Home / ComeDonChisciotte / ABOLIRE IL REDDITOMETRO
11281-thumb.jpg

ABOLIRE IL REDDITOMETRO

DI ALDO GIANNULI
aldogiannuli.it

…E partiamo da un esempio: la questione del redditometro, presentato come una grande trovata contro l’evasione fiscale e che, dal prossimo anno inizierà, a mordere. Ragioniamo su che effetti produrrà.

L’idea è scovare l’evasore dimostrando che ha consumi irragionevolmente superiori al reddito dichiarato. Il punto è questo: se fissi l’attenzione sui consumi, stai colpendo le fasce di reddito medie e medio basse, cioè il lavoratore autonomo che “imbosca” una parte dei suoi guadagni o anche il lavoratore dipendente che “arrotonda” facendo l’idraulico o l’elettricista senza partita Iva ecc..Naturalmente, in queste aree sociali si nasconde una fascia di evasione, non c’è dubbio, ma è quella che conta di più? Certo, si tratta di molte persone, ma quale è la cifra che ciascuno evade? In tutto il mondo, i 20 anni di neo liberismo hanno prodotto una gigantesca redistribuzione della ricchezza, per la quale i redditi da capitale (interessi, plusvalenze, ecc.) sono alla metà del Prodotto lordo mondiale. Dunque, è evidente che la fascia più rilevante, ai fini fiscali, è quell’enorme patrimonio finanziario accumulato.

Ma, restiamo all’Italia:  da un recente libro di cui consiglio la lettura per i dati che offre (Nunzia Penelope “Ricchi e poveri” Milano 2012) apprendiamo che il 10% della popolazione italiana possiede il 50% della ricchezza nazionale. E, ragionevolmente, il 10% di quel 10% possiede da solo oltre la metà di quel 50%, cioè, l’1% della popolazione italiana dispone di circa il 25% della ricchezza nazionale. Fatevi due conti e capirete che il cuore del problema fiscale è quell’1% di Paperon de Paperoni (o, se preferite, di Tronchetti Provera, Lapo Elkann, Silvio Berlusconi, Fabrizio Palenzona, Cesare Geronzi, Giovanni Bazoli, Giorgio Armani, Diego Della Valle, Alessandro Profumo ecc ecc.) ciascuno dei quali vale legioni di dentisti, notai, taxisti, farmacisti, architetti ecc. (per non dire di operai e impiegati che fanno il doppio lavoro). Ed è evidente che l’evasione si questi signori (che hanno per tempo provveduto ad imboscare i loro capitali nei paradisi fiscali ed attraverso il meccanismo delle scatole cinesi delle società più o meno di comodo) non la beccheremo mai attraverso l’indicazione dei consumi: il signor Tronchetti Provera non mangia 386 volte al giorno perché è 386 volte più ricco del notaio Rossi e, per quanto le sue spese possano essere più lussuose, la gran parte del suo reddito non andrà in consumi, ma in accumulazione capitale.

Ed, allora, quando parliamo dell’evasione dei super capitalisti? Quindi, il redditometro è solo un mezzo attraverso il quale spremere quel che resta del ceto medio e distrarre l’attenzione dalla vera evasione fiscale –quella che conta-.

In secondo luogo, il redditometro, prendendo di mira i consumi, è destinato ad incidere negativamente su di essi. Insomma: se devo stare attento a quanto ho speso di abbigliamento questo mese, magari rinvierò l’acquisto della camicia al prossimo mese e, magari al prossimo anno, se siamo a novembre. Morale: in una situazione di recessione noi che facciamo? Colpiamo i consumi. Geniale!

Terzo, il redditometro è costruito con criteri capziosi e medie del tutto inventate, per cui è facilissimo che questo produrrà un contenzioso a valanga e renderà più complessa la dichiarazione dei redditi: tutti affari in più per i commercialisti… ai danni dei contribuenti. Si era detto di un fisco più semplice e comprensibile, non mi pare il caso di aggiungere una nuova misura vessatoria.

Quarto ed ultimo: si tratta di uno strumento di inquisizione fiscale gravemente lesivo delle libertà costituzionalmente garantite. Pagare le tasse è un dovere, d’accordo (ed aver pagato ogni volta sino all’ultimo centesimo è per me motivo di orgoglio), ed è anche giusto che il fisco, possa effettuare le verifiche necessarie, ma di qui a sindacare su come un cittadino spende il suo denaro ne corre…

Neanche a farlo apposta, il redditometro si presta ad una campagna elettorale frontale sia contro Berlusconi (che lo istituì) che contro Monti (che lo ha cavalcato alla grande): all’uno ed all’altro possiamo rinfacciare quanto siano demagogici e falsi i loro proclami odierni sulla riduzione della pressione fiscale…

Aldo Giannuli Estratto da: Una campagna elettorale diversa. 1°: Abolire il redditometro
Fonte: www.aldogiannuli.it
Link: http://www.aldogiannuli.it/2013/01/abolire-redditometro/
17.01.2013

Pubblicato da Davide

  • Petrus

    ‘na cosa vorrei capì: a me che come tanti ho due stipendi che teoricamente dovrebbero garantirmi una vita serena, e che invece grazie a tasse sovrattasse ed aumenti fatico ad arrivare a fine mese, se mi fanno il redditometro mi danno un assegno aggiuntivo per raggiungere il tenore di vita dei loro modelli teorici, oppure l’inchiappettamento è solo a senso unico?

  • francefar

    La seconda che hai detto..

  • albsorio

    La presunzione di colpevolezza è un principio indegno di un Paese democratico, forse dovremmo dichiararci prigionieri politici in caso di una contestazione senza prove evidenti di colpevolezza.

  • MartinV

    certo che l’ichiappettamento è a senso unico… ma se leggi la Repubblica magari ti convincono che stai facendo l’amore e devi essere contento…

  • Truman

    Va evidenziato un altro aspetto del redditometro: conviene conservare la documentazione di tutte le entrate. Riporto uno dei tanti consigli degli “esperti” ripreso dalla stampa di regime:

    importante – spiega ancora l’esperto – è custodire documentazione delle entrate: quelle da lavoro, ma anche i regali ricevuti da amici o parenti se superano una certa entità». Per esempio: un regalo di laurea fatto a un giovane parente è meglio farlo passare attraverso un bonifico bancario, in maniera che lui possa dare giustificazioni al fisco sulla provenienza di quel reddito. Lo stesso vale, beninteso, per vincite, eredità, regali della nonna, borse di studio, premi in denaro.

    Ancora una volta, una legge assurda diventa invece parecchio sensata se si parte dall’idea che sia scritta per aiutare le banche.

  • lucamartinelli

    Sto pensando da tempo a una qualche forma di resistenza a questa dittatura immonda che ci perseguita. Ho fatto qualche esperimento e funziona. Pago in contanti, ad esempio.Avendo già da tempo ritirato tutto dalla banca non ho problemi. Quando il prezzo supera il consentito allora propongo al commerciante di pagare a rate: una rata ogni 10 secondi. Lui accetta e io resisto al redditometro. saluti

  • Primadellesabbie

    A qualcuno interessa sapere quanto siamo fuori squadra? Ecco qua, godetevelo con calma:

    http://www.bbc.co.uk/news/business-21064030