Home / ComeDonChisciotte / ALTRE BOLLE VOLANO SUI MERCATI
12480-thumb.jpg

ALTRE BOLLE VOLANO SUI MERCATI

DI VALENTIN KATASONOV
strategic-culture.org

C’è un recente studio pubblicato dalla JP Morgan che mostra una panoramica delle variazioni dell’offerta di moneta nel mondo negli ultimi anni. Solo nei primi tre trimestri di quest’anno, l’offerta di moneta mondiale , misurata come aggregato M2 , è aumentata da 63 a 66 mila-miliardi-di-dollari.

L’aggregato monetario M2 include denaro contanti, non contante su conti correnti, depositi a tempo determinato e di risparmio, e titoli di Stato a breve termine. Questo significa che in meno di un anno l’offerta di moneta mondiale è cresciuta di 3 mila-miliardi-di-dollari, cioè del 4,6%. Ha raggiunto quasi il 100% del PIL di tutti i paesi del mondo messi insieme in un anno.
Secondo le stime degli specialisti di JPMorgan, almeno mille di questi TREMILAMILIARDI di dollari sono venuti dal gruppo del G4 : Stati Uniti , Gran Bretagna , zona euro ( 17 paesi europei ) e Giappone. Gli altri DUEMILAMILIARDI di dollari sono arrivati dall’ altro gruppo di paesi del ” miliardo d’oro ” (Canada, Australia , Nuova Zelanda , e 10 paesi dell’Unione europea) oltre ai paesi della periferia del capitalismo mondiale.

Questa gigantesca immissione di denaro nell’economia mondiale ha creato l’illusione, se non di una crescita dell’economia , almeno di un certo tipo di stabilità economica. Comunque, non è altro che un’illusione , dal momento che i dati ufficiali sul PIL pubblicate dai servizi statistici nazionali mettono solo in “bella copia” il vero stato delle cose.

Al netto degli aumenti di prezzo provocati dall’inflazione , il PIL mondiale reale non è in aumento, ma è in graduale diminuzione . L’altra faccia di questa medaglia è la diminuzione impercettibile ma costante del potere d’acquisto delle valute dei vari paesi .
In poche parole, il denaro si sta deprezzando .

Non è difficile capirlo, in base alle valutazioni di JPMorgan , durante il 2013 la crescita della massa monetaria mondiale potrebbe superare il 6% . Diversi mesi fa, la Pricewaterhouse Coopers, società internazionale di revisione ha presentato una previsione di sviluppo dell’economia mondiale nel 2013 (Global Economy Watch, 2013). Secondo queste stime la crescita del PIL nel mondo sarà del 3,3% ( 2,0% negli Stati Uniti) . Se si confrontano le stime di JP Morgan con i dati del Global Economy Watch 2013, risulta evidente che la rapida crescita della massa monetaria mondiale di questi ultimi anni sta creando solo una illusione di sviluppo economico . In questo monetarismo rampante , gli istituti di statistica non misurano le variazioni della produzione e dei consumi di beni e servizi , ma semplicemente registrano la crescita dell’offerta di moneta .

***

L’ offerta mondiale di moneta aumenta soprattutto grazie alla FED , che dopo la crisi finanziaria ha adottato la politica economica del cosiddetto ” Quantitative Easing” ( QE), sostenendo che l’economia americana ha bisogno di ossigeno, e quindi di una spinta in forma di denaro a basso prezzo.
E il prezzo del denaro scende quando ce n’è tanto in giro.

Non molto tempo fa era un fondamentale della scienza finanziaria il principio del pareggio di bilancio e, stampare denaro per tappare buchi finanziari era visto come un sacrilegio. Oggi in America si sta cercando di dimenticare questa tesi. E non solo in America.

Ci sono programmi analoghi di Quantitative Easing anche in Gran Bretagna , Giappone e Europa. Su base annua , l’offerta di moneta autorizzata dal programma di QE americano è di circa 1 trilione (MILLEMILIARDI) di dollari . Tutte le macchine da stampa delle principali banche centrali , oltre a quelle della Fed sono al lavoro, in particolare quelle della BCE, che ha avviato un programma di acquisto di titoli di debito dei singoli paesi della zona euro .

La Federal Reserve ha già completato due programmi di QE , e ne ha lanciato un terzo a settembre dello scorso anno, la FED ogni mese deve mettere sul mercato una massa monetaria di circa 85 miliardi di dollari. Il denaro entra in circolazione con l’acquisto di titoli : circa 45 miliardi di dollari di titoli del Tesoro degli Stati Uniti e 40 miliardi di dollari in vari ” junk ” (per lo più mutui inesigibili ) di titoli bancari. Così il programma di QE non serve a rilanciare l’economia reale, ma a sostenere il governo degli Stati Uniti e le banche.

