quindi non posso replicare se da me ci si aspetta una replica…

  • cardisem

    Non so di che diavoleria si tratti, ma la lettura dei commenti al mio commento mi è preclusa: appena clicco per leggere, dopo un secondo vedo tutto bianco… Mi è parso per di leggere qualche rilievo critico alla mia riflessione… ben vengano… Ma prima che mi vengano attribuite “cazzate” (sempre possibili) desiderei esser ben compreso in ciò che ho scritto ed ho inteso dire:
    – ho detto che non scendo in dettagli, che mi sarebbe faticoso e snervante seguire, ma ho detto che traggo principi generali, ed in primis il fatto che l’«omicidio politico» è ordinario funzionamento e moido di operare di servizi come la CIA o il Mossad, spesso congiunti, ed ho anche detto che le garanzie dello "stato di diritto” non funzionano e sono una miserabile facciata del Potere che è losco e occulto:
    – è questa una “cazzata”?
    – La CIA e il Mossad sono benefiche associazioni per aiutare vecchiette e bambinio ad attraversare la strada?

    Che siano associazioni “criminali” è mia convinzione formatasi da un insieme di fatti a me noti attraverso i normali e pubblici canali di comunicazione… Non sono (e non vorrei mai essere) un Insider degli stessi servizi… Vi è poi chi si diletta o ha la pazienza di ricostruite le minute trame delle attività di questi Servizi… A me già i romanzi polizieschi e la giallistica mettono a dura prova la mia pazienza e non sono dedito a queste letture… Neppure le fiction del commissario Maigret o di Montalbano mi appassionano… anzi mi annoiano a morte…

    Quindi, per carità, di “cazzate” ne dirò certamente tante, chissà quante volte alk giorno, senza neppure accorgermene, ma non si facciano consistere le mie “cazzate” nei dettagli (come e chi ha ammazzato Moro o Enrico Mattei), ma nei principi tratti da fatti comunque unanimemente ammessi (ad es. che Moro e Mattei siano morti di morte violenta, dolosa o colposa che si voglia…).

    Spero che i disfunzionamente tecnici denunciati non siano un virsu presente nel mio computer, ma nel server di CDC e quindi sotto controllo… Se la cosa non passa mi sarà assai laborioso scrivere mie repliche e impossibile leggere i testi dei miei interlocutori.

  • cardisem

    Non so di che diavoleria si tratti, ma la lettura dei commenti al mio commento mi è preclusa: appena clicco per leggere, dopo un secondo vedo tutto bianco… Mi è parso per di leggere qualche rilievo critico alla mia riflessione… ben vengano… Ma prima che mi vengano attribuite “cazzate” (sempre possibili) desiderei esser ben compreso in ciò che ho scritto ed ho inteso dire:
    – ho detto che non scendo in dettagli, che mi sarebbe faticoso e snervante seguire, ma ho detto che traggo principi generali, ed in primis il fatto che l’«omicidio politico» è ordinario funzionamento e moido di operare di servizi come la CIA o il Mossad, spesso congiunti, ed ho anche detto che le garanzie dello "stato di diritto” non funzionano e sono una miserabile facciata del Potere che è losco e occulto:
    – è questa una “cazzata”?
    – La CIA e il Mossad sono benefiche associazioni per aiutare vecchiette e bambinio ad attraversare la strada?

    Che siano associazioni “criminali” è mia convinzione formatasi da un insieme di fatti a me noti attraverso i normali e pubblici canali di comunicazione… Non sono (e non vorrei mai essere) un Insider degli stessi servizi… Vi è poi chi si diletta o ha la pazienza di ricostruite le minute trame delle attività di questi Servizi… A me già i romanzi polizieschi e la giallistica mettono a dura prova la mia pazienza e non sono dedito a queste letture… Neppure le fiction del commissario Maigret o di Montalbano mi appassionano… anzi mi annoiano a morte…

    Quindi, per carità, di “cazzate” ne dirò certamente tante, chissà quante volte alk giorno, senza neppure accorgermene, ma non si facciano consistere le mie “cazzate” nei dettagli (come e chi ha ammazzato Moro o Enrico Mattei), ma nei principi tratti da fatti comunque unanimemente ammessi (ad es. che Moro e Mattei siano morti di morte violenta, dolosa o colposa che si voglia…).

    Spero che i disfunzionamente tecnici denunciati non siano un virsu presente nel mio computer, ma nel server di CDC e quindi sotto controllo… Se la cosa non passa mi sarà assai laborioso scrivere mie repliche e impossibile leggere i testi dei miei interlocutori.