Home / ComeDonChisciotte / AFFONDA IL BARCONE
14684-thumb.jpg

AFFONDA IL BARCONE

DI RICCARDO VENTURI

ekbloggethi.blogspot.it

Affonda il barcone. Ma non solo quello dei migranti, settecento, novecento, mille esseri umani che si rovesciano in mare tra lacrime di coccodrillo da una parte, e ferocie consolidate e diffuse dall’altra.

Affonda il barcone di questi signori qua sopra, e dell’Europa intera. Affonda il barcone delle Istituzioni, europee e nazionali. Affonda il barcone di un sistema intero, tanto barbaro quanto inutile. Affonda il barcone di parlamenti, di commissioni, di fondi monetari, di banche centrali e persino mondiali.

Affonda il barcone delle stupide vetrine della pancia piena, mangiare, mangiare, Expo, Eataly, padiglioni dei grandi architetti, pizzicagnoli alla Farinetti che pontificano, eccellenze alimentari mentre due terzi del pianeta crepa di fame.

Affonda il barcone del capitalismo e delle multinazionali, e affonda nel modo più che consueto: la guerra. Affonda senza nemmeno più un barlume di umanità. Affonda nella devastazione delle politiche di “rigore”. Affonda nei fascismi e nella repressione. Affonda nei cazzari e nel loro fare. Affonda nei CIE, nelle operazioni, nelle missioni di pace che hanno generato sempre più guerra.

Affonda il barcone delle preghierine dal balcone, una bella pregatina con aria compunta e trasmessa in mondovisione e tutti son bell’e a posto. Affonda il barcone delle religioni, fabbriche di morte e di razzismo a ciclo continuo. Affonda il barcone della carità, da sempre perfettamente funzionale al mantenimento dei sistemi e degli status quo. Affonda il barcone dell’umanitarismo sempre più disumano e impotente.

Affonda il barcone della paura creata ad arte come sistema di controllo. Affonda il barcone del terrorismo del tutto organico allo stabilimento della schiavitù generalizzata. Affonda il barcone del lavoro e dei suoi miti di carta.

Affonda il barcone dei simboli di questo tempo, quando si è riusciti persino a santificare uno stupido venditore di idiozie come Steve Jobs.

Affonda il barcone dei critici radicali, sempre più slegati dalla realtà, persi in teorie che nessuno conosce e nessuno legge semplicemente perché sempre più incomprensibili, tronfie, noiose e inapplicabili. Affonda il barcone dell’utopia, ridotta oramai a un sofistico esercizio di stile autoreferenziale e fine a se stesso.

Affonda il barcone di tutti, e sembra quasi che non ce ne accorgiamo pur essendoci tutti sopra. Affonda inesorabilmente, perché crediamo che sia inaffondabile. Affondiamo nel Canale dell’Indifferenza e nello Stretto dell’Inumano. Affondiamo nel barcone, senza morire perché siamo già morti.

Riccardo Venturi

Fonte: http://ekbloggethi.blogspot.it

Link: http://ekbloggethi.blogspot.it/2015/04/affonda-il-barcone.html>

20.04.2015

Pubblicato da Davide

  • ilsanto

    Va bene capito affonda tutto, affonda la costruzione umana, nell’indifferenza e nell’inumano ma allora almeno salva la carità. una delle poche cose che ti rende umano.

  • Gil_Grissom

    Affonda anche il barcone della vuota retorica.

  • MarioG

    No, quella e’ inaffondabile

  • PietroGE

    Affonda il barcone dei buonisti, degli antirazzisti, di quelli che noi siamo responsabili di tutto, ecc. ecc.

  • yago

    Il barcone è affondato da un pezzo, è solo che molti fanno finta di non accorgersene. Ci si è riempiti la bocca di paroloni sull’Europa e gli Italiani, malati da sempre di esterofilia, hanno visto in essa un’ancora di salvezza. I politici europei sono invece dei cazzomatti peggio dei nostri, malati di burocratese, privi di ogni briciola buon senso. Se non si esce da questa accozzaglia detta Europa per noi è la fine. Solo rendendoci conto che con essa non esiste nessuna speranza di risolvere qualcosa, forse possiamo trovare in noi qualche spiraglio di salvezza. Quando si è in procinto di affondare o si impara a nuotare o si muore. Disperdere energie nel cercare scialuppe di salvataggio è inutile e dannoso se si è consapevoli che queste non esistono.   