Naturalmente il denaro della Fed può arrivare anche fino all’economia reale, ma non subito e solo in quantità molto limitate. Ma prima di tutto a cosa serve ?

Come abbiamo detto, per prima cosa serve ad acquistare titoli di stato e i soldi servono per le spese militari e il pagamento degli interessi sul debito dello Stato, poi servono a comprare titoli ” spazzatura” e vanno al mercato finanziario. E’ improbabile che una “scossa di questa portata” possa aiutare l’ economia americana a superare di un balzo le conseguenze della crisi finanziaria, anzi è più facile che crei le condizioni per una nuova crisi.

Il Presidente della Federal Reserve, Ben Bernanke ha già fatto qualche prudente dichiarazione su un possibile taglio al programma di QE. Certo, ha aggiunto: se l’economia americana mostra segni di ripresa . Questo tipo di dichiarazioni hanno sempre provocato agitazione nei mercati finanziari che conoscono le conseguenze di una caduta dei prezzi per fughe di notizie. Fino all’autunno 2013 nemmeno gli ottimisti più incalliti potevano sperare che l’economia americana si potesse riprendere . E Bernanke ha subito gelato tutti parlando di una graduale sospensione del programma di QE . Ma perché quest’uomo dovrebbe avventurarsi in questo pantano proprio quando è ormai tanto vicino alla fine del suo mandato di presidente della Federal Reserve ?

L’ economia reale USA non si è ripresa dalla crisi finanziaria , e ci sono chiari segni che si stiano formando altre bolle sui mercati finanziari . Questo ricorda molto la situazione alla fine del 1990 . Molti investitori e analisti finanziari ritengono che la FED non stia salvando l’economia americana , ma stia pompando le bolle finanziarie che uno di questi giorni scoppieranno e le conseguenze di questo “pompaggio ” saranno molto peggio delle conseguenze che provocò la crisi sui mercati USA alla fine del secolo .

A quel tempo c’erano paesi con una ” economia di transizione”, che servivano come valvola di sicurezza per molti investitori sul mercato americano dei titoli . Oggi la situazione nei paesi della periferia del capitalismo mondiale (PWC ) è estremamente sfavorevole . Qualsiasi ridimensionamento del programma di QE americano potrebbe provocare catastrofi economiche in questi paesi. Per questo Ministri delle Finanze e Primi Ministri di diversi paesi hanno chiesto a Washington e, personalmente, anche al presidente della FED di non tagliare il programma di QE .

Ad esempio , alla fine di agosto di quest’anno i governatori della Banca Popolare Cinese ( PBC) e il governo della Repubblica Popolare Cinese hanno mostrato grande preoccupazione per le dichiarazioni di Ben Bernanke sulla sospensione graduale del programma di QE e hanno proposto un dibattito speciale su questo tema al vertice del G20 del 5 – 6 Settembre scorso a San Pietroburgo . Naturalmente , la discussione su questo tema è stata interrotta per discutere del problema della Siria aggravatosi in quei giorni.

In breve, la fine del QE potrebbe trasformarsi in un pessimo “atterraggio ” per l’economia dei paesi della periferia di tutto il capitalismo mondiale .

***

La formazione di queste bolle , che è cominciata nei mercati mobiliari in America significa che gli stock che circolano sul mercato e gli strumenti finanziari collegati ad attività reali stanno perdendo contatto con l’economia reale.
L’economia galleggia se non sta perdendo terreno, ma le quotazioni della borsa stanno salendo. Questo teatro dell’assurdo è sostenuto dalla FED e dal suo programma di QE …

Molti media hanno scritto che l’ex governatore della FED, Robert Heller , ha dichiarato senza mezzi termini che il mercato azionario è “pericolosamente vicino ad una nuova bolla”, e che il programma di acquisto di asset della FED non ha avuto un effetto veramente positivo sull’economia reale. Non è passata inosservata neanche la dichiarazione di Lawrence Fink, CEO di Blackrock , la più grande società di gestione denaro del mondo, con un patrimonio di oltre 4 miliardi di dollari, che ha anche confermato che sta cominciando a formarsi una bolla sul mercato azionario statunitense .