  • Gil_Grissom

    E’ sufficiente che lei consulti un qualunque sito negazionista, cosa che credo lei faccia spesso, per rendersene conto: complotto giudaico massonico, le demoplutocrazie, i nazisionisti e altre amenita’ del genere, le stesse vuote parole che un tale pronunciava molti anni or sono dal balcone di Palazzo Venezia.

  • Gil_Grissom

    Populista, demagogo e reazionario.

  • SanPap

    Affondano i barconi sotto il peso della menzogna, usata per nascondere l’unico scopo del capitalismo: fare soldi, oltre ogni ragionevole necessità.

    E la strada che si stanno accingendo a percorrere i paesi emergenti è esattamente la stessa che hanno percorso i paesi che si stanno inabissando.

    D’altra parte:

    Stanchi della proprietà privata, volete fare dello Stato un proprietario unico che distribuisce alla comunità, divenuta mendicante, una parte misurata sul merito di ogni individuo? Chi giudicherà dei meriti? Chi avrà la forza, l’autorità, di fare eseguire gli arresti? Chi farà valorizzare questa banca di immobili viventi? Tenterete l’associazione del lavoro? Che cosa apporterà il debole, il malato, il pigro, lo sciocco nella comunità gravata dalla loro inettitudine? […] Al fondo di questi diversi sistemi rimane un rimedio eroico, esplicito o sottinteso […]. L’uguaglianza [assoluta] condurrebbe non soltanto alla servitù dei corpi ma anche alla schiavitù delle anime: si tratta niente di meno di distruggere l’ineguaglianza morale e fisica degli individui […]. Chi non ha proprietà non è indipendente […]. La proprietà in comune fa somigliare la società a un monastero alle porte del quale degli economi distribuiscono il pane […]. L’eguaglianza completa, che presuppone la sottomissione completa, riproduce la più dura servitù.

    Chateaubriand – Mémoires d’Outre-tombe

    L’avenir. – Difficulté de le comprendre

    Traduzione: Almanacco Romano

  • Oxymen

    Wishful thinking, nothing else. Lo sdegno e lo schifo (più che giustificati) non cambiano la Storia. Non a questi livelli. Durante il commercio degli schiavi verso il Nuovo Mondo (e del cotone verso l’Europa), fenomeno conosciuto come triangolo d’oro, avvenne ciò che gli africani chiamano black holocaust.
    La maggior parte degli storici contemporanei stima che il numero di
    schiavi africani trasbordati nel Nuovo Mondo sia tra 9,4 e 12 milioni; si tratta di una delle più grandi migrazioni della storia (e certamente la più grande deportazione).
     Si stima che il 15% degli africani morivano in mare
    http://it.wikipedia.org/wiki/Tratta_atlantica_degli_schiavi_africani
    Facciamo due conti: il 15% di 10 milioni corrisponde a 1,5 milioni di africani. Non per questo lo schiavismo si fermò, nè l’Occidente, in un moto di sussulto, rivide il proprio ruolo di affamatore e sterminatore di popoli. E comunque queste cifre sono poca cosa rispetto al genocidio degli amerindi; si parla di 100 milioni di morti almeno.
    Affondò qualcosa? Al massimo si diede vita alla seconda scolastica per discutere se tutti questi popoli fossero umani o meno. Questo fu il massimo sforzo fatto.
    Che volete che siano mille africani annegati? La Storia ci ha consegnato eredità ben più terribili. E a nessuno è fregato niente, o quasi.

  • MarioG

    Si calmi, conti fino a 10 e provi di nuovo a collegare il cervello

  • Gil_Grissom

    Una battuta davvero davvero originale, lei deve essere sicuramente un cabarettista.

  • ROE

    Non affonda, almeno per ora, il barcone dell’1% che ha il 50% della ricchezza.

  • Jor-el

    Precisamente. Chiamiamo con il loro vero nome queste "migrazioni": DEPORTAZIONI.

  • lanzo

    E non e’ mai affondato il barcone dei nostri politici, sempre li’ con prebende vita naturaldurante, scorte – figli, nipoti e pronipoti gia’ "sistemati"…