Una spiegazione più dettagliata della situazione è quella data da Michael Gayed , Chief Investment Strategist , ai consulenti di Pension Partners , quando ha notato la somiglianza del contesto del mercato USA attuale con quello della fine degli anni 1990. A quel tempo si facevano enormi guadagni che erano seguiti da una diminuzione catastrofica degli indici della NASDAQ , dove si scambiano titoli high-tech . Gayed ha messo enfasi sul fatto che gli indici del Dow Jones, di S. & P. 500 e di Russell 2000 alla fine di ottobre hanno di nuovo toccato livelli record .
Balza agli occhi, inoltre , la tendenza ad un crescente distacco tra lo stato dell’economia reale dai prezzi dei titoli USA . Un indicatore chiave di questo divario è il rapporto tra prezzo di un titolo (l’attuale capitalizzazione di mercato della società) e il rendimento reale della stessa società.

Questo rapporto P / E ( price / earnings ) mette in mostra che, questo autunno, sono arrivati alle stelle una serie di titoli. Proprio come avvenne alla fine degli anni 1990, chi è sul gradino più alto del podio di questo rapporto P /E sono le imprese high-tech , in particolare le telecomunicazioni e Internet. Si tratta di aziende con nomi importanti : Facebook , LinkedIn , Yelp , Pandora e Tesla . Il P/ E di LinkedIn è 746 , per Tesla è 267 , e per Facebook è 120.
Il Grande Capo di Tesla , Elon Musk , ha ammesso in un’ intervista a Bloomberg che “l’attuale livello del prezzo delle azioni è più alto di quanto noi ci possiamo essere meritati “.

Come risulta dallo studio di JPMorgan, certi investitori stanno già cominciando ad uscire dalle azioni per reinvestire in altre attività, per esempio , in titoli di stato . A titolo di esempio , si cita uno dei più grandi fondi sovrani al mondo , il Government Pension Fund norvegese ( 800 miliardi di dollari ) che, nel terzo trimestre di quest’anno, ha smesso di comprare azioni e si è messo a vendere. Per il momento il 63,6 % del patrimonio del fondo è costituito da titoli , percentuale che già supera il target del 60%, quindi è logico aspettarsi ulteriori vendite . Secondo il parere degli esperti di JPMorgan , altri fondi sovrani, gestiti dagli investitori prudenti, ne seguiranno l’esempio . Queste sono le prime rondini che fanno prevedere la tempesta finanziaria in arrivo .

Valentin Katasonov

Fonte: www. strategic-culture.org/

Link: www. strategic-culture.org/news/2013/11/20/bubbles-starting-to-form-in-the-financial-markets.html

20.11.2013

Traduzione per ComeDonChisciotte.org a cura di Bosque Primario

Pubblicato da Bosque Primario

  • albsorio

    L’articolo dice che nonostante l’immissione di moneta, Dollaro, Euro, Yen, Puond etc. l’economia mondiale non riparte e non da spiegazioni plausibili. —– Io immagino che potrebbe essere che ad ogni emissione di moneta FIAT, privata, corrisponde una emissione di debito pubblico, il classico cane che si morde la coda. —- Solo lo Stato, attraverso una Banca Centrale, deve emettere moneta, senza debito (vedi Ungheria) va poi vietata la riserva frazionaria, troppo facile prestare soldi inesistenti e ottenere interessi veri, anche High Frequency Trading va vietato, crea agiotaggio o insider trading a seconda di come lo si vuol usare.

  • aNOnymo

    La Fed comprando 45 mld di titolo del Tesoro sta tentando di mantenere a galla il loro valore. Nessuno acquista “bond” made in USA e quindi per mantenere alto il loro valore e il tasso d’interesse basso ne acquistano in quantita’ notevole. Per i vari “junk” e’ comprensibile visto che vogliono trasferire tutti i debiti contratti delle banche al popolo. LA speculazione finanziaria ha creato un ‘infinita di bolle e questa massa abnorme di “junk” ne e’ la prova. Come sempre gli sciacalli luridi borsaioli stanno nuovamente mandando il mondo alla malora. Come nel ’29. Esattamente come nel ’29.

  • mago

    Giusto….

  • mago

    Come disse un personaggio famoso…in inglese..questa è la fine.

  • Ercole

    Il capitalismo è tutto una bolla ,a noi il compito storico di farla scoppiare definitivamente :dove sta la novità?

  • ROE

    Per cambiare la struttura del sistema (i suoi rapporti), i dominati devono autorganizzarsi ed utilizzare alcuni dei mezzi esistenti (credito. moneta, comunicazione) in modo diverso da come li usano i dominanti. Possono farlo e lo faranno